METTETEVI IN PIEDI, VEDETE

Scarica PDF
IMMOBILE NELLA TUA MENTE
FOCUS SU GESÙ
MANTIENI IL TUO FUOCO
NON FARE IL LAVORO DEL DIAVOLO
FINISCI IL TUO CORSO
VERA VITTORIA
METTETEVI IN PIEDI, VEDETE
OTTIENI IL CONTROLLO
CONTROLLA IL TUO SÉ-PARLA
EMOZIONI, PENSIERI, AUTO-PARLARE
INCORAGGIATI

1. La fede viene persuasa di cose che non puoi vedere o sentire perché qualcuno di affidabile ti ha parlato
loro. La fiducia è garantita dall'affidamento al carattere, all'abilità, alla forza o alla verità di qualcuno o qualcosa
(Dizionario Webster).
un. Essere mossi dalla fede o dalla fiducia in Dio può variare dal dubitare della sua cura e aiutare fino in fondo
a respingere la sua esistenza.
1. In questo mondo ci arrivano ogni genere di cose che minano la nostra fiducia in Dio e la rendono
sembra che Dio non sia reale o che ci abbia dimenticato o che non si preoccupi di noi.
2. Se non sappiamo come affrontare questa testimonianza contraria dalle nostre circostanze, può farlo
scuoti la nostra fiducia in Dio.
b. Dio ha donato agli esseri umani il libero arbitrio (tonnellate di lezioni per un altro giorno). Perché abbiamo il
Potere scelto da Dio, possiamo scegliere di non essere mossi.
1. Non essere commossi è intenzionale, fidarsi di Dio è intenzionale perché possiamo rifiutare di cedere
le sfide che cercano di minare la nostra fiducia in Dio.
2. Possiamo scegliere: affondare o nuotare, vivere o morire, mi rifiuto di negare Dio o dubitare della sua Parola per me.
2. Gran parte del diventare inamovibile implica imparare a gestire le emozioni e i pensieri che
sorgono quando incontriamo le difficoltà della vita. Pensieri ed emozioni possono sembrare così sconvolgenti che noi
crediamo di non avere alcun controllo su di loro e li lasciamo spostare da un luogo di fiducia in Dio. Ma noi
avere il controllo. Questo è ciò di cui vogliamo occuparci in questa lezione.

1. Il nostro corpo è la casa dei nostri sensi (vista, udito, gusto, tatto, olfatto). Il nostro spirito è la parte di noi
capace di comunione diretta con Dio. La nostra anima è formata dalle nostre facoltà mentali ed emotive.
un. Quando una persona riconosce Gesù come Salvatore e Signore, il suo spirito viene purificato e rigenerato da
lo Spirito di Dio attraverso ciò che la Bibbia chiama la nuova nascita. Giovanni 3: 3,5; Tito 3: 5; eccetera.
b. Se hai piegato il ginocchio a Gesù Cristo e sei rinato, ora sei un figlio letterale o
figlia di Dio dalla seconda nascita. 5 Giovanni 1: 1; Giovanni 12:XNUMX; eccetera.
1. Il tuo spirito rigenerato è stato ed è ora abitato dallo Spirito Santo. Il tuo spirito adesso
vuole sempre fare la volontà di Dio e ha il potere di farlo.
2. La tua anima (facoltà mentali ed emotive) e il tuo corpo non sono stati direttamente influenzati dal
nuova nascita e continuerà a reagire e rispondere come hanno fatto prima che tu nascessi di nuovo,
a meno che tu non eserciti la tua volontà e li porti sotto il controllo del tuo spirito ricreato e del
Parola di Dio.
2. Le emozioni (gioia, dolore, paura, ecc.) Sono le risposte della nostra anima a ciò che accade intorno a noi.
un. Emozioni o sentimenti sono involontari. Ciò significa che non sono sotto il diretto controllo della volontà.
Non puoi provare te stesso a sentire o non sentire qualcosa. Sono stimolati dalle informazioni
fornito dai nostri sensi fisici.
b. Sebbene le emozioni siano una reazione allo stimolo che è probabilmente al di fuori del nostro controllo diretto, noi
può controllare ciò che facciamo e come agiamo, indipendentemente da come ci sentiamo.
1. Ef 4: 26 – Paolo disse ai credenti: siate arrabbiati ma non peccate. In altre parole, ci sono cose che
stimolerà l'emozione della rabbia. Ma non devi permettere che quell'emozione ti spinga a peccare.
(Poiché la Legge di Dio è riassunta in due comandamenti, ama Dio con tutto ciò che hai
avere e amare il prossimo come te stesso: peccare significa uscire dall'amore (lezioni per
TCC – 1011
2
un altro giorno).
2. Salmo 56: 3 - Davide ammise di aver provato paura a causa delle circostanze che stava affrontando.
Ma ha fatto una scelta volontaria per fidarsi di Dio di fronte a circostanze spaventose.
c. Le emozioni non solo innescano manifestazioni fisiche nel corpo come aumento della frequenza cardiaca, “capelli
in piedi sulla parte posteriore del collo "ecc., possono innescare pensieri come" Ti ammazzo per questo ".
1. Devi essere consapevole di ciò che accade nella tua mente. Possiamo volere o scegliere di pensare pensieri.
Tuttavia, i pensieri casuali non avviati da noi passano anche attraverso le nostre menti (a volte con il
aiuto del diavolo).
2. Abbiamo anche stabilito schemi di pensiero (roccaforti) che possono o non possono essere ancora accurati
influenzano il modo in cui interpretiamo tutto ciò che incontriamo nella vita. Esempio: se sei stato allevato
con la convinzione di non essere buono, quella percezione influenzerà il modo in cui affronti la vita.
R. Questa è una lezione per un altro giorno. Ma considera questo pensiero prima di andare avanti. Una ragione
la Bibbia ci insegna a rinnovare la nostra mente (Rm 12: 2) è così che possiamo entrare
accordo con Dio.
B. Quindi il nostro spirito e la nostra mente possono lavorare insieme e dominare le nostre emozioni e il nostro corpo. UN
la mente rinnovata è una mente che vede la realtà come è veramente secondo Dio. La nostra mente è
rinnovato dalla Parola di Dio quando diventiamo lettori regolari e sistematici del Nuovo
Testamento.
3. Se rimarremo indifferenti dalla nostra fede e fiducia in Dio di fronte ai problemi della vita, allora
dobbiamo imparare a gestire le emozioni, i pensieri corrispondenti e le reazioni corporee stimolate da
quello che vediamo.

1. Dopo la morte del re Salomone, scoppiò la guerra civile in Israele e la nazione si divise in duea
regno settentrionale noto come Israele e regno meridionale noto come Giuda, ognuno con il proprio re.
un. Durante il regno di Giosafat, il quarto re di Giuda, (873-848 a.C.) tre eserciti nemici
uniti per attaccare Giuda (Moabiti, Ammoniti, Edomiti).
b. Fu data al re che un vasto esercito oltre il Mar Morto stava marciando
loro, ed erano già a Engedi (poco più di venti miglia "in linea d'aria").
2. v3 – Questa notizia ha stimolato l'emozione della paura in Giosafat. Ma lui, e il suo popolo, sotto il suo
direzione "ha cercato il Signore come guida" (NLT).
un. Si noti che questa è stata una risposta volontaria (una scelta), non una reazione guidata dall'emozione. Come facciamo
sai che il re non era guidato dalle sue emozioni? Ascolta la preghiera che ha pregato.
1. v6 – Giosafat non alimentava le loro paure parlando del loro problema e dell'enormità di cosa
stavano affrontando. Invece, ha magnificato Dio parlando della sua grandezza e della sua potenza.
2. v7: non ha sollevato problemi e fallimenti passati. Invece, ha raccontato come Dio aveva fatto
li ha aiutati ad affrontare grossi problemi in passato.
b. v8,9 – Anche se non potevano sentire Dio o vedere il suo aiuto, Giosafat ha riconosciuto che il
Il tempio che sorgeva a Gerusalemme era la prova della presenza costante di Dio e prometteva di aiutarli.
1. Giosafat ricordò ciò che il re Salomone pregava quando il tempio fu dedicato nel 959 a.C.
2. II Cron 6: 20 – Possa tu vegliare su questo Tempio sia giorno che notte, questo luogo dove tu
hai detto che avresti messo il tuo nome; Possa tu ascoltare sempre le preghiere che faccio per questo
posto. (NLT)
c. Ora Giosafat era pronto ad affermare il problema. v10-12 – Non sappiamo cosa fare. Ma il nostro
gli occhi (attenzione, attenzione) sono puntati su di te. Scegliamo di distogliere lo sguardo da ciò che ti vediamo e sentiamo,
presente con noi per aiutarci.
1. Di fronte alle sfide ingigantiamo i problemi e le loro sensazioni, quindi disegniamo
TCC – 1011
3
conclusioni basate sulle nostre percezioni errate della realtà (la nostra mente non rinnovata). In questo modo noi
nutrire le nostre paure e dubbi.
2. Num 13: 28,29; 31-33 - Questo è ciò che fece Israele al confine di Canaan. Quando hanno visto
ostacoli (tribù bellicose, città murate e giganti) alimentarono la loro paura (una risposta naturale del
anima a qualcosa di grande e pericoloso) parlando di ciò che potevano vedere e poi disegnando
conclusioni sulla loro situazione senza tener conto della promessa di Dio di aiutarli.
3. Dio parlò loro tramite un levita che iniziò a profetizzare: II Cron 20: 15 – Non abbiate paura o
sgomento per quello che vedi. Paura significa temere. Sconcertato significa essere in frantumi o rompere
giù per confusione o paura.
un. Nota, il Signore non ha detto: non provare paura. Ha detto di non aver paura. In altre parole: non vacillare
o cadere a pezzi. Esercita la tua volontà. Non lasciare che le emozioni determinino la tua visione della realtà o delle azioni.
1. La battaglia è mia, non tua. Non dovrai combattere. Dio ha detto: farò ciò che non puoi.
Dio quindi li istruì a mettersi in piedi, fermarsi e vedere la sua salvezza. Impostare significa
posizionare qualcosa per rimanere. Stand significa veloce, fermo, fermo. Vedi significa con i tuoi occhi.
2. In altre parole, non lasciarti commuovere da ciò che vedi o senti. Non lasciare che i pensieri che contraddicano il Mio
La parola determina la tua visione della realtà. Scegli di fidarti di me.
b. v17 – Poi il Signore ripeté: Non temere e non sgomentarti, perché io sono con te. Esci per incontrarti
il nemico domani, perché io sono con te.
1. v18 – Giosafat e tutto Giuda caddero davanti al Signore e Lo adorarono. Adorare
significa riconoscere che c'è qualcuno più grande di te, che merita onore,
riverenza e lode.
2. Quindi lodarono il Signore. Una volta riconosciuto che c'è qualcuno più grande di te che
è degno d'onore, porta a lode. Ci sono diverse parole ebraiche che vengono tradotte
lode. Questo è halal che significa brillare, mostrare o vantarsi. Giosafat e
il suo popolo cominciò a vantarsi di Dio.
c. Poiché la battaglia non avrebbe avuto luogo fino al mattino, Giosafat e Giuda dovettero sopravvivere
la notte con la sola Parola di Dio. Dovevano continuare a credere.
1. È ragionevole presumere che il diavolo sarebbe venuto a provare a rubare la Parola
pensieri di dubbio e scoraggiamento.
2. Hanno dovuto scegliere di concentrarsi su Dio e sulla Sua Parola per loro, nonostante le sfide.
4. v20 - La mattina dopo, mentre si preparavano a salire sul campo di battaglia, Giosafat li esortò:
Credi nel Signore tuo Dio e sarai stabilito. Credi ai suoi profeti e prospererai.
un. Credere e affermare sono la stessa parola in ebraico. Ha l'idea di ricevere qualcosa come
affidabile, qualcosa su cui puoi contare.
1. L'idea è: puoi fidarti di Dio. Allora fallo. Prosperare significa avanzare o avere successo
al tuo impegno.
2. Confida nel Signore tuo Dio e verrai trovato fermo (Base); mantieni fermamente la tua fede nel
Signore e tu sarai accolto (NEB).
b. Mentre si avvicinavano al nemico, il nemico sembrava più grande e il pericolo aumentava. Per mantenere il loro
concentrarsi su Dio, per aiutarli a distogliere lo sguardo dalle distrazioni della vista, delle emozioni e del contrario
pensieri, Giosafat si rivolse alla lode. v21 – Il re nominò cantanti che precedessero il
esercito, cantando al Signore e lodandolo per il suo santo splendore (NLT); ha nominato cantanti a
cantare al Signore e lodarlo nelle loro vesti sacre [sacerdotali] (Amp).
1. v21 – La prima volta che la parola lode viene usata nel verso è halal in ebraico. Il secondo
ora è yadah. yadah significa riconoscere, lodare, ringraziare. L'idea principale è di
riconoscere ciò che è giusto riguardo a Dio in lode e ringraziamento.
2. v21 – Mentre uscivano davanti all'esercito dicendo: Rendete grazie al Signore, per la Sua misericordia e
la gentilezza amorevole dura per sempre (Amp)
3. v22 – La lode è una forma della parola halal. Significa una canzone di lode e connota genuina
TCC – 1011
4
apprezzamento per le grandi azioni o il carattere dell'oggetto.
d. v22-27 – Il risultato? Dio mantenne la Sua Parola a Giuda e Giosafat e vinsero un incredibile
vittoria senza sparare. Ricorda, questo è stato registrato in parte nelle Scritture per incoraggiarci
siate fermi e immobili, qualunque cosa incontriamo.

1. Lodate a Dio di fronte alla vista, alle emozioni e ai pensieri che hanno tenuto al loro posto queste persone e le hanno aiutate
concentrati su Dio Onnipotente e sulla Sua promessa di aiutarli.
un. Non negarono ciò che videro o ciò che provarono. Hanno riconosciuto Dio che è più grande di tutti
di esso e chi è fedele per mantenere la sua Parola.
b. Dovevano esercitare la loro volontà e fare una scelta per riconoscere Dio. Hanno dovuto impostare
se stessi e mantenere la propria posizione. Poi hanno visto e sentito.
2. Proprio come abbiamo esempi di Scritture che hanno lo scopo di incoraggiarci, queste persone hanno avuto l'aiuto di
la Bibbia. Avevano il conto di Israele al confine con Canaan, ma ne avevano anche l'esempio
David, che era un maestro nel mantenere la sua attenzione su Dio di fronte alla paura.
un. Salmo 56: 3,4 - Davide scrisse questo salmo mentre era inseguito dal re Saul che voleva uccidere
lui. David aveva dei nemici mentire su di lui mentre lo inseguivano. Circondate circostanze spaventose
lui. Provava paura. Eppure ha scelto di lodare Dio.
1. Ha detto specificamente: Loderò (noterai l'esercizio volitivo della sua volontà) la Parola di Dio. Lode
è la parola ebraica halal che significa brillare, mostrare o vantarsi.
2. Di fronte alla paura, David riconobbe e si vantava delle fedeli promesse di Dio a lui.
b. Sl 42: 5 - In un altro dei suoi salmi "in fuga", Davide ammise di sentirsi scoraggiato
(abbattuto) e agitato (inquieto). Tuttavia si rese conto che non doveva lasciare che i suoi sentimenti dettassero
la realtà per lui.
1. Ciò che vediamo e sentiamo non è il quadro completo della realtà. La realtà è tutto come Dio vede
esso. Il modo in cui le cose sono realmente è il modo in cui Dio dice che sono.
2. Pertanto, David ha detto alle sue emozioni, ho scelto di sperare in Dio. Lo loderò (yadah).
Ricorda cosa significa yadah. L'idea principale è riconoscere ciò che è giusto in Dio
lode e ringraziamento.
3. David disse che avrebbe elogiato Dio "per l'aiuto del suo volto". In ebraico questa frase
significa letteralmente: la sua presenza è salvezza. Aspetta pazientemente Dio; poiché lo darò ancora
Grazie; La mia attuale salvezza e il mio Dio (Spurrel); acceso: la sua presenza è salvezza
3. Di fronte ai problemi, possiamo e dobbiamo scegliere di opporci alle nostre emozioni e ai loro pensieri
creare. Riconoscere ciò che è giusto in Dio in lode e ringraziamento ci aiuta a fare. La lode aiuta
otteniamo il controllo della nostra mente e delle nostre emozioni. Molto di più la prossima settimana!