DIO CON NOI PORTA LA PACE

Scarica PDF
DIO CON NOI
DIO CON NOI PORTA LA PACE
NIENTE DI PIÙ GRANDE DI DIO
NIENTE IMPOSSIBILE PER DIO
LA PROVIDENZA DI DIO
DIO LAVORA LA SALVEZZA IN TERRA
DIO CON E PER NOI

1. Abbiamo sottolineato che alcuni si commuovono perché pensano erroneamente che essere cristiani non significa più problemi o solo problemi che possono essere facilmente risolti perché Dio è ora nostro Padre.
un. Pertanto, quando arrivano i problemi vengono tormentati da pensieri ed emozioni. Cosa c'è di sbagliato in me? Perché mi succedono tutte queste cose brutte? Cosa c'è che non va in Dio? Come poteva lasciare che succedesse qualcosa del genere a me? Perché non lo risolve?
b. Non esiste una vita senza problemi perché viviamo in un mondo che è stato danneggiato dal peccato.
1. Gesù stesso disse: In questo mondo avrai tribolazione (prove, angoscia e frustrazione). Falene e ruggine corrompono e i ladri irrompono e rubano. È la natura della vita in un mondo maledetto dal peccato. Giovanni 16:33; Matteo 6:19
2. Tuttavia, questa vita non è tutto ciò che c'è nella vita (c'è di più a venire dopo questa vita). E l'obiettivo principale di Dio in questo momento è quello di portare gli uomini a salvare la propria conoscenza attraverso Gesù in modo che possano avere una vita dopo questa vita (non per porre fine ai problemi attuali della vita). Matteo 16:26; Luca 12: 16-21
2. Ciò non significa che non ci sia di aiuto nelle prove della vita. Alcune circostanze possono essere cambiate attraverso la preghiera e il potere di Dio. Altri, dobbiamo camminare così come sono e affrontare il meglio che possiamo con il potere di Dio. La Bibbia ci aiuta a sapere quale è quale (lezioni per un altro giorno).
un. Ma nota che la promessa di Gesù a coloro che sono suoi è che possiamo avere la pace della mente nelle difficoltà della vita. Questa pace ci viene principalmente attraverso la Parola di Dio.
1. Giovanni 16: 33 — E ora le mie parole sono finite. Ho detto loro che, in tutta la vita in cui vivete in comunione con me, potete avere la pace, un soggiorno costante per i vostri cuori in mezzo alla tribolazione di questo mondo. (Parafrasi di Riggs)
2. Questa è un'enorme promessa per noi che viviamo in una terra maledetta dal peccato dove la vita è molto difficile. Possiamo avere la pace della mente nel mezzo delle prove della vita, la pace che passa la comprensione.
b. Uno dei modi in cui la Parola di Dio ci dà la pace della mente è fornendoci una documentazione di come Dio ha aiutato le persone in mezzo a questa terra maledetta dal peccato.
1. Abbiamo guardato Joseph, un uomo che ha avuto grandi difficoltà. Atti 7: 9-10 dice che Giuseppe fu colpito da un enorme processo, ma Dio era con lui e lo liberò.
R. Quando esaminiamo la storia di Joseph, scopriamo che Dio con Joseph significa che Dio ha fornito ciò di cui Joseph aveva bisogno per sopravvivere al suo calvario. Dio lo ha superato fino a quando non ha tirato fuori Joseph.
B. Poiché Dio era con Giuseppe, ciò che doveva danneggiarlo ha funzionato per il bene, e Dio ha fatto sì che le circostanze servissero ai Suoi scopi mentre portava la massima gloria a se stesso e il massimo bene a moltitudini di persone.
2. In questa lezione vogliamo continuare a parlare del fatto che la pace viene dal sapere che Dio è con te e, poiché è con te, hai ciò di cui hai bisogno per farcela.

1. La parola "con" significa in relazione reciproca (Webster's Dictionary). Relazione o relazione indica un aspetto o una qualità che collega due o più cose come essere o appartenere o lavorare insieme o essere dello stesso tipo (Webster's Dictionary).
un. Dio è con tutti nel senso che Dio è Onnipresente o presente ovunque contemporaneamente. Questo "con" è più di questo. È relazionale.

1. Isa 41: 10 — Non temere; [non c'è nulla da temere] perché io sono con te; non guardarti intorno con terrore ed essere sgomento per Io sono il tuo Dio (Amp); Isa 43: 1-2 — Non temere, poiché ho pagato il tuo riscatto; Ti ho chiamato per nome e tu sei il mio. (NEB)
2. Dio dice: Perché tu sei mio e io sono con te (siamo collegati attraverso la relazione) quando incontri problemi travolgenti (acqua e fuoco sono metafore di tali eventi) non verrai bruciato o spazzato via (danneggiato o distrutto in modo permanente) ) perché sono il Signore (il più grande potere) e sono il TUO liberatore (è personale).
b. Dio ci ha creati per la relazione. Ci conosceva prima di formare la terra e ci scelse per diventare i Suoi figli e figlie attraverso la fede in Cristo (Ef 1: 4-5). Attraverso la Croce di e la nuova nascita diventiamo figli di Dio. Lui è nostro padre. Siamo di Dio, nati da Dio (I Giovanni 5: 1; I Giovanni 4: 4)
Siamo con Dio e Lui è con noi.
2. Mantieni quel pensiero e ricorda qualcosa che abbiamo visto nell'ultima lezione. In Sal 42: 5 David dichiarò che avrebbe lodato Dio per l'aiuto del suo volto.
un. La parola espressione tradotta significa letteralmente faccia. Tuttavia, il più delle volte, viene utilizzato in senso figurato per indicare l'intera persona. Il significato principale della parola aiuto tradotto è di salvare da angoscia o pericolo.
1. L'aiuto del suo volto significa letteralmente: la sua presenza è salvezza. David sapeva che Dio era con lui e la sua presenza con David significava aiuto nei momenti difficili.
2. La parola ebraica tradusse l'espressione in Sal 42: 5 è anche usata in Es 33:14. È presenza tradotta. Dio onnipotente assicurò a Mosè mentre si avviavano nel loro viaggio dall'Egitto a Canaan che sarebbe stato o sarebbe andato con loro. E avrebbe dato loro riposo.
A. La parola ebraica tradotta riposo significa stabilirsi. Nota queste traduzioni: portarti al tuo luogo di riposo (Knox); alleggerirà il tuo fardello (Torah); metterti a tuo agio (Berkeley); sistemati al sicuro (Moffatt).
B. In altre parole, Dio ha promesso: sarò con te e ti farò passare fino a quando non ti farò uscire dal deserto. Quando leggiamo la loro storia, vediamo che è esattamente quello che è successo.
3. Ricorda, il deserto non era "la volontà di Dio per loro". Canaan era la volontà di Dio per loro. Ma, a causa della natura della vita in un mondo caduto, non era facile per loro raggiungere Canaan se non attraverso il deserto. Ma Dio era con loro. Una traduzione di Ex 33:14 dice: Ti guiderò (AAT).
b. Il popolo di Israele non era letteralmente figli di Dio, nato da Dio. (Nessuno potrebbe rinascere o nascere da Dio fino a quando Gesù non pagasse il prezzo per il nostro peccato. Lezioni per un altro giorno). Ma Dio si riferì a Israele come un gruppo come suo figlio (Eso 4:23).
1. E la sua cura per loro è descritta come quella di un padre che si prende cura di suo figlio (Deut 1:31). La loro esperienza illustra come Dio si prende cura dei suoi figli e delle sue figlie (incluso noi).
2. Nelle lezioni precedenti abbiamo discusso di come Dio si è preso cura di loro nel viaggio. Li ha guidati e protetti. Diede loro acqua, quaglie e manna e i loro vestiti e le loro scarpe non si consumarono. Es 13: 21-22; Es 16: 4; Ex 17: 6; Deut 8: 4; eccetera.
c. Nelle lezioni precedenti abbiamo anche sottolineato che, nonostante la presenza e l'aiuto di Dio, questo gruppo di persone era completamente dominato da ciò che potevano vedere e sentire e non avevano tranquillità durante il loro viaggio. Non vivevano con la consapevolezza che Dio era con loro e la sua presenza con loro era tutto ciò di cui avevano bisogno per superarli.
1. Dio li ha aiutati comunque perché fanno parte della storia redentrice. Il Redentore (il Signore Gesù Cristo) verrà attraverso questo gruppo di persone e dovranno tornare nel paese in cui nascerà come Dio ha promesso. Gen 15:16; Michea 5: 2; eccetera.
2. La loro storia è registrata in parte per non ripetere i propri errori. Ci sono un esempio di cosa non fare. 10 Cor 6: 11-XNUMX

1. Sal 46: 1 dice che Dio è il nostro rifugio e la nostra forza, un aiuto molto presente (sempre lì e pronto ad aiutare) nei momenti di difficoltà. Questo è un altro modo di dire che Dio è con noi (v7, v11) e la sua presenza con noi è l'aiuto di cui abbiamo bisogno perché nulla può venire contro di noi che è più grande di Dio.
un. Il salmista continua a esortare le persone a pensare a questa verità. Selah intende mettere in pausa e pensare a questo (v3, v11). Inoltre li ammonisce di stare fermi e di sapere che Dio è Dio. v10: smetti di lottare e riconosci che io sono Dio (Harrison); Fai una pausa e sappi che io sono Dio (Gerusalemme).
1. Conoscere ha una grande varietà di significati e viene utilizzato in vari modi. Il significato di base è accertare vedendo; imparare, percepire, discernere, sperimentare. Accertare i mezzi per scoprirlo definitivamente; impara con certezza o certezza (Webster's Dictionary).
2. Vediamo Dio nella sua Parola. Dio si rivela attraverso la sua Parola. La Parola vivente, il Signore Gesù, si rivela attraverso la Parola scritta, la Bibbia. Dobbiamo prenderci del tempo per vedere Dio nella sua Parola. È la fonte della fede e della fiducia. Rom 10:17; Giovanni 5:39
b. Conoscere la vicinanza e la grandezza di Dio in un modo che porta la pace della mente non è automatico.
1. Ovviamente Dio è con tutti nel senso che è presente ovunque contemporaneamente. Paolo disse all'idolo che adora i pagani che Dio non è lontano da nessuno perché in Lui viviamo, ci muoviamo e abbiamo il nostro essere. Atti 17: 27-28
2. Nota che Dio vuole che lo cerchiamo. Non costringe nessuno a relazionarsi con se stesso. Cercare Dio (cercare di conoscerlo e vederlo) è un tema biblico. Se non cerchi, non troverai. Vuole che il nostro cuore, mente, anima e corpo (tutti noi) siano inclini verso di Lui, perseguendolo.
c. Sal 119: 165 dice che coloro che amano l'amore di Dio (la Sua Parola) avranno una grande pace e nulla li farà inciampare (spostarli).
1. Sal 119: 97 dice che esprimiamo il nostro amore per la Parola di Dio meditando (pensandoci) su tutto il giorno. Questo non significa necessariamente che recitiamo versi tutto il giorno. Significa che valutiamo tutto in termini di ciò che Dio dice, non in termini di ciò che vediamo e sentiamo nel momento.
2. Questo viene fuori dalla nostra visione della realtà. Ci siamo persuasi che Dio è con noi e che nulla può venire contro di noi più grande di Dio. Pertanto, non abbiamo motivo di temere.
2. Paolo, che è un esempio straordinario di qualcuno che non è entusiasta delle prove della vita, ha scritto a un gruppo di persone che stavano subendo una crescente persecuzione. Erano in pericolo di essere spostati dalla loro fede in Cristo. L'intera epistola agli ebrei è un'esortazione a rimanere fedeli in ogni caso.
un. Alla fine della lettera Paolo fa la dichiarazione: accontentati di ciò che hai perché Dio ha detto che non ti lascerà mai o ti abbandonerà. Eb 13: 5
1. La parola contenuto significa letteralmente allontanare. Se usato in senso figurato porta questa idea: essere sufficiente; possedere una forza sufficiente; essere forte; essere abbastanza per una cosa, quindi per difendersi o allontanarsi. È tradotto sia contenuto, sia sufficiente, basti, sia sufficiente.
2. In altre parole, quando Dio è con te, hai tutto ciò di cui hai bisogno per farcela, qualunque cosa tu abbia a che fare perché non è più grande di Lui, e ti farà passare fino a quando non ti farà uscire.
b. Il resto del verso chiarisce questo punto. Puoi accontentarti di ciò che hai perché hai Dio con te e Lui ha detto: non ti lascerò mai né ti abbandonerò.
1. v5 — Lui (Dio) stesso ha detto: non ti deluderò in alcun modo, non ti rinuncerò né ti lascerò senza supporto. [Non], [Non], [Non] non ti lascerò in alcun modo indifeso, né ti abbandonerò né ti deluderà, [rilassa la mia presa su di te]. Certamente no! (Amp)
2. Paolo cita da Deut 31: 6-8. Al confine di Canaan, poco prima che Israele entrasse nella terra per prendere il controllo, Dio, attraverso Mosè, disse loro: Non temere perché io sono con te. Non fallirò né ti abbandonerò. Dio ha ribadito la promessa che fece a Mosè all'inizio del viaggio: io sono con te. Verrò con te e ti darò riposo (ti porterò in un posto stabile, ti sistemerò al sicuro). Ex 33:14
c. Paolo continua con l'affermazione che Dio ci ha fatto una promessa in modo che possiamo dire con audacia: Eb 13: 6 —Il Signore è il mio aiutante, non sarò preso dall'allarme — non avrò paura, né terrore né terrore. Cosa può farmi l'uomo? (Amp)
1. Nota: Dio ha detto (ci ha dato la Sua Parola) in modo che possiamo dire (o impedire ai nostri cuori di essere turbati) e proclamare coraggiosamente il modo in cui le cose sono realmente, non solo come appaiono e si sentono nel momento.
2. Nota che questa non è una citazione parola per parola. Questa è una visione della realtà che è stata cambiata dalla Parola di Dio. Il lettore ha preso in considerazione le prove (la Parola di Dio), ci ha pensato, ed è giunto a una conclusione stabile che ha rimodellato la sua visione della realtà e influenzato il modo in cui risponde ai problemi.
3. È quello che è successo a Giosuè e Caleb. Ecco perché, di fronte a probabilità schiaccianti, sono stati in grado di dire: non temere. Dio è con noi. Combatterà per noi. Prenderemo la terra. Num 13:33: Num 14: 9
3. Questa non è una tecnica per scongiurare i guai: basta dire le parole giuste e i tuoi problemi saranno risolti !! Si tratta di cambiare la tua visione della realtà e quindi di afferrare i tuoi pensieri e le tue emozioni in mezzo ai tuoi problemi.
un. È normale avere emozioni e pensieri stimolati dalle circostanze. Ma devi riconoscere che, sebbene i sentimenti siano reali nel senso che li senti davvero, non hanno necessariamente tutti i fatti nella tua situazione. Solo Dio ha tutti i fatti.
1. Giosuè e Caleb provarono paura quando videro città e giganti murate. Ma sapevano che Dio era con loro e che aveva promesso di farli passare fino a quando non li avesse tirati fuori.
2. Pertanto, si sono rifiutati di prendere decisioni o intraprendere azioni basate semplicemente su come si sono sentiti nel momento. Hanno scelto di riconoscere Dio con loro e la promessa di Dio per loro.
b. Dobbiamo sviluppare l'abilità o la capacità di afferrare le nostre emozioni. Non puoi impedirti di provare emozioni. Ma puoi scegliere dove focalizzare la tua attenzione.
1. A che ora ho paura di esercitare la mia volontà e scegliere di fidarmi di te. Ho scelto di esaltare e vantarmi della tua Parola. Non temerò il male perché tu sei con me. Sal 56: 3-4; Sal 23: 4
2. Sl 42: 5 — David parlò alla sua anima (la sua mente e le sue emozioni). Perché sei abbattuto, o mio io interiore? E perché dovresti lamentarti di me ed essere inquieto dentro di me. Spero che tu sia in Dio e aspetterò in attesa di Lui, perché lo loderò ancora, il mio aiuto e il mio Dio. (Amp) 3. Sal 116: 7 — Ritorna al tuo riposo (riposo, quiete, luogo di riposo) o anima mia perché Dio ha fatto generosamente. Entrambi hanno raccontato la potenza di Dio, il suo aiuto passato e la sua presenza attuale.
c. Quando incontriamo problemi, tendiamo a fissare la circostanza e ossessioniamo dal motivo per cui ciò è accaduto e da come lo ripareremo.
1. Chiudi la domanda sul perché: questa è la vita in una terra maledetta dal peccato. Ma non ha preso Dio di sorpresa. Vede un modo per usarlo per sempre e vede un modo per farmi passare.
2. Se è possibile eseguire un'azione che risolverà il problema, farlo. Altrimenti, non fissare ciò che non puoi fare, concentrati su Dio e su ciò che può fare. Lascia che la Sua Parola e il suo potere soprannaturali facciano il suo lavoro e trasmettano pace alla tua anima.
d. Sal 61: 2 — Dalla fine della terra piangerò verso di te, quando il mio cuore sarà sopraffatto; guidami verso la roccia che è più alta di me (KJV)