IMMOBILE NELLA TUA MENTE

Scarica PDF
IMMOBILE NELLA TUA MENTE
FOCUS SU GESÙ
MANTIENI IL TUO FUOCO
NON FARE IL LAVORO DEL DIAVOLO
FINISCI IL TUO CORSO
VERA VITTORIA
METTETEVI IN PIEDI, VEDETE
OTTIENI IL CONTROLLO
CONTROLLA IL TUO SÉ-PARLA
EMOZIONI, PENSIERI, AUTO-PARLARE
INCORAGGIATI
1. I Cor 15: 58 – Il grande apostolo Paolo scrisse ai cristiani che dobbiamo essere risoluti, irremovibili e
abbondando sempre nell'opera del Signore perché sappiamo che i nostri sforzi, mentre viviamo questa vita, non ci sono
invano. C'è molto in questo verso di cui non parleremo adesso, ma nota questi punti.
un. Costante deriva da una parola che significa sedersi e, implicitamente, essere immobili. inamovibile
è la parola mobile con "un" ad essa allegato. Mobile significa allontanarsi.
b. Lavorare significa lavorare come uno sforzo o un'occupazione. Pensiamo automaticamente di lavorare per il Signore
come avere un ministero o lavorare in chiesa. Ma abbiamo avuto quell'idea dalla nostra cultura, non dal
Nuovo Testamento. Questa è una lezione per un'altra notte, ma considera questi pensieri.
1. Le persone a cui Paolo scrisse erano persone normali che vivevano prima che esistessero edifici di chiese,
Programmi della scuola domenicale o aiuti i ministeri. Lavorare per il Signore deve essere qualcosa
ogni cristiano di ogni generazione può fare qualunque sia la sua sorte nella vita. Col 3: 22-24
2. Il nostro lavoro è fidarci di Dio e obbedirgli, desiderare soprattutto la sua gloria e il bene degli altri.
Il nostro lavoro è conoscerlo e mostrarlo a coloro che ci circondano attraverso il nostro carattere e
comportamento mentre viviamo in sottomissione e obbedienza al Signore.
2. Torna a non essere spostato. Due persone possono incontrare la stessa circostanza, ma una è forte
mentre l'altro viene spostato. Diventare immobile ha a che fare con il modo in cui vediamo le cose o con il nostro
prospettiva. Considera due incidenti.
un. In un caso, il profeta Eliseo e il suo servo videro entrambi che erano circondati da un
esercito nemico che era venuto a prenderli. Eliseo era fiducioso, ma il servo era terrorizzato (II
Re 6: 13-18). In un altro caso, Gesù e i suoi discepoli hanno incontrato una terribile tempesta mentre
attraversando il mare di Galilea. Gesù era fiducioso, ma i discepoli erano terrorizzati, dubitando di Dio
prenditi cura di loro (Marco 4: 35-41).
b. Da questi esempi, possiamo vedere che non è la circostanza stessa che ci muove, è la nostra visione
della realtà. Sia Eliseo che Gesù sapevano che c'era molto di più nella realtà di quello che potevano vedere e sentire
nel momento e ha influenzato il modo in cui hanno affrontato i problemi che hanno affrontato. Non furono mossi. .
c. Per rimanere indifferenti alle difficoltà della vita, dobbiamo sapere dov'è la vera battaglia. Non è con
quello che vedi. È con come vedi quello che vedi. Questo è ciò su cui vogliamo concentrarci in questa lezione.

1. Queste persone avevano già sperimentato il ridicolo, i pestaggi e la perdita di proprietà a causa della loro fede
Cristo (Eb 10: 32-34) e la pressione su di loro stava aumentando.
un. Lo scopo dell'epistola era di incoraggiarli a rimanere fedeli a Cristo, non importa
costo, perché ne vale la pena alla fine. Paul ha adottato una serie di approcci per ricordare e
incoraggiare queste persone a non essere commosse. Le sue esortazioni ci danno un'idea di come diventare
immobile di fronte ai guai.
b. Eb 12: 1-3 - Paolo ha incoraggiato i suoi lettori a correre con pazienza o perseveranza la corsa iniziata prima
loro guardando a Gesù. Ha detto loro di considerare Gesù in modo da non stancarti nelle tue menti.
1. Minds è la parola greca psuche che si riferisce alla parte immateriale dell'uomo. Questo è di più
della stanchezza fisica. È stanchezza mentale.
2. v3 – In modo che le vostre anime non si consumino per lo sconforto (Berkeley); perdere il tuo scopo o
coraggio (Phillips); stancarsi e arrendersi (Beck).
TCC – 1005
2
2. Per aiutarli a combattere la stanchezza della mente, Paolo ordinò loro di considerare Gesù. Considerare significa
contemplare. Contemplare significa considerare attentamente e per molto tempo, o meditare: pensare
a lui (di base); consideralo attentamente (Norlie); prendi il tuo standard da lui (Knox)
un. Paolo fornisce un esempio molto specifico di ciò che intende. Si riferiva al fatto che Gesù sopportò
la Croce. Endured (verbo) è la stessa parola tradotta pazienza (sostantivo) in v2. Significa rimanere
o perseverare con allegria resistenza.
1. Paolo dice che Gesù perseverò a causa della gioia che aveva di fronte. La gioia deriva da una parola che
significa essere “allegria” ful. Non è una risposta emotiva. E 'uno stato mentale.
2. Abbiamo discusso questa parola molto nell'ultimo anno. Essere allegri non significa sentirsi a
certa emozione. Significa rallegrare o incoraggiare te stesso con i motivi per cui hai speranza o un
aspettativa di venire bene in modo da poter perseverare o essere impassibili.
b. La Croce sarebbe stata un'esperienza orribile per Gesù, e lo sapeva prima.
1. Puoi ricordare che la notte prima che fosse crocifisso, Gesù pregò suo Padre: se lo è
possibile, lascia che questa coppa passi da me. Tuttavia, non la mia volontà ma la tua. Matt 26: 36-45
2. Gesù non era chiaramente riluttante. Ma la sua carne indietreggiò per ciò che avrebbe sperimentato: lui
porterebbe il nostro peccato su se stesso, sarebbe tagliato fuori da suo padre, andrebbe nel regno della morte, ecc.
c. Ma per la gioia che gli fu posta davanti, sopportò la croce. Gesù ha visto fino al risultato finale
e ciò che era avanti lo aiutò a perseverare. Non si stancò nella sua mente. v3 – Chi, in vista
della gioia che si prospetta per Lui (Berkeley) si sottomise a una croce, senza curarsi della sua vergogna
(Buona velocità).
1. Ricorda, abbiamo iniziato la nostra discussione di diventare impassibili con Paul che, di fronte
imminente prigionia e morte, ha detto che nessuna di queste cose lo ha commosso. Atti 20: 22-24
2. Ha preso il suo consiglio. Ha scritto molto su come mantenere la tua attenzione sul risultato finale come un modo
per rimanere saldi nelle tempeste della vita. Rom 8:18; II Cor 4: 17,18
3. Ritornando a Eb 12: 2, Paolo esorta i credenti a correre con perseveranza la corsa che ci è stata proposta, "Guardando lontano [da tutto ciò che distrarrà] a Gesù, che è il capo e la fonte della nostra fede (v2, Amp) .
un. Diventare immobile è direttamente correlato a ciò che fai con la tua mente, dove focalizzi la tua
attenzione, come vedi la realtà. Guardare Gesù ti darà una fede (persuasione o fiducia)
che ti terrà saldo di fronte alle sfide della vita.
b. Guardare significa considerare attentamente o concentrarsi su di Lui. C'è di più in questo di noi
posso discutere ora, ma considera diversi pensieri.
1. I primi discepoli di Gesù furono influenzati dal trascorrere del tempo con Lui. Ha "cancellato su di loro",
per così dire. In Atti 3, Pietro guarì un uomo zoppo nel nome di Gesù con il potere di Dio.
A. Quando lui e John furono esaminati dalle autorità del Tempio su ciò che accadde, il
il consiglio fu stupito dai due uomini.
B. Atti 4:13 - Quando il consiglio vide l'audacia di Pietro e Giovanni e vide che loro
erano ovviamente non professionisti non istruiti, erano stupiti e si rendevano conto di cosa fosse
con Gesù aveva fatto per loro! (NLT).
2. Gesù è tornato in Paradiso, ma anche noi possiamo stare con Gesù attraverso la Sua Parola. La scritta
La Parola, la Bibbia, rivela la Parola vivente, il Signore Gesù. Ecco perché mi caccio così tanto
diventare un lettore regolare del Nuovo Testamento (da copertina a copertina, ancora e ancora). È un
libro soprannaturale che ti influenzerà in modi che non puoi immaginare.
c. Devi anche capire che ci sono distrazioni costanti: ciò che vediamo, ciò che sentiamo, inutile
pensieri nelle nostre menti, ecc. Devi scegliere di distogliere la tua attenzione da quelle cose e
concentrati sull'autore e sul finitore della tua fede, su ciò che la Parola vivente, attraverso la Parola scritta,
dice di te e della tua situazione.
1. “Distogliere lo sguardo [da tutto ciò che può distrarre] verso Gesù, che è il leader e la fonte della nostra
fede (v2, Amp).
2. Questa non è una formula o una tecnica che, se lavori nel modo giusto, porterà immediatamente alla tua fine
TCC – 1005
3
guai. Sta cambiando la tua visione della realtà in modo da vedere le cose come realmente sono secondo
a Dio. E, di conseguenza, non sei commosso dalle tue circostanze.
Il profeta A. Eliseo sapeva di essere protetto dagli esseri nel regno invisibile. Eliseo di
il servo vide solo l'esercito nemico.
B. Gesù sapeva che suo padre si prendeva cura di lui e che aveva il potere di calmare un pericolo di vita
tempesta. I discepoli videro solo il vento e le onde.
4. Paolo concluse la sua epistola agli ebrei con alcune osservazioni nel capitolo 13. Nota un punto. In ebr
13: 5 Paolo disse ai suoi lettori di accontentarsi di cose come hanno detto per Dio che non lo avrebbe mai fatto
lasciarci o abbandonarci (l'idea in greco è: mai, mai, mai).
un. La parola contenuto in v5 significa essere sufficiente, possedere una forza sufficiente, essere forte,
essere abbastanza. Non è un'emozione. È una visione della realtà. Essere contenti significa riconoscere che io
avere ciò di cui ho bisogno per affrontare ciò che mi viene incontro perché Dio è con me.
1. L'affermazione "Non ti lascerà né ti abbandonerà" è una citazione di Deut 31: 6,8. Dio
pronunciò quelle parole a Israele quando erano al confine con Canaan, preparandosi ad attraversare e
prendi la terra. Avrebbero affrontato città murate, tribù simili a guerre e uomini giganti.
2. Questi erano gli stessi ostacoli che avevano convinto i loro genitori quarant'anni prima a non entrare
Canaan. La loro visione della realtà (tutto ciò è troppo grande per noi) ha impedito loro di attraversare il confine.
A. Solo Giosuè e Caleb entrarono nella terra. Hanno visto la realtà com'è veramente: Dio con loro,
per loro. Dio che è più grande di qualsiasi ostacolo si trovino ad affrontare. Num 13:30; 14: 7-9
B. Il Signore disse a questa nuova generazione: non aver paura di questi ostacoli. andrò con te
e non ti abbandonerò mai.
b. Paolo citò la promessa familiare del Signore ai suoi lettori ebrei (che avrebbero avuto familiarità
con quello che è successo ai margini di Canaan) per incoraggiarli ulteriormente a non essere spostati. Paolo
voleva che i suoi lettori lo capissero, anche se potrebbe non sembrare o sentirsi di fronte
queste crescenti persecuzioni, hai ciò di cui hai bisogno per affrontarlo perché Dio è con te.
5. Filip 4:11 - Paolo, un uomo che non era commosso dalle molte prove che dovette affrontare, disse di se stesso che aveva
imparato ad essere contento. Prima di discutere del significato di Paolo, osserva il verso che segue: Posso fare tutto
cose attraverso Cristo che mi rafforza.
un. Questo non era un cliché religioso per lui. Paolo visse la sua vita guardando a Gesù e considerandolo
che ha sopportato la croce. Questa era la visione di Paolo della realtà e gli dava fiducia o fede.
b. Paolo scrisse questa epistola quando era in prigione a Roma, di fronte a possibili esecuzioni. Non lo era
eseguito in quel momento; è stato rilasciato. Ma quando scrisse l'epistola non conosceva ancora il suo destino.
1. Torna a v11 - Anche se il contenuto tradotto di questa parola greca è diverso da quello usato da Paolo
in Eb 13 l'idea è la stessa: competenza, sufficienza; una soddisfazione contenta o
sufficienza basata sul fatto che ho tutto ciò di cui ho bisogno.
2. La visione di Paolo della realtà era: ho Dio Onnipotente per, con e in me. Nulla può venire
contro di me è più grande di Dio  compresa la morte.
c. Phil 4: 11-13 – Non pensare che lo dica sotto la pressione del bisogno. Per, comunque io sia
posto, almeno, ho imparato ad essere indipendente dalle circostanze (XX sec.) ... per cui ho la forza
tutte le cose in Cristo che mi autorizza  Sono pronto a tutto e uguale a tutto
Colui Che infonde in me la forza interiore, [cioè sono autosufficiente nella sufficienza di Cristo] (Amp).
d. La scorsa settimana abbiamo discusso del fatto che I Cor 15:58 (una delle esortazioni di Paolo ai credenti di essere
impassibile) è stato scritto alla conclusione di un lungo passaggio sulla risurrezione dei morti. Essere
non commosso dalle difficoltà della vita è direttamente correlato alla comprensione della risurrezione dei morti.
1. Abbiamo altro da dire sulla risurrezione nelle prossime lezioni, ma consideriamo ora un punto.
La più grande minaccia della vita è sparita. Non solo c'è vita dopo la morte, la morte è stata conquistata e
invertito attraverso il recupero e il ripristino del corpo (resurrezione dei morti) per tutti coloro che
riponi fede in Gesù. Pertanto, qualunque sia il costo, ne vale la pena per servire il Signore.
TCC – 1005
4
2. Paolo lo sapeva. Ha modellato la sua visione della realtà e lo ha reso immobile anche in faccia
di esecuzione e morte.

1. Controllare la tua mente, prima di tutto, significa cambiare la tua visione della realtà o il modo in cui vedi Dio,
te stesso e il mondo. Ciò avviene attraverso la lettura regolare della Bibbia, in particolare del Nuovo
Testamento. Ci vuole tempo, ma ne vale la pena.
un. La lettura regolare del Nuovo Testamento ti aiuterà a riconoscere che c'è di più nella tua situazione
di quello che vedi e senti nel momento. Ti renderà sicuro che non può succedere nulla
contro di te che è più grande di Dio.
b. Gli esempi che abbiamo citato di uomini che non erano commossi dalle circostanze (Paul, Joshua e
Caleb ai margini di Canaan, Eliseo, Gesù, nella sua umanità) non ha funzionato una formula o una tecnica.
Hanno risposto in base al modo in cui hanno visto le cose (come tutti noi).
2. Controllare la tua mente significa anche rendersi conto che quando la tempesta infuria e vedi le sfide
e senti le emozioni stimolate da ciò che vedi e la tua mente corre con ogni tipo di pensiero
fallimento, sconfitta, ecc., devi essere in grado di ritrovare la concentrazione.
un. Incoraggio le persone ad avere una frase SOS, una frase Sight On Savior, che ti aiuterà a mettere la tua
attenzione alla realtà così com'è. Io stesso conosco e posso citare una moltitudine di versetti della Bibbia.
Ma io, come te, so anche come ci si sente a ricevere notizie devastanti e confrontarsi con qualcosa
insormontabile. Ho sperimentato le emozioni vorticose e i pensieri selvaggi.
1. In quei tempi, le prime parole fuori dalla mia bocca sono: "Lodate il Signore" (non come espressione di
gioia, ma come un riconoscimento di Lui e un riconoscimento che Egli è il mio aiuto) e "Questo non lo è
più grande di Dio ”(non come tecnica per ottenere un aiuto immediato, ma come riconoscimento di
realtà com'è veramente).
2. Mi rifiuto di far uscire qualcosa dalla mia bocca o di prendere il controllo della mia mente e guidare la mia
azioni che sono contrarie a Dio e alla Sua Parola. Mi rifiuto di essere commosso.
b. Nota un'altra dichiarazione che Paolo fece in Fil 4: 6-8. Ha ammonito i credenti di non stare attenti o
preoccupato per qualsiasi cosa. La parola greca tradotta preoccupazione significa distrarsi. Concentrati
di nuovo su Dio e sul modo in cui le cose sono realmente attraverso la preghiera e il ringraziamento.
1. Quando lo fai, la pace di Dio (tranquillità della mente) proteggerà il tuo cuore e la tua mente. esso
può essere una battaglia per arrivare a quel posto, ma può essere fatto.
2. Quindi Paolo istruisce i credenti a pensare o "lasciare che questo sia l'argomento dei tuoi pensieri"
(Knox). Qualunque cosa sia vera, onesta, giusta, pura, adorabile, di buon rapporto, virtuosa e lode
degno, pensa a quelle cose. Solo la Parola di Dio copre ognuna di quelle categorie.
3. Per essere impassibile nella tua mente devi leggere la Bibbia e prendere coscienza di ciò che accade nella tua mente
quando la tempesta colpisce. Quindi, per il potere di Dio, prendi il controllo della tua mente. Più la prossima settimana!