LO SPIRITO SANTO E LA PREGHIERA

Cooperare con lo Spirito Santo
Spirito Santo su di noi
Spirito Santo e preghiera
Doni dello Spirito Santo
Qual è il mio regalo?

1. Quando Gesù completò la sua opera sulla terra e tornò in cielo, lui e il Padre mandarono lo Spirito Santo. Giovanni 14: 16,26; 15: 26
2. È stato mandato a fare in noi e attraverso noi tutto ciò che Cristo ha compiuto per noi. È lui che applica i benefici di ciò che la Croce ha compiuto. Tito 3: 5; Giovanni 3: 5
3. Lo Spirito Santo è il dono o la promessa di Dio Padre ai Suoi figli. Luca 24:49;
Atti 1: 4; 2: 33,39; Gal 3: 13,14
un. Un Dio tutto saggio e amorevole ha sicuramente scelto il miglior regalo per i Suoi figli.
b. Ricorda, Gesù disse che era opportuno che tornasse in cielo in modo che lo Spirito Santo potesse venire. Giovanni 16: 7
4. Lo Spirito Santo è il membro meno conosciuto della Trinità, tuttavia è colui che è specificamente inviato a lavorare con la Chiesa, con i cristiani, con noi.
un. Uno dei motivi per cui non è così noto come il Padre e il Figlio è a causa del ruolo che ha scelto di assumere nella redenzione. Giovanni 16: 13-15
1. Ha scelto un ruolo di sottomissione e ha permesso a Se stesso di essere inviato.
2. Il suo scopo è quello di attirare l'attenzione su Gesù, e tramite Lui, sul padre.
b. È importante imparare cosa è venuto a fare e come lavora in modo da poter collaborare con lui. Marco 16:20; Atti 15: 4,12; 3 Cor 9: 6; II Cor 1: XNUMX
5. II Cor 13:14 - Lo Spirito Santo opera in noi e con noi mentre cooperiamo intelligentemente con Lui. Comunione = KOINONIA = partnership; illuminato: partecipazione, socio, compagno.
6. Vogliamo continuare a parlare dello Spirito Santo e di come cooperiamo con Lui.

1. Questa seconda esperienza con lo Spirito Santo - i credenti che vengono battezzati nello Spirito Santo - è stata considerata molto significativa da questi primi cristiani.
un. Gesù disse ai discepoli di non uscire e predicare il Vangelo finché non fossero stati battezzati nello Spirito Santo. Luca 24:49; Atti 1: 4
b. Filippo predicò il Vangelo nella città di Samara e il popolo ricevette Gesù. Quando gli apostoli di Gerusalemme ascoltarono la notizia, mandarono Pietro e Giovanni in Samaria a pregare affinché i nuovi convertiti ricevessero lo Spirito Santo. Atti 8: 14-17
c. Quando Paolo incontrò quello che pensava fosse un gruppo di credenti nella città di Efeso, la sua prima domanda per loro fu: avete ricevuto lo Spirito Santo da quando avete creduto? Atti 19: 1,2
2. Questa seconda esperienza con lo Spirito Santo è arrivata ai credenti in due modi.
un. Cadde o fu riversato su alcuni di essi. Atti 2: 1-4; 10: 45-48; 11:15
b. Altri hanno ricevuto quando i credenti che erano già stati battezzati nello Spirito Santo hanno imposto loro le mani. Atti 8:17; 9:17; 19: 6
3. Ci sono state molte discussioni su questa seconda esperienza con lo Spirito Santo, specialmente da quando il movimento pentecostale è iniziato all'inizio del 1900 e il movimento carismatico ha colpito negli anni '1960 e '1970.
un. Ma il Libro degli Atti descrive chiaramente due esperienze con lo Spirito Santo. Gesù lo chiamò lo Spirito interiore e lo Spirito sopra. Giovanni 14:17; Atti 1: 8;
John 4:13,14; 7:37-39
b. Il modello delle Scritture è due esperienze distinte con lo Spirito Santo, la seconda delle quali è accompagnata dal parlare in altre lingue e talvolta da altre manifestazioni. Atti 2: 4,33,38,39; 10:46; 19: 6; 8: 18,19; 9:17; 14 Cor 18:XNUMX
c. Una persona divina, la Terza Persona della Trinità, lo Spirito Santo, venne sui credenti (dopo che erano nati di nuovo) e li riempì di Sé. E c'erano prove esterne che li aveva riempiti: lingue, profezie, ecc.
d. Il battesimo nello Spirito Santo gli dà un maggiore accesso a noi ed è una porta verso il soprannaturale per i cristiani. Atti 1: 8
4. La nostra collaborazione con lo Spirito Santo diventa efficace quando riconosciamo chi e cosa è in noi: la persona di Dio, il potere di Dio, la vita di Dio. Filemone 6
un. Comunicazione = KOINONIA = partenariato. Effettivo = ENERGI = attivo, operativo. Riconoscimento = EPIGNOSI = discernimento completo, riconoscimento.
b. Studiamo la parola di Dio per vedere cosa è successo a noi, in noi, come risultato della rinascita e del battesimo nello Spirito Santo. Quindi, siamo d'accordo con esso - credici e dillo ad alta voce, e lo Spirito Santo ci dà l'esperienza.
5. Rom 10: 9,10 – L'opera salvifica di Cristo sulla Croce è diventata efficace in te quando hai creduto e confessato i fatti del Vangelo. Hai riconosciuto ciò che Dio aveva fatto per te e lo Spirito Santo ti ha dato l'esperienza.
un. Quel processo è di continuare dopo che sei nato di nuovo. La confessione è fatta di forza, guarigione, vittoria, guida e tutto ciò che la Croce ha fornito.
b. Confessione = OMOLOGIA = dicendo la stessa cosa di. Dici ciò che Dio dice su ciò che ha fatto per te attraverso la Croce di Cristo.

1. Non ci sono istruzioni specifiche nella Bibbia riguardo alla preghiera allo Spirito Santo.
2. Abbiamo già visto che la prima cosa che dobbiamo fare riguardo allo Spirito Santo è confessare ciò che ha scritto nella Bibbia su ciò che Dio ha fatto per noi e in noi attraverso la Croce di Cristo.
3. Quando Gesù era sulla terra, disse ai Suoi seguaci che quando avevano un bisogno, dovevano chiedere al Padre nel nome di Gesù. Giovanni 16:23; 15:16
un. Nel Libro degli Atti, vediamo che i discepoli fanno proprio questo, e vediamo che è lo Spirito Santo che effettivamente porta o manifesta la risposta. Atti 4: 22-33
b. Questo è il modello o modello per la preghiera: chiediamo al Padre in base a ciò che il Figlio, Gesù, ha fatto per noi e lo Spirito Santo lo porta a compimento.
4. Lo Spirito Santo è diventato il nostro Aiuto, e uno dei modi in cui ci aiuta è aiutandoci a pregare. Rom 8: 26,27
un. Ci dà preghiere per pregare nelle epistole. Ef 1: 16-20; 3: 14-19; Col 1: 9-11
b. Ci dà la capacità di pregare in lingue - gemiti che non possono essere pronunciati in un discorso articolato. Uno scopo principale per le lingue è la preghiera.
5. In Ef 6: 10-18 Paolo scrisse di come i cristiani devono affrontare l'opposizione che ci viene incontro in questa vita: sii forte nel Signore, riconosci il nostro vero nemico, trattalo con l'armatura di Dio e, dobbiamo pregare nello Spirito. v18
un. Per gli efesini, pregare nello Spirito avrebbe significato pregare in lingue.
b. In 14 Cor 2,14,15 vediamo come Paolo, che stabilì e insegnò alla chiesa di Efeso, definiva la preghiera nello Spirito. vXNUMX
c. I Cor 14: 14 – Perché se prego in una lingua [sconosciuta], il mio spirito [mediante lo Spirito Santo dentro di me] prega, ma la mia mente è improduttiva. (Amp)

1. Quindi, dobbiamo sempre leggere con questo pensiero in mente - cosa significa questo per le persone per le quali è stato scritto originariamente, non cosa significa per me.
2. Non c'è molto scritto specificamente sulle lingue nella Bibbia - come farlo, perché lo facciamo, ecc. Non c'è nessun capitolo scritto per dimostrare che le lingue sono per oggi o che tutti dovrebbero parlare in lingue. Perché, soprattutto quando ci sono così tante polemiche al riguardo?
un. La Bibbia non prova l'esistenza di lingue e altre manifestazioni dello Spirito Santo, la Bibbia lo presume e poi ce ne parla.
b. Paolo (che scrisse Efesini) non dovette provare nulla di lingue o altre manifestazioni soprannaturali per queste persone. Stava succedendo a loro.
c. In effetti, la descrizione, la spiegazione e l'istruzione più dettagliate che abbiamo sulle manifestazioni soprannaturali dello Spirito Santo si trovano in I Cor 12,13,14.
d. Queste cose sono state scritte principalmente per correggere i problemi in una chiesa carnale in questa particolare area - non per stabilire regole per noi.
3. La lingua è una lingua non conosciuta o compresa da chi parla. Lo Spirito Santo dà le parole all'oratore.
un. Le lingue possono essere o meno comprese dall'ascoltatore, a seconda della lingua parlata. Può essere una lingua parlata sulla terra o no. Atti 2: 4-11; 13 Cor 1: 14; 2: XNUMX
b. Lo Spirito Santo non fa parlare nessuno in lingue. Abita le persone quando sono battezzate nello Spirito Santo e dà loro le parole mentre parlano. Atti 2: 4
c. Se sei stato battezzato nello Spirito Santo, puoi parlare in lingue. Lo controlli. Puoi avviarlo e fermarlo.
4. Ci sono due categorie generali di lingue: quelle destinate ad essere parlate in pubblico agli altri e quelle destinate all'uso privato e personale del singolo credente.
un. Le lingue pubbliche non sono per tutti e sono sempre accompagnate da un'interpretazione nella lingua degli ascoltatori. 12 Cor 7: 11-30; XNUMX
b. Le lingue personali sono per ogni credente e sono parlate a Dio. 14 Cor 2: XNUMX
c. Questa lingua personale è parlata a Dio solo perché edifica solo chi parla.
d. Questo dono pubblico (lingue e interpretazione) edifica gli ascoltatori. 14 Cor 4,5: XNUMX
5. Ciò non significa che queste lingue private non possano essere parlate in chiesa. Possono essere, come parte di elogi di gruppo, adorazione e preghiera a Dio. Atti 2: 4 (almeno 120 di questi;
Atti 1:15); Atti 10: 33,46; 19: 6,7

1. È essenziale ottenere il contesto adeguato. Paolo non stava elencando le regole per pregare in lingue. Stava scrivendo per correggere gli abusi di lingue nella chiesa di Corinto.
2. Nel capitolo 11 Paolo inizia ad affrontare alcuni problemi nelle assemblee pubbliche a Corinto: copricapi inappropriati, divisioni, ubriachezza e gola durante la cena del Signore.
3. In 12: 1 Paolo inizia a istruirli sulle cose e riguardanti lo Spirito Santo.
un. v8-11 – Parla di manifestazioni o doni dello Spirito.
b. v12-30 – Parla di come lo Spirito Santo ha formato il Corpo di Cristo.
c. 12:31 - Paolo dice loro di avere fame di doni dello Spirito Santo da operare nel corpo.
4. Nel capitolo 13, dice loro di non dimenticare l'amore. Se hai i doni dello Spirito senza l'amore dello Spirito (Rom 5: 5), è una perdita di tempo.
5. Nel capitolo 14 Paolo spiega l'importanza dell'ordine nelle loro riunioni. L'obiettivo di Paolo non è quello di fare l'elenco definitivo delle regole per pregare in lingue per tutto il tempo e l'eternità.
un. Sta cercando di ripristinare l'ordine in una chiesa fuori servizio. 14: 33,39,40
b. Non puoi usare v27,28 per dimostrare che nessuno dovrebbe parlare in lingue in chiesa.
6. Alcuni usano I Cor 13: 8 come prova che le lingue sono passate. Ma, ancora una volta, il contesto è di vitale importanza.
un. Paolo sta scrivendo ai cristiani che non camminavano innamorati l'uno verso l'altro (divisioni in chiesa, citandosi in giudizio, orgogliosi, non preoccupati di edificare gli altri).
b. In 13 Cor XNUMX Paolo impiega tempo per esprimere l'importanza dell'amore. L'amore sopravvivrà ad altre manifestazioni e doni dello Spirito.
c. L'amore non fallirà (abbandonerà o diventerà inefficiente). La profezia diventerà inutile. Le lingue finiranno. La conoscenza diventerà inutile.
7. Quando accadrà? Quando è arrivato il perfetto. Cosa significa perfetto?
un. Alcuni dicono che perfetto significa che il NT in forma scritta, quindi, le lingue sono cessate.
b. Tuttavia, ciò sta imponendo un significato esterno alla parola perfetta che non è nel contesto. Nel contesto, perfetto è quando vediamo il Signore faccia a faccia.
8. Come facciamo a sapere che questo tipo di lingue (l'individuo, il privato, il tipo di preghiera) è per tutti i credenti fino ai nostri giorni e oltre?
un. Atti 2: 33,39 – Pietro disse che la promessa del Padre che poteva essere vista e udita è per tutti coloro che il Signore Iddio chiamerà.
b. I Cor 14: 5 – Paolo ha detto che vuole che tutti i credenti parlino in lingue.
c. Ef 6:18; Giuda 20 - Le istruzioni per pregare nello Spirito sono scritte a tutti i cristiani, non solo ai cristiani del I secolo.
9. Se potessimo riportare uno degli apostoli sulla terra e dirgli che parlare in lingue è diventato un argomento controverso tra i cristiani, non avrebbe idea di cosa stessimo parlando. Per loro, le lingue facevano parte dell'aiuto che lo Spirito Santo fu mandato a fornire mentre lavoriamo insieme a Lui mostrando Gesù al mondo.

F. Alla luce di tutto ciò, come preghi? Come cooperate con lo Spirito Santo?
1. Innanzitutto, sviluppa l'abitudine di confessare che Dio è in te per volere e per fare del Suo buon piacere. Fil 2:13
2. Prega ciò che sai pregare in inglese. Ciò significa due cose.
un. Prega le preghiere specificatamente fornite a noi dallo Spirito Santo nelle epistole.
b. Trova le Scritture che riguardano ciò di cui stai pregando e prega in linea con quelle Scritture. Matt 9: 36-38
3. Quando lo hai fatto, prega in lingue. “Signore, ho pregato tutto ciò che so per pregare in inglese. Ora guardo l'Assistente divino e dipendo da Lui per aiutarmi a pregare. Grazie prezioso Spirito Santo per avermi dato le parole giuste per pregare. Quindi prega in altre lingue.
4. È anche bene prendersi del tempo per pregare in lingue per costruirsi. Giuda 20: I Cor 14: 4