NON PIÙ GRANDE DI DIO

Scarica PDF
DIO CON NOI
DIO CON NOI PORTA LA PACE
NIENTE DI PIÙ GRANDE DI DIO
NIENTE IMPOSSIBILE PER DIO
LA PROVIDENZA DI DIO
DIO LAVORA LA SALVEZZA IN TERRA
DIO CON E PER NOI
1. Per diverse settimane ci siamo concentrati sul fatto che la promessa di Dio per il Suo popolo è la pace della mente in mezzo alle tribolazioni della vita. Giovanni 16:33
un. Questa pace ci viene attraverso la Parola di Dio. La Bibbia ci mostra com'è Dio e come lavora e con le difficoltà della vita. Questa informazione ci incoraggia e ci fa stare tranquilli.
b. La pace viene dal sapere che Dio è con noi. Pertanto, non dobbiamo temere, possiamo avere la pace della mente perché nulla può venire contro di noi che è più grande di Dio che è con noi.
2. L'affermazione secondo cui nulla può venire contro di noi che è più grande di Dio è un altro modo di dire: niente è troppo difficile per Dio e nulla è impossibile per Lui.
un. Significa che non esiste una situazione o circostanza che sia impossibile per Dio. Niente è troppo difficile da compiere o da superare per il Signore.
b. In questa lezione parleremo di come appare il fatto che nulla può essere contro di noi più grande di Dio che è con noi in un mondo caduto.

1. La prima volta che l'affermazione secondo cui nulla è troppo difficile per Dio appare nella Bibbia è in Gen 18: 14— "È qualcosa di troppo difficile per il Signore". Questo è anche il primo posto in cui la parola "difficile" appare nella Scrittura.
un. La parola ebraica tradotta duramente significa fare qualcosa di meraviglioso, straordinario o difficile.
1. Troppo meraviglioso (YLT); troppo meraviglioso (NAB); troppo duro o meraviglioso (Amp); C'è qualche meraviglia che il Signore non è in grado di fare (Base).
2. La parola spesso indica le meravigliose opere di Dio come quelle che fece in Egitto (Eso 3:20; Sal 106: 22; Michea 7:15). Il punto per noi è che queste sono manifestazioni del potere soprannaturale di Dio per conto del Suo popolo.
b. Quando leggiamo il contesto della dichiarazione vediamo che è il Signore stesso che ha posto la domanda: è qualcosa di troppo difficile per me? L'affermazione è una domanda retorica che si chiede effetto perché la risposta è ovvia. Esaminiamo cosa sta succedendo in questa situazione.
1. Quando Abraham aveva 75 anni e sua moglie Sarah aveva 65 anni (nota che erano vecchi e senza figli) Dio promise loro che sarebbe nato loro un figlio. Gen 15: 4
2. Gen 17: 15-21 — Venticinque anni dopo (la coppia è ancora senza figli) Dio disse ad Abraham che Sarah avrebbe avuto un figlio l'anno successivo. Abramo in realtà rise perché era ridicolo. È un discorso folle. Erano entrambi troppo vecchi e non potevano produrre bambini quando erano giovani. Questo è impossibile, secondo tutto ciò che sapevano.
1. Gen 18: 1 — Non molto tempo dopo, il Signore (Gesù preincarnato) visitò Abramo. Il Signore ha ripetuto la sua affermazione che "questa volta l'anno prossimo, tornerò e ... Sarah avrà un figlio" (v10, NLT).
2. Sarah sentì la conversazione e rise da sola. “Come può una donna sfinita come me avere un bambino? E anche mio marito è così vecchio (v12 — NLT). È un discorso folle.
3. Il Signore sentì che sapeva ridere perché era ridicolo e le rispose con una domanda: è qualcosa di troppo difficile per me (v14)? In altre parole, questo non è più grande di me. Fedele alla sua Parola, il Signore ha promesso e ha concepito e dato alla luce un figlio. Gen 21: 1-3 c. Dio fece alcune promesse apparentemente impossibili ad Abramo (lezioni per un altro giorno). Ma Dio si è rivelato ad Abramo e Sara attraverso la Sua Parola per ispirare fiducia o fiducia in loro che niente era troppo grande (impossibile o difficile) per lui. Facciamo un passo indietro.
1. Gen 17: 1 — Quando il Signore apparve ad Abramo per dirgli (tra le altre cose) che Sara avrebbe avuto un figlio l'anno seguente, Dio si riferì a Se stesso come l'Iddio Onnipotente. I nomi di Dio sono rivelazioni del suo carattere e dei suoi attributi (lezioni per un altro giorno).
2. Il nome Dio Onnipotente è significativo. Onnipotente significa avere potere assoluto e illimitato su tutti (Webster's Dictionary). Dio onnipotente nell'ebraico originale è El Shaddai.
A. El intendeva quello forte o potente. El è un nome generico per dio o dio in ebraico e per altre lingue di quella regione in quel momento. Ecco perché vediamo dichiarazioni come "Non esiste un dio (el) come il nostro Dio (El)" in molti luoghi dell'Antico Testamento.
B. Associare El a Shaddai intensifica il pensiero di potere o forza insito nel nome El perché Shaddai significa onnipotente. Viene da una parola radice che significa essere forte o potente. L'idea è che non c'è nessuno o niente che sia più potente di Dio che è Shaddai. Non c'è niente di più grande di me. Pertanto, niente è troppo difficile o impossibile per me.
3. Dio apparve ad Abramo, Isacco e Giacobbe con il nome di Dio Onnipotente o El Shaddai. Perfino Joseph lo conosceva con quel nome. Gen 28: 1-3; Gen 35:11; Gen 43:14; Gen 48: 3; Es 6: 3
2. L'affermazione secondo cui nulla è troppo difficile per Dio si trova due volte in Geremia 32 (v17 e v27). Geremia pronunciò quelle parole una volta e poi il Signore ripeté questa affermazione.
un. Abbiamo bisogno del contesto storico. Quando Dio portò Israele a Canaan per stabilirsi (intorno al 1451 a.C.), il Signore li avvertì che se avessero adorato gli dei delle persone che vivevano intorno a loro, sarebbero stati rimossi dalla terra.
1. Israele ha ripetutamente abbandonato Dio onnipotente per adorare falsi dei. Dio ha inviato numerosi profeti al suo popolo (incluso Geremia) per richiamarli a lui e avvertirli dell'imminente distruzione se non fossero tornati da lui.
2. Israele non ascoltò i profeti e nel 586 a.C. Gerusalemme e il Tempio furono distrutti da Nabucodonosor, re di Babilonia. Tutti tranne i più poveri furono portati via come prigionieri di Babilonia dove rimasero per 70 anni,
A. Geremia era un profeta dell'undicesima ora. Quando iniziò il suo ministero, era troppo tardi per impedire ai babilonesi di conquistarli. Geremia fu incaricato da Dio di dire a Israele che l'unico modo per evitare la completa distruzione della loro nazione era arrendersi a Nabucodonosor e diventare suoi sudditi. Il messaggio di Geremia era molto impopolare.
B. Quando si verificò questo incidente in Geremia 32, avvenne un anno prima della distruzione (587 a.C.), Geremia era in prigione (grazie al re Sedechia di Giuda) e Gerusalemme era sotto assedio, soffrendo carestie e malattie. v1-5
b. Il Signore parlò a Geremia e gli disse di acquistare terra da suo cugino nella terra di Beniamino perché, secondo il Signore, un giorno la gente avrebbe di nuovo proprietà nella terra e avrebbe vissuto una vita normale. v6-15
1. Una volta acquistata la terra e sigillato l'atto, Geremia pregò una preghiera a Dio (v16-25). Nella sua preghiera ha affermato che nulla è troppo difficile per Dio (stessa parola di Gen 18:14). v17: non c'è nulla che non sei in grado di fare (Base); niente è impossibile con te (NAB). 2. Ciò che Dio disse a Geremia sembrava impossibile, che un giorno il suo popolo sarebbe tornato a vivere nella terra dopo la sua completa distruzione e la sua rimozione dalla terra. Ma Geremia proclamò: questo non è più grande di te.
A. Nota che nella sua preghiera Geremia raccontò la bontà di Dio: hai creato il cielo e la terra con il tuo potere. Sei amorevole e gentile. Siete tutti potenti (tutti potenti). Hai tutta la saggezza. Fai grandi e potenti meraviglie in Egitto (Eso 3:20).
B. Quello che vedo è cattivo ed è grande e peggiorerà prima di migliorare. Eppure scelgo la tua parola. C'è speranza in una situazione senza speranza perché non è più grande di te.
c. Dio gli parlò ancora una volta: v26 — Il Signore pone la domanda retorica: c'è qualcosa di troppo difficile per me? In altre parole, il Signore dice al profeta: Esatto Geremia. Niente è impossibile per me. Niente è troppo difficile per me. Il Signore poi raccontò ciò che stava per accadere in Israele e poi descrisse la restaurazione che verrà un giorno.
1. Geremia avrebbe potuto pregare così: sono in prigione. Non piaccio a nessuno. Sono stato picchiato più volte di quanto possa contare. Nessuno mi ascolta. La gente pensa che io sia un traditore. La mia vita sarà modificata da questa catastrofe che non ho causato. Non ho fatto niente di male. Non vivrò per vedere il grande giorno del ritorno nella terra. Se lo avesse fatto, gli avrebbe turbato il cuore. Giovanni 14:27
2. Geremia non era né pauroso né amaro di fronte alla vera catastrofe perché sapeva che nella vita c'è molto di più di questa vita.
R. Questa è una lezione per un altro giorno, ma ha capito che c'è una vita a venire e che è in arrivo lo stadio finale per l'inversione delle difficoltà e del dolore della vita.
B. È stato in grado di portare la pace nella sua anima perché ha capito che tutte le perdite e tutte le ingiustizie saranno annullate in questa vita o nella vita a venire perché nulla è più grande di Dio. Rom 8:18; Eb 11: 32-40

1. La preoccupazione o l'ansia è una forma di paura. È definito come disagio mentale (in altre parole, mancanza di pace) di solito per un malessere imminente o previsto. Essere ansiosi significa avere paura di ciò che può o non può accadere (Webster's Dictionary).
un. Quando Gesù disse "Non preoccuparti", non intendeva "Non provare certe emozioni" quando affronti le sfide della vita. Significa non disturbare o agitare la tua anima nutrendoli.
1. Le emozioni sono stimolate da ciò che vediamo intorno a noi. Se vedi la mancanza ti sentirai ansioso. Questo è solo il modo in cui siamo cablati. Questi sentimenti sono accompagnati da pensieri ansiosi e preoccupanti: che cosa ho intenzione di fare? Come sopravviverò?
2. Non pensare, deriva da una parola greca che significa disunire. Ha l'idea di distrazione
Questi pensieri ed emozioni distolgono la nostra attenzione da come sono realmente le cose. Il Creatore di tutti è il nostro Padre celeste. E ci ama e si prende cura della sua creazione.
b. Gesù disse ai Suoi seguaci: quando vedi la mancanza (o un male imminente) e senti l'ansia che produce, non concentrarti su: cosa mangeremo o indosseremo. Metti la tua attenzione su Dio e sulla sua fedele cura amorevole della sua creazione. Guarda la cura di Dio per i Suoi uccelli e fiori e ricorda che per Lui conta più di quanto non facciano loro. v26-31
1. Diciamo di sì e amen questo quando siamo seduti in chiesa ad ascoltare questo predicato. Ma nella vita reale, quando hai bisogni reali e apparentemente senza opzioni, questo è un discorso folle, nel senso che sembra ridicolo per la nostra mente. Non ha necessariamente senso per le nostre menti.
2. Concentrarsi su: cosa mangerò? Che cosa berrò? Dove prenderò i vestiti? Sembra molto più ragionevole concentrarsi su. Ha più senso concentrarsi su quelle cose.
R. Se riesci a sistemare le cose concentrandoti su di esse, allora fallo. Altrimenti, concentrati su Colui che è più grande di tutto e può sistemare le cose. Porterà pace alla tua anima.
B. Gesù disse: Non concentrarti su cose di cui non puoi fare nulla (v27). Concentrati su ciò che Dio che è grande può fare.
2. Paolo disse che quando sei preoccupato, ti concentri su Dio attraverso la preghiera e la supplica con il ringraziamento. Fil 4: 6-7.
un. In altre parole, vai da Dio e, come Geremia, riconosci la Sua grandezza. Io non so cosa fare. Ma lo fai, Signore. Non posso aggiustare questo Signore, ma tu puoi.
b. Il ringraziamento o la gratitudine viene dal sapere che, di fronte alla mancanza o ai guai imminenti, hai ciò di cui hai bisogno perché hai Dio con te e nulla può venire contro di te che è più grande di Dio.
c. Nota, questo passaggio non dice che quando vai a Dio le tue circostanze cambieranno immediatamente e il problema sparirà. Dice che la pace che passa la comprensione verrà da te. 1. La comprensione è un sostantivo che significa la mente, l'intelletto, la sede della comprensione. v7: la pace che trascende tutti i nostri poteri di pensiero (Weymouth).
2. La pace che supera la comprensione suona così meravigliosa in un sermone. Ma devi capire che nella vita reale, la pace che passa la comprensione è ridicola per la nostra mente. Quando, in base alla vista, al sentimento e alla ragione, dovresti diventare isterico e cadere a pezzi — eppure sei in grado di proclamare coraggiosamente e sinceramente: questo non è più grande di Dio, quindi, va bene con la mia anima - è un discorso folle.
R. Per proclamare Abraham di 100 anni e Sarah di 90 anni: Avremo un figlio perché sei più grande della sterilità e della vecchiaia, è ridicolo. È un discorso folle.
B. Per Geremia dire: la completa distruzione della vita e della civiltà come la conosco non è più grande di te - è ridicolo. È un discorso folle.
d. Tuttavia, non è un discorso folle. È il modo in cui le cose sono veramente secondo Dio. Può fare un modo in cui non c'è modo perché nulla è più grande di Lui. Niente è impossibile, niente è troppo difficile per Lui. È Dio Onnipotente.
e. Ecco come appare la pace che supera la comprensione. Non è una tecnica per risolvere il tuo problema. Viene fuori dalla tua visione della realtà. Dio è reale Lui è con me. Ed è grande.
3. Il problema è che, di fronte ai guai, tutti naturalmente ci fissiamo su come si risolverà invece che sulla grandezza di Dio.
un. Ci occupiamo di: Perché è successo? Cosa c'è di sbagliato in me? Cos'hai che non va? In che modo Dio lo risolverà? Come posso ripararlo? Invece, dovremmo concentrarci su: Niente è impossibile per Dio (non è più grande di Lui). Va bene con la mia anima (va tutto bene; lode al Signore).
b. La Bibbia fornisce esempi dopo esempi di grandi problemi che non erano più grandi di Dio. Aveva una soluzione ed era in grado di portare liberazione. Le donne sterili hanno dato alla luce bambini. Malattie incurabili e condizioni fisiche irreversibili sono state curate. Tempeste mortali si fermarono. Le schiaccianti forze nemiche furono sconfitte. La morte è stata invertita. La mancanza è stata invertita. Ma la liberazione di tutti sembrava diversa.
1. Una tempesta mortale si calmò (Marco 4: 35-41). In un altro caso, la nave fu distrutta, ma la vita di tutti fu salvata (Atti 27).
2. La guarigione arrivò ai corpi in numerosi modi: lavarsi nella piscina di Siloam (Giovanni 9: 1-7); Gesù allunga la mano (Matteo 8: 1: 3); prendere un letto e andarsene (Matt 9: 1-6); toccando l'orlo dell'indumento di Gesù (Marco 5: 25-34).
3. La fornitura avveniva attraverso la moltiplicazione di pesci e pagnotte (Matteo 14: 13-21); manna che appare sul terreno (Es 16: 14-15); i corvi consegnavano pane e carne (I Re 17: 1-6); l'acqua si trasformò in vino (Giovanni 2: 1-11); l'acqua amara divenne potabile (ES 15: 23-26); l'acqua scorreva da una roccia (Eso 17: 1-7); fu trovata una moneta nella bocca di un pesce (Matteo 17:27) dove non si trovava nessun pesce in precedenza (Luca 5: 1-6).