IMPARARE A REGNO – PT II

Vivere come Supermen
Svelare l'invisibile
Medita sulla parola di Dio
Camminando come Gesù camminò
Imparare a regnare I
Imparare a regnare II
Colui che crede all'Hath
Come è così siamo noi
Eri, lo sei
Vita da Dio
Più vita da Dio
La verità cambia vero
Di 'ciò che Dio dice
1. Regnare nella vita non significa vivere senza problemi. Significa:
un. In mezzo ai guai, abbiamo la vittoria: pace, gioia, saggezza, provviste, ecc.
b. In mezzo ai guai, sperimentiamo tutto ciò che la Croce di Cristo ha fornito: salute, libertà dal peccato e dalla condanna, libertà dalla mancanza, ecc.
c. Abbiamo la capacità di rappresentare accuratamente Gesù in questa vita, sia il suo carattere che il suo potere.
2. Il regno nella vita non avviene automaticamente. Dobbiamo imparare a farlo.
un. Paul ha detto di aver imparato a essere indipendente dalle circostanze.
b. Fil 4:11 - Perché, comunque mi trovo, almeno ho imparato a essere indipendente dalle circostanze. (XX secolo)
c. Ci prendiamo del tempo per imparare le cose necessarie per regnare nella vita.
3. Nell'ultima lezione, abbiamo detto che se hai intenzione di regnare nella vita, devi imparare a vedere te stesso e la tua situazione secondo realtà invisibili.
un. Quindi, devi imparare a camminare alla luce di quelle realtà.
b. Abbiamo usato Israele ai margini della terra promessa e David che combatteva contro Golia come esempi di questo. Num 13,14; I Sam 17
4. Diverse cose sono coinvolte nel vedere realtà invisibili.
un. Devi riconoscere che esiste un regno invisibile, l'eterno regno di Dio.
II Cor 4: 18
1. Questo regno invisibile e invisibile ha creato il visibile, sopravvivrà al visibile e può e cambia e influenza il visibile. Eb 11: 3; Gen 1: 3; Marco 4:39
2. Tutto l'aiuto e le disposizioni di Dio per noi sono inizialmente spirituali o invisibili o invisibili. Ef 1: 3
3. Solo perché non riesci a vederlo non significa che non sia reale. II Re 6: 13-17
b. Devi riconoscere che la tua vera identità è lo spirito (invisibile, eterno). 5 Tess 23:3; Giovanni 6: XNUMX
1. C'è un senso in cui non possiamo vedere il vero te.
2. Quando sei nato di nuovo, tutto ciò che ti è accaduto è accaduto nella parte che non possiamo vedere, nel tuo spirito. II Cor 5:17
3. Solo perché non riesci a vedere i cambiamenti avvenuti non significa che non siano reali.
c. La nostra unica fonte affidabile al 100% di informazioni sull'invisibile è la parola di Dio.
5. Diverse cose sono coinvolte nel camminare alla luce di realtà invisibili.
un. Devi valutare te e la tua situazione basandoti su ciò che Dio dice di te e ciò nonostante ciò che vedi o senti.
b. Devi quindi parlare e agire in base a ciò che Dio dice piuttosto che a ciò che vedi e senti.
6. Ci sono due modi per vedere te stesso e la tua situazione: in base a ciò che puoi vedere o in base a ciò che Dio dice.
un. Puoi vivere secondo il visibile o puoi vivere secondo l'invisibile, secondo il naturale o secondo il soprannaturale.
b. Entrambi producono risultati definiti nella nostra vita.
1. Israele ai margini della terra promessa guardava solo il visibile e
non è riuscito a entrare nella terra (Num 13,14).
2. David guardò l'invisibile e sconfisse Goliath (I Sam 17).
7. In questa lezione, vogliamo affrontare alcuni altri problemi relativi al camminare alla luce di
l'invisibile per aiutarci a imparare a regnare nella vita.

1. Nella Bibbia, Dio ci parla di realtà invisibili.
un. Ci dà la conoscenza della rivelazione = informazioni che non potremmo avere se non ce ne parlasse, perché i nostri cinque sensi non possono percepirlo.
b. La conoscenza sensoriale non è necessariamente, automaticamente, sbagliata. È limitato, perché non può percepire fatti invisibili.
c. La parola di Dio ci porta oltre la conoscenza dei sensi.
2. Regniamo nella vita quando arriviamo al punto in cui la conoscenza della rivelazione domina la conoscenza dei sensi nelle nostre vite.
un. Regniamo nella vita quando siamo in grado di dire “Non mi interessa quello che vedo. Dio dice… e quello che Dio dice è così ”.
b. I Giovanni 5: 4 – Questa è la vittoria che vince il mondo, la nostra fede.
1. La fede è la parola prevalente sull'evidenza dei sensi.
2. Luca 5: 1-6 – Conoscenza sensoriale = noi, pescatori esperti, abbiamo lavorato tutta la notte e non abbiamo preso nulla.
3. Conoscenza di rivelazione = torna indietro e metti le tue reti nell'acqua.
3. Quando dici: So cosa dice la Bibbia, ma…, questo mostra che sei governato dai sensi (almeno in quella zona) e vivi come un semplice uomo. 3 Cor 3: XNUMX
4. Dobbiamo dare alla parola di Dio lo stesso posto che daremmo a Gesù se fosse qui fisicamente con noi.
5. Dio vuole che lo prendiamo alla sua parola e poi agiamo di conseguenza.
un. La fede agisce sulla parola di Dio. Credere è agire sulla parola di Dio come se fosse la parola di un banchiere, un avvocato o un dottore.
b. Se un estratto conto dice che ho $ 1000.00 in banca, non provo a crederci, mi chiedo se ho la fede di crederci, lo accetto e agisco su quella parola = vivi la mia vita come se fosse così.
c. Il problema non è - ho abbastanza fede - i problemi sono: quest'uomo è degno di fiducia, affidabile? Ha il potere di mettere in pratica ciò che ha detto?

1. Il piano di Dio per la nostra vita è che diventiamo figli e figlie sante e irreprensibili che sono conformi all'immagine di Gesù. Ef 1: 4,5; Rom 8:29
un. Quando parliamo del piano di Dio, non stiamo parlando di qualcosa che fai, ma di qualcosa che sei.
b. Quindi agisci per quello che sei. Fai quello che fai per quello che sei. Ti comporti come quello che sei.
2. Devi capire che sei ciò che sei o per decreto di Dio o per nascita.
un. Abramo divenne padre con il decreto di Dio. Gen 17: 5
1. Poiché Dio è così affidabile e la sua parola è così efficace, una volta dichiarato Abramo padre, è stato buono come fatto. Rom 4:17
2. Tuttavia, Isacco non esisteva a quel punto. Non è venuto all'esistenza fino al momento del suo concepimento.
b. Diventiamo figli e figlie di Dio per nascita. Dio mette la sua vita e natura
in noi alla nuova nascita e diventiamo letterali, reali nuove creature. II Cor 5:17;
In Giovanni 5: 11,12
3. Quando Dio ci parla di ciò che siamo in Cristo, di ciò che abbiamo in Cristo, non sta parlando di qualcosa che sarà vero ad un certo punto in futuro, sta parlando di un
presente realtà tesa, invisibile.
un. Chi crede ha la vita eterna, ZOE, la vita e la natura di Dio in lui.
John 3: 36; 6: 47
b. Qualunque cosa sia in quella vita è in noi perché quella vita è ora in noi. 1 Cor 30:XNUMX;
John 15: 5
c. Ho queste cose, non perché ci credo, ma perché sono un credente.
4. Ho queste cose perché sono nato di nuovo - che io creda di averle o no.
un. Sono un cittadino degli Stati Uniti e ho i vantaggi della cittadinanza, che ci crediate o no. Sono e ho quelle cose a causa della mia nascita.
b. I credenti hanno, non per qualcosa che hanno fatto, ma per qualcosa che sono.
c. I credenti hanno perché sono credenti, non perché credono.
5. Marco 9:23 - Tutto è possibile a colui che crede = un credente = uno che è entrato in famiglia = una nuova creatura.
un. La domanda o il problema ora sta camminando alla luce di ciò che sono e di ciò che ho.
b. Come nuova creatura, se stai cercando di ottenere o diventare qualcosa (qualsiasi cosa già fornita dalla nuova nascita), sei sulla strada sbagliata.
6. Il piano di Dio per noi è stato realizzato attraverso la Croce di Cristo. Ef 1: 3-7
un. Ora che sei nato di nuovo, non hai bisogno di fede per niente di tutto questo - è tuo perché sei il figlio di Dio.
b. Chi crede (chi crede, è nato da Dio, è una nuova creatura) ha.
c. Ora, si tratta di prendere il nostro posto e goderci i nostri diritti (camminando alla luce di ciò che siamo e abbiamo).
d. La fede viene usata per cose che non sono ancora nostre, cose che dobbiamo prendere e possedere (guarigioni nei vangeli, salvezza prima di essere salvate).
7. Adesso. sappiamo semplicemente cosa Dio ci ha fatto, ci ha donato, attraverso la nuova nascita, Lo ringraziamo per questo e agiamo sulla Sua parola come vorremmo la parola di un banchiere o di un avvocato.
John 8: 31,32

1. Dobbiamo imparare a pronunciare la parola di Dio su noi stessi e sulla nostra situazione, nonostante ciò che vediamo o sentiamo.
un. Eb 10:23 - Dobbiamo tenerci saldi a dire la stessa cosa che dice Dio. Professione = OMOLOGIA = per dire la stessa cosa di.
b. Notate, lo diciamo perché Dio è fedele, non perché ne abbiamo voglia. Eb 11:11
2. Molti cristiani lottano con questo problema delle parole della nostra bocca. Ma considera questi punti:
un. Negli esempi che abbiamo esaminato nell'ultima lezione, Israele ai margini della terra promessa e David che affronta Golia, ognuno ha sperimentato esattamente ciò che hanno detto al
all'inizio di se stessi e della loro situazione.
1. Dio disse specificamente a Israele che stava dando loro esattamente quello che dicevano. Dissero che non potevano andare nella terra e non lo fecero. Num 14: 28-30
2. Eb 3:19 - Ciò che hanno fatto ai margini del paese è chiamato incredulità.
3. La confessione è la fede che si esprime. La confessione è l'incredulità che si esprime. Ogni volta che parliamo confessiamo qualcosa.
b. Quando dici ciò che Dio dice nonostante ciò che vedi o senti, non stai mentendo. Stai parlando di realtà invisibili che ci sono state rivelate da Dio nella sua parola.
c. Dobbiamo agire come Gesù in questa vita. Confessava continuamente chi era, non secondo la vista, ma secondo Suo Padre. Giovanni 6:35; 8:12; 10: 9; 11:25; 14: 6
3. Dio opera attraverso le parole. La parola di Dio è la fede di Dio espressa. È la sua confessione.
un. Quando parla, le cose accadono. Domina attraverso la parola del suo potere.
b. Quando ha creato il mondo, ha parlato. Le sue parole erano i suoi atti di creazione.
c. Agiamo o esprimiamo la nostra fede attraverso le parole che pronunciamo.
d. Attraverso le nostre parole, imitiamo Dio. Attraverso le nostre parole, obbediamo a Dio.
4. Eb 13: 5,6 – Dio ci ha detto la Sua parola in modo che ci crediamo, ci nutriamo di essa (meditiamo) e agiamo in base a essa (la pronunciamo). Quindi, vedremo risultati visibili.
un. Questo verso è in realtà una citazione dall'OT. È interessante notare quando Dio pronunciò queste parole per la prima volta. Li diede in Israele ai margini della terra promessa. osh 1: 5
b. Perché? Affinché prendessero quelle parole e, di fronte alle prove sensoriali (città murate e giganti), dicessero: Dio non ci mancherà. Prenderemo questa terra.
c. Notate il collegamento di questi versetti alla chiave numero uno di Dio per il successo nella vita: la meditazione nella parola di Dio. Josh 1: 8

1. Dio ci ha dato la sua parola per darci accesso al regno invisibile.
un. La sua parola ci dice che cosa ha fatto per noi e per noi attraverso la nuova nascita.
b. Ora, dobbiamo camminare alla luce di queste realtà e imparare a parlare e agire in base a ciò che Dio dice piuttosto che a ciò che vediamo o sentiamo.
2. La prima cosa che dobbiamo fare è meditare sulla parola di Dio, ripetendola ripetutamente, fino a quando non inizia a sorgere su di noi, assumendoci la realtà, affinché sia ​​la nostra risposta alla vita, in modo che diventi parte della nostra coscienza e diventa la nostra reazione alla vita. (Storia di indiani e pistole)
3. Attraverso la nuova nascita, Dio ci ha resi padroni che regnano con le parole. Impara a dire ciò che Dio dice di te e della tua situazione, nonostante ciò che vedi o senti. Questa è una chiave vitale per imparare a regnare nella vita.