CONTROLLA IL TUO SÉ-PARLA

Scarica PDF
IMMOBILE NELLA TUA MENTE
FOCUS SU GESÙ
MANTIENI IL TUO FUOCO
NON FARE IL LAVORO DEL DIAVOLO
FINISCI IL TUO CORSO
VERA VITTORIA
METTETEVI IN PIEDI, VEDETE
OTTIENI IL CONTROLLO
CONTROLLA IL TUO SÉ-PARLA
EMOZIONI, PENSIERI, AUTO-PARLARE
INCORAGGIATI

1. In questa parte della nostra serie stiamo affrontando le emozioni e i pensieri generati dalle prove della vita. Essi
può essere così travolgente nel momento in cui sembriamo non avere alcun controllo su di essi. E li lasciamo
spostarci da un luogo di fiducia e fiducia in Dio. Lasciamo che ci allontanino dall'obbedire a Dio.
un. Le emozioni sono la risposta spontanea della parte soulish del nostro essere a ciò che sta accadendo
intorno a noi. Sono stimolati dalle informazioni che riceviamo attraverso i nostri sensi fisici.
b. Come cristiani, ci viene chiesto di camminare o ordinare la nostra vita secondo ciò che Dio dice e non
ciò che sentiamo (II Cor 5: 7; Prov 3: 5,6; ecc.). Le nostre emozioni sono inaffidabili.
1. Non solo le nostre emozioni sono state corrotte dal peccato e hanno troppe oscillazioni su di noi, ma spesso
ci forniscono informazioni inesatte poiché stanno rispondendo ai fatti limitati del momento.
2. E sono influenzati e influenzati dai nostri pensieri empi, dalle percezioni errate della realtà,
e le roccaforti (modelli di pensiero appresi) che abbiamo costruito nel corso della nostra vita.
A. Emozioni e pensieri lavorano insieme perché le emozioni alimentano i pensieri e i pensieri si nutrono
emozioni. Quando viene stimolata la paura, apparentemente pensieri come "Stai per morire"
uscire dal nulla e alimentare ulteriormente la paura.
B. Se il tuo pensiero è sbagliato e le tue emozioni ti stanno dando una direzione imprecisa e
informazioni che finirai per essere trasferito dall'obbedienza e dalla fiducia in Dio
c. Le emozioni sono involontarie, nel senso che non sono sotto il diretto controllo della nostra volontà. tu
non puoi provare te stesso a sentire o non sentire qualcosa. Tuttavia, puoi controllare quello che fai
e come agisci indipendentemente da ciò che senti. Rom 8:13; Ef 4:26; Sal 56: 3; eccetera.
2. Parte di ottenere il controllo sulle tue emozioni e pensieri in modo che non ti spostino dalla tua fiducia
Dio o ti spinge al peccato, sta guadagnando il controllo del tuo parlare di te.
un. Il parlare di sé è un termine che gli psicologi usano per riferirsi al chiacchiericcio costante che continua nella nostra mente. Noi
tutti parlano da soli tutto il tempo. Alcuni discorsi sono muti (solo nelle nostre teste) e altri lo sono
udibile (stiamo letteralmente parlando con noi stessi).
b. Il dialogo interiore svolge un ruolo importante nel modellare e mantenere il modo in cui vediamo la vita, così come il modo in cui noi
affrontare la vita. Se vogliamo rimanere impassibili di fronte alle difficoltà e alle difficoltà della vita, noi
deve saper gestire il nostro dialogo interiore. Questo è il nostro argomento in questa lezione.

1. v25 – Gesù iniziò dicendo ai Suoi seguaci di non preoccuparsi (o di non pensarci, come dice la KJV).
Gesù proseguì affrontando l'ansia che nasce dalla preoccupazione per dove saranno le necessità della vita
provengono da (cibo e vestiti).
un. La preoccupazione è un'emozione o un sentimento di ansia. L'ansia è "un disagio della mente, di solito per un
Ill imminente o previsto ”(Dizionario Webster). La preoccupazione è in realtà la paura di un evento futuro.
b. Quando affrontiamo (o vediamo) una circostanza di carenza ether se si tratta di un conto grande che non puoi pagare, perdita di a
lavoro, ecc., l'emozione della preoccupazione viene stimolata automaticamente.
1. A causa della mancanza che vediamo (come otterrò ciò di cui ho bisogno per vivere) abbiamo paura che il danno stia andando
venire da noi È del tutto normale. Siamo cablati per rispondere in questo modo.
2. Quindi, i pensieri (o il ragionamento) basati su ciò che vediamo e sentiamo vengono da noi: dove sto andando
ottenere cibo e vestiti? E inizi a parlarne con te stesso.
c. v31 – Notate che Gesù disse: Non pensare a dire. Questo è il dialogo interiore. Sentiamo l'emozione, scegli
il pensiero e iniziare a parlare con noi stessi. Mentre ne parliamo, o ci sentiamo più preoccupati e
più ansioso o rassicurato e incoraggiato, in base a ciò che ci diciamo ..
2. Questo processo di vista, emozioni e pensieri accade a tutti noi. Ma se non sappiamo come trattare
TCC – 1013
2
con esso, saremo spostati dalla fede e dalla fiducia in Dio.
un. Abbiamo la tendenza a impegnarci e rispondere a domande basate solo su ciò che vediamo e sentiamo, e quindi
lasciamo che le emozioni e i pensieri conducano ad altri, ancor più terribili, pensieri.
1. In questa economia come può chiunque abbia la mia età ottenere un lavoro! Il mio vicino era in un modo simile
situazione e ha perso tutto! Se mia moglie non fosse così cattiva nella gestione dei soldi non lo saremmo
in questa situazione! È tutta colpa sua!
2. Mentre le emozioni e i pensieri si alimentano a vicenda, il tuo dialogo interiore diventa sempre più folle. Malato
mai trovare un altro lavoro. Se non riesco a pagare le mie bollette, perderò la mia casa. Finiremo per vivere in a
box in un vicolo e morire di fame o congelare a morte!
b. Di fronte alla mancanza, non è irragionevole chiedersi da dove provenga la tua disposizione. Ma
se coinvolgi quel pensiero e inizi a parlarne con te stesso, devi sapere come rispondere
secondo la Parola di Dio. Questa è la risposta corretta: il mio Padre celeste mi aiuterà.
1. Quando Gesù fece queste affermazioni sul non preoccuparsi o sul pensare, aveva appena finito
insegnando al suo pubblico che hanno un Padre celeste che si prende cura di loro. Matteo 6: 9-13
2. Poi disse loro: nota gli uccelli e i fiori. Il tuo Padre celeste si prende cura di loro e
tu conta più per lui di loro. Matt 6: 26-32
c. "Non pensare" deriva da una parola radice che significa divisa. La parola stessa significa a
cure distrattive o qualcosa che distoglie la nostra attenzione da Dio e dalla Sua promessa di prendersi cura di noi.
1. Gesù ha incaricato i Suoi seguaci di esercitare la loro volontà e di porre la loro attenzione sul modo in cui le cose
sono veramente secondo Dio.
2. Invece di parlare con te stesso di dove procurerai cibo e vestiti, parla
te stesso riguardo al tuo amorevole Padre e alla sua promessa di prendersi cura di te.
3. Dobbiamo imparare ad esercitare l'autocontrollo nel modo in cui parliamo con noi stessi. Attraverso il nostro dialogo interiore, tutti noi
tendono a impegnarsi con pensieri che dovrebbero essere fermati nelle loro tracce, pensieri che alimentano le nostre emozioni e
portaci più lontano dalla realtà così com'è. Come puoi sapere se lo fai?
un. Ecco un esempio dei tipi di pensieri che minano la nostra fiducia in Dio, ci scoraggiano e
impedirci di diventare immobili.
1. Trascorriamo molto tempo a parlare con noi stessi di circostanze che in realtà non possiamo fare
qualsiasi cosa su  situazioni in cui non è possibile intraprendere azioni che la porteranno a
conclusione definitiva. (La tua azienda fallisce. Tua sorella si rifiuta di parlare
anche se hai provato a riconciliarti con lei. Le tue tasse sono aumentate.) Parlando costantemente
a te stesso riguardo a tale situazione c'è uno spreco di energia e alimenta le tue paure e ansie.
2. Impegniamo molti pensieri che ci deprimono e ci scoraggiano ulteriormente. (Se solo avessi o
non avevo fatto ... Dio è arrabbiato con me ... Sono un tale perdente ... nessuno mi amerà tutti.) Diventa
consapevole di quel tipo di chiacchiere e fermalo. Non fare il lavoro del diavolo per lui.
b. Gran parte del nostro dialogo interiore si concentra su ciò che potrebbe o non potrebbe accadere, piuttosto che su ciò che è
sta accadendo davvero. Come parte delle istruzioni di Gesù su come affrontare le preoccupazioni, ha detto: non prendere in prestito
guai di domani. Matt 6:34 - Quindi non preoccuparti per il domani, perché il domani porterà il suo
preoccupazioni. I problemi di oggi sono sufficienti per oggi (NLT).
1. Impegnandoci con pensieri che non avremmo mai dovuto prendere, lasciamo spesso qualcosa che non ha
succede e potrebbe non succedere mai rovina oggi. Lasciamo che un potenziale evento futuro si formi completamente
il momento presente. Non dovrebbe essere.
2. Se è qualcosa che accadrà sicuramente e non puoi fermarlo, concentrati
realtà com'è veramente. Inizia a parlare con te stesso del fatto che nulla può venire contro di te
quello è più grande di Dio.
4. Prima di andare avanti, lascia che ti chieda una cosa. Per favore, non prendere questa lezione come una tecnica che puoi
serve per risolvere la tua crisi immediata: se smetto di dire certe parole e comincio a dire altre parole,
le cose andranno bene per me. Non ha nulla a che fare con una tecnica.
un. Si tratta di cambiare la tua visione della realtà imparando a vedere le cose come Dio le vede, imparando
TCC – 1013
3
come ricordare ulteriori fatti della Parola di Dio.
b. Dio onnipotente e onnisciente ha tutti i fatti su tutto. La realtà è tutto come la vede.
Ci ha dato la Bibbia per aiutarci a vedere come stanno veramente le cose. Quando impariamo a vedere la vita
termini di ciò che dice, nessuna circostanza, emozione o pensiero sarà in grado di allontanarci
fiducia in lui.
1. Guardammo Israele quando arrivarono al confine di Canaan dopo che Dio li liberò dalla schiavitù
Egitto e li ha riportati alla loro terra natale ancestrale. Mosè esortò il popolo: abbiamo raggiunto il
terra che Dio ci ha promesso. Adesso entra e occupalo. Non avere paura o scoraggiamento. Deut 1:21,
un. Tuttavia, prima che l'intera compagnia attraversasse il confine ed entrasse nella terra, su insistenza di
il popolo, Mosè mandò dodici spie nel paese in missione di ricognizione.
b. Ritornarono a Mosè e nel resto di Israele quaranta giorni dopo con un rapporto. Tutte le spie furono d'accordo
che era una terra bella e generosa. E tutti concordarono sul fatto che c'erano ostacoli formidabili: murati
città, tribù simili a guerre e giganti. Num 13: 26-33
1. A causa del modo in cui gli esseri umani sono collegati, quel tipo di informazione verrebbe automaticamente
stimolare le emozioni in tutti coloro che hanno visto la terra e ascoltato il rapporto. L'emozione primaria
sarebbe paura dal momento che ciò che potevano vedere era più grande delle risorse a loro disposizione se
guardavano solo ciò che potevano vedere.
2. La vista e le emozioni generate da ciò che potevano vedere avrebbero portato a parlare di sé che le spie
espresso mentre davano il loro rapporto al resto di Israele. Le parole che pronunciarono non arrivarono
nel momento in cui hanno presentato il loro rapporto. Le loro parole erano un'espressione della loro visione di
la realtà e ciò che si stavano dicendo mentre scorgevano la terra.
A. Dieci delle spie dichiararono che assomigliamo a cavallette rispetto alla gente del
sbarcare. Questa terra inghiottirà chiunque vi entri. Num 13: 32,33
B. Joshua e Caleb dichiararono che Israele era in grado di conquistare la terra. Num 13:30; 14: 7-9
1. Giosuè e Caleb parlarono con se stessi e con le persone a cui riferivano
ricordando a se stessi e agli altri che Dio era con loro e avrebbe mantenuto la Sua
Parola per portarli nella terra.
2. Es 3: 8 - La prima cosa che Dio disse a Mosè quando chiamò l'uomo per condurre Israele fuori
L'Egitto era: sono venuto per liberarti dall'Egitto e portarti nel tuo
terra, terra di generosità e bellezza.
2. Il Libro del Deuteronomio fornisce ulteriori informazioni su ciò che è accaduto al confine di Canaan.
Mosè fu anche coinvolto nell'incoraggiare il popolo a ricordare la promessa di Dio ed entrare nella terra.
un. Deut 1: 28 - Scopriamo che i dieci spiati hanno scoraggiato l'intera compagnia con quello che hanno detto.
1. Scoraggiato significa letteralmente liquefarsi e viene usato in senso figurato per svenire con affaticamento,
paura o dolore. La parola tradotta scoraggiata in v21 significa frantumare o spaventare.
2. In altre parole, le spie alimentavano non solo le proprie emozioni ma anche quelle degli altri.
b. Hanno dato un rapporto basato solo su ciò che potevano vedere (persone più alte e più potenti di noi)
e spaventato la gente. E, quando le emozioni iniziano a parlare, le cose peggiorano, perché tutti abbiamo un
tendenza ad abbellire e speculare. Succede a noi e è successo a loro.
1. L'abbiamo fatto tutti. Succede qualcosa di brutto e ci diciamo che questa è la cosa peggiore
mai successo. Il novantanove percento delle volte, non è vero. Qualcosa di peggio potrebbe essere
accadendo. Ma pensiamo che sia la cosa peggiore di sempre. Parliamo così con noi stessi e noi
sentiamo più paura, più senza speranza, più qualunque cosa sentiamo.
2. Nota cosa hanno detto le spie: Num 13: 32 – Il paese inghiottirà chiunque vada a viverci. Tutti
le persone sono enormi (NLT). Veramente? Tutti coloro che entrano in questa terra muoiono davvero? Did
TCC – 1013
4
vedono davvero tutti quelli che vivono nella terra? No. Questo è abbellimento.
c. Mosè parlava come fecero Giosuè e Caleb. Esortò di nuovo il popolo: non aver paura (Deut
1). Nota, non ha detto: non provare paura. Ha detto: non agire su di esso.
1. Mosè ricordò loro la realtà così com'è: Dio ti precederà e combatterà per te come
l'hai visto fare in Egitto. Ricorda come si è preso cura di te ancora e ancora nel
deserto, come un padre si prende cura di suo figlio. Deut 1: 30,31
2. Le voci di Giosuè, Caleb e Mosè ci mostrano come possiamo ottenere il controllo delle nostre emozioni e
impedisci loro di spingerci ad agire in modo empio. Fai una scelta per far apparire ciò che Dio
dice di fronte a ciò che vedi e a come ti senti. Fai in modo che le tue chiacchiere alimentino la tua fede
e non le tue paure.
3. Il popolo di Israele non ascoltò Giosuè, Caleb o Mosè. In effetti, una volta ricevuto il rapporto dal
spie, hanno dato completamente le loro emozioni e le hanno alimentate, peggiorando le cose.
un. Num 14: 1-3 – Hanno pianto tutta la notte. Questo era il loro dialogo interiore: avremmo voluto essere morti in Egitto,
o anche qui nel deserto. Usciamo di qui e torniamo in Egitto (v2, NLT). Veramente?
Quanto è ridicolo? Erano schiavi in ​​Egitto che gridavano a Dio perché Lui lo liberasse
loro dalla loro condizione. Es 3: 7
b. Quindi hanno iniziato a speculare (sulla base dei loro sentimenti) sul perché il Signore li avesse portati a questo
posto. Hanno concluso che li ha portati lì per morire in battaglia e ha consegnato le loro mogli
e i bambini da portare via come schiavi.
1. Questo era completamente contrario al motivo per cui Dio li ha liberati. Li portò fuori dall'Egitto a
portali nella loro terra, terra di generosità e bellezza. Es 3: 8
2. Tutti noi abbiamo fatto la stessa cosa. Quando le emozioni e i pensieri hanno libero regno in noi,
come loro, il nostro dialogo interiore diventa sempre più folle. E le nostre emozioni e pensieri, insieme a
il dialogo interiore ci spinge alla folle speculazione, portandoci più lontano da Dio e dalla Sua Parola.
1. Se vuoi diventare e rimanere impassibile di fronte alle sfide della vita, devi diventare
consapevole di come parli con te stesso. Devi avere il controllo del tuo dialogo personale per ottenere il controllo del tuo
pensieri ed emozioni. Devi dirti come stanno veramente le cose secondo Dio.
un. Inutile dire che non puoi farlo senza la Parola di Dio e lo Spirito di Dio. Il
La Parola di Dio ci mostra come stanno veramente le cose. Lo Spirito di Dio in noi è il potere di prendere
controllare.
b. Dobbiamo imparare a fare una scelta per far apparire ciò che Dio dice di fronte a ciò che vediamo e sentiamo.
Esercitiamo la nostra volontà e rifiutiamo di agire su ciò che proviamo. E Dio, con la sua potenza in noi, lo farà
rafforzaci interiormente per mantenere la nostra posizione quando ci schieriamo con Lui.
2. Non neghiamo ciò che vediamo e sentiamo. Riconosciamo che c'è di più nella realtà di ciò che vediamo e
sentire. Riconosciamo che ciò che vediamo e sentiamo non altera ciò che Dio dice. Più la prossima settimana!