I DUE UOMINI PIÙ IMPORTANTI

La croce e l'identificazione
I due uomini più importanti
Il grande scambio
Gesù nostro sostituto
Maggiori informazioni su Jesue Il nostro sostituto
Vivere una vita risorta
Cresciuto con Cristo
Fatto vivo con Cristo

1. Cosa significa predicare la croce?
un. L'apostolo Paolo usò la parola Croce e la parola vangelo in modo intercambiabile. 1 Cor 17:XNUMX
b. I Cor 15: 1-4 – Per Paolo predicare il Vangelo significava predicare la morte, la sepoltura e la risurrezione di Gesù Cristo.
c. La croce è un termine inclusivo che si riferisce alla morte, sepoltura e risurrezione di Gesù.
2. Lo Spirito Santo ispira anche Paolo a scrivere che il Vangelo, o la predicazione della Croce, è il potere di Dio per la salvezza. Rom 1:16
un. La parola salvezza (SOTERIA, SOZO) significa liberazione, conservazione, sicurezza, guarigione, integrità o solidità.
b. Attraverso la Croce di Cristo - la morte, la sepoltura e la risurrezione di Gesù - Dio ha soddisfatto ogni esigenza umana fornendo la salvezza (liberazione, conservazione, sicurezza, guarigione, integrità o solidità) per ogni parte del nostro essere - spirito, anima e corpo.
3. Per beneficiare pienamente della predicazione della Croce è necessario comprendere l'identificazione.
un. La stessa parola non si trova nella Bibbia, ma il principio è lì.
b. L'identificazione funziona così: non c'ero, ma quello che è successo lì mi colpisce come se fossi lì.
1. La Bibbia insegna che siamo stati crocifissi con Cristo (Gal 2:20), siamo stati sepolti con Cristo (Rom 6: 4) e siamo cresciuti con Cristo (Ef 2: 5).
2. Non eravamo lì, ma qualunque cosa sia accaduta alla Croce, nella morte, sepoltura e risurrezione di Gesù, ci colpisce come se fossimo lì.
c. Questo è il motivo per cui abbiamo bisogno della predicazione della Croce, in modo da sapere cosa ci è accaduto nella morte, sepoltura e risurrezione di Cristo.
4. Stiamo dedicando un po 'di tempo allo studio della Croce - la morte, sepoltura e risurrezione di Cristo - in modo da poter sperimentare di più del potere di Dio per la salvezza nelle nostre vite.
un. In questa lezione vogliamo trattare con i due uomini più importanti della storia: Adamo e Gesù.
1. Ricorda, sebbene Gesù fosse ed è pienamente Dio e pienamente uomo, quando era sulla terra non visse come Dio. Fil 2: 6-8; Matt 4: 1; Matt 8:24; Matt 21:18; Eb 2: 9,14
2. Gesù visse come un uomo in unione con Dio Padre, vivendo secondo la vita di Dio nel suo spirito umano. Giovanni 6:57; 14: 9-11
b. Entrambi gli uomini, Adamo e Gesù, sono uomini rappresentativi. Un rappresentante rappresenta o agisce per un altro.
1. Come rappresentanti, ogni uomo, attraverso le sue azioni, ha influenzato l'intera razza umana.
2. Adamo, attraverso la sua disobbedienza, portò sfortuna e morte alla corsa. Gesù, attraverso la sua obbedienza, ha portato la vita e la benedizione alla razza.
c. Vogliamo trattare con ogni uomo: cosa ha fatto e come ha influenzato la razza umana.

1. Ricorda il motivo di Dio dietro la creazione. Desiderava una famiglia di figli e figlie con cui potesse avere una relazione. Isa 45:18; Ef 1: 4,5
un. Dio ha creato l'uomo a Sua immagine e somiglianza - tanto simile a Lui come una creatura può essere come il suo creatore, quindi quella relazione era possibile. Gen 1:26
b. E Dio creò l'uomo con la capacità di essere come Gesù, di conformarsi all'immagine di Cristo nel carattere e nel potere, nel suo spirito, anima e corpo.
c. Dio ha creato Adamo ed Eva. Il suo piano era di lasciare a loro e ai loro figli il privilegio di far esistere la sua famiglia con processi naturali.
2. Tuttavia, il primo uomo, Adamo, disubbidì a Dio. Come capo o primo della razza umana, come uomo rappresentativo, le sue azioni hanno influenzato l'intera razza perché tutti noi eravamo in Adamo. Gen 3: 6
un. Rom 5:12 – Quando Adamo peccò, il peccato entrò nell'intera razza umana. Il suo peccato diffuse la morte in tutto il mondo, così tutto iniziò a invecchiare e morire, per tutti i peccati. (Vita)
b. A causa della disobbedienza di Adamo, nella razza umana si verificò un cambiamento fondamentale.
1. Il primogenito di Adamo, Caino, uccise suo fratello e mentì al riguardo. Gen 4: 1-9
2. Gli esseri fatti a immagine di Dio mostravano ora le caratteristiche di Satana. La composizione della natura umana era cambiata. Giovanni 8:44; 3 Giovanni 12:XNUMX
c. Questo cambiamento fondamentale nella natura umana è stato tramandato al resto della razza quando ogni nuova generazione è nata dagli uomini.
1. Siamo nati con una natura peccaminosa e non appena siamo abbastanza grandi, ci ribelliamo volontariamente a Dio. Ef 2: 1-3
2. Il risultato di tutto ciò è che la morte regna nelle nostre vite. La morte è la conseguenza del peccato.
Rom 6:23; Gen 2:17; Deut 28: 15-68
d. Vediamo il principio di identificazione all'opera qui. Non ero lì nel Giardino dell'Eden con Adam, ma quello che è successo lì mi colpisce come se fossi lì.
3. Da tutto questo possiamo vedere che il problema dell'uomo è più di quello che fa, è quello che è.
un. Fa quello che fa per quello che è. È per natura un ribelle, un figlio di Satana. 3 Giovanni 10:XNUMX
b. La soluzione di Dio a tutto questo era ed è la Croce: la morte, sepoltura e risurrezione di Cristo.
c. Attraverso la croce di Cristo, Dio ha affrontato ciò che l'uomo è, ciò che l'uomo fa e le conseguenze di entrambi.

1. Gesù andò sulla croce come l'ultimo Adamo, come rappresentante dell'intera razza umana o della razza di Adamo.
un. Dio ha punito l'intera razza di Adamo attraverso il nostro rappresentante, attraverso il nostro sostituto.
b. Dio ha crocifisso ed eseguito la razza di Adamo attraverso Cristo.
2. Qui vediamo il principio dell'identificazione: non c'ero, ma quello che è successo lì mi colpisce come se fossi lì. Sono stato crocifisso con Cristo. Gal 2:20
un. Tuttavia, va oltre. Identificare in realtà significa identificarsi in modo da poter considerare o trattare lo stesso.
b. Alla croce, Gesù si identificava con noi. È diventato quello che eravamo. È andato alla Croce per noi come noi. Alla croce, era unito a noi nella nostra condizione caduta.
1. II Cor 5:21 – Eravamo nel peccato, quindi sulla Croce, Gesù prese il nostro peccato su di Sé. Attraverso l'identificazione, l'uomo Gesù è stato reso peccato.
2. Gal 3:13 – Eravamo sotto una maledizione, quindi alla Croce Gesù si identificò con il fatto che eravamo sotto una maledizione. È stato fatto una maledizione per noi.
c. Quando Gesù si identificava con noi alla Croce, Dio doveva trattarlo come noi.
1. L'ira di Dio contro i nostri peccati fu riversata su di Lui. Quando Dio guardò Gesù, ci vide.
2. Dio ha fatto a Gesù ciò che avrebbe dovuto, avrebbe dovuto essere fatto a noi per soddisfare la giustizia.
3. Gesù si è unito a noi, si è unito a noi, si è identificato con noi nel nostro peccato, morte e nella maledizione o conseguenze del peccato, al fine di farci uscire da quelle cose.
un. Poiché Gesù era ed è Dio nello stesso momento in cui era ed è uomo, il valore della Sua persona è tale da poter soddisfare le pretese della giustizia divina contro di noi.
b. Una volta pagato il prezzo per il nostro peccato, poiché Gesù non aveva alcun peccato, è stato in grado di uscire dal peccato, dalla morte e dalle sue conseguenze.
1. Poiché si era unito a noi sulla croce, si era identificato con noi, alla risurrezione eravamo ancora uniti a lui.
2. Quando è uscito dal peccato, dalla morte e dalle sue conseguenze, lo abbiamo fatto anche noi.
3. Gesù risuscitò dai morti come il Secondo Uomo, il capo della nuova razza, una razza di nuove creature.
Col 1:18; II Colore 5:17
c. Gesù è andato a morte, attraverso la morte, per portarci fuori dalla morte. Eb 2:14
1. II Cor 5: 21 – Gesù fu reso peccato così che potessimo essere resi giusti.
2. Gal 3:13 – Gesù fu maledetto così che potessimo essere benedetti.

1. Adamo, come uomo rappresentativo, attraverso la sua disobbedienza, ha portato giudizio e condanna
la gara.
un. Da un uomo, Adamo, venne la morte, e tutti morirono e regnò la morte.
b. Da un uomo, Adamo, molti furono fatti peccatori.
2. Gesù, come uomo rappresentativo, attraverso la sua obbedienza, portò giustificazione alla razza.
un. Da un uomo, Gesù, venne la vita, e molti furono resi vivi e possono regnare nella vita.
b. Da un solo uomo, Gesù, molti furono resi giusti.
c. v15,17 – Nota, il potere della grazia di Dio attraverso la Croce, attraverso l'identificazione, abbonda molto di più del peccato e della morte che regnarono per mezzo di Adamo.
3. Proprio come Adamo ha abbassato l'intera razza umana attraverso la sua disobbedienza, Gesù ha elevato l'intera razza al suo livello previsto e noi andiamo da lì.
un. Tutto il male dovuto a noi a causa del nostro peccato e della nostra disobbedienza è andato a Gesù in modo che tutto il bene dovuto a lui per la sua obbedienza potesse venire da noi.
b. Tutto ciò che avrebbe dovuto venire da noi in Adamo come membri di una razza caduta andò da Gesù sulla Croce in modo che tutto ciò che ha ed è possa venire da noi nella risurrezione.
c. Tutto ciò ha effetto in te e nella tua vita quando sei nato di nuovo.
4. Tutti gli umani sono o in Adamo o in Cristo. Durante la nostra prima nascita eravamo ad Adamo. Attraverso la nostra seconda nascita siamo stati portati fuori da Adamo e messi in Cristo. Col 1:13
un. II Cor 6: 14,15 – In Adamo eravamo ingiustizia, tenebre ed eravamo del nostro padre spirituale, Satana. In Cristo siamo giusti, leggeri e un membro particolare del corpo di Cristo.
b. Durante la nostra prima nascita, siamo nati in una razza caduta, la razza umana, e dimostriamo quei tratti caratteriali: omicidio, menzogna, ecc.
c. Attraverso la nostra seconda nascita siamo nati nella razza di nuove creature e possiamo dimostrare gli stessi tratti dell'uomo Gesù.
1. I Cor 15: 48,49 – Ora quelli che sono fatti di polvere sono come colui che fu fatto per primo dalla polvere - di mente terrena; e come è [l'uomo] dal cielo, così anche [sono quelli] che sono del cielo: la mente celeste. E proprio come abbiamo portato l'immagine [dell'uomo] della polvere, così faremo anche noi e così portiamo l'immagine [dell'uomo] del cielo. (Amp)
2. I Cor 15: 49 – La natura di quell'uomo nato sulla terra è condivisa dai suoi figli terreni; la natura dell'uomo nato dal cielo, dai suoi figli celesti. (Knox)
5. La nostra relazione con Dio, la nostra posizione con Dio, non si basa su qualcosa che abbiamo fatto, ma sulla posizione che ci è stata data in Cristo.
un. Il provvedimento di Dio per noi non si basa su qualcosa che abbiamo fatto, ma sulla posizione che ci è stata data in Cristo.
1. Cosa ci apparteneva in Adamo? Morte, malattia, povertà, paura, tormento, oppressione, mancanza, sconfitta.
2. Cosa ci appartiene perché siamo in Cristo? Vita, pace, salute, ricchezza, liberazione, successo, vittoria, giustificazione, saggezza, giustizia, prosperità.
b. Quando eravamo in Adamo, tutte le cose sopra elencate ci sono arrivate. Non dovevamo digiunare per loro, pregare per loro, confessare per loro, avere fede per loro. Erano nostri perché eravamo in Adamo.
c. Solo così, non dobbiamo digiunare, pregare, confessare, avere fede, ottenere le cose in Cristo elencate sopra. Sono già nostri perché siamo in Cristo. Dobbiamo solo imparare a camminare nella realtà.

1. Dio voleva renderci figli e trattarci come figli, ma non poteva farlo a causa del nostro peccato e della natura decaduta.
un. Quindi Gesù andò alla Croce per noi come noi, come nostro rappresentante, come nostro sostituto. Quando Gesù si identificava con noi sulla croce, Dio doveva trattarlo come avrebbe trattato noi. In tal modo, Dio è stato in grado di affrontare i nostri peccati, la nostra natura peccaminosa e le conseguenze dei nostri peccati.
b. Poiché Gesù si è prima identificato con noi ed è stato reso identico a noi sulla Croce, ora possiamo identificarci con Lui perché siamo stati resi identici all'uomo Gesù nella sua risurrezione.
c. Dio ora può e ora ci vede e ci tratta come Gesù.
2. Gesù è diventato ciò che eravamo in modo da poter diventare ciò che è. Cosa significa essere come l'uomo Gesù?
un. Significa essere letteralmente figlio di Dio dalla seconda nascita. Giovanni 1:12; 5 Giovanni 1: XNUMX
b. Significa avere la vita di Dio in te per permetterti di vivere come Dio desidera. 5 Giovanni 11,12: XNUMX;
II animale domestico 1: 4; 2 Giovanni 6: XNUMX
c. Significa essere retti o giusti con Dio - in posizione retta con Dio. II Cor 5:21; Rom 5: 18,19
d. Vuol dire essere liberi dal potere del peccato e della morte in tutte le sue forme. Rom 6: 8-10
e. Significa essere conformi all'immagine di Cristo, essere come Lui per carattere e potere.
3. Siamo stati identificati con Cristo. Ora dobbiamo imparare come uscirne nella nostra vita quotidiana.
un. Dobbiamo imparare, accettare, essere d'accordo e agire come chi e cosa siamo ora attraverso la nuova nascita - membri di una nuova razza, nuove creature, capaci di dimostrare Gesù al mondo che ci circonda.
b. E tutto questo è così a causa della Croce: la morte, sepoltura e risurrezione di Gesù Cristo.