MANTIENI IL TUO FUOCO

Scarica PDF
IMMOBILE NELLA TUA MENTE
FOCUS SU GESÙ
MANTIENI IL TUO FUOCO
NON FARE IL LAVORO DEL DIAVOLO
FINISCI IL TUO CORSO
VERA VITTORIA
METTETEVI IN PIEDI, VEDETE
OTTIENI IL CONTROLLO
CONTROLLA IL TUO SÉ-PARLA
EMOZIONI, PENSIERI, AUTO-PARLARE
INCORAGGIATI
1. Dio non solo si rivela a noi attraverso la sua Parola, ma opera anche nelle nostre vite attraverso la Sua
Parola. Quando crediamo a ciò che dice, lo fa avverare nelle nostre vite. Ger 1:12
un. Ecco come siamo inizialmente salvati. La Parola di Dio ci è proclamata. Noi ci crediamo e lo Spirito
di Dio, attraverso la Parola di Dio, ci impartisce la vita eterna. I Pet 1:23; Giovanni 3: 3,5
b. Nella parabola del Seminatore che semina la Parola di Dio, Gesù spiegò che così è il suo regno
avanzerebbe nel periodo tra la sua prima e seconda venuta. Marco 4: 14-20
1. Gesù ha rivelato che ci saranno sfide alla Parola di Dio che possono renderla infruttuosa
le nostre vite se non sappiamo come gestirle: il diavolo; persecuzione, afflizione e
tribolazione; le preoccupazioni di questo mondo, l'inganno delle ricchezze e la brama di altre cose v15-19
2. Queste diverse sfide possono far sembrare che ciò che Dio dice non sia così
influenzano quindi la nostra fede, fiducia e fiducia in Lui. Queste sfide possono influenzarci
comportarsi in modo contrario alla Parola di Dio.
c. Dobbiamo imparare come affrontare queste sfide in modo da poter rimanere fermi e immobili
di fronte a tutto ciò che cerca di allontanarci da Dio e dalla Sua Parola. I Cor 15:58
2. Nelle ultime settimane abbiamo discusso del ruolo che la nostra mente gioca nel diventare immobile.
un. Paolo, che a sua volta non era interessato alle sfide della vita (Atti 20: 22-24), scrisse per incoraggiare
Cristiani che erano in pericolo di essere spostati dal loro impegno per il Signore. Eb 12: 1-3
1. Paolo disse loro di correre sul set di gara davanti a loro guardando a Gesù, considerandolo così
non si stancherebbero nelle loro menti (contemplare, pensare attentamente e per molto tempo).
2. Il modo numero uno in cui guardiamo, ci concentriamo e consideriamo Gesù è attraverso la Bibbia. Il
La Parola vivente, il Signore Gesù Cristo, viene rivelata attraverso la Parola scritta.
b. Se non vuoi lasciarti sfuggire dalle sfide della vita, devi diventare un lettore regolare e sistematico
della Bibbia, in particolare il Nuovo Testamento. Regolare significa quotidiano (o vicino ad esso). Sistematico
significa leggere dall'inizio alla fine, ancora e ancora, fino a quando non ne hai familiarità. Comprensione
viene con familiarità.
1. La Bibbia è un libro soprannaturale che funzionerà in te e ti cambierà. Lo Spirito Santo (il
Spirito di Cristo) opera in noi attraverso la Parola di Dio. II Cor 3:18; II Tess 2:13
2. La lettura regolare e sistematica cambierà la tua visione della realtà o la tua prospettiva, che a sua volta
cambia il modo in cui affronti la vita. Rinnoverà la tua mente. Rom 12: 2
R. Prima di essere salvati, le nostre menti avevano accesso solo alle informazioni che il nostro fisico
i sensi ci hanno dato. Ma c'è di più nella realtà di ciò che vediamo e sentiamo.
B. La Parola di Dio ci è stata data, in parte, per mostrarci come stanno veramente le cose
a lui. Una mente rinnovata vede la realtà così com'è e agisce di conseguenza. In cosa credi
e come agisci si basa su come pensi o sulla tua percezione della realtà.
3. In questa lezione vogliamo discutere su come appare nella vita reale concentrarsi e considerare Gesù.

1. Considera questo pensiero in relazione al diventare inamovibile di fronte alle sfide della vita.
un. I Peter – Peter scrisse ai cristiani che vivevano in Asia Minore che stavano subendo crescenti pressioni
e l'ostilità dei non credenti. Grave persecuzione e morte risiedevano in un futuro non troppo lontano. Il suo
lo scopo per iscritto era di incoraggiarli a rimanere fedeli, qualunque cosa accada.
b. Questa epistola viene talvolta chiamata epistola sofferente perché il suo tema principale è come i cristiani
dovrebbe affrontare le sfide che portano sofferenza nella nostra vita.
TCC – 1007
2
1. La parola sofferenza è usata sedici volte in questa lettera. Sei di loro si riferiscono alle sofferenze di Cristo
perché è il nostro esempio di come affrontare le difficoltà della vita. I Pet 2:21
2. Questa è una lezione per un altro giorno. Ma se leggi l'epistola di Peter, noterai che lo dice
niente su come cambi la tua circostanza e fermi i tuoi problemi. Non possiamo fermarne molti
delle sfide della vita (in particolare quelle causate dalle scelte di libero arbitrio di altre persone).
R. I problemi fanno parte della vita in un mondo caduto. Gesù stesso ha detto che avremo:
tribolazione e prove, angoscia e frustrazione (Giovanni 16:33, Amp).
B. Ma ha anche detto che possiamo imparare a superare in loro con il Suo potere: essere di buon animo
 prendi coraggio, sii fiducioso, certo, imperterrito  perché ho vinto il mondo. io
l'ho privato del potere di nuocere, l'ho conquistato [per te] (Giovanni 16:33, Amp).
2. I Piet 1: 13 – Invece, Pietro, come Paolo, esortò i suoi lettori a cingersi o ad occuparsi delle loro menti.
un. Preparare i lombi era un'espressione familiare per loro. Abiti lunghi (o abiti) erano i comuni
abbigliamento del giorno. Girding si riferiva alla pratica di infilare i propri vestiti sotto la cintura quando
viaggiare, lavorare o servire.
1. Ha l'idea di essere pronto all'azione, diligente e determinato. Giovanni 13: 4,5; Luca 12: 35,37
Luca 12:35 – Sii vestito per il servizio e ben preparato (NLT); Luca 12:35 - Tieni i lombi
cinto e le tue lampade accese (Amp).
2. Essere sobri significa letteralmente astenersi da molto vino. Tuttavia, la parola è usata in senso figurato
per dire vigilanza. Stai attento. 5 Tess 6,8: 1; I Pet 13:4; 7: 5; 8: XNUMX
3. Sperare significa aspettarsi con desiderio fino alla fine. La parola greca tradotta fine significa
completamente o perfettamente. Spero fino alla fine per la grazia che si rivelerà quando Gesù tornerà.
b. L'idea in I Pet 1:13 è quella di essere mentalmente attenti al fatto che il Signore sta arrivando: quindi rinforza il tuo
menti; essere sobrio  circospetto [moralmente attento]; poni la tua speranza totalmente e immutabilmente sul
grazia (favore divino) che ti viene quando viene rivelato Gesù Cristo (Amp); pensare chiaramente e
esercitare l'autocontrollo (NLT); concentra le tue menti con il più rigoroso autocontrollo (XX sec.);
prepara le tue menti all'azione e, con perfetta calma, fissa le tue speranze (Goodspeed).
3. Si noti che I Pet 1:13 inizia con la parola: perché o quindi. Peter ha rilasciato la sua dichiarazione
cingendo le nostre menti nel contesto di ciò che aveva appena scritto. In altre parole, fissa le tue menti sul tuo
spero alla luce di ciò che ho appena detto. v1-12
un. Potremmo fare intere lezioni su ogni punto, ma riassumiamo brevemente ciò che Peter ha scritto loro.
Peter li salutò e poi ricordò loro la speranza a cui siamo stati chiamati. v3-5; 10-12
1. Siamo nati di nuovo da una speranza viva attraverso la risurrezione di Gesù. Abbiamo un
eredità riservata a noi in cielo che sarà rivelata alla venuta di Gesù.
2. È la salvezza che Dio ha promesso fin dall'inizio (dalla caduta dell'uomo nel
Garden, una salvezza che annullerà il danno fatto dal peccato). Dio ci terrà con la sua potenza
attraverso la nostra fede fino al completamento del piano.
3. La tua fede viene messa alla prova dalle prove che stai vivendo, ma non lasciarti commuovere
nessuno di questi. Ne vale la pena rimanere fedeli a Cristo. v6-8
b. Quindi Peter scrive: prepara le tue menti ad affrontare queste difficoltà. Preparali rimanendo consapevoli
del fatto che c'è una fine in vista. Gesù verrà e renderà giusto questo mondo. Questa speranza lo farà
ti permettono di sopportare qualunque cosa ti capiti.
1. Potremmo fare un'intera serie sui primi dodici versetti di questa epistola. Ma il punto per ora è
questo: non offre loro una soluzione per porre fine alla crisi immediata.
2. Pietro li dirige a mantenere la loro attenzione, la loro attenzione su Gesù e ciò che ha fatto, sta facendo,
e lo farà. In altre parole, Peter ricorda loro la prospettiva di cui hanno bisogno per affrontare
difficoltà che stanno incontrando. Non è quello che vedi, è come vedi quello che vedi.

1. Precisiamo innanzitutto cosa non significa. Ciò non significa che dobbiamo vivere con un'immagine mentale di Gesù
costantemente nella nostra testa. Né significa che ogni pensiero deve riguardare Dio o avere Dio in esso.
un. Col 3: 2 - Paolo scrisse che i cristiani devono mettere il nostro affetto (la parola greca è "mente") sulle cose
sopra. Questo è un altro modo di dire: focalizza la tua attenzione su Gesù.
b. Quando leggiamo gli scritti di Paolo nel Nuovo Testamento, è chiaro cosa significasse per lui. Ricorda
gli fu insegnato personalmente il messaggio che predicava da Gesù stesso. Gal 1: 11,12
1. Pensare alle cose sopra significa vivere con la consapevolezza che c'è di più
la tua situazione rispetto a ciò che vedi, più alla vita di questo momento presente e più alla tua vita
di questa vita. Sai che nulla può venire contro di te che è più grande di Dio.
2. Col 3: 2 – Imposta la tua mente e tienila concentrata su ciò che è al di sopra  le cose superiori (Amp); Dare
la tua mente alle cose che sono al di sopra (Weymouth); esercitati ad occupare le tue menti con
(Williams); Lascia che i tuoi pensieri si soffermino su quel regno superiore (NEB).
c. A volte le persone ascoltano lezioni come questa e interpretano erroneamente ciò significa che ogni loro pensiero
la mente deve riguardare Dio. Ma questo non è ragionevole.
1. Considera questo esempio. Quando sei sposato, il tuo coniuge non è in ogni pensiero che hai.
Ma il fatto che tu sia sposato è una realtà sempre presente che influenza il modo in cui pensi e agisci.
2. Viviamo in questo mondo e molte cose attirano la nostra attenzione. E questo non è necessariamente sbagliato.
Ha a che fare con la tua prospettiva, la tua visione della realtà, mentre vivi questa vita.
3. Vivi con la consapevolezza che c'è di più nella vita oltre a questa e quella eterna
le cose (quelle che sopravviveranno a questa vita) sono le più importanti? (lezioni per un altro giorno)
2. Concentrarsi su Gesù significa concentrarsi sulla Parola di Dio. Significa considerare ciò che vedi in termini di
ciò che Dio dice e riconosce che c'è di più nella realtà di ciò che vedi e senti nel momento.
un. Si noti che è necessario uno sforzo. Devi decidere o scegliere di focalizzare la tua attenzione sulle cose
non puoi vedere e poi tenerlo lì. Perché questo richiede sforzo?
1. Non abbiamo automaticamente quella prospettiva. Deve svilupparsi in noi. Prima che lo fossimo
Cristiani non abbiamo avuto accesso al Dio invisibile e al regno a cui ora apparteniamo
(Giovanni 3: 3,5). Questa è una delle ragioni per cui le nostre menti devono essere rinnovate dalla Parola di Dio (Rom 12: 2).
Una mente rinnovata vede la realtà come è veramente secondo Dio.
2. Ci sono distrazioni costanti che attireranno la nostra attenzione altrove: circostanze,
emozioni, schemi di pensiero non rinnovati, influenze del diavolo, faccende della vita quotidiana, ecc.
b. Matteo 6: 25-34 - Gesù disse ai Suoi seguaci di non preoccuparsi. Aveva appena finito di insegnarglielo
avere un Padre celeste che si prende cura di loro (Matteo 6: 9-13). Quindi istruisce i Suoi ascoltatori
come affrontare le sfide a quella realtà.
1. La parola greca tradotta preoccupazione (non pensare nel KJV) deriva da una parola radice che
significa separarsi e può essere tradotto dividere. La parola significa una cura che distrae. Non lo è
necessariamente malvagio. Distoglie solo la nostra attenzione da Dio e dalla Sua promessa di prendersi cura di noi.
2. Nota che Gesù disse: Guarda gli uccelli e i fiori. Noterai che sono curati
dal tuo Padre celeste. Una fonte invisibile fornisce loro un aiuto reale. E ti importa di più
Lui di uccelli e fiori. Riporta la tua attenzione su come stanno veramente le cose.
3. Quando arrivano le sfide (cibo o vestiti insufficienti) non lasciarti distrarre
dal modo in cui le cose sono veramente.
3. Le sfide generano pensieri nella nostra mente. È perfettamente normale. Ma devi fare lo sforzo di farlo
rimetti la tua attenzione su come stanno realmente le cose e non lasciare che i pensieri ti distraggano.
un. Quando i pensieri passano per la mente, li prendiamo e iniziamo a nutrirci di loro. Ma, secondo
a Gesù ci sono alcuni pensieri con cui non dovremmo impegnarci. Gesù disse in v31: non pensare
detto. Nel suo esempio include questa domanda: dove prenderò cibo e vestiti?
1. Questa è una domanda ragionevole di fronte alla mancanza. Ma, se ti impegni, devi sapere
la risposta corretta: mio padre mi aiuterà. Importa più di un uccello o un fiore.
2. Abbiamo la tendenza a impegnarci e rispondere a domande basate solo su ciò che vediamo e sentiamo, e
TCC – 1007
4
poi lasciamo che quel pensiero e la risposta errata conducano ad altri pensieri ancora più terribili.
b. Dobbiamo imparare a esercitare l'autocontrollo nella nostra mente. Tutti tendiamo a impegnarci con pensieri che noi
dovrebbero fermarsi sulle loro tracce. Come puoi sapere se è quello che fai? Considera questi punti.
1. È questa una circostanza in cui puoi effettivamente fare qualcosa o intraprendere un'azione che lo farà
portarlo a una conclusione definitiva? In caso contrario, non è necessario pensarci.
2. I pensieri che stai pensando ti stanno costruendo o distruggendo, incoraggiando o
ti scoraggia? Se è quest'ultimo, non è necessario pensarci.
3. I tuoi pensieri su ciò che sta realmente accadendo o su ciò che potrebbe o non potrebbe accadere?
Se è quest'ultimo, non è necessario pensarci.
A. Come parte delle istruzioni di Gesù sul non essere distratto (o preoccupato), ha detto: non prendere in prestito
i guai di domani. v34 – Quindi non preoccuparti per domani, perché domani porterà il suo
le proprie preoccupazioni. I problemi di oggi sono sufficienti per oggi (NLT).
B. Spesso lasciamo che qualcosa che non è accaduto e che oggi non possa mai succedere rovini. Lasciamo a
il potenziale evento futuro modella completamente il momento presente. Non dovrebbe essere.
C. Se è qualcosa che sicuramente accadrà e non puoi fermarlo, concentrati
realtà com'è realmente: nulla può venire contro di te più grande di Dio.
c. L'abbiamo detto diverse lezioni fa, ma vale la pena ripeterlo ora. Tutti noi abbiamo bisogno di quello che chiamo uno spettacolo
sulla frase del Salvatore (SOS): una verità della Parola di Dio che può riportare la nostra attenzione dove dovrebbe
essere (nella realtà così com'è) quando i nostri pensieri ed emozioni infuriano.
1. Per me personalmente, la mia frase SOS è: non è più grande di Dio. Questo a sua volta mi porta a
Comincio a lodare il Signore di fronte a ciò che è venuto sulla mia strada.
2. Non pensare: James 3: 2 confronta la lingua con un timone su una nave. Ecco come
lo giri. È così che ci rivolgiamo, la nostra attenzione a ciò che conta davvero, a
come stanno veramente le cose. Proclamiamo la verità nella nostra situazione. Non è più grande di Dio!
3. Questa non è una formula di confessione. Non si tratta di dire la cosa giusta nel modo giusto il giusto
numero di volte. Si tratta di riconoscere che c'è di più nella realtà di ciò che vediamo e sentiamo
nel momento e scegliendo di proclamare il modo in cui le cose sono realmente secondo Dio onnipotente
Chi non può mentire e chi è fedele a mantenere la sua Parola.

1. Se stai per diventare immobile di fronte alle sfide della vita, devi affrontare la tua mente.
Non puoi lasciarlo correre selvaggio. Devi diventare consapevole di ciò su cui stai focalizzando la tua attenzione.
Non avrai successo senza diventare un lettore regolare e sistematico del Nuovo Testamento.
2. Gesù ha preceduto la sua affermazione che possiamo essere di buon animo (o incoraggiati) di fronte alla vita
sfida con l'affermazione che Egli ci dà la Sua Parola in modo che possiamo avere la pace. Giovanni 16:33
3. Sal 119: 165 – Grande pace hanno coloro che amano la tua legge (Parola di Dio); niente li offenderà o
farli inciampare (Amp). Più la prossima settimana!