GESÙ IL NOSTRO SOSTITUTO

La croce e l'identificazione
I due uomini più importanti
Il grande scambio
Gesù nostro sostituto
Maggiori informazioni su Jesue Il nostro sostituto
Vivere una vita risorta
Cresciuto con Cristo
Fatto vivo con Cristo

1. La croce è un termine inclusivo che si riferisce alla morte, sepoltura e risurrezione di Gesù. 15 Cor 1: 4-XNUMX
un. La potenza di Dio, l'aiuto di Dio, è disponibile per noi attraverso la comprensione di ciò che la morte, la sepoltura e la risurrezione di Gesù hanno compiuto per noi.
b. Stiamo prendendo del tempo per studiare la Croce per aumentare la nostra comprensione di ciò che Gesù ha fatto per noi.
2. Per beneficiare pienamente della predicazione della Croce è necessario comprendere l'identificazione.
un. La parola non si trova nella Bibbia, ma il principio è lì. L'identificazione funziona così: non c'ero, ma quello che è successo lì mi colpisce come se fossi lì.
1. La Bibbia insegna che siamo stati crocifissi con Cristo (Gal 2:20), siamo stati sepolti con Cristo (Rom 6: 4) e siamo stati cresciuti con Cristo (Ef 2: 5).
2. Non eravamo lì, ma qualunque cosa sia accaduta alla Croce, nella morte, sepoltura e risurrezione di Gesù, ci colpisce come se fossimo lì.
3. Questo è il motivo per cui abbiamo bisogno della predicazione della Croce, così sappiamo cosa ci è accaduto nella morte, sepoltura e risurrezione di Gesù.
b. Identificare in realtà significa rendere identici in modo da poter considerare o trattare lo stesso.
1. Sulla croce Gesù si identificò con noi o divenne ciò che eravamo.
2. Alla Croce Dio trattò Gesù nel modo in cui avremmo dovuto essere trattati.
c. Attraverso la croce ebbe luogo uno scambio.
1. Tutto il male dovuto a noi a causa del nostro peccato e della nostra disobbedienza è andato a Gesù in modo che tutto il bene dovuto a lui per la sua obbedienza potesse venire da noi.
2. Gesù è diventato uno con noi nel nostro peccato e nella nostra morte, così da poter essere uno con Lui nella vita e nella giustizia. II Cor 5:21; Gal 3:13
3. Gesù è andato sulla Croce per noi in modo che potesse andare sulla Croce come noi.
un. Gesù doveva diventare ciò che eravamo affinché Dio lo trattasse come noi, così divenne per la prima volta un uomo.
b. Quindi sulla croce prese il nostro posto, divenne il nostro sostituto, così poté identificarsi con noi o diventare identico a noi in modo che Dio potesse trattarlo come noi.
c. L'identificazione è la nostra unione completa con Cristo nella sua morte, sepoltura e risurrezione.
4. In questa lezione e nella successiva vogliamo vedere quanto è stato completo il processo di sostituzione e identificazione di Gesù con noi.

1. La morte di Gesù coinvolse più di quanto si potesse vedere guardandolo morire sulla croce.
un. I nostri peccati furono posti su di Lui (Isa 53: 6). Fu fatto peccato (II Cor 5:21). È stato fatto una maledizione
(Gal 3:13). Tutte quelle cose erano invisibili o spirituali.
b. Quando parliamo delle sofferenze spirituali e della morte di Gesù ci riferiamo a ciò che accadde nel regno invisibile, nel regno spirituale.
2. Quando la Bibbia parla della morte in relazione alle persone, non significa mai "cessare di esistere". Tutti gli umani esisteranno per sempre, in paradiso o all'inferno.
un. Ci sono diversi tipi di morte menzionati nella Bibbia, compresa la morte fisica e spirituale.
1. Gen 2:17 - Dio disse ad Adamo che la conseguenza del suo peccato sarebbe stata la morte - morendo sarebbe morto.
Adam è morto due volte a causa del suo peccato.
2. Quando Adamo peccò, fu separato da Dio e tagliato fuori dall'accesso alla vita. Adam è morto fisicamente 930 anni dopo. Gen 3: 7-10,22-24; Ezec 18: 4,20; Gen 5: 5
b. Essere morti spiritualmente significa essere esclusi da Dio, senza la vita di Dio nel tuo spirito.
1. Ef 2: 1 – Prima di essere salvati avevamo la vita fisica, ma noi (l'uomo spirituale) eravamo morti - non inesistenti, ma privi della vita di Dio. Ef 2: 1 – Eri spiritualmente morto a causa dei tuoi peccati e fallimenti. (Phillips)
2. Ef 4:18 – Alienato, in greco, significa allontanarsi, essere un non partecipante.
c. WE Vine afferma che la morte spirituale è l'opposto della vita spirituale. La vita spirituale è unione e comunione con Dio. La morte spirituale è separazione da Dio.
3. I Corinzi 15:22, Rom 5:12 - L'intera razza umana morì in Adamo. La morte dell'uomo a causa del peccato di Adamo è duplice: fisica e spirituale.
un. L'uomo interiore di Adamo fu tagliato fuori da Dio, poi il suo corpo morì. La separazione da Dio ha prodotto un cambiamento nella sua natura (il suo spirito) che ha trasmesso ai suoi figli. Gen 4: 1-9; I Giovanni 3:12
b. Se Gesù si identificherà con noi, dovrà assumere qualunque cosa siamo, qualunque cosa abbiamo sulla via della morte.
c. Isa 53: 9 ci dice che Gesù ha subito due morti sulla Croce. La morte, in ebraico, è al plurale: morti. Gesù morì fisicamente, ma morì anche spiritualmente.
4. Cosa significa che Gesù è morto spiritualmente? Due cose:
un. Matteo 27:46 - Significa che era separato da Suo Padre. Abbandonato significa disertare o abbandonare.
b. Significa che ha preso su di sé la natura che è stata prodotta nell'uomo attraverso la separazione da Dio - la natura del peccato. Gesù è diventato quello che eravamo per natura. È stato fatto peccato. Isa 59: 2; II Cor 5:21
1. Nessun'altra parola descrive meglio l'uomo oltre a Cristo del peccato. Il peccato è un atto, una natura e uno stato dell'essere. Ef 2: 3; II Cor 6:14; 5 Giovanni 17:XNUMX
2. Gesù si è identificato con noi e ha preso la nostra natura di peccato su se stesso. Sal 22: 6; Giobbe 25: 6; Isa 41:14
3. Gesù collegò se stesso e la sua crocifissione con il serpente su un palo. Giovanni 3:14; Num 21: 9; Gen 3: 1; Ap 12: 9; 20: 2
c. Ricorda, Dio Padre non aveva a che fare con Gesù sulla Croce, aveva a che fare con noi attraverso il nostro Sostituto e la Sua identificazione con noi.
1. La nostra unione con Cristo fu tale che Egli divenne noi, divenne ciò che eravamo e Dio lo trattò come noi.
2. Il nostro vecchio, tutto ciò che eravamo in Adamo, fu crocifisso quando Gesù, l'ultimo Adamo, fu crocifisso. Rom 6: 6; Gal 2:20; I Cor 15:45
5. La sofferenza di Gesù per noi non era solo fisica, era spirituale. Ha sofferto spiritualmente. Ricorda,
la sofferenza spirituale si riferisce a ciò che accadde nel regno invisibile allo spirito e all'anima di Gesù.
un. Gesù non poteva sopportare i nostri peccati nel Suo corpo fisico perché il peccato non è una condizione fisica. È una condizione spirituale che si esprime fisicamente. Il problema principale dell'uomo non è fisico, è spirituale. La malattia e la morte fisica sono prodotti della morte spirituale.
b. Gesù ha sopportato i nostri peccati nel suo spirito che era nel suo corpo. La sua anima era un'offerta per il peccato. Isa 53:10
c. Eb 9:14 – Sulla croce, Gesù fu fatto un'offerta spirituale. Ha offerto non solo il suo corpo, ma se stesso per noi.

1. Per alcuni, questo è un concetto nuovo, forse inquietante. Ma ricorda queste cose.
un. Gesù che va all'inferno è un'estensione logica di sostituzione e identificazione. È lì che vanno le persone spiritualmente morte.
b. Non è andato lì per il suo peccato, non ne aveva. È andato lì per il nostro peccato.
c. La morte fisica non è il pagamento completo per il peccato. Se così fosse, ogni uomo potrebbe pagare il proprio peccato semplicemente morendo.
2. Nel primo sermone predicato da Pietro, fece riferimento a Gesù che andava all'inferno.
un. In Atti 2: 22-32 Pietro predicò sulla risurrezione e, nel fare ciò, dichiarò dov'era Gesù prima di risuscitare dai morti. Era all'inferno.
b. Alcuni dicono che Gesù sia andato all'inferno, ma non era un luogo di sofferenza. Piuttosto, era il seno di Abramo. Luca 16: 19-31
1. Prima che Gesù pagasse per i nostri peccati, nessuno poteva andare in paradiso. Tutte le persone, giuste e ingiuste, andarono nel cuore della terra.
2. C'erano due scomparti: un luogo di conforto e un luogo di tormento. Gesù andò nel luogo della sofferenza.
3. Considera questi motivi per cui Gesù andò all'inferno e soffrì.
un. È il prossimo passo logico di sostituzione e identificazione.
b. La parola inferno usata in Atti 2 è HADES. È tradotto tomba, inferno, luogo di spiriti defunti. È usato altre nove volte nel NT (Matteo 11:23; 16:18; Luca 10:15; 16:23; I Cor 15:55; Ap 1:18; 6: 8; 20: 13,14). Non significa mai un luogo di conforto, significa un luogo di tormento, giudizio o nemico di Cristo.
c. Isa 53: 9 ci dice che Gesù fece la sua tomba con i ricchi e i malvagi. Fu sepolto da solo nella tomba di Giuseppe d'Arimatea, un uomo ricco e buono (Marco 15:43; Luca 23:50). Dove fu sepolto con i malvagi? All'inferno.
d. Gesù stesso ci ha detto dove sarebbe stato dopo la sua morte. Matt 12: 38-40
1. Ha detto che sarebbe stato nel cuore della terra, e sarebbe stato come essere nel ventre di una balena.
2. Giona 1:17; 2: 1-10 – Quando guardiamo all'esperienza di Giona nel ventre della balena, vediamo che non era confortante.
3. Sal 88 descrive un uomo che sperimenta la piena forza dell'ira di Dio. È chiaramente una sofferenza intensa, come le onde. v3,6,7,14,16,17. Grave è SHEOL o l'inferno, il mondo dei morti.
4. La sofferenza spirituale di Gesù iniziò sulla Croce, ma secondo il tipo di Giovanni, la maggior parte di essa avvenne all'inferno.
e. Atti 2:24 – Lo Spirito Santo ci dice che la risurrezione ha liberato Gesù da intense sofferenze.
1. Il dolore è ODIN nel geek. Significa fitte alla nascita, travaglio, sofferenza intensa.
2. Il dolore fisico della crocifissione si sarebbe fermato non appena fosse morto. Questo è un dolore, una sofferenza, che ha avuto luogo dopo la sua morte fisica.
f. Atti 2:31 mostra il duplice aspetto della sofferenza di Cristo: carne (fisica) e anima (spirituale).

1. “Come puoi dire una cosa del genere? Deruba Gesù della sua gloria e insulta la sua divinità. " Questo è un argomento emotivo e non un argomento scritturale.
un. Niente di tutto questo è accaduto a Gesù perché se lo meritava. Non l'ha fatto! Lo abbiamo fatto e Lui l'ha preso per noi.
b. Gesù è diventato un uomo in modo da poter partecipare alla nostra morte, fisica e spirituale. Gesù soffre queste cose nella sua umanità. Eb 2: 9
1. La Bibbia afferma chiaramente che la morte ha avuto il dominio su Gesù per un certo periodo. Come deve essere stato per il Signore della vita? Rom 6: 9; Atti 2:24
2. Perché l'agonia di Gesù nel Giardino di Getsemani fu così grande? Stava per diventare peccato, perdere la comunione con Suo Padre e diventare l'oggetto dell'ira di Suo Padre. Matteo 26: 36-38
2. Gesù disse al ladro sulla croce: Oggi sarai con me in paradiso. Luca 23:43
un. La parola paradiso è usata tre volte in tutta la Bibbia (Luca 23:43; II Cor 12:24; Ap 2: 7). Ogni volta è chiaramente il cielo non il seno di Abramo.
b. Il ladro ha chiesto di essere nel regno di Gesù. Il seno di Abramo non è il futuro regno di Cristo.
c. Non c'è punteggiatura nel greco originale. I traduttori decidono dove va la punteggiatura.
1. Rotherham – E gli disse - in verità ti dico oggi: Con me sarai in cielo.
2. In altre parole, Gesù stava dicendo: “Non devo ricordarmi di te quando avrò il mio regno. Te lo posso dire subito, sarai con me in paradiso ”.
d. Ricorda un'importante regola dell'interpretazione biblica: se hai dieci scritture che dicono chiaramente la stessa cosa e una scrittura che sembra contraddire, non buttare via le dieci per quella. Supponi di non avere ancora la piena comprensione di un verso.
3. Gesù disse che tutto era finito sulla Croce. Giovanni 19:30
un. Gesù non può dire che tutto fosse finito in quel momento.
1. Doveva ancora morire, essere sepolto e risorto, secondo le Scritture. 15 Cor 1: 4,14,17-XNUMX
2. A questo punto Gesù è ancora una maledizione (Deut 21:23). È ancora sotto il dominio della morte.
3. In Giovanni 19: 36,37 dopo che Gesù disse: “È finito”, stava ancora adempiendo le Scritture.
4. Eb 1: 3 dice che la redenzione era completa quando Gesù si sedette alla destra del Padre.
b. La risurrezione non è una questione secondaria o una nota a piè di pagina della crocifissione. È la prova della nostra giustificazione, la prova che i nostri peccati sono pagati.
1. Rom 4:25 - che si è arreso a morte a causa delle offese che avevamo commesso, ed è stato resuscitato a causa dell'assoluzione assicurata per noi. (Weymouth)
2. Nel Libro degli Atti i discepoli non predicavano la crocifissione, predicavano la risurrezione. Predicavano la Croce: la morte, la sepoltura e la risurrezione di Gesù.
Acts 1:22; 2:24,32; 3:15; 4:2,33; 5:30-32
c. Ricorda la nostra regola di interpretazione della Bibbia. Se hai dieci scritture che esprimono chiaramente lo stesso punto e un verso che sembra contraddire, non buttare via le dieci.
f. Cosa intendeva Gesù quando disse: "È finito"?
1. L'uomo che Gesù aveva completato pienamente e perfettamente la volontà di Dio per la sua vita sulla terra.
2. Gesù è l'unico uomo che sia mai stato in grado di dire alla fine della sua vita: è finita, è perfettamente completa. Eb 4:15

1. Attraverso Gesù, il Padre non si è solo occupato di ciò che ho fatto, ma di ciò che ero.
un. Dio mi ha punito, ucciso, giustiziato. Gesù è morto la morte che avrei dovuto morire.
b. Gesù ha preso la mia morte per poter avere la sua vita. Ha preso la maledizione della mia disobbedienza in modo che io possa avere la benedizione della sua obbedienza.
2. Gesù divenne ciò che eravamo in modo che potessimo diventare ciò che è: santi, giusti figli di Dio, liberi dal dominio della morte.