OTTIENI IL CONTROLLO

Scarica PDF
IMMOBILE NELLA TUA MENTE
FOCUS SU GESÙ
MANTIENI IL TUO FUOCO
NON FARE IL LAVORO DEL DIAVOLO
FINISCI IL TUO CORSO
VERA VITTORIA
METTETEVI IN PIEDI, VEDETE
OTTIENI IL CONTROLLO
CONTROLLA IL TUO SÉ-PARLA
EMOZIONI, PENSIERI, AUTO-PARLARE
INCORAGGIATI
1. Ogni sorta di cose ci vengono incontro in questo mondo decaduto che mina la nostra fiducia in Dio e ci causa
dubitare del suo amore e cura, allontanandoci dalla nostra fiducia in Lui.
un. La scorsa settimana abbiamo iniziato a parlare del fatto che quando incontriamo difficoltà nella vita, non è solo
le difficoltà stesse che sfidano la nostra fiducia in Dio. Sono i pensieri e le emozioni generati
dalle difficoltà che ci sfidano.
b. Le emozioni e i pensieri possono essere così sconvolgenti che sembriamo non avere alcun controllo su di loro e noi
lascia che ciò che vediamo e sentiamo nel momento ci allontani da un luogo di fiducia e fede in Dio.
2. Pertanto, dobbiamo imparare a gestire i pensieri e le emozioni che sorgono quando ci incontriamo
guai. Quindi, in questa lezione, continueremo a discutere di come affrontare le nostre emozioni e pensieri
mentre affrontiamo le difficoltà della vita.
1. Il corpo è la casa dei nostri sensi (vista, udito, gusto, tatto, olfatto). Lo spirito è in grado di dirigere
comunione con Dio. L'anima è formata dalle nostre facoltà mentali ed emotive.
un. Le emozioni sono le risposte della nostra anima a ciò che accade intorno a noi. Sono stimolati dal
informazioni che riceviamo attraverso i nostri sensi fisici e i pensieri che intratteniamo nella nostra mente.
b. Le emozioni non sono sotto il diretto controllo della volontà. Sono involontari. Questo significa che tu
non puoi provare te stesso a sentire o non sentire qualcosa.
c. Sebbene le emozioni siano una reazione allo stimolo che è probabilmente al di fuori del nostro controllo diretto
(cosa succede intorno a noi), come cristiani, possiamo controllare ciò che facciamo e come agiamo, non importa
come ci sentiamo Rom 8:13
2. Le emozioni, di per sé, non sono malvagie. Fanno parte di ciò che Dio ci ha creati per essere. Però,
ci sono diversi problemi con le nostre emozioni.
un. Primo, come in ogni parte del nostro essere, sono stati corrotti dal peccato e spesso sono sbilanciati
con il resto del nostro trucco. Per molte persone, tutto ciò che fanno è determinato da come si sentono.
1. Quante volte hai sentito qualcuno dire: “Seguirò il mio cuore (intendo
come si sentono) ", e finisce in un disastro.
2. Proverbi 28:26 - Colui che si appoggia, confida ed è sicuro della propria mente e del proprio cuore è un [sé-
fiducioso] sciocco, ma colui che cammina con sapienza sapiente e devota sarà liberato. (Amp)
b. In secondo luogo, le emozioni possono e spesso ci forniscono informazioni inesatte. E, sono colpiti e
influenzati dalle nostre stesse percezioni errate della realtà e dalle roccaforti (modelli di pensiero appresi) che abbiamo
si sono accumulati nel corso della nostra vita.
1. Ognuno di noi ha avuto un'esperienza come questa: avevamo solo la sensazione che qualcuno fosse pazzo
a noi (forse il nostro coniuge o un collega). E tutto ciò che fanno quel giorno sembra supportare
la nostra sensazione: le loro espressioni facciali, il loro apparire per ignorarci, ecc.
R. Quando finalmente ne abbiamo avuto abbastanza, li confrontiamo su ciò che pensiamo stiano provando
verso di noi. Si è scoperto che hanno mangiato della pizza cattiva la sera prima e il loro interno
stavano agitando tutto il giorno. Ecco perché si stavano comportando diversamente. Non aveva niente da fare
con noi.
B. Tuttavia lasciamo che i nostri sentimenti determinino la nostra visione della realtà e le nostre azioni, e abbiamo avuto un terribile
giorno come risultato.
2. Le emozioni sono reali in quanto le senti davvero. Ma non hanno accesso a tutti i fatti in
qualsiasi situazione perché sono limitate alle informazioni fornite dai vostri sensi fisici.
A. Quando solo la luce nella tua stanza è la luce notturna e sembra che ci sia un mouse dentro
l'angolo, la paura è stimolata in te. Tuttavia, quando la plafoniera è accesa, tu
TCC – 1012
2
può vedere che il "topo" è una calza accartocciata.
B. I tuoi sensi hanno dato alle tue emozioni meno di tutti i fatti nella tua situazione, quindi la tua visione di
la realtà era distorta e tu hai tratto una conclusione inesatta.
3. In ogni situazione, ci sono sempre più fatti coinvolti di ciò che percepiamo con i nostri sensi fisici
perché c'è di più nella realtà di ciò che vediamo e sentiamo. Potremmo fare un'intera lezione su questo, ma
considera diversi pensieri come parte della nostra discussione sulla gestione delle emozioni.
un. C'è una dimensione oltre ciò che percepiamo con i nostri sensi, il regno di Dio Onnipotente e
Il suo regno e potere. Questo regno invisibile ha creato il mondo visto, e può e influenzerà e
cambia ciò che vediamo e sentiamo. II Cor 4:18; Col 1:16; I Tim 1:17; Eb 11: 3; eccetera.
1. Solo Dio ha accesso a tutti i fatti in una determinata situazione. Non solo lo sa e
presiede il regno invisibile, vede i cuori umani e conosce l'inizio e la fine
in ogni circostanza. La realtà è tutto come Dio la vede
2. Nulla sorprende il Signore ed è in grado di far sì che ogni cosa serva ai Suoi scopi
massima gloria a se stesso e massimo bene a quante più persone possibile. Vede come
per farci passare fino a quando non ci farà uscire.
b. Dio ci ha dato la Bibbia è di rivelarci questo regno invisibile e di darci esempi di come
Usa il suo potere e la saggezza per conto di coloro che si fidano di lui. II Chron 16: 9
4. Come cristiani, siamo chiamati a camminare per fede e non per visione. Questo significa che ordiniamo le nostre vite
secondo le realtà invisibili di Dio e del suo regno. II Cor 5: 7
un. Per dirla in altro modo: non ordiniamo le nostre vite in base a ciò che vediamo o sentiamo. Impariamo a vivere
da ciò che Dio dice. Siamo commossi solo da ciò che dice nella Sua Parola (Matteo 4: 4). L'ordine nel
Il regno di Dio è creduto di vedere. Se ci credi, vedrai.
b. Perché stiamo parlando della fiducia in un Essere che non possiamo vedere o provare per cose che non necessariamente
vedere o sentire ancora, siamo vulnerabili alle cose che possiamo vedere e sentire  vedere e percepire le sfide che
stimolare i nostri pensieri ed emozioni.
1. Tuttavia, non dobbiamo lasciare che emozioni e pensieri determinino la nostra visione o realtà o nostra
azioni in qualsiasi situazione. Non "rifiutiamo di sentire" perché non si può fare. Ci rifiutiamo di esserlo
commosso da ciò che Dio dice a causa di ciò che senti e pensi in base a ciò che vediamo e sentiamo.
2. Sento paura ma scelgo di fidarmi di Dio (Sal 56: 3). Provo rabbia, ma scelgo di non peccare (Ef 4:26).
Mi sento triste, ma scelgo di rallegrarmi (II Cor 6:10; Ab 3: 17,18).
c. Quando Gesù stava andando a casa di Giairo per guarire sua figlia gravemente malata, la parola fu portata
a Lui e Iairo che era troppo tardi. La bambina era morta. Marco 522-24; 35,36
1. Questo tipo di informazioni produrrà una scarica di emozioni e pensieri in chiunque ascolti
e potenzialmente possono spostarli da un luogo di fiducia e fede in Dio.
2. Nota cosa disse Gesù: (Sentendo) ma ignorando ciò che dissero, Gesù disse al sovrano del
sinagoga, non fatevi prendere dall'allarme e non abbiate paura, continuate a credere (v36 – Amp).
1. Prima di guardare i nostri esempi, dobbiamo fare alcuni brevi punti sulla Bibbia stessa per poterlo fare
ottenere i massimi benefici dal suo record.
un. Come sapete, la Bibbia è una raccolta di sessantasei libri e lettere scritti da uomini ispirati
Dio che, insieme, racconta la storia del desiderio di Dio per una famiglia e le lunghezze a cui è andato
ottenere la sua famiglia attraverso Gesù. È il 50% di storia, il 25% di profezia e il 25% di istruzioni su come
vivere.
1. L'Antico Testamento (Genesi a Malachia) è principalmente la storia del gruppo di persone
che Gesù venne in questo mondo, i discendenti di Abramo o la nazione di Israele.
2. L'apostolo Paolo, che abbiamo indicato come un esempio di un uomo che non è stato mosso dalla vita
TCC – 1012
3
le sfide dicevano che l'Antico Testamento era stato scritto per insegnarci e darci ragioni per sperare come
resistiamo (o rimaniamo fermamente in posizione) nelle sfide della vita. Rom 15: 4
b. L'Antico e il Nuovo Testamento sono storia redentrice. La Bibbia registra eventi e persone che
erano direttamente coinvolti o collegati al piano di redenzione di Dio (il suo piano da consegnare)
uomini e donne dal peccato, dalla corruzione e dalla morte attraverso Gesù).
1. La Bibbia non mette in relazione tutto ciò che è accaduto a tutti i corpi. Ad esempio, i quattro
i vangeli coprono solo una cinquantina di giorni della vita e del ministero di Gesù, anche se era sulla terra per
oltre trentatré anni.
2. Non ci sono riferimenti agli Stati Uniti o alla Cina o al Sud America, non perché Dio
non si preoccupa delle persone in quei paesi, ma perché gli eventi sono collegati a lui
il piano di provvedere alla redenzione attraverso Gesù ebbe luogo in Medio Oriente.
c. La Bibbia ha un esempio rappresentativo di come Dio opera sulla terra e con il suo popolo come lui
raccoglie la sua famiglia, scelta dallo Spirito Santo come ha ispirato gli autori che hanno scritto la parola.
1. Ciò che è stato registrato ha uno scopo, in quanto ha lo scopo di rivelarci Dio e di produrlo
fede, fiducia, obbedienza e speranza in noi.
2. Pertanto, quando guardiamo più volte gli stessi esempi, riconosciamo che essi
sono stati appositamente selezionati dallo Spirito Santo per darci il massimo della visione e dell'aiuto.
2. Num 13,14 – Questo particolare incidente è menzionato numerose volte nella Scrittura come esempio di cosa
non fare di fronte alle difficoltà della vita. È un eccellente esempio di come e come non gestire a
circostanza stimolante e pensieri ed emozioni da essa stimolati.
un. Dio liberò Israele dalla schiavitù in Egitto con il suo potere sotto la guida di Mosè. Il
Gli exploit compiuti da Dio avevano lo scopo di ispirare la fiducia in Lui e la sua fedeltà per mantenere la Sua
promesse nel suo popolo. Ex 14:31
b. Una volta che Israele fu al sicuro attraverso il Mar Rosso e la persecuzione dell'esercito egiziano fu distrutta, Israele lo fece
una meravigliosa celebrazione di lode. Es 15: 1-21
1. A quel punto, tutto sembrava a posto (il nemico era sparito ed erano liberi, per iniziare
il viaggio di ritorno in patria. In quell'atmosfera, il popolo ha proclamato la sua fiducia in Dio
e le sue promesse.
2. Quando raggiunsero Canaan, al confine, prima che l'intera compagnia attraversasse, Mosè mandò
dodici spie nella terra in missione di ricognizione.
c. Ritornarono a Mosè e nel resto di Israele quaranta giorni dopo con un rapporto. Tutte le spie furono d'accordo
che era una terra bella e generosa. E tutti concordarono sul fatto che c'erano ostacoli formidabili: murati
città, tribù simili a guerre e giganti. Num 13: 26-33
1. A causa del modo in cui gli esseri umani sono collegati, quel tipo di informazione verrebbe automaticamente
stimolare le emozioni in tutti coloro che hanno visto la terra e ascoltato il rapporto.
R. L'emozione primaria sarebbe la paura poiché ciò che potevano vedere era più grande del
risorse a loro disposizione se osservassero solo ciò che potevano vedere. Sembrava Israele
cavallette rispetto alle persone che vivevano nella terra. Num 13:33; Deut 1: 26-28
B. La vista e le emozioni porterebbero a pensieri o conclusioni su ciò che ciò potrebbe significare
Israele: se attraversiamo il confine in quella terra, moriremo. Num 14: 3
2. Se le emozioni e i pensieri generati dalla vista vengono lasciati incontrastati, possono spingerci ad agire.
Questo è esattamente quello che è successo in questo caso. Le persone si rifiutarono di entrare in Canaan.
A. Joshua, Caleb e Moses hanno sfidato le emozioni e i pensieri con la realtà come realmente
è o il modo in cui le cose sono veramente secondo Dio. Num13: 30; Num 14: 7-9; Deut 1: 29-33
B. Israele non ha ascoltato. Ma possiamo guardare questo esempio e vedere l'importanza di rifiutare di farlo
lasciare che emozioni e pensieri determinino le nostre azioni. Lasciamo che sia necessario determinare la Parola di Dio
cosa facciamo.
C. Le voci di Giosuè, Caleb e Mosè ci mostrano come è fatto: fai una scelta
fai apparire ciò che Dio dice di fronte a ciò che vedi e a ciò che senti.
TCC – 1012
4
1. Poiché la maggior parte di noi è abituata a scatenare le proprie emozioni, ciò sembra impossibile.
Ma ricorda, siamo agenti di libero arbitrio. Abbiamo sempre una scelta in ogni situazione.
2. Possiamo esercitare la nostra volontà e rifiutarci di agire su ciò che proviamo. E Dio, per la sua potenza
in noi ci rafforzerà interiormente per mantenere la nostra posizione quando ci schiereremo con Lui.
3. I Sam 25 – Mentre Davide era in fuga dal re Saul, trascorse del tempo nel deserto di Paran.
un. David sentì che un uomo benestante nella zona (Nabal) stava tosando le sue pecore, quindi David ne mandò un po '
gli uomini chiedono se Nabal potrebbe dare loro delle disposizioni. (Questa non era una richiesta irragionevole.
La tosatura delle pecore è stata un momento di festa e gli ospiti hanno partecipato frequentemente.) David ha detto a Nabal
che i suoi pastori erano stati ben trattati da lui e dai suoi uomini quando le loro strade si erano incrociate prima.
1. La risposta di Nabal fu offensiva e meno che vicina (v10-12) e fece arrabbiare David.
Era così arrabbiato che prese quattrocento uomini armati e inseguì Nabal per ucciderlo (v13).
2. Non c'è alcuna indicazione che David abbia fatto qualsiasi cosa per cercare di placare la sua rabbia o pensare in termini di:
In che modo Dio vorrebbe che io agissi in questa situazione.
b. Nel frattempo, i domestici di Nabal andarono da sua moglie Abigail e la avvertirono di ciò che stava succedendo. Lei
preparò un regalo per David e i suoi uomini e uscì per incontrarli per cercare di fermare lo spargimento di sangue.
1. C'è molto in questo account di cui non discuteremo ora, ma notate come ha parlato di David
dal fare ciò che la sua rabbia ha dettato.
2. Abigail parlò a David come avrebbe dovuto parlare da solo (v23-31): non lasciare che un uomo
come Nabal ti spinge ad agire in modo empio. Dio è il tuo difensore. Nessun uomo può distruggere
la tua reputazione. Il Signore manterrà la Sua promessa e un giorno sarai re. non
lascia che questo atto avventato sia un segno nero nel tuo record di integrità. Non versare sangue inutile.
c. v32-35 – Le sue parole calmarono Davide quando riconobbe la saggezza nelle sue parole. Possiamo imparare
da questo esempio del tipo di discorsi che può impedirci di agire sull'emozione della rabbia fino a quando
quella corsa iniziale si attenua.

1. Non essere mossi dalla fiducia in Dio è intenzionale in quanto possiamo rifiutare di cedere le sfide
le nostre emozioni e pensieri che sorgono nei momenti difficili. Possiamo imparare a riconoscerli e affrontarli
prima che ci muovano, prima che ci muovano.
2. II Cron 20: Giosafat e Giuda affrontarono una schiacciante forza nemica, ma Dio promise di aiutare
loro. Disse loro di mettersi in piedi e mantenere la propria posizione perché avrebbero visto il Suo aiuto.
un. Per concentrarsi sulla Parola di Dio, hanno impiegato lode e ringraziamento. Andarono in battaglia
lodando e ringraziando la sua amorevole benignità che dura per sempre. Elogio e ringraziamento
aiutò quelle persone a resistere alle emozioni e ai pensieri fino a quando non videro la loro liberazione.
b. Riconoscere Dio di fronte alle emozioni farà lo stesso per noi. Prendi il controllo delle tue emozioni
prima di agire su di loro. Non nutrire le emozioni. Riconosci Dio ringraziando e lodando
Lui per la sua bontà e opere meravigliose.