IL GRANDE SCAMBIO

La croce e l'identificazione
I due uomini più importanti
Il grande scambio
Gesù nostro sostituto
Maggiori informazioni su Jesue Il nostro sostituto
Vivere una vita risorta
Cresciuto con Cristo
Fatto vivo con Cristo

1. I Cor 1:18 ci dice che nella predicazione della Croce è il potere di Dio. Per beneficiare appieno del potere della Croce è necessario comprendere l'identificazione.
un. La parola non si trova nella Bibbia, ma il principio è lì.
b. L'identificazione funziona così: non c'ero, ma quello che è successo lì mi colpisce come se fossi lì.
1. La Bibbia insegna che siamo stati crocifissi con Cristo (Gal 2:20), siamo stati sepolti con Cristo (Rom 6: 4) e siamo stati cresciuti con Cristo (Ef 2: 5).
2. Non eravamo lì, ma qualunque cosa sia accaduta alla Croce, nella morte, sepoltura e risurrezione di Gesù, ci colpisce come se fossimo lì.
c. Identificare in realtà significa rendere identici in modo da poter considerare e trattare lo stesso. Sulla croce Gesù divenne ciò che eravamo in modo da poter diventare ciò che è.
d. Identificazione significa la nostra completa unione con Cristo nella sua morte, sepoltura e risurrezione.
2. Dio creò l'uomo per la filiazione, per l'amicizia, per la relazione. Ef 1: 4,5; Gen 1:26
un. Ma, il primo uomo Adamo, disubbidì a Dio. A causa dell'identificazione, le sue azioni hanno influenzato l'intera razza umana. Rom 5: 12-19
b. Siamo nati in una razza caduta con una natura peccaminosa ereditata da Adamo. Non appena siamo abbastanza grandi, commettiamo i nostri peccati. Ef 2: 1-3; Rom 3:23
c. Come risultato di tutto ciò, la morte, che è la conseguenza del peccato, regna nelle nostre vite.
Rom 6:23; Deut 28: 15-68
d. Poiché Dio è giusto, non può avere comunione con i peccatori e deve punire il nostro peccato. Ma l'unica punizione che soddisferà la giustizia divina è l'eterna separazione da Dio.
3. La soluzione di Dio a tutto questo era ed è la Croce: la morte, sepoltura e risurrezione di Gesù.
un. Dio voleva trattarci come figli, ma a causa della nostra natura decaduta e del nostro peccato, non poteva farlo.
b. Quindi alla Croce, Gesù si identificava con noi, si univa a noi nel nostro peccato e nella nostra morte.
1. Quindi, Dio ha dovuto trattare Gesù come avremmo dovuto essere trattati.
2. Tutte le conseguenze del nostro peccato e disobbedienza sono andate a Gesù. Dio ha fatto a Gesù ciò che avrebbe dovuto essere fatto a noi per soddisfare la giustizia divina.
c. A causa del valore della sua persona, Gesù potrebbe soddisfare le pretese della giustizia contro di noi.
1. Una volta pagato il prezzo per il nostro peccato, poiché non aveva alcun peccato suo, Gesù poteva uscire dalla morte.
2. Poiché si è unito a noi sulla Croce, eravamo con Lui quando uscì dalla morte nella risurrezione.
3. Quando Gesù si alzò libero dal peccato, dalla morte e dalla tomba, lo facemmo anche noi perché eravamo uniti a Lui.
4. La croce era un mezzo per raggiungere un fine. Attraverso la croce di Cristo Dio ottenne la sua famiglia.
un. Gesù è diventato ciò che eravamo in modo che potessimo diventare ciò che è: un santo, irreprensibile figlio di Dio, libero da ogni traccia di peccato. Rom 8:29; Col 1:18
b. Ha preso le conseguenze della nostra disobbedienza in modo che potessimo avere le benedizioni della sua obbedienza.
c. Alla croce fu fatto uno scambio. Vogliamo trascorrere il resto della lezione affrontando quello scambio.

1. Dio, il Signore Gesù Cristo, è diventato un uomo per poter morire per noi. Eb 2: 9,14
un. Rom 5: 6 – Mentre eravamo ancora nella debolezza - incapaci di aiutare noi stessi - al momento opportuno, Cristo morì per (a favore) gli empi. (Amp)
b. Gesù è morto per noi. Perché, in greco (HUPER), significa per amore di, invece di.
c. Gesù è morto per la morte dovuta a noi e ha sopportato le penalità dovute a noi.
2. Una volta che è andato alla Croce per noi, ha potuto identificarsi con noi o essere reso identico a noi - tutto ciò che eravamo e tutto ciò a cui eravamo legati - ed essere trattato come noi.
1. II Cor 5:21 – Eravamo nel peccato, quindi ha preso il nostro peccato su di sé. L'uomo Gesù è stato fatto peccato.
2. Gal 3:13 - Eravamo sotto una maledizione, quindi Gesù si identificò con il fatto che eravamo sotto una maledizione. È stato fatto una maledizione per noi.
3. In Isaia 53 otteniamo ulteriore luce su ciò che è accaduto alla Croce.
un. Quando Gesù appese alla croce, Dio pose la nostra iniquità su di lui. Isa 53: 6
1. L'iniquità in ebraico è AVON. La parola include non solo il peccato, ma anche la punizione che il peccato comporta.
2. Nel suo senso più pieno AVON significa non solo il peccato o l'iniquità, ma tutte le conseguenze malvagie del peccato e del giudizio che esso comporta. Gen 4:13; Lam 4: 6,22
b. Sulla croce Gesù ha portato i nostri peccati e ha portato i nostri peccati. Isa 53: 4,11,12
1. In ebraico la parola portata è NASA e la parola portata è SABAL. Queste parole significano sollevare, portare via, trasmettere o allontanarsi a distanza.
2. Entrambe le parole indicano sostituzione (assumendo un onere gravoso) e completa rimozione di una cosa sostenuta.
3. In Lev 16: 20-22 vediamo questa idea perfettamente illustrata nel capro espiatorio di Israele. Iniquità è la parola AVON e orso è la parola NASA.
4. Questa è un'immagine OT di ciò che Dio desidera fare con i nostri peccati e il giudizio e le conseguenze che ne derivano - trasferiscili a un altro allo scopo della rimozione.
4. Quando Gesù appese alla croce, si identificò con noi e Dio lo trattò come avremmo dovuto essere trattati.
un. Tutto il male che ci era dovuto a causa della nostra natura di peccato, il nostro peccato, la nostra disobbedienza, è andato a Gesù in modo che potesse essere affrontato e rimosso per sempre.
b. Quindi, una volta risolto, potremmo uscirne con Gesù quando Egli uscì alla risurrezione. Siamo stati resi liberi dal peccato e dalla morte in tutte le sue forme come Lui, con la stessa posizione che ha davanti al Padre: un figlio di Dio santo e irreprensibile.
c. Sulla croce Gesù divenne ciò che eravamo in modo che nella risurrezione potessimo diventare ciò che Lui, l'uomo Gesù, è. Cosa significa essere come l'uomo Gesù?
1. Significa essere letteralmente figlio di Dio per nascita. Giovanni 1:12; 5 Giovanni 1: XNUMX
2. Significa avere la vita di Dio in te per permetterti di vivere come Dio desidera. 5 Giovanni 11,12: XNUMX;
II animale domestico 1: 4; 2 Giovanni 6: XNUMX
3. Significa essere retti o retti con Dio - in piedi retti con Dio. II Cor 5:21;
Roma 5: 18,19
4. Significa essere liberi dal potere del peccato e della morte in tutte le sue forme. Rom 6: 8-10
5. Significa essere conformi all'immagine di Gesù - essere come Lui per carattere e potere.
Rom 8:29; 3 Giovanni 2: XNUMX
d. Dio ottenne la sua famiglia attraverso lo scambio fatto alla Croce.

1. Gesù è morto per morte, così da poter condividere la sua vita. Eb 2: 9; Giovanni 10:10
un. Gesù venne perché potessimo avere la vita. Ci ha dato quella vita unendosi prima a noi nella morte sulla Croce.
Quindi, quando fu reso vivo nella risurrezione, fummo resi vivi. Ef 2: 5
b. È andato a morte, attraverso la morte, per portarci fuori dalla morte nella vita.
2. Gesù ha preso la nostra punizione per il peccato in modo da poter avere pace con Dio.
un. Isa 53: 5 - È stato punito così avremmo avuto la pace. (Nuova vita)
b. Isa 53: 5 – Il castigo necessario per ottenere pace e benessere per noi era su di lui. (Amp)
c. Non siamo stati lasciati fuori dai guai per i nostri peccati. I nostri peccati furono puniti nella persona del nostro sostituto, e ora abbiamo pace con Dio - la stessa pace che ha Gesù. Rom 5: 1,2
3. Gesù è stato reso peccato con il nostro peccato in modo che possiamo essere resi giusti con la Sua giustizia. II Cor 5:21
un. Nessun'altra parola descrive meglio un uomo al di fuori di Cristo del peccato. Il peccato è un atto, una natura e uno stato dell'essere.
1. Rom 5:19 – Con l'atto di disobbedienza di Adamo siamo stati resi peccatori.
2. Ef 2: 3 – Per natura eravamo oggetto dell'ira di Dio.
3. II Cor 6:14 chiama ingiustizia i non credenti. 5 Giovanni 17:XNUMX dice che ogni ingiustizia è peccato.
b. II Cor 5:21 - Colui che non ha mai conosciuto il peccato che Dio ha fatto essere peccato, a nostro favore, così che noi, attraverso la nostra unione con Lui, potessimo diventare la giustizia di Dio. (XX secolo)
4. Gesù portava la nostra vergogna per poter avere la sua gloria.
un. La vergogna è una conseguenza del peccato.
1. Può andare da un grave imbarazzo a un sentimento di indegnità che ci tiene lontani da una relazione con Dio.
2. Lo vediamo per primo nel giardino dell'Eden dopo che Adamo ed Eva hanno peccato. Gen 2:25; 3: 7,10
b. Gesù portava la nostra vergogna sulla Croce.
1. La crocifissione era la più vergognosa di tutte le forme di morte, riservata solo al criminale più basso. L'esecutivo è stato spogliato dei suoi vestiti ed esposto ai passanti che hanno deriso e deriso.
2. Eb 12: 2 – Egli, per la gioia [di ottenere il premio] che Gli era stato posto davanti, sopportò la Croce, disprezzando e ignorando la stessa. (Amp)
c. Lo scopo di Dio era portarci alla gloria attraverso ciò che Gesù fece nella Sua morte, sepoltura e risurrezione. Eb 2:10
d. Rom 8:30 - E quelli che ha giustificati, li ha anche glorificati - elevandoli a una dignità e condizione celeste [stato di essere]. (Amp)
5. Gesù sopportò il nostro rifiuto da parte del Padre in modo da poter avere la Sua accettazione come Figlio di Dio.
un. Sulla croce, Gesù non fu rifiutato solo dagli uomini, ma fu respinto da suo Padre. Isa 53: 3;
Matt 27: 46
b. Attraverso la croce siamo stati accettati da Dio, resi accettabili da Dio. I Pet 3:18; Ef 1: 6
6. Gesù si ammalò della nostra malattia per poter essere guariti. Isa 53: 4,5,10
un. In ebraico la parola dolore è CHOLI che significa malattia fisica. La parola dolori è MAKOB che significa dolori fisici.
1. v4 – Sicuramente ha sopportato le nostre malattie e le nostre pene. (Young's Literal)
2. v4,5 – Ma solo le nostre malattie ha sopportato se stesso, e le nostre pene ha portato ... e attraverso i suoi lividi ci è stata data la guarigione. (Minore)
3. v5 - È stato picchiato così potevamo essere guariti. (Nuova vita)
4. v10 – Lo ha fatto soffrire e lo ha fatto ammalare. (Amp)
b. La malattia è una conseguenza del peccato di Adamo. Dio ha affrontato le nostre malattie allo stesso tempo e allo stesso modo ha trattato i nostri peccati - sulla Croce. Rom 5:12
7. Gesù fu reso povero con la nostra povertà in modo da poter essere ricchi con le sue ricchezze. II Cor 8: 9
un. Questo scambio avvenne sulla croce. Gesù non era povero durante il suo ministero della terra. Matt 8:20; Giovanni 1:39
1. Non portava molti soldi, ma non gli mancava mai nulla di cui aveva bisogno, e gli restava abbastanza da dare ai poveri. Matteo 14: 15-21; 17: 24-27; Giovanni 12: 4-8; 13:29
2. Quando mandò i suoi discepoli a predicare, non gli mancava nulla. Luca 22:35
b. La povertà è una maledizione o conseguenza del peccato. Quando Gesù ha sopportato i nostri peccati, ha sopportato la nostra povertà.
Deut 28: 15-18; 47,48
c. Gesù, sulla Croce, era affamato (senza cibo per ventiquattro ore), assetato ("Ho sete" - Giovanni 19:28), nudo (Giovanni 19:23), bisognoso di ogni cosa (seppellito in una veste prestata in una tomba presa in prestito
Luca 23: 50-53).
8. Gesù divenne una maledizione per poter ricevere la benedizione. Gal 3: 13,14
un. La maledizione della Legge include tutte le maledizioni elencate in Dt 28: umiliazione, sterilità, infruttuosità, malattia mentale e fisica, disgregazione familiare, povertà, sconfitta, oppressione, fallimento, disgrazia di Dio, ecc.
b. Ognuna di quelle maledizioni è venuta su Gesù affinché potessimo essere liberati da loro e la benedizione ci venisse.
c. Con che cosa fu benedetto Abramo? Aveva la giustizia attraverso la fede ed era benedetto in tutte le cose, fisicamente e spiritualmente. Gen 15: 6; 24: 1; Rom 4: 6-12

1. Durante la nostra prima nascita siamo nati in una razza caduta, la razza di Adamo. Attraverso la nostra seconda nascita siamo nati in una razza di nuove creature in Cristo. Col 1:13
un. In Adamo eravamo, abbiamo avuto, morte, punizione, ingiustizia, vergogna, rifiuto, povertà, malattia, maledizione.
b. Alla croce Gesù prese tutte quelle cose per poterle rimuovere e noi potremmo essere e avere vita, pace, giustizia, gloria, accettazione, provvidenza, ricchezza, benedizione.
2. Tutte queste cose sono già nostre in Cristo. Dobbiamo semplicemente imparare a camminare nella loro realtà per sperimentarli nella nostra vita.
un. Devi imparare ad essere d'accordo con ciò che Dio ha fatto per noi, ciò che ha fornito per noi. Ciò significa parlare e agire in accordo con ciò che Dio ha fatto e fornito.
b. Ma prima dobbiamo sapere cosa è stato fornito e persuaderci o convincerci. Ecco perché ci stiamo prendendo del tempo per studiare la croce.
3. Mentre studiamo, ricorda il "perché" dietro la Croce. Perché Dio ha fatto questo scambio alla Croce?
un. Perché ci ama, perché vuole trattarci come Gesù.
b. Salute, provvidenza, accettazione, vita, benedizione, rettitudine, gloria, pace - quale padre non vorrebbe questi per i suoi figli? !!