NON FARE IL LAVORO DEL DIAVOLO

Scarica PDF
IMMOBILE NELLA TUA MENTE
FOCUS SU GESÙ
MANTIENI IL TUO FUOCO
NON FARE IL LAVORO DEL DIAVOLO
FINISCI IL TUO CORSO
VERA VITTORIA
METTETEVI IN PIEDI, VEDETE
OTTIENI IL CONTROLLO
CONTROLLA IL TUO SÉ-PARLA
EMOZIONI, PENSIERI, AUTO-PARLARE
INCORAGGIATI
1. Matteo 7: 24-27 - Gesù raccontò una parabola su due case, entrambe colpite da una tempesta. Una casa
sopravvissuto alla tempesta. L'altro no.
un. Gesù collegò i diversi destini delle due case alla Parola di Dio. Ha detto che quello
chi ascolta e fa ciò che Dio dice sopravviverà alle tempeste della vita. v24 – ascolta e agisce su (Amp);
li mette in pratica (Phillips); agisce di conseguenza (Rieu).
b. Non sono le circostanze della vita stessa a distruggerci, non è conoscere e fare Dio
Parola in mezzo alle circostanze.
2. In questa serie, stiamo discutendo su come affrontare le sfide della vita in un modo che ci impedisce di essere
commosso da loro. Nelle ultime settimane abbiamo esaminato il fatto che la Parola di Dio insegna
I cristiani a focalizzare la nostra attenzione su Gesù.
un. Ci viene detto di vivere le nostre vite "distogliendo lo sguardo [da tutto ciò che può distrarre] verso Gesù" (Amp), e verso
consideralo o contemplalo in modo che non ci stanchiamo nelle nostre menti. Eb 12: 1-3
b. Basandoci sulla parabola di Gesù delle due case nella tempesta, possiamo presumere che se ascoltiamo questa Parola
da Dio e metterlo in pratica (o concentrarsi su Gesù), sopravviveremo alle tempeste della vita.
1. Ma come concentrarci su Gesù? Viviamo costantemente con un'immagine mentale di Gesù
la nostra testa. Ogni pensiero che abbiamo deve riguardare Dio o avere Dio in esso?
2. No. Concentrarsi su Gesù significa porre la tua attenzione mentale sulla Parola di Dio e considerare
le tue circostanze in termini di ciò che Dio dice piuttosto che di ciò che vedi e senti.
c. In questa lezione parleremo ancora di ciò che significa focalizzare la nostra mente su Gesù.
1. Col 3: 2 – L'apostolo Paolo, un uomo che non si commuoveva per le difficoltà della vita, scrisse che i cristiani
dobbiamo concentrarci sulle cose sopra. Lo stesso Paul disse di aver affrontato la vita con cose mentalmente considerate
non poteva vedere (II Cor 4:18). Le dichiarazioni di Paolo sono semplicemente un altro modo di dire: concentrarsi su Gesù.
un. Quando leggiamo tutti gli scritti di Paolo, troviamo ciò che intendeva dire nelle sue dichiarazioni. Per concentrarsi su Gesù,
orientare le cose sopra, considerare mentalmente cose che non si possono vedere significa:
1. Vivi con la consapevolezza che c'è di più nella vita di questo momento presente e di più nel tuo
la vita non solo questa vita. In altre parole, tieni le cose in prospettiva. Nessuno in paradiso lo è
piangendo per quello che dovevano affrontare in questa vita.
2. Vivi con la consapevolezza che c'è di più nella tua situazione di ciò che vedi e senti in questo
momento. Non importa quello che vedi e senti, Dio Onnipotente è perfettamente presente con te nel
in mezzo alle tue circostanze per aiutarti. Ti farà passare fino a quando non ti farà uscire.
3. Vivi con la consapevolezza che nulla può venire contro di te che è più grande di Dio. Non importa
come appare o si sente, le risorse disponibili per te sono maggiori di quelle che stai affrontando.
b. Paul stava in realtà parlando dello sviluppo di una prospettiva sulla vita coerente con la strada
le cose sono davvero secondo Dio. La sua Parola, la Bibbia, ci mostra la realtà come è veramente.
c. Nessuno di noi vede naturalmente le cose come le vede Dio (lezioni per un altro giorno). Questo
la prospettiva deve svilupparsi in noi attraverso una lettura regolare della Bibbia e un buon insegnamento. Questo è quello che
rinnovare la mente è tutto. Rom 12: 2
2. Anche quando sviluppiamo una tale prospettiva, ci sono sfide costanti che la fanno apparire e sentire
anche se ciò che Dio dice non è così. Pertanto, dobbiamo imparare a riconoscere e gestire le distrazioni che
distogliete la nostra attenzione da Gesù (o dal modo in cui le cose sono veramente secondo Dio).
TCC – 1008
2
un. Marco 4: 14-20 - Gesù raccontò un'altra parabola in cui lo rivelò tra la prima e la seconda
venire il suo regno avanzerebbe attraverso la predicazione della sua Parola. Gesù lo ha chiarito
ci saranno sfide alla Parola di Dio che possono renderla infruttuosa nelle nostre vite se non lo facciamo
sapere come affrontarli: il diavolo; persecuzione, afflizione e tribolazione; le preoccupazioni di questo
mondo, l'inganno delle ricchezze e brama di altre cose.
b. Potremmo fare un'intera serie su ciascuna di queste distrazioni, ma per ora, consideriamo un punto. Il
il diavolo viene a rubarci la Parola di Dio. Marco 4:15
1. Cerca di distrarci, di farci distogliere lo sguardo da Cristo (o distogliere la nostra attenzione mentale da
il modo in cui le cose sono realmente secondo la Parola di Dio) e quindi ci scoraggiano e minano
la nostra fede e fiducia in Dio.
2. I suoi sforzi possono essere particolarmente efficaci quando siamo in un posto difficile perché, in quei tempi,
siamo più vulnerabili emotivamente e talvolta persino fisicamente.
3. Paolo era ben consapevole che i credenti possono essere spinti nelle loro menti dagli sforzi del diavolo. Lo vediamo
in una dichiarazione fatta ai cristiani che vivono nella città di Corinto, in Grecia. II Cor 11: 3
un. C'è di più nelle parole di Paul di cui possiamo discutere ora, ma notate che era preoccupato per il loro
le menti venivano colpite e sarebbero state corrotte dalla semplicità in Cristo.
1. Corrotto significa rovinare, rovinare, portare a uno stato peggiore. La semplicità viene da una parola
ciò significa single, single. Indica semplicità, sincerità.
2. II Cor 11: 3 - Ma temo che Eva sia stata sedotta dall'astuzia del serpente, così il tuo
l'immaginazione dovrebbe essere corrotta e dovresti essere sedotto dalla tua mente unica
fedeltà a Cristo. (Conybeare); Ma temo che mentre il serpente ingannava Eva, la tua
i pensieri saranno sviati da una sincera e pura devozione a Cristo (RSV).
3. Notate, Paolo disse che era preoccupato che ciò che era accaduto a Eva sarebbe accaduto a loro.
La storia della Genesi rivela che il diavolo ha rubato la Parola di Dio da Eva e l'ha distratta
la sua sincera fedeltà a Dio.
b. Quando torniamo a Genesi 3: 1-6 vediamo come ha fatto il diavolo. Ha lavorato sulla sua mente e
ha minato la sua fiducia in Dio mentendole. Eva intrattenne le menzogne ​​e si persuase
che erano vere. Quindi ha agito su di loro.
1. Gen 3: 1 - Il serpente citò erroneamente la Parola di Dio a Eva e scagliò sottilmente un'accusa a Dio
con la sua citazione errata: può davvero essere (Amp); Dio ha davvero detto (NLT) che non puoi mangiare
qualcuno degli alberi da giardino? L'istruzione di Dio ad Adamo ed Eva fu che potevano mangiare
ogni albero tranne uno (Gen 2: 16,17).
2. Gen 3: 2,3 - Anche Eva citò male Dio nella sua replica al serpente: Possiamo mangiare da ogni albero
ma uno. Non possiamo nemmeno toccare quell'albero o moriremo. Tuttavia, Dio non disse nulla del genere.
3. Gen 3: 4,5 – Quindi il diavolo ha sfidato direttamente la Parola di Dio, dichiarando che non era vera. Disse
Eve che, non solo non sarebbero morti, mangiare dall'albero era benefico, minando ulteriormente
Il carattere di Dio per lei.
4. Gen 3: 6 – Invece di guardare a Dio (concentrando la sua attenzione sulla Sua Parola) Eva guardò il
albero e considerato ciò che il diavolo ha detto che avrebbe fatto per lei. Si è impegnata con i pensieri.
c. Il diavolo ha mentito ad Eva su se stessa e le sue circostanze. Ha detto qui: ti manca
qualcosa ed è colpa di Dio. E ha mentito qui sulle conseguenze del disobbedire a Dio:
Non succederà niente di brutto. In effetti, guadagnerai facendolo.
d. Non c'è niente di nuovo sotto il sole. Il diavolo usa ancora queste stesse bugie per rubare la Parola di Dio.
Mentisce alle nostre menti su noi stessi, sulle nostre circostanze e sulle conseguenze della disobbedienza.
E se ci impegniamo con le sue bugie, finiremo come Eva.
4. Molti cristiani sinceri fraintendono come funziona il diavolo. Attribuiamo i problemi della vita al diavolo
e prova a rimproverarlo dalla nostra gomma a terra e dalla nostra lavatrice rotta. La Bibbia non ci dice mai
attenti al potere del diavolo. Piuttosto, ci avverte di stare attenti alle sue strategie mentali o ai suoi problemi. Ef 6:11
un. Il diavolo viene a rubare la Parola di Dio. Non può prenderlo da noi. Deve convincerci a rinunciarci.
TCC – 1008
3
Tenta di influenzare il nostro comportamento presentandoci pensieri su cui spera che agiremo.
b. Se la tua percezione della realtà non cambia mai o non impari a controllare la tua mente e a smettere
coinvolgendo alcuni pensieri, il lavoro del diavolo è molto più semplice.
1. Ecco perché rinnovare la mente è così vitale, in modo che possiamo distinguere le bugie dalla verità. Paolo
disse ai cristiani di indossare l'armatura di Dio che possiamo opporci alle astuzie del diavolo.
2. Ef 6:13 - Si ripeteva quando scriveva: prendi tutta l'armatura di Dio affinché tu possa
essere in grado di sopportare il giorno della difficoltà (giorno del male). La Parola di Dio (la verità) è la nostra armatura contro
le bugie del diavolo. "Le sue fedeli promesse sono la tua armatura e protezione." (Sal 91: 4, NLB)
5. Il diavolo deve parlarci dalla Parola di Dio. Lui approfitta di ciò che non sappiamo e lui
cerca di distorcere ciò che sappiamo. Cerca di distrarci, di farci distogliere lo sguardo da Cristo e pensare
sulle cose basate solo su ciò che vediamo e sentiamo nel momento. Prendi in considerazione un esempio.
un. Il diavolo usò Pietro per cercare di rubare la parola di Dio da Gesù. Ricorda, Gesù (nel suo
umanità) è stato tentato in tutti i punti che siamo. Eb 4:15
1. Gesù venne sulla terra per morire e adempiere la Parola di Dio (profezie dell'Antico Testamento riguardanti
La sua morte, sepoltura e risurrezione). Questo fu un tentativo di Satana di minare Gesù
fiducia nella Parola di Dio attraverso Pietro, uno dei più intimi seguaci di Gesù.
2. Matteo 16: 21-23 – Quando Gesù informò i suoi discepoli che sarebbe stato ucciso dal religioso
leader a Gerusalemme, Pietro lo rimproverò. Tuttavia, Gesù ha riconosciuto che il pensiero
originato dal diavolo, non da Pietro. Gesù resistette piuttosto che impegnare il pensiero.
b. v23 – Notate, Gesù definì Satana un'offesa. L'offesa è la parola greca skandalon. Significa il
grilletto di una trappola su cui è posizionato. Quando l'esca viene toccata da un animale, il grilletto balza,
facendo chiudere la trappola sull'animale.
1. Il diavolo offrì a Gesù esca per mezzo di Pietro che accettava aveva pensieri che avrebbe dovuto avere
respinto. Sebbene Pietro non avesse ancora capito il piano di Dio e ciò che il Signore stava andando
per fare attraverso la morte di Gesù, avrebbe dovuto concentrarsi su Gesù e fidarsi di Lui.
2. Nota la valutazione di Gesù sul processo di pensiero coinvolto in questo incidente: per te guarda
cose, non come Dio, ma come fa l'uomo. (XX sec.)
1. Quando i pensieri passano per la mente tendiamo a raccoglierli e iniziamo a nutrirci di loro. Ma, secondo
a Gesù ci sono alcuni pensieri con cui non dovremmo impegnarci.
un. In Matt 6:31, nel contesto di non preoccuparsi della provenienza delle necessità della vita,
Gesù ha detto: non pensare a nulla. Nel suo esempio include questa domanda: dove sto andando
ottenere cibo e vestiti? Questa è una domanda ragionevole di fronte alla mancanza.
1. Ma, se ti impegni, devi conoscere la risposta corretta: Mio Padre mi aiuterà. io
importa più di un uccello o un fiore. Matteo 6:26
2. Abbiamo la tendenza a impegnarci e rispondere a domande basate solo su ciò che vediamo e sentiamo, e
poi lasciamo che quel pensiero e la risposta errata conducano ad altri pensieri ancora più terribili.

b. Oltre ai pensieri, le sfide della vita generano emozioni che ci rendono più vulnerabili al
bugie del diavolo. Dobbiamo conoscere la verità in modo da poter riconoscere le bugie e affrontarle prima
ci spingono ad agire, anche quando è difficile e sembra più naturale nutrirsi dei pensieri.
1. Se non affrontate, queste distrazioni mentali ed emotive possono influire sulla tua fede e fiducia
in Dio e alla fine ti spinge ad agire in modo contrario a Lui.
R. Nessun cristiano sincero si sveglia una mattina e dichiara: oggi mi impegnerò
adulterio o appropriazione indebita di denaro dal mio datore di lavoro o rifiuto di Dio e diventare ateo.
B. Invece, permettono alla loro attenzione di essere lentamente distratti dalla Parola di Dio da sentimenti,
pensieri e circostanze al punto in cui tali scelte sembrano ragionevoli.
TCC – 1008
4
2. Per resistere alle tempeste della vita e rimanere impassibile, devi ottenere il controllo della tua mente. Quello
significa che devi esercitare l'autocontrollo nella tua mente e rifiutarti di impegnarti con determinati pensieri.
2. Tutti noi abbiamo di volta in volta pensieri minatori di fede che dobbiamo riconoscere e respingere.
Ricorda, non c'è nulla di nuovo sotto il sole. Tutti siamo tentati da tali pensieri. Considera questi
esempi dei tipi di pensieri che sorgono di fronte ai problemi.
un. A Dio non importa di me. È interessante notare che quando i discepoli hanno incontrato un mortale
tempesta sul Mar di Galilea e l'amica di Gesù Marta sentì di essere stata sfruttata da lei
sorella, le prime parole che pronunciarono a Gesù furono: non ti importa? Marco 4:38; Luca 10:40
1. La carne caduta e le menti non rinnovate (con l'aiuto delle menzogne ​​del diavolo) si affrettano ad accusare
Dio di aver sbagliato a causa di come ci sentiamo nel momento.
2. Non solo questa affermazione è imprecisa, mina la tua fiducia in Dio e lo rende più facile
giustificare comportamenti empi. Devi chiudere immediatamente questo tipo di pensieri.
b. Se fossi stato qui. Quando l'amico di Lazzaro di Gesù morì e Gesù arrivò sulla scena, Lazzaro
le sorelle dissero: se tu fossi stato qui, nostro fratello non sarebbe morto. Giovanni 11:21
1. Nota che questa è un'altra accusa contro Dio. Dio non è mai dietro le prove della vita. Loro sono
parte della vita in un mondo caduto. Dio è sempre al lavoro per il bene. (lezioni per un altro giorno).
2. Il punto è che la carne caduta e le menti non rinnovate (con l'aiuto del diavolo) sono veloci
accusare Dio. Devi accorgertene e spegnerlo immediatamente.
c. Tutto è contro di me. Jacob perse il suo figlio prediletto Joseph quando i suoi fratelli gelosi lo vendettero
in schiavitù. Attraverso una lunga serie di eventi Joseph finì al comando di una distribuzione di cibo
programma in Egitto durante un periodo di grave carestia. Jacob ha inviato i suoi figli sopravvissuti (ad eccezione di
Benjamin) in Egitto per il cibo. Sono tornati da loro padre con del cibo, ma anche con la notizia che
il fratello Simeon era in prigione in Egitto e non sarebbe stato rilasciato fino a quando Benjamin non fosse stato portato in Egitto.
1. La reazione di Jacob al loro rapporto fu: Tutto è contro di me (Gen 42:36). Ma, come sappiamo
(perché sappiamo come è finita la storia) non era così. Jacob stava per riunirsi
con suo figlio Joseph e non perderebbe Benjamin o Simeon.
2. Ma il diavolo non doveva fare nulla per scoraggiare Jacob o i suoi figli. Jacob se ne è preso cura.
3. Non fare il lavoro del diavolo per lui. Rifiuta di accusare Dio o scoraggiarti, non importa come le cose
guarda o come ti senti. Controlla la tua mente. Ci sono sempre più informazioni disponibili di quello che tu
vedere e sentire: Dio con te e per te, lavorando dietro le quinte, per portare il vero bene dal cattivo.

1. Riporta la tua attenzione su Gesù ringraziandolo per come sono realmente le cose secondo la Sua Parola.
Ringrazia Lui che c'è di più nella tua situazione di quello che vedi e senti nel momento.
2. Metti le cose in prospettiva. Grazie a Dio che hai un futuro e una speranza, e che nella vita a venire, il
i problemi che stai vivendo sembreranno niente. Resisterai alla tempesta Più la prossima settimana !!