EMOZIONI, PENSIERI, AUTO-PARLARE

Scarica PDF
IMMOBILE NELLA TUA MENTE
FOCUS SU GESÙ
MANTIENI IL TUO FUOCO
NON FARE IL LAVORO DEL DIAVOLO
FINISCI IL TUO CORSO
VERA VITTORIA
METTETEVI IN PIEDI, VEDETE
OTTIENI IL CONTROLLO
CONTROLLA IL TUO SÉ-PARLA
EMOZIONI, PENSIERI, AUTO-PARLARE
INCORAGGIATI
1. In questa parte della nostra serie stiamo parlando di emozioni. Le sfide della vita generano emozioni e
le emozioni sono un fattore importante nel modo in cui gestiamo la vita. Pertanto, se rimarremo impassibili
il volto delle difficoltà e delle pressioni della vita, dobbiamo imparare a gestire le nostre emozioni.
un. Troppe persone basano le loro azioni su come si sentono nel momento. Non solo ci può ottenere
nei guai, è contrario a come i cristiani dovrebbero vivere. Dovremmo condurre
noi stessi, o ordiniamo le nostre vite, secondo la Parola di Dio, non importa come ci sentiamo.
1. Il fatto che non hai voglia di perdonare qualcuno o di essere gentile con qualcuno o quello
hai voglia di strappare verbalmente qualcuno non ti allevia dal tuo obbligo di obbedire
Dio. Ef 4:26; Ef 4: 31,32; I Pet 3: 8,9; eccetera.
2. Come ogni altra parte del nostro essere, le emozioni sono state corrotte dal peccato e possono guidarci
nel comportamento empio. Quindi dobbiamo imparare a riconoscere e controllare le risposte alle nostre emozioni.
b. Le emozioni sono le risposte spontanee della nostra anima a ciò che accade intorno a noi. Le emozioni lo sono
stimolato principalmente dalle informazioni che riceviamo attraverso i nostri sensi fisici.
1. Le emozioni sono involontarie. Ciò significa che non sono sotto il diretto controllo della tua volontà.
Non puoi provare te stesso a sentire o non sentire qualcosa. Tuttavia, è possibile controllare ciò che si
fai e come agisci, non importa come ti senti. Rom 8:13
2. Sebbene le emozioni siano reali (nel senso che sentiamo davvero qualcosa), possono darci imprecisioni
informazioni e ci spingono ad agire in modo empio. Pertanto, non otteniamo la tua visione della realtà
da ciò che vediamo e sentiamo.
3. Non neghiamo ciò che vediamo e sentiamo. Riconosciamo che la vista e i sentimenti non hanno tutto
fatti. C'è di più nella realtà di ciò che vediamo e sentiamo nel momento.
2. Nelle ultime settimane abbiamo esaminato la connessione tra emozioni, pensieri e
come parliamo con noi stessi. Continueremo quella discussione in questa lezione.
1. Parte di ottenere il controllo sulle tue emozioni e pensieri in modo che non ti spostino dalla tua fiducia
Dio o spingerti al peccato sta guadagnando il controllo del tuo parlare di te o del modo in cui parli con te stesso.
un. Il dialogo interiore è quel chiacchiericcio costante che continua nella nostra testa. Il dialogo interiore svolge un ruolo importante nella modellatura
e mantenendo il nostro modo di vedere la vita e il modo in cui affrontiamo la vita.
1. In un insegnamento fatto da Gesù, ha illustrato come ciò che vediamo, combinato con emozioni, pensieri,
e il dialogo interiore, possono lavorare insieme per spostarci da un luogo di fiducia in Dio.
2. In Matteo 6: 25-34 Gesù ordinò ai Suoi seguaci di non preoccuparsi di dove fossero le necessità
della vita verrà. Nel v31 ha specificamente incaricato loro di non pensare, dicendo.
R. Questo è il processo che tutti sperimentiamo. Vediamo o sentiamo qualcosa (in questo caso, la mancanza) e
l'emozione della preoccupazione è stimolata. Quindi i pensieri iniziano a venire da noi. Li prendiamo
e cominciamo a parlare con noi stessi: dove avremo cibo? Dove troveremo l'abbigliamento?
B. Mentre parliamo, o ci sentiamo più preoccupati e più ansiosi o rassicurati e incoraggiati,
a seconda di cosa ci diciamo. È così che siamo collegati, è così che Dio ci ha creati.
Se stai vivendo delle emozioni, stai anche pensando e stai parlando
te stesso su tutto questo.
b. A causa della nostra carne caduta, abbiamo la tendenza a impegnarci e rispondere ai pensieri e alle domande
che ci arrivano quando le nostre emozioni sono suscitate solo in base a ciò che vediamo e sentiamo nel momento. .
1. Abbiamo anche la tendenza a lasciare che le nostre emozioni e i nostri pensieri immediati conducano ad altri, anche di più
TCC – 1014
2
pensieri terribili. Man mano che emozioni e pensieri si alimentano a vicenda, il nostro dialogo interiore diventa più folle
2. Tendiamo ad abbellire e speculare una volta che le nostre emozioni iniziano: questa è la cosa peggiore
potrebbe accadere. Non ce la farò mai. Nessun altro ha a che fare con cose come questa.
R. Se stai usando parole come "nessuno, tutti o sempre" probabilmente stai abbellendo
e speculare perché non conosci tutti o tutto ciò che è mai accaduto
a tutti o cosa ti succederà in futuro.
B. Ricorderete che al confine di Canaan il popolo ebraico non voleva entrare nella terra
Dio li diede perché erano certi che sarebbero morti. Eppure nello stesso respiro, loro
dicevano: Vorremmo essere morti in Egitto o nel deserto invece che qui. Dio
ci ha portato qui per ucciderci tutti. Num 14: 1-3
2. Diverse settimane fa abbiamo assistito a un incidente nella vita di David che si è verificato mentre era in fuga da
Re Saul. I Sam 25
un. David trascorse del tempo nel deserto di Paran, dove, tra le altre cose, lui e i suoi uomini interagirono
con pastori che lavoravano per un uomo ricco di nome Nabal.
1. David ha sentito che Nabal tosava le sue pecore, quindi ha inviato alcuni dei suoi uomini per chiedere se Nabal potesse
dare loro alcune disposizioni. Questa non era una richiesta irragionevole a causa della tosatura delle pecore
è stato un momento di festa e gli ospiti hanno partecipato frequentemente. E David aveva curato Nabal
i pastori bene quando le loro strade si incrociavano prima. v7,8; 15,16
2. Nabal ha rifiutato e la sua risposta è stata offensiva e meno che vicina e ha reso David così
arrabbiato per aver preso quattrocento uomini armati e andato a uccidere la famiglia di Nabal. v10-13
b. Non vi è alcuna indicazione che David abbia fatto qualsiasi cosa per cercare di placare la sua rabbia o pensare in termini di “Come
Dio vorrebbe che io agissi in questa situazione ”. Invece, ha alimentato la sua rabbia con le sue chiacchiere.
1. v21,22 – Mentre Abigail si avvicinava, "David aveva appena detto," è stato molto utile per aiutare questo
compagno. Abbiamo protetto i suoi greggi nel deserto e nulla di ciò che possedeva è stato perso o rubato.
Ma mi ha ripagato il male per sempre '”(NLT). Quindi chiese a Dio di benedire il suo piano per uccidere tutti.
2. Nota che David aveva trattato Nabal in modo divino, ma si nutre del fatto che non lo avesse fatto
ottenere la risposta da loro che sentiva di meritare. Quindi, qual era il suo motivo nell'aiutare gli uomini?
Obbedire a Dio o ottenere qualcosa?
R. Questa è una lezione per un altro giorno, ma a volte la radice della nostra rabbia viene fuori dal male
motivi in ​​noi.
B. Inoltre, quando siamo arrabbiati, tendiamo a parlare, non solo di ciò che qualcuno ha fatto, ma
sul perché pensiamo che l'abbiano fatto e alimentino ulteriormente le nostre emozioni.
1. Siamo arrabbiati, non per quello che hanno fatto, ma per il motivo per cui pensiamo di averlo fatto.
Ma non puoi essere certo del perché qualcuno abbia fatto qualcosa a meno che non te lo dicano.
2. Esempio: qualcuno ci ignora in chiesa e speculiamo sul perché lo abbia fatto (a
ferirmi, mancarmi di rispetto; eccetera). Si scopre che ti ha ignorato perché non ti ha visto.
La sua attenzione era focalizzata su alcuni nuovi cattivi che aveva appena ricevuto.
3. Considera un altro esempio trovato nella storia di Giacobbe e di suo fratello Esaù. Jacob prese suo fratello
Il diritto di nascita di Esaù (tutti i suoi diritti di primogenito) e la benedizione (la benedizione di un padre per il suo primogenito).
Ci sono molte lezioni in questo account, ma noti diversi punti per la nostra discussione. Gen 27
un. Mentre il loro padre, Isacco, stava morendo e era giunto il momento di dare la benedizione al primogenito, Giacobbe
fece finta di essere Esaù e indusse suo padre a benedirlo.
b. Esaù reagì a ciò che gli fu fatto con amarezza (pianse amaramente, Gen 27:34). L'amarezza è
intensa ostilità e risentimento verso qualcuno. Era naturale che Esaù provasse un forte dolore
così grande delusione e perdita.
1. Ma nota come Esaù parlò a se stesso di ciò che accadde (Gen 27:36). Ha attraversato un
elenco di offese contro Jacob: Jacob ha rubato il mio diritto di nascita e ora ha rubato la mia benedizione.
R. La verità è che Esaù ha rinunciato al diritto di nascita per una scodella di stufato (Gen 25: 29-34). Noi siamo
ha detto che disprezzava il suo diritto di nascita. Non ha valutato la benedizione che Dio gli ha dato.
TCC – 1014
3
B. La ferita e il dolore di un'offesa possono distorcere la tua percezione della realtà. Questo è il motivo per cui abbiamo
guardare alla parola di Dio per informazioni accurate sulla situazione.
2. Nota anche cosa fece Esaù con il suo dolore emotivo. Gen 27: 41,42 – Si confortò con
pianificando la sua vendetta su Giacobbe, meditò sul male e nutrì il risentimento e l'amarezza.
4. Torniamo a Matt 6, dove Gesù insegnò ai Suoi seguaci a non preoccuparsi esortandoli a non impegnarsi
certi pensieri e dar loro da mangiare con se stessi.
un. Ha anche diretto i Suoi ascoltatori per focalizzare la loro attenzione, non sulla mancanza, ma sul loro Padre celeste
guardando la disposizione che dà alle creature che contano per Lui: uccelli e fiori. v26-31
b. Ricordando la bontà di nostro Padre e le meravigliose opere di fronte a circostanze difficili
nutre la nostra fede e fiducia in Lui che a sua volta calma le nostre emozioni.
c. Ottenere il controllo delle nostre emozioni e pensieri richiede una strategia sia a breve che a lungo termine.
1. A breve termine: controlla la bocca e cambia la concentrazione. Invece di parlare di ciò che è
sbagliato e come sta peggiorando, riconosci e loda Dio con la tua bocca. Ricorda il suo
aiuto passato e promessa di fornitura. Ricordati che niente è più grande di Dio.
2. A lungo termine: cambia la tua visione della realtà in modo che questa risposta diventi il ​​modo in cui vedi la vita
e non solo una formula per ottenere un sollievo immediato. E, lascia che la Parola di Dio esponga i difetti
la tua carne quella che ti rende cieco al fatto che il modo in cui gestisci le tue emozioni in alcuni
le aree non solo minano la tua fiducia in Lui, ma in realtà sono empie. Eb 4:12

1. Sappiamo dai suoi scritti che ha sperimentato paura, ansia, dolore, fastidio e rabbia. Gli piace
noi, abbiamo dovuto imparare a controllare questi sentimenti proprio come facciamo noi.
un. In una lezione precedente abbiamo menzionato che Paolo ha paragonato la vita cristiana a una competizione sportiva
Il suo pubblico aveva molta familiarità con questo tema perché tali concorsi erano una parte importante di
Vita greca e romana.
1. Paul ha chiarito che era determinato a finire la gara davanti a lui e rimanere fedele
e adempiere la volontà di Dio per lui. Atti 20: 22-24; II Tim 4: 7
2. Ha scritto che proprio come un atleta esercita autocontrollo e disciplina in modo da poter vincere
razza, Paolo si è disciplinato (I Cor 9:27). Parte dell'autodisciplina è controllare le nostre emozioni,
pensieri e chiacchiere.
b. Quando pieghiamo il ginocchio a Gesù come Salvatore e Signore, riceviamo la vita eterna nel nostro essere più intimo.
Siamo letteralmente nati da Dio. La rigenerazione del nostro spirito è l'inizio di un processo che lo farà
alla fine ci rendono come Gesù in ogni parte del nostro essere. Rom 8: 29,30 (Lezioni per un altro giorno)
1. Il nostro spirito umano rigenerato vuole sempre fare la volontà di Dio. Tuttavia, il nostro corpo, la mente,
e le emozioni non sono direttamente influenzate o modificate dalla nuova nascita. Dobbiamo imparare a controllare
loro dal potere di Dio in noi. Rom 6: 12,13; 18,19; Rom 8:13; Col 3: 5; eccetera.
2. Proprio come devi controllare il tuo corpo per evitare di soddisfare desideri e desideri, devi farlo
controlla i tuoi pensieri e le tue emozioni. Dobbiamo essere determinati a farlo come Paul.
2. Potremmo fare intere lezioni su ciò che la Bibbia rivela sulle emozioni di Paolo, ma consideriamo questi punti.
un. II Cor 6: 10 – Nel contesto delle molte prove che affrontò mentre predicava il Vangelo ai conosciuti
mondo, Paul parlava di essere dolorosi, ma di gioia.
1. Questa non può essere una risposta emotiva perché Paolo ha detto che si rallegrava quando si sentiva triste.
La gioia viene da una parola che significa essere "allegria" ful. Il tifo è uno stato d'animo. quando
fai il tifo per alcuni, dai loro speranza e li esorti a continuare.
2. Quando si sentì triste, si incoraggiò con le ragioni per cui aveva speranza. Si concentrò su Dio
bontà e aiuto e nutrito la sua fede piuttosto che i suoi sentimenti. Rom 12:12
b. II Cor 11: 28,29 – E oltre a tutte quelle cose che sono fuori, c'è il quotidiano [ineludibile
pressione] della mia cura e ansia per tutte le chiese! (V18); chi è debole e non mi sento [suo
TCC – 1014
4
debolezza? Chi è fatto per inciampare e cadere e farsi ferire la sua fede, e io non sono in fiamme [con
dolore o indignazione]? (Amp)
1. Paolo chiarì di aver sentito la pressione di tutte le responsabilità che aveva. E ha generato
emozioni in lui. Nota che una di quelle emozioni era l'indignazione che è rabbia o forte
dispiacere per qualcosa considerato ingiusto, offensivo, offensivo o di base.
2. È quello che ha scritto: Sii arrabbiato e non peccare (Ef 4:26). Doveva fare quello che diceva agli altri
da fare o era un ipocrita. Ef 4:26 continua dicendo: Non lasciare che il sole tramonti sul tuo
ira. Ciò significa: affrontarlo rapidamente. Non lasciarlo spazzare di rabbia.
A. Prima che Paolo piegasse il ginocchio a Gesù, secondo le sue stesse parole, lasciò che la sua rabbia infuriasse.
B. Atti 26:11 – E li ho puniti spesso in tutte le sinagoghe e ho cercato di farli
bestemmiando e con furia furiosa contro di loro li ho perseguitati anche in città straniere (ESV)
c. II Cor 11: 26 – Paolo si trovava in molte situazioni che avrebbero generato paura in chiunque. Quando lui
era a bordo di una nave che lo portava a Roma, fu catturato da una terribile tempesta e sembrava che ci fosse
nessuna via di fuga (Atti 27).
1. Gli apparve un angelo e gli disse di non temere. Respingere ogni paura (Weymouth); Non essere
spaventato (Amp). Nota, l'angelo non ha detto: non sentirti, ma piuttosto affrontalo. Prendi Dio
Esprimiti e incoraggia te stesso. v23,24
2. v25 - Otteniamo una finestra sul discorso interiore di Paul da ciò che ha detto all'equipaggio quando è uscito
i suoi alloggi dopo aver visto l'angelo: mantieni il tuo coraggio. Sarà proprio come Dio mi ha detto.
3. II Timoteo 4: 16-18 – Quando i sostenitori di Paolo lo abbandonarono perché minacciava l'esecuzione, il suo punto di vista
la realtà era: Dio è con me. Questo non è più grande di lui. Mi farà passare.
d. Atti 16:18 – Paolo fu infastidito da una schiava posseduta dal diavolo che seguì Paolo e Sila in giro
la città di Filippi per giorni proclamando che erano servitori di Dio.
1. Paul non ha permesso ai suoi sentimenti di commuoverlo. Invece, ha fatto l'opera di Dio e ha lanciato il diavolo
su. Sapeva che c'era qualcosa di più nella situazione di quello che poteva vedere e sentire in quel momento.
2. v18 – Allora Paolo, profondamente irritato e sfinito, si voltò e disse allo spirito dentro di lei: Io
accusarti nel nome di Gesù Cristo di uscire da lei. (Amp)
3. Paul e Silas furono arrestati, picchiati e incarcerati per aver aiutato questa ragazza. Come vorresti sentirti?
Come penseresti e parleresti se ti trovassi nella loro situazione?
A. Nota che non c'è alcun accenno al fatto che si biasimino a vicenda o a Dio, non ci siano accenni di lamentarsi e
raccontando tutti i torti fatti a loro, nessun abbellimento emotivo e speculazioni
su cosa sarebbe successo a loro.
B. Invece, hanno scelto di scavalcare le loro emozioni e di pregare e lodare Dio nelle loro
circostanza. v23-25