I REGALI DELLO SPIRITO SANTO

Cooperare con lo Spirito Santo
Spirito Santo su di noi
Spirito Santo e preghiera
Doni dello Spirito Santo
Qual è il mio regalo?
1. Mentre leggiamo il Libro degli Atti, vediamo due distinte esperienze con lo Spirito Santo: i non credenti sono nati dallo Spirito ei credenti sono stati battezzati nello Spirito. Giovanni 20: 19-22; Atti 2: 1-4; 8: 5-25; 9: 1-18; 10: 1-48; 19: 1-7
un. Gesù chiamò queste due esperienze all'interno dello Spirito e sopra lo spirito.
John 14: 17; Atti 1: 8
b. Questa seconda esperienza è stata accompagnata da manifestazioni soprannaturali.
Atti 2: 4,33,38,39; 10:46; 19: 6; 8: 18,19; 9:17; 14 Cor 18:XNUMX
2. L'ultima volta, abbiamo iniziato a trattare la controversia su alcuni dei modi in cui lo Spirito Santo si dimostra attraverso le persone che sono state battezzate nello Spirito Santo.
3. Ciò solleva la domanda: perché i carismatici dovrebbero studiare queste informazioni?
un. Molti hanno l'esperienza senza la conoscenza e il danno è fatto a se stessi e agli altri attraverso quell'ignoranza.
b. La parola di Dio è la spada dello Spirito Santo. Se combini la conoscenza della parola con lo Spirito Santo, è qui che sta il potere. Ef 6:17
4. Inoltre, molti carismatici lottano con la domanda: qual è il mio dono?
un. Prima di poter parlare di come sapere qual è il tuo dono, dobbiamo prima ottenere informazioni dalla parola di Dio su cosa sono i doni e su come funzionano.
b. Dobbiamo esporre disinformazione che interferisce con la cooperazione con lo Spirito.

1. La Bibbia non prova l'esistenza delle manifestazioni soprannaturali. La Bibbia presume che esistano e poi ci parla di loro.
un. Atti è una descrizione storica di ciò che accadde ai primi cristiani.
b. Le epistole sono lettere scritte a loro. Queste persone furono salvate e le loro furono chiese stabilite durante il tempo e le circostanze descritte in Atti.
c. Quindi, il contesto di tutto ciò che leggiamo sullo Spirito Santo nelle epistole è Atti.
d. Gli scrittori delle epistole non dovevano dimostrare nulla sulle manifestazioni soprannaturali a queste persone perché quelle cose stavano accadendo a loro.
2. L'istruzione più dettagliata che abbiamo sulle dimostrazioni soprannaturali dello Spirito Santo si trova nella prima epistola ai Corinzi.
un. Nella lettera, Paul ha affrontato problemi ai loro servizi. 11 Cor 1,2,17,34: XNUMX
b. v3-16 – Copricapi inappropriati indossati da uomini e donne nei servizi pubblici.
c. v17-19 – Divisioni o gruppi in conflitto (sette) nella chiesa e nelle funzioni.
d. v20-34 – Ubriachezza e gola alla cena del Signore.
3. C'era anche disordine e confusione nei loro incontri a causa di abusi di doni spirituali. I Cor 12,13,14 trattano della correzione e dell'istruzione nell'uso dei doni dello Spirito Santo.
un. Questo è un punto importante Paolo non stava facendo un elenco di regole sui doni spirituali per tutti i cristiani di tutto il mondo. Stava correggendo l'errore in una chiesa particolare.
b. Dobbiamo distinguere tra la correzione data specificamente a queste persone e le istruzioni che sono più generali e che possono essere applicate a noi.
c. Molta confusione è emersa su questo argomento (specialmente lingue) a causa di incomprensioni di alcuni versetti in questi capitoli.

1. La parola regali non è nei manoscritti greci originali. È stato inserito dai traduttori per chiarimenti. Ma può essere fuorviante.
un. Paolo sta per discutere più dei doni dello Spirito Santo. Sta per discutere di cose spirituali o di cose relative allo Spirito Santo.
1. v7-11 – Parla di doni o manifestazioni dello Spirito.
2. v12-30 – Parla di come lo Spirito Santo ha formato il corpo di Cristo.
3. Capitolo 13: parla dell'amore, che è un'opera dello Spirito. Rom 5: 5
4. Capitolo 14: Paolo spiega l'importanza dell'ordine nelle loro riunioni quando i doni spirituali sono all'opera.
b. v2 – I Corinzi avevano seguito idoli e spiriti sbagliati e avevano bisogno di istruzioni sul modo in cui opera lo Spirito Santo.
c. v3 – Se qualcuno parla mediante lo Spirito Santo, ciò che dice esalterà Gesù. Perché Paolo avrebbe dovuto dire una cosa del genere? Se prendiamo il verso nel contesto, dobbiamo presumere che questo fosse un problema nella chiesa di Corinto.
2. v4-6 – Paolo spiega che lo Spirito Santo ha modi di operare diversi o diversi, ma è lo stesso Dio in ciascuna delle opere.
un. v4,5,6 – Diversità, differenze, diversità = stessa parola = una distinzione, varietà.
b. Regali = favori divini; amministrazioni = ministeri; operazioni = effetto o funzionamento.
3. v7 – Queste diverse dimostrazioni dello Spirito Santo sono chiamate manifestazioni = modi diversi in cui lo Spirito Santo dimostra, si muove o opera attraverso le persone.
un. Chiamarli tutti doni può essere fuorviante senza alcuni fatti di base.
b. In un certo senso, tutto da Dio è un dono. Ma questi non sono doni dati agli individui che diventano proprietà dell'individuo e può quindi usare il dono quando e come vuole.
c. Sono modi in cui lo Spirito Santo opera attraverso certe persone in determinati momenti come vuole per il bene di tutti. v7,11
d. Inoltre, questi non sono doni naturali, sono doni soprannaturali dello Spirito di Dio. La parola di conoscenza non è un'istruzione universitaria; i doni delle guarigioni non sono i dottori.
4. v8-10: Paolo elenca quelli che sono spesso chiamati i nove doni (manifestazioni) dello Spirito.
un. Parola di conoscenza - Rivelazione soprannaturale da parte dello Spirito Santo di alcuni fatti nella mente di Dio. Sono sempre presenti informazioni di tempo. Atti 5: 3
b. Parola di saggezza - Rivelazione soprannaturale da parte dello Spirito Santo del proposito e del piano divino nella mente e nella volontà di Dio. È sempre futuro. Atti 27: 23-25
c. Discernimento degli spiriti: visione soprannaturale del mondo degli spiriti che ti consente di vedere e / o ascoltare Dio, gli angeli (santi o caduti) o gli spiriti umani. Atti 16: 16-18
d. Fede – Fede speciale (Amp); Lo Spirito Santo consente a una persona di ricevere un miracolo oltre le capacità della fede ordinaria (risuscitare i morti).
e. Operazione di miracoli - Intervento soprannaturale di Dio nel corso ordinario della natura. Il dono dei miracoli consente di compiere un miracolo. (Mosè separa il Mar Rosso)
f. Doni di guarigione: una persona è autorizzata dallo Spirito Santo a ministrare la guarigione agli altri attraverso un'unzione di guarigione. Atti 19: 11,12
g. Profezia: espressione soprannaturale in una lingua conosciuta. Edifica, esorta e conforta. Non è lo stesso dell'ufficio di un profeta che predice il futuro.
h. Diversità delle lingue - Espressione soprannaturale in una lingua mai appresa da chi parla, né compresa da chi parla, né sempre compresa da chi ascolta.
io. Interpretazione delle lingue - Interpretazione soprannaturale da parte dello Spirito Santo del significato di un'enunciazione in lingue. Non è una traduzione, ma un'interpretazione.
5. v12-30 – Paolo spiega come si forma il corpo e come è un'opera dello Spirito Santo.
un. v13 – Lo Spirito Santo ha messo ciascuno di noi nel corpo di Cristo come una parte particolare.
Battezzato = BAPTIZO = per provocare l'immersione o l'immersione di qualcosa.
b. Cristo, il suo corpo, è composto da molte parti diverse, eppure tutte sono necessarie, e nonostante siano parti diverse, siamo tutti un solo corpo.
c. Tieni presente che Paolo sta scrivendo a un gruppo egoista e diviso di persone e le sta esortando che ogni parte è veramente una parte del corpo e che ogni parte è necessaria. Ciò che colpisce un membro riguarda tutti noi.
6. v27-30 – Quindi, Paolo elenca alcune delle parti del corpo. Nel contesto, sta dicendo che non tutti sono apostoli, profeti o insegnanti. Un corpo ha molte parti, alcune prominenti, altre no. Qui troviamo un verso spesso frainteso sulle lingue. v30
un. Paolo si riferisce a una delle manifestazioni dello Spirito Santo elencate in v10.
b. Questa è una manifestazione pubblica di lingue, pensata per essere parlata al corpo, insieme a un'interpretazione, per edificare il corpo. Non tutti i credenti sono usati in questo modo.
7. Ricorda, ci sono due categorie generali di lingue: quelle destinate ad essere dette in pubblico agli altri e quelle destinate all'uso privato e personale del singolo credente.
un. Le lingue pubbliche non sono per tutti e sono sempre accompagnate da un'interpretazione nella lingua degli ascoltatori. 12 Cor 7: 11-30; XNUMX
b. Le lingue personali sono per ogni credente e sono parlate a Dio. 14 Cor 2: XNUMX;
Atti 2: 33,39; 14 Cor 5: XNUMX
8. I Cor 12: 31-13: 13 – Paolo parla di un'altra opera dello Spirito Santo, l'amore. Rom 5: 5
un. v13: 1-3 – Se abbiamo doni spirituali, grande conoscenza, grande fede e opere religiose, ma nessun amore, abbiamo perso il punto. Matteo 22: 36-40
b. v4-7 – Paolo fornisce una descrizione del tipo di amore che dobbiamo avere.
c. v8-13 – Verrà un tempo (in cui vedremo il Signore faccia a faccia) in cui non avremo più bisogno di profezie, lingue o conoscenza. Ma l'amore continuerà.

1. Da questo capitolo, le persone ottengono idee imprecise sulle lingue e sulle donne insegnanti.
2. Come sempre, il contesto è di vitale importanza per comprendere correttamente questo capitolo. Non possiamo guardare singoli versetti a parte il contesto.
un. Dopo aver detto tutto ciò che ha detto fino a questo punto, Paul è ora pronto a spiegare ai suoi lettori l'importanza dell'ordine nei loro servizi. 14 Cor 33,40: XNUMX
b. Tieni presente i problemi con cui sta affrontando Paul. Hanno l'ubriachezza e la ghiottoneria ai loro servizi, sono egoisti, sono divisi in gruppi ciascuno dei quali guarda in basso tutti gli altri. Paul ha lavorato per correggere tutto ciò.
3. Paolo fa due punti chiave nel capitolo 14 - oltre a fare le cose in modo decente e in ordine.
un. Non vuole scoraggiarli dall'esercitare doni spirituali. 14 Cor 1,39: XNUMX
b. Ma l'obiettivo o il punto è che i doni edificano il maggior numero possibile di persone. 14 Cor 12:XNUMX
La parola edify o profit è usata otto volte in questo capitolo.
4. Che tipo di disturbo avevano queste persone al loro servizio, oltre a quelli menzionati?
un. Si parlavano in lingue quando non c'era interpretazione.
b. Esercitavano doni spirituali allo stesso tempo, cercando di superarsi a vicenda.
c. Le loro donne parlavano a voce alta e ponevano domande ai loro mariti.
5. Possiamo ipotizzare questi problemi dalle istruzioni di Paolo fornite in questo capitolo.
un. Non parlarti in lingue senza un interprete perché nessuno capisce quello che stai dicendo. 14 Cor 6: 19-XNUMX
b. Tutti voi avete cose da Dio, ma non parlate tutti in una volta. Nessuno otterrà nulla da ciò che stai dicendo. 14 Cor 23: 33-XNUMX
c. Donne, state tranquille e fate le vostre domande a casa. 14 Cor 34,35: XNUMX

1. Non c'è nulla in questi capitoli che indichi o / ((lingue o profezia). Quello che vediamo è che entrambi sono buoni ed entrambi sono necessari.
2. Nel contesto, Paolo sta correggendo i corinzi per comportamenti inappropriati nei loro servizi.
un. In una riunione di gruppo, la profezia (espressione soprannaturale in una lingua conosciuta) è superiore alle lingue che non hanno interpretazione. 14 Cor 18,19: XNUMX
b. La ragione per cui la profezia è più vantaggiosa delle lingue senza alcuna interpretazione è che gli ascoltatori capiscono ciò che viene detto e sono quindi edificati. 14 Cor 2: 5-XNUMX
c. Se hai lingue e interpretazione in pubblico, è uguale alla profezia. 14 Cor 5: XNUMX
3. Un'altra fonte di confusione in quest'area è l'idea che la profezia sta insegnando. Non è una dimostrazione soprannaturale dello Spirito Santo, è l'insegnamento della Bibbia.
un. Dobbiamo riconoscere che esiste una differenza tra il semplice dono della profezia che esorta, edifica e conforta, e l'ufficio di un profeta che predice le cose sul futuro dello Spirito di Dio. 14 Cor 3: 21; Atti 10,11: XNUMX
b. Una persona può o meno profetizzare (semplice dono) durante l'insegnamento. Una persona può profetizzare (semplice dono) senza insegnare.
c. I Cor 12: 7-11 – La profezia è data dallo Spirito Santo come vuole. È soprannaturale. Non è un diploma del seminario che ti consente di insegnare le Scritture.
4. Alcuni che credono che le lingue non siano per oggi, non per tutti, e che credono che la profezia sta insegnando, credono anche che le donne non possano insegnare o parlare in chiesa.
Ma ci sono alcuni problemi con questa idea.
un. In I Cor 11: 5,6 Paolo dà alle donne istruzioni su come profetizzare in pubblico.
b. Parlando dei risultati dell'effusione dello Spirito Santo sulla chiesa, Pietro disse che i servitori e le ancelle di Dio avrebbero profetizzato. Atti 2: 17,18
c. Atti 21: 8,9 – L'evangelista Filippo aveva quattro figlie che profetizzarono.
5. Cosa significa allora Paolo che le loro donne dovevano tacere in chiesa? C'è molto altro da dire, ma considera questi punti.
un. Il contesto - Paul scrive per correggerli e istruirli su come mettere ordine nei loro servizi.
b. Sebbene il testo non dica esattamente quello che stavano facendo le donne, è chiaro che in qualche modo facevano parte del disturbo nei servizi.