VERA VITTORIA

Scarica PDF
IMMOBILE NELLA TUA MENTE
FOCUS SU GESÙ
MANTIENI IL TUO FUOCO
NON FARE IL LAVORO DEL DIAVOLO
FINISCI IL TUO CORSO
VERA VITTORIA
METTETEVI IN PIEDI, VEDETE
OTTIENI IL CONTROLLO
CONTROLLA IL TUO SÉ-PARLA
EMOZIONI, PENSIERI, AUTO-PARLARE
INCORAGGIATI
1. Ogni sorta di cose ci vengono incontro in questo mondo decaduto che può minare la nostra fiducia in Dio (la nostra certezza
affidamento sul suo carattere, abilità, forza e verità).
un. Ciò che vediamo e sentiamo spesso fa sembrare che Dio ci abbia dimenticato o non si preoccupi di noi.
Se non sappiamo come affrontare questa testimonianza contraria da ciò che vediamo e sentiamo, può scuotere
la nostra fiducia in Dio.
b. Questa mancanza di fiducia può influenzare il nostro comportamento e rendere più facile disobbedire a Dio. Quindi stiamo prendendo
tempo di parlare di come diventare immobili di fronte alle sfide della vita.
2. L'apostolo Paolo è il nostro esempio di uomo che non è stato afflitto dalle difficoltà della vita (Atti 20: 22-24). Scorso
settimana abbiamo visto il fatto che era determinato a correre e terminare il suo percorso.
un. Indipendentemente dalle distrazioni che gli venivano incontro, Paul si rifiutò di essere spostato da questo obiettivo. E al
fine della sua vita, è stato in grado di dichiarare: ho combattuto una buona battaglia, ho finito il mio corso, ho continuato
la fede (II Tim 4: 7). Paolo rimase fedele a Cristo. Ha vinto la vittoria.
b. Uno dei temi che vediamo nel Nuovo Testamento è che i credenti sono conquistatori. I credenti lo sono
vincitori che sono vittoriosi. Rom 8:37; 15 Cor 57:5; 4,5 Giovanni XNUMX: XNUMX; eccetera.
1. Abbiamo molte idee sbagliate su cosa significhi essere vittoriosi, in parte perché ventesimo
principi di successo e prosperità del secolo sono stati incorporati in molti dei popolari
insegnamenti in chiesa.
2. Pertanto, crediamo erroneamente che la vittoria non significhi problemi. Superare significa essere
felice e spensierato. E conquistare significa porre rapidamente fine a qualsiasi problema che ci si presenta.
c. Nessuna di queste cose è la vittoria cristiana. Per un cristiano, la vittoria è rimanere fedele a Gesù.
I conquistatori riconoscono le distrazioni che possono distogliere l'attenzione da Gesù e non sono fermati da
loro. I vincitori corrono la gara e finiscono il percorso.
3. In questa lezione, come parte della nostra discussione su come diventare immobili, parleremo di più su cosa
la vera vittoria è e perché possiamo essere certi che la vera vittoria è nostra.

1. Nota che il versetto inizia con la parola "quindi" che collega il pensiero di Paolo a ciò che ha appena
ha detto: possiamo essere immobili perché Dio ci ha dato la vittoria attraverso Gesù Cristo. v57
un. Paul aveva appena finito un lungo passaggio sulla risurrezione dei morti. La chiesa di Corinto aveva
alcune idee sbagliate sulla resurrezione dei morti e Paolo scrisse per correggerli.
b. Prima di fare il punto sulla vittoria che Gesù ha fornito, dobbiamo fare alcuni brevi
commenti sulla resurrezione dei morti.
1. Tutti gli esseri umani hanno una parte interiore e una esteriore (II Cor 4:16). La parte esteriore è il
corpo fisico. La parte interiore è la parte immateriale, fatta di spirito (capace di dirigere
comunione con Dio) e anima (facoltà mentali ed emotive).
2. Alla morte, la parte interna e la parte esterna si separano. Il corpo ritorna in polvere e il
la parte interiore passa in Paradiso o Inferno.
3. Dio non ha creato i nostri corpi per morire o noi per essere separati dai nostri corpi. Sia la morte che
l'incarnazione si verifica a causa del peccato di Adamo. Gen 2:17; Rom 5:12
c. La resurrezione dei morti è il ricongiungimento delle parti interne ed esterne separate alla morte.
1. È stato promesso agli uomini sin dai primi giorni della storia della terra. Fa parte della salvezza
Dio ha provveduto tramite Gesù.
2. Giobbe 19: 25,26; Isa 26:19; Ez 37:12; Dan 12: 2), Osea 13:14 – Li libererò dalla morte
TCC – 1010
2
(Lamsa); Io, mortale nemico della morte, io, la rovina della corruzione (Knox).
2. Torniamo a I Cor 15: 54,55 per avere un'idea. Comincia: quando questo è corruttibile e mortale
deve aver incorrotto e immortalità. Questa è la resurrezione dei morti. I nostri corpi lo saranno
sollevato dalla tomba e reso immortale e incorruttibile.
un. Paolo scrisse che quando ciò accadrà, si adempirà una profezia registrata da Isaia: Dio
inghiottirà la morte nella vittoria. Isa 25: 8
b. Guarda Isa 25: 7. C'è una copertura o un velo sulla faccia di tutti gli uomini, ma Dio lo distruggerà.
Distruggi (v7) e deglutisci (v8) sono la stessa parola ebraica. Significa ingoiare o inghiottire.
1. In quel tempo e cultura, è stata messa una copertura sulla faccia dei condannati a morte. Il
l'intera razza umana è colpevole di peccato davanti a un santo Dio e condannata a morte.
2. v7 – Su questo monte egli (Dio) rimuoverà il velo del lutto che copre tutti i popoli, e il
sudario avvolgendo tutte le nazioni; distruggerà la morte per sempre. (Gerusalemme)
3. Tutti gli esseri umani sono sotto il dominio della morte a causa del peccato di Adamo. E ci siamo impegnati
il nostro peccato e diventare colpevoli di fronte a Dio, meritevoli di morte. Gesù venne ad abolire (rompere il
potere, annulla) la morte e porta la vita eterna a tutti coloro che ripongono fede in Lui. II Tim 1: 9,10
un. 15 Cor 56:XNUMX - Il pungiglione della morte è il peccato. Sting (in greco) significa pungolo o pugnale. La morte è
presente nella creazione solo a causa del peccato. La morte ha potere perché gli uomini sono colpevoli di peccato e sotto
il suo dominio. Nessuno sfugge alla morte. È solo una questione di quando e come moriamo.
b. Alla Croce, Gesù ha pagato per il nostro peccato in modo che potessimo essere liberati dalla colpa e dalla pena del peccato
che è la morte in tutte le sue forme (lezioni per un altro giorno). Gesù venne per liberare gli uomini dalla schiavitù
alla paura della morte. Eb 2: 14,15
1. Quando riponiamo fede in Cristo e nel Suo sacrificio, siamo liberati dal dominio della morte. Questo
significa (tra l'altro) che non dobbiamo più temerlo. Abbiamo la vittoria su di esso. 15 Cor 7: XNUMX
A. Quando un cristiano muore, lui (l'uomo interiore) viene temporaneamente separato dal suo corpo e
va a stare con il Signore in cielo.
B. Alla risurrezione della morte (che avverrà in connessione con la Seconda Venuta
di Gesù) si riunirà con il suo corpo sollevato dalla tomba e reso incorruttibile
e immortale (non più soggetto a corruzione e morte).
3. Quando i nostri corpi vengono sollevati dalla tomba e resi vivi con la vita eterna (diventando
incorruttibile e immortale), la morte sarà inghiottita dalla vita, adempiendo la profezia di Isaia.
c. La più grande pistola del diavolo, la nostra peggiore paura, l'unica condizione irreversibile comune a tutti gli esseri umani
è stato sconfitto attraverso la croce e la risurrezione. La più grande minaccia della vita è sparita.
1. Non esiste solo la vita dopo la morte, ma la morte è stata invertita attraverso il recupero e il restauro
del corpo alla risurrezione dei morti.
2. Abbiamo la vittoria sul nostro più grande problema attraverso il Signore Gesù Cristo. Pertanto, Paul
detto, qualunque cosa tu debba fare, rimani fedele in modo da non perdere la morte
inghiottito dalla vita. I Cor 15:58
4. Ecco perché Paolo era impassibile anche di fronte alla morte. Sapeva che era assente dal corpo
è essere presente con il Signore. E sapeva che la separazione dal corpo è una condizione temporanea
che sarà rettificato attraverso la risurrezione dei morti. Considera queste dichiarazioni fatte da Paolo.
un. Fil 1: 20,21 – Mentre era in prigione di fronte a una possibile esecuzione, la sua preoccupazione non era: portami via di qui!
Il suo desiderio era che Dio fosse glorificato in lui, sia attraverso la sua vita che la sua morte.
b. 15 Cor 29: 32-XNUMX - Disse ai Corinzi: Se i morti non risorgono, perché dovrei espormi a tali
il pericolo e la morte quotidiana affrontano la persecuzione, come ho fatto quando ero ad Efeso (II Cor 1: 8).
c. II Cor 5: 1-4 – Nel contesto di affrontare la morte per persecuzione, Paolo scrisse: Poiché sappiamo che se il
la tenda che è la nostra casa terrena viene distrutta, abbiamo un edificio di Dio, una casa non costruita con
mani, eterne nei cieli. Perché in questa tenda gemiamo, desiderando ardentemente indossare la nostra dimora celeste,
se davvero mettendolo su non potremmo essere trovati nudi. Perché mentre siamo ancora in questa tenda, gemiamo,
essendo gravato non che non saremmo vestiti, ma che saremmo ulteriormente vestiti, così
TCC – 1010
3
ciò che è mortale può essere ingoiato dalla vita. (ESV).
1. Le persone interpretano erroneamente questo passaggio nel senso che otteniamo un corpo diverso in Paradiso. Ma quando noi
leggi tutto ciò che Paolo scrisse sulla risurrezione dei morti, è chiaro che Paolo intendeva dire Gesù
cambierà il nostro corpo, non lo sostituirà con uno nuovo. Fil 3: 20,21; 15 Cor 51: 53-XNUMX; eccetera.
2. La tenda è un riferimento al suo corpo mortale e corruttibile. Sapeva che un corpo celeste lo attendeva
 non un altro corpo, ma il suo corpo è tornato in vita e ha reso immortale e incorruttibile
attraverso la risurrezione dei morti.
3. Il nostro corpo immortale e incorruttibile è indicato come un corpo celeste perché fa parte del
salvezza riservata a noi in cielo, pronta per essere rivelata al ritorno di Gesù in questo mondo (I
Pet 1: 3-5), e poiché è il potere del Cielo che solleverà e trasformerà i nostri corpi.

1. Questo versetto si riferisce a coloro che furono uccisi attraverso persecuzioni ispirate a Satana. Il loro superamento è
legato alla loro morte e non alla vittoria sui loro problemi in questa vita. Hanno vinto perché
rimase fedele a Cristo anche di fronte alla morte. Questa è la vera vittoria.
un. In Ap 2:10 Gesù disse ai credenti di essere fedeli fino alla morte (o di correre la loro razza e finire il loro corso).
E, nel libro dell'Apocalisse, ha fatto otto promesse specifiche a coloro che vincono. Tutto di
appartengono non a questa vita, ma alla vita a venire. Considera due esempi.
1. In Apoc 2:11 Gesù disse che i vincitori non saranno feriti dalla seconda morte. Il secondo
la morte è un nome dato al destino di tutti coloro che rifiutano Cristo come Salvatore e Signore. Essi saranno
eternamente separato da Dio che è la vita (Ap 21: 8; Ap 20: 6; lezioni per un altro giorno).
2. In Ap 21: 7 Dio Onnipotente disse: Colui che è vittorioso (o vince) erediterà tutti questi
cose, e io sarò Dio per lui e lui sarà Mio figlio (Amp). "Tutte queste cose", nel contesto,
è la vita senza fine con il Signore, in corpi risorti, su questa terra resa nuova.
b. Quando viene citato Ap 12:11, l'ultima parte del versetto viene spesso trascurata: non amavano il loro
vive le loro vite fino alla morte.
1. Nota questa traduzione: la loro vittoria fu dovuta al Sangue dell'Agnello e al Messaggio a
di cui portavano testimonianza (XX sec.) e non amando la propria vita: lo erano
disposto a morire (Norlie).
2. Questo è esattamente ciò che Paolo disse in Atti 20:24 quando affrontò la possibile morte: Ma anche il
sacrificio della mia vita non conto come niente (Weymouth) fintanto che rimango fedele a Cristo, corro la mia
correre e finire il mio percorso.
3. Nessuna di queste affermazioni significa che queste persone non amassero la propria vita. Tutti lo vogliono
vivere. Significa che avevano la giusta prospettiva. Questa vita non è tutto quello che c'è. Se guadagniamo
tutto ciò che questo mondo ha da offrire, ma perde la vita eterna, è tutto per nulla. Matteo 16:26
c. La morte deve essere temuta se sei colpevole di peccato davanti a un Dio santo. Tuttavia, a causa del sangue di
l'Agnello che ha pagato il prezzo del nostro peccato, la morte non ha paura per i cristiani. Attraverso il suo sangue,
Gesù ha pagato il prezzo per i nostri peccati, liberandoci dal dominio della morte.
2. Col 1: 20-22 – Paolo scrisse che Dio Padre era compiaciuto di fare la pace tra Sé e il peccatore
uomini attraverso la croce. Lo ha fatto in modo che potessimo stare davanti a Lui “santo e senza imperfezioni e
non ricaricabile davanti al suo sguardo penetrante e penetrante ”(v22, Wuest).
un. Nota che, subito dopo questa dichiarazione, Paolo scrisse: v23 – Ma devi continuare nel
fede, fondata e stabilita, e non essere allontanata dalla speranza del Vangelo.
b. Paolo spiegò chiaramente cosa intendeva quando si riferiva al Vangelo in I Cor 15: 1-4. Ha inoltre
ha ricordato ai Corinzi che avevano bisogno di tenere a mente (tenere duro e tenere saldamente) ciò che lui
aveva predicato a loro. (Ricorda, Paolo fu istruito direttamente da Gesù stesso. Gal 1: 11,12)
1. Questo è il vangelo (o buona notizia) secondo Paolo (e Gesù): Gesù è morto per i nostri peccati, lui
TCC – 1010
4
fu sepolto e risuscitato il terzo giorno, tutto secondo le Scritture.
2. Perché questa è una buona notizia? Perché siamo tutti colpevoli di peccato davanti a un Dio santo e meritevoli di
separazione eterna da lui. Ma, come era stato promesso, Gesù morì per i nostri peccati e poi risuscitò
i morti quando è stato pagato il prezzo. La sua risurrezione è la prova che la giustizia divina è stata
soddisfatto riguardo al nostro peccato. Rom 4:25; 15 Cor 17:XNUMX
3. Quando pieghiamo il ginocchio a Gesù come Salvatore e Signore, siamo giustificati (assolti, dichiarati non
colpevole, tutte le accuse contro di noi sono cadute) e abbiamo pace con Dio. Rom 5: 1
c. Col 1: 5 – Paolo disse ai Colossesi che attraverso la buona notizia (il Vangelo) sapevano di averlo fatto
una speranza creata per loro in cielo. Quella speranza include l'ingresso in Paradiso quando lasciamo il nostro corpo
alla morte, così come il potere del Cielo di sollevare i nostri corpi dalla tomba e riunirci con noi
loro in relazione alla Seconda Venuta di Gesù. Questa è la vera vittoria.
3. La notte prima che Gesù andasse sulla croce disse ai Suoi seguaci: nel mondo avrai tribolazione
e prove, angoscia e frustrazione, ma sii di buon animo  prendi coraggio, sii sicuro, certo,
imperterrito  perché ho vinto il mondo.  L'ho privato del potere di farti del male, vero
conquistato per te (Giovanni 16:33, Amp). C'è molto nella sua affermazione che non abbiamo intenzione di fare
discutere ora, ma considerare diversi pensieri.
un. Prove e problemi fanno parte della vita in un mondo caduto, danneggiato dal peccato. Tuttavia, stiamo solo passando
sebbene questa vita (I Pet 2:11; 1:17). E "questo mondo nella sua forma attuale sta scomparendo" (I Cor
7:31, NIV). La gloria di ciò che verrà lontano supera le sfide di questa vita (Rm 8:18).
1. Gesù non è morto per darci una vita senza problemi in questa vita o per rendere questa vita il momento clou
la nostra esistenza. È morto per liberarci da questo mondo malvagio attuale (Gal 1: 4) e per assicurarlo
abbiamo una vita oltre questa vita (I Pet 3:18).
2. Pagando per il nostro peccato sulla Croce e superando la morte attraverso la vittoria della sua risurrezione,
Gesù ha permesso a noi di superare anche questo mondo. La cosa peggiore che questa vita possa fare
portare la nostra strada (morte) non può farci del male se rimaniamo fedeli a Lui. Ci ha fatto vincere.
b. In Rom 8: 35-39 Paolo raccontò le molte sfide che lui e i primi seguaci di Gesù affrontarono. Ma
la sua testimonianza fu: IN (anziché fuori da) tutte queste cose siamo conquistatori (v 37). Questa parola
è una forma della parola tradotta vincitore e vincitore nei versetti a cui abbiamo fatto riferimento in questa lezione.
1. Paolo sapeva che essere un conquistatore non significava "niente più problemi". Significava rimanere fedeli
a Gesù, non importa quale fosse la sua strada. Questo atteggiamento lo ha reso un conquistatore: se rimango fedele
a Cristo, io vinco. Ha vinto la morte per me. Questa è la vittoria finale, la vera vittoria.
2. Sapeva che qualunque cosa la vita gli facesse strada, non era più grande di Dio e che Dio avrebbe fatto
preservalo nel suo regno celeste.