DIO NON È MAD A TE

Scarica PDF
CONSEGNATO DALLA GRANA DI DIO
PUNIZIONE ETERNA
WRATH POST-CROSS
LA VERA GRAZIA
GRAZIA E OPERE
GLORIFY DIO ATTRAVERSO I TUOI LAVORI
LA LEGGE DEL SIGNORE
DIO NON È MAD A TE
LA LEGGE EI CRISTIANI
1. Recentemente, abbiamo discusso del fatto che c'è stata una grande esplosione nell'insegnamento della grazia negli ambienti cristiani. Uomini sinceri di Dio, motivati ​​dal desiderio di alleviare inutili sensi di colpa e paura tra i veri cristiani, proclamano che da quando l'ira di Dio è stata riversata sulla Croce, Dio non è più arrabbiato con noi.
un. Mentre alcuni insegnamenti sono buoni, molti di essi sono inesatti e hanno portato a conclusioni errate da parte di coloro che non hanno familiarità con la dottrina biblica di base. È sempre più comune ascoltare dichiarazioni come le seguenti.
1. Non importa se pecchiamo perché Dio non ha più ira per il peccato e siamo già perdonati a causa della Croce.
2. Se mi dici che ci sono alcune cose che devo fare come cristiano (come pregare, leggere la Bibbia o vivere secondo uno standard) mi stai mettendo sotto legge, ed è sbagliato perché siamo sotto grazia adesso.
b. Mi rendo conto che molte persone - tra cui alcuni di voi - hanno ricevuto la benedizione di questo insegnamento secondo cui Dio non è più matto e non voglio togliere quella benedizione a nessuno. Tuttavia, c'è davvero un diavolo che viene davvero per cercare di rubarci la Parola di Dio. E citare erroneamente, applicare erroneamente e distorcere le verità della Bibbia sono alcune delle sue tattiche più efficaci. Matteo 13: 19-21
1. Il desiderio di alleviare la colpa e la paura tra i cristiani impegnati insegnando che Dio non è più arrabbiato con noi, anche se ammirevole, è impreciso. E l'imprecisione lascia aperta a interpretazioni errate che portano all'errore. E questo è successo in alcuni ambienti.
2. Se mai c'è stato un tempo per essere il più precisi possibile quando si insegna la Parola di Dio, è ora, perché il ritorno di Gesù è molto vicino e l'inganno abbonda.
2. L'affermazione secondo cui Dio non è più matto è imprecisa nel senso che la Bibbia non parla in termini di Dio che è arrabbiato con noi o non è arrabbiato con noi. Esaminiamo questo in relazione alla discussione che abbiamo avuto nelle ultime lezioni su grazia, opere e legge.

1. La rabbia umana può sfuggire al controllo e causare danni reali. Può essere arbitrario o impulsivo e più connesso a come si sente chi è arrabbiato con noi piuttosto che a ciò che abbiamo effettivamente fatto.
un. Non sai davvero cosa otterrai da qualcuno che è arrabbiato, che cosa potrebbero farti. Quindi, poiché tutti abbiamo peccato e lottiamo ancora nelle aree, un Dio arrabbiato è un vero problema per noi.
1. Tuttavia, la rabbia di Dio o l'ira di Dio non è una risposta emotiva al peccato allo stesso modo della rabbia umana. Non è capriccioso, arbitrario o imprevedibile. La sua ira o rabbia è la sua giusta e giusta risposta al peccato.
2. Non sto dicendo che Dio non abbia emozioni o che non si senta soddisfatto o scontento di noi. Ma le emozioni di Dio sono al di sopra delle nostre in quanto non sono state corrotte dal peccato e non lo spingono mai al peccato, come fanno le nostre. (Le emozioni di Dio sono argomento per un altro giorno).
b. Dio non punisce il peccato perché esplode e perde il controllo. Lo fa perché è giusto punire il peccato. Questo è ciò che riguarda la giustizia. Per essere fedele alla sua natura santa e giusta, Dio deve esprimere la sua ira e punire il peccato. La giusta punizione per il peccato è l'eterna separazione da Dio.
1. Se questa sanzione venisse decretata, Dio perderebbe la sua famiglia. Ricorda, ha creato gli esseri umani per diventare i Suoi figli e figlie santi e giusti attraverso la fede in Cristo. Ef 1: 4-5 2. Così Dio Onnipotente ha escogitato un piano per esprimere la sua ira verso il peccato ed essere ancora fedele alla sua natura santa e giusta senza rimuoverci per sempre da se stesso. Prese carne e andò sulla croce per essere punito per il nostro peccato. L'ira che avrebbe dovuto andare da noi andò a Gesù, il nostro Sostituto. Isa 53: 4-6
2. L'ira di Dio fu espressa sulla Croce e la Divina Giustizia fu soddisfatta riguardo al nostro peccato. Ma devi accettare ciò che ha fatto per rimuovere la sua ira da te. Lo accetti o lo ricevi riconoscendo Gesù come tuo Salvatore e Signore. Giovanni 3: 16-18
un. Se una persona non ha ricevuto Cristo e il suo sacrificio, allora l'ira di Dio rimane o rimane su di loro. Giovanni 3: 36: il dispiacere di Dio rimane su di lui; La sua indignazione pende continuamente su di lui (Amp); Vive sotto la rabbia di Dio (Phillips).
1. Ciò non significa che Dio ora li affronti con ira. Significa che l'ira di Dio li attende quando muoiono. Sperimenteranno la morte eterna o la separazione eterna da Lui, prima nell'Inferno, poi nella seconda morte. Apoc 20: 11-15
2. Durante la loro vita, Dio tratta gli uomini in misericordia, dando loro una testimonianza di sé in modo che possano giungere alla fede in Cristo. II animale domestico 3: 9; Matt 5:45; Atti 14: 16-17; Rom 1:20; eccetera.
R. Dio non elimina l'ira (o la punizione per il peccato) su una base peccato per peccato. Il tuo incidente d'auto non è una punizione di Dio. In primo luogo, non è abbastanza per pagare per il tuo peccato.
B. In secondo luogo, l'ira di Dio contro il peccato fu mostrata sulla Croce quando Gesù fu punito al posto nostro per il nostro peccato, e ci ha liberato dall'ira che verrà (Rom 5: 9; I Tess 1:10; I Tess 5: 9). Dovrai affrontare l'ira quando muori se non riconosci Gesù.
b. Parte della ragione per cui siamo confusi è che le persone credono erroneamente che i disastri naturali e le prove e le tragedie della vita siano espressioni della rabbia o dell'ira di Dio. Prove, tribolazioni, tempeste assassine, terremoti, ecc. Non sono opera di Dio. Fanno parte della vita in un mondo caduto. (Per una discussione più dettagliata di questo leggi il mio libro: Dio è buono e il buono significa buono.)
1. Ciò non significa che non vi siano conseguenze per il peccato intenzionale e persistente. Il peccato stesso opera la morte nelle nostre vite (Rom 6:23). Il peccato ci inganna e ci indurisce (Eb 3:13). Non ho paura di ciò che Dio mi farà. Ho paura di ciò che il peccato mi farà.
2. Ciò non significa che Dio non discepoli i suoi figli e le sue figlie. Ma la disciplina e l'ira sono due cose diverse.
A. Wrath è punitivo o inteso a infliggere una punizione come penalità per colpa o reato. La punizione per il peccato è la rovina che deriva dall'eterna separazione da Dio. II Tess 1: 9
B. La disciplina è correttiva o mirata a produrre una correzione o un cambiamento. Correggere significa sistemare correttamente. Dio disciplina il suo popolo attraverso la sua Parola secondo il suo Spirito, non con circostanze afflittive (lezioni per un altro giorno). II Tim 3: 16-17
3. Attraverso la sua morte, Gesù ha soddisfatto la giustizia da parte nostra riguardo al peccato. Quando riconosciamo Gesù come Salvatore e Signore, siamo giustificati o resi innocenti. Tutte le accuse contro di noi vengono ritirate perché non ci sono più prove di errori. La punizione per il nostro peccato è fuori dal tavolo. Rom 3:24; Col 2:14
un. Gesù non è morto per farci peccare bene. È morto per abolire e rimuovere il peccato. Una volta che siamo giustificati, Dio può trattare con noi come se non avessimo mai peccato. Siamo così purificati dal sacrificio di Cristo che ci può abitare (il nostro essere più intimo) dal suo Spirito e dalla sua vita. Eb 9:26; Rom 8: 29-30
1. Lo Spirito Santo ci trasforma interiormente da peccatore per natura a figlio di Dio per natura attraverso la rigenerazione o la nuova nascita. Questa trasformazione interiore è l'inizio di un processo che alla fine purificherà e ripristinerà ogni parte del nostro essere in modo che siamo pienamente conformi all'immagine di Cristo, resi simili a Lui nel carattere e nel potere, nella santità e nell'amore. Giovanni 1: 12-13; Giovanni 3: 3-5; 5 Giovanni 1: XNUMX; eccetera.
2. Attraverso la nuova nascita siamo uniti alla vita non creata, eterna in Dio, alla vita in Gesù. Ora siamo uniti o uniti a Gesù, proprio come un ramo è unito a una vite. Questa unione è la base della nostra identità. Giovanni 15: 5; Ef 1: 22-23; Ef 5: 25-32
b. In questo momento, abbiamo terminato i lavori in corso: figli e figlie santi e giusti di Dio per nascita, ma non ancora pienamente conformi all'immagine di Cristo in ogni parte del nostro essere. 3 Giovanni 2: XNUMX
1. Dio tratta con noi secondo la nostra nuova identità di figli. Si occupa di noi sulla base della parte finita, perché è sicuro che l'intero processo sarà completato. Fil 1: 6
2. Quando tu, come figlio santo e giusto, pecchi (o commetti un atto occasionale di ingiustizia), ciò non cambia ciò che stai facendo, piuttosto che commettere un atto occasionale di giustizia prima di essere salvato ti rendeva giusto. Il tuo peccato non annulla il lavoro della Croce.
c. Tutto questo ci viene dalla grazia di Dio. Non c'è azione che possiamo intraprendere, nessun lavoro che possiamo fare per salvarci dal nostro peccato e dalla nostra colpa. Dio, motivato dall'amore, ha agito con grazia e ha fatto per noi ciò che non possiamo fare per noi stessi. La grazia è il suo favore che ci viene mostrato nel salvarci dal peccato attraverso la Croce. Tito 3: 5
1. Ma ora che siamo salvati dal peccato per grazia di Dio attraverso la fede in Cristo, le opere dovrebbero essere parte della nostra vita, non come mezzo per guadagnare o meritare la benedizione o l'aiuto di Dio, ma come espressioni esteriori di cambiamenti interiori. Tito 2:14; Ef 2:10
2. La parola grazia ha molte sfumature di significato nella Scrittura. La grazia di Dio non solo ci dà la salvezza dal peccato, ma ci dà il potere di trasformare. La grazia ci autorizza a vivere rettamente.
A. Giovanni 1:14; 16: Grazie all'unione con Cristo, ora siamo partecipi della grazia di Dio. La grazia è la capacità di Dio di vivere come Lui vuole che viviamo. La grazia è la forza per vivere al di sopra del peccato. B. v16 – Poiché da ciò che Lo riempie noi tutti abbiamo ottenuto, e grazia su grazia (Cont. Lett.).

1. Questa unica ragione per cui l'affermazione - Dio non è arrabbiato con te - è così confortante. Ma è tutto basato sui sentimenti: sento che Dio è arrabbiato con me. Mi sento meglio perché il predicatore dice che non è arrabbiato con me.
un. Dobbiamo prendere ciò che sappiamo e credere in Dio e nella salvezza che Egli ha fornito dal regno emotivo e basare ciò in cui crediamo sulla Parola di Dio. La Parola di Dio non cambia mai, qualunque cosa tu provi, qualunque cosa tu faccia. È fedele nel mantenere la sua Parola.
1. A proposito, va sicuramente bene “sentirsi” meglio a causa delle informazioni contenute nella Bibbia. Ma quando le tue emozioni urlano che Dio non ti ama, che è arrabbiato con te e che ora lo capirai davvero, hai la sua Parola.
2. La Parola immutata di Dio ti dice come sono realmente le cose, non solo come appaiono e si sentono nel momento. Hai una solida base per la fede e la fiducia in Lui e nella Sua grazia.
b. La Bibbia rivela che non solo siamo salvati per grazia e abbiamo ricevuto grazia per grazia, ma siamo anche in grazia. Rom 5: 2 — Anche per mezzo di Lui abbiamo il [nostro] accesso (ingresso, introduzione) per fede in questa grazia — stato di favore di Dio — in cui [fermamente e in sicurezza] stiamo (Amp).
2. Quando stai lottando con "Dio non mi aiuterà perché ho fatto o non ho fatto qualcosa", devi capire che in realtà ti stai avvicinando a Lui sulla base delle tue opere.
un. Pensaci. Se non avesse aiutato perché non avessi fatto qualcosa che avresti dovuto fare, l'implicazione sarebbe che se l'avessi fatto, ti avrebbe aiutato. In altre parole, i tuoi sforzi (o opere) ti avrebbero guadagnato il Suo aiuto.
b. Tuttavia, non puoi guadagnare (lavorare per) qualsiasi cosa ci sia stata data per grazia. Attraverso la croce Dio, per sua grazia, ha fornito (ha detto sì a) tutto ciò di cui abbiamo bisogno per questa vita e la vita a venire.
1. La Croce ci ha aperto la strada per diventare figli e figlie di Dio. Dio è un buon padre che si prende cura dei suoi figli. Gesù disse che non dobbiamo preoccuparci delle necessità della vita perché abbiamo un buon Padre celeste (Matteo 6: 25-26). Questo è tutto per grazia.
2. II Pet 1: 3— (Attraverso la conoscenza di Gesù, Dio) il potere divino ci ha dato tutto ciò di cui avevamo bisogno per la nostra vita fisica e spirituale. Ciò è avvenuto attraverso la nostra conoscenza di Colui che ci ha chiamato per condividere la sua gloria e virtù (Norlie). Questo è tutto per grazia.
3. Rom 5: 17 — Tramite la grazia di Dio, quando crediamo in Gesù, riceviamo il dono della giustizia o il diritto di stare con Dio. Ora è nostro Padre e noi siamo i Suoi figli e figlie santi e giusti.
Tutto ciò che la giustizia fornisce è un dono di grazia al contrario di qualcosa che dobbiamo guadagnare o meritare con le nostre opere. Potremmo fare diverse lezioni su questo argomento. Ma per ora, considera questi punti.
un. Abbiamo accesso a Dio nostro Padre. Ef 3: 12 — In Chi, a causa della nostra fede in Lui, osiamo avere l'audacia (coraggio e fiducia) del libero accesso - un approccio senza riserve a Dio con libertà e senza paura (Amp); attraverso l'unione con lui e la fede in lui, abbiamo il coraggio di avvicinarci a Dio con fiducia (Goodspeed).
b. Le sue orecchie sono aperte alle preghiere dei giusti. Ci viene chiesto di venire con fiducia (coraggiosamente) al trono della grazia affinché possiamo ottenere misericordia e grazia per aiutare nel momento del bisogno.
I Pet 3:12; Eb 4:16
1. Forse stai pensando: ho pregato e Dio non mi ha aiutato. Beh, non era perché eri cattivo e lui era pazzo. Ci sono molte ragioni per cui le preghiere non rispondono (molte lezioni per un altro giorno). Forse hai chiesto qualcosa che Dio non ha fornito attraverso la Croce. Forse i tuoi motivi erano sbagliati. Forse hai chiesto qualcosa di contrario alla sua volontà.
2. Il segreto per una preghiera efficace è imparare a pregare in accordo con la volontà di Dio che è rivelata nella sua Parola scritta (la sua legge o la sua volontà rivelata in relazione alla condotta umana). Gesù disse che se rimani in Lui e le sue parole rimangono in te, chiederai cosa vuoi e sarà fatto (Giovanni 15: 7, lezioni per un altro giorno).
c. Matteo 8: 5-13 — Nota questo esempio di grazia contro le opere per ottenere aiuto da Dio. Un centurione romano si avvicinò a Gesù per chiedere la guarigione per il suo servo che era malato. Gesù disse che sarebbe venuto a casa dell'uomo e avrebbe guarito il suo servitore. Il centurione rispose: Non sono degno che tu venga a casa mia. Pronuncia la tua parola (impartisci il tuo comando) e il mio servitore sarà guarito. Cosa sta succedendo qui?
1. Come centurione romano, quest'uomo sarebbe stato un adoratore di idoli, principalmente con un altare nella sua casa da cui venerare gli idoli. Gesù era un insegnante ebreo inizialmente inviato agli uomini e alle donne dell'Antica Alleanza. Il centurione non aveva accesso (o diritto) per avvicinarsi a Gesù. Lo sapeva, ma ha comunque chiesto aiuto.
2. Questo centurione comprendeva la grazia. Ha riconosciuto che la grazia (espressa come guarigione nella sua situazione) proviene da qualcosa in Dio, qualcosa indipendente da noi. E questo gli diede sicurezza di avvicinarsi a Gesù per chiedere aiuto.
3. Questo è completamente l'opposto di come molti di noi si avvicinano a Dio: ho bisogno di aiuto, ma non mi aiuterà dopo tutto quello che ho fatto. Quindi non chiediamo. Questo è "funziona" in azione.

1. Lo scopo di Dio non è quello di punire il peccato, ma piuttosto di rimuoverlo in modo che uomini e donne peccaminosi possano essere riportati al loro scopo creato come figli e figlie di Dio santi e giusti.
2. Se Gesù è il tuo Signore e Salvatore, ora sei un figlio o figlia di Dio santo e giusto ed è in corso un processo che ti conformerà pienamente all'immagine di Cristo. Ed è tutto grazie alla grazia di Dio.
3. Non si tratta di stabilire se Dio è o non è arrabbiato con te. Si tratta di sapere se hai ricevuto o meno il dono di grazia di Dio della giustizia. Sei salvato dal peccato e dalle sue pene per grazia. Hai ricevuto grazia per grazia in modo da poter esprimere esternamente il cambiamento interiore che ha avuto luogo. E, quando cadi, stai in grazia.