ALTRE OBIEZIONI ALLA GUARIGIONE

La volontà di Dio di guarire
La volontà di Dio di guarire II
Obiezioni alla guarigione
Altre obiezioni alla guarigione
Come viene la guarigione
Guarigione attraverso la fede
Guarigione attraverso la fede II

1. Se la tua unica fonte di informazioni sulla guarigione fosse la Bibbia, non potresti giungere a un'altra conclusione se non che è sempre la volontà di Dio di guarire.
un. Dalla Genesi all'Apocalisse troviamo Dio che guarisce il Suo popolo.
b. Nemmeno un caso nell'OT o nel NT in cui Dio si rifiutò di guarire il Suo popolo.
2. Tuttavia, molti cristiani non sono guariti e non vengono guariti.
un. Questi fallimenti nell'essere guariti non sono dovuti alla riluttanza da parte di Dio, ma alla mancanza di conoscenza e ai relativi problemi da parte nostra.
b. Quindi, ci prendiamo del tempo per esaminare cosa dice la Bibbia su questo argomento.
3. Ci sono due aree chiave di conoscenza sulla guarigione che devi avere.
un. Devi sapere che Dio ti ha già provveduto la guarigione attraverso la Croce di Cristo. È la volontà di Dio di guarirti. Ha già detto di sì tramite Gesù. Isa 53: 4-6; I Pet 2:24
b. Devi sapere come prendere o ricevere ciò che Dio ha già fornito. Lo prendi per fede. Eb 6:12
4. Nell'ultima lezione, abbiamo iniziato a esaminare gli argomenti che le persone dicono dimostrano che non è sempre volontà di Dio guarire. Abbiamo considerato questi argomenti.
un. Obiezione n. 1: Gesù guarì sulla terra per dimostrare di essere Dio. Poiché la risurrezione è avvenuta e ha stabilito chiaramente che Egli è Dio, non ha più bisogno di guarire.
1. Ma abbiamo scoperto che Gesù non guariva solo per dimostrare la Sua potenza, ma guariva per dimostrare il Suo amore e l'amore del Padre per noi.
2. La compassione lo spinse a guarire. Matt 14:14; 20:34; Marco 1:41; 9:22
b. Obiezione n. 2: gli apostoli avevano il potere di guarigione per autenticare il messaggio che predicavano. Ma ora che abbiamo la Bibbia, non abbiamo bisogno di guarigioni e miracoli. La guarigione terminò quando morì l'ultimo apostolo.
1. Ma abbiamo scoperto che gli apostoli non guarivano nessuno, Dio lo fece. Ed è sempre lo stesso. Eb 13: 8; Mal 3: 6
2. La chiesa primitiva non è separata dalla chiesa del 20 ° secolo. Facciamo tutti parte del corpo di Cristo. Ef 5:30; 1: 22; 23; 12 Cor 27:XNUMX
3. Mentre era sulla terra, Gesù iniziò un'opera che il suo corpo ora deve continuare. Atti 1: 1; Matt 28: 18-20; Marco 16: 15-20; Giovanni 14: 9-12
4. Noi, il corpo di Cristo, continuiamo la Sua opera, diretti, potenziati da Gesù il capo, incoraggiati da coloro che ci sono già passati. Eb 12: 1
c. Obiezione n. 3: il Signore è glorificato nella malattia se ci sottomettiamo pazientemente.
1. Abbiamo scoperto che nella Bibbia Dio è glorificato quando la malattia va e arriva la guarigione. Matt 9: 8; 15:31; Luca 7:16; 13: 13,17; 17:15; 18:43
2. Dio non ammette la malattia in modo che possa guarirla. Sarebbe una casa divisa contro se stessa. Matt 12: 24-26
3. La malattia è qui a causa di satana e peccato. Gesù venne per compiere le opere di Dio e distruggere le opere del diavolo. 3 Giovanni 8: 9; Giovanni 3,4: XNUMX
6. In questa lezione, vogliamo continuare a esaminare le altre obiezioni sollevate dalle persone.

1. Nulla in questo passaggio ci dà il diritto di chiamare la spina una malattia.
un. v7 – Thorn = messaggero di satana. Messenger = ANGELOS = un essere; un angelo; usato 188 volte nella Bibbia; significa una personalità, non una malattia.
b. v7 – Veniva da satana non da Dio. Ricorda la casa divisa! Matteo 12
c. Spina in OT e NT significa spine letterali o persone problematiche. Num 33:55; Josh 23:13; Giudici 2: 3
2. v9 – Paolo chiama spina un'infermità = ASTENIA = senza forza, debole, malata.
un. È necessario determinare il significato dal contesto. II Cor 11: 23-30 imposta il contesto.
b. Le infermità di Paolo erano ostacoli e persecuzioni che incontrò mentre predicava il Vangelo, non malattie.
3. Alcuni dicono che Dio diede a Paolo la spina per tenerlo umile.
un. v7 - ci dice che è venuto da satana per impedire a Paolo di essere esaltato, non di esaltare se stesso, ma di essere esaltato. Da chi?
b. Da quelli a cui predicava! Esaltare = elevare con lode o stima.
4. Paolo ebbe un'enorme rivelazione da parte di Dio. V1-4; 7; Atti 26:16; Gal 1:12
un. satana non voleva che Paolo fosse esaltato o rispettato e creduto da coloro a cui predicava, quindi satana mandò un angelo caduto a molestare Paolo.
b. Paolo predicava, qualcuno aizzava la folla, veniva assalito, cacciato dalla città o gettato in prigione. Atti 13:45; 14: 2-6; 19
5. Alcuni dicono che la spina di Paolo fosse una malattia agli occhi. Gal 4: 13-15
un. Non c'è nulla in questo passaggio per supportare tale idea.
b. Galazia = una provincia varie città tra cui Antiochia, Iconium, Lystra e Derbe. L'epistola fu scritta nelle chiese della Galazia. Gal 1: 2
c. Atti 14: Paolo fu lapidato e dato per morto a Listra. Il giorno dopo lui e Barnabas camminarono per 15 miglia fino a Derbe. Quindi tornò indietro e predicò di nuovo a Listra, Iconio e Antiochia. Atti 14:21
d. Come appariva Paolo quando predicava ai Galati? Gal 6:17 - Quando ti ho predicato il Vangelo la prima volta, l'ho fatto per debolezza fisica e non hai provato disprezzo per la mia condizione fisica che doveva essere
una vera prova per te, né hai mostrato alcun disgusto per questo. (Bruce)
e. I problemi agli occhi di Paul derivavano dall'essere stato colpito da rocce che non avevano una malattia.
f. Gal 6:11 - Paolo era così preoccupato per i Galati che si è preso il tempo di scrivere lui stesso questa lettera di sua mano. Rom 16:22

1. Dobbiamo leggere nel contesto. Non possiamo imporre un significato esterno a questo verso:
Ho avuto un incidente d'auto, ho il cancro = il Signore mi sta castigando.
2. Questa epistola fu scritta ai cristiani ebrei che si erano stancati sotto la persecuzione. Alcuni avevano respinto Cristo; altri lo stavano prendendo in considerazione.
un. Intero scopo della lettera = dare loro ragioni per non tornare su Gesù.
b. Per usare questo versetto nel modo in cui molti lo usano, dovremmo dire che Dio sta dicendo loro: ho mandato questa persecuzione per disciplinarvi. Quello sarebbe Dio che perseguita il proprio corpo. Matteo 12
c. satana è la fonte della persecuzione. I Tess 3: 1-5
3. Dio castiga il suo popolo con la sua parola. Chasten = PAIDEA = istruzione, addestramento. Atti 7:22; 22: 3; Ef 6: 4; II Tim 2:25; 3:16; Tito 2:12
un. v5 – Chasten è definito come rimprovero = verbale = con parole. Il contesto è indicato per noi in v9 come correzione = fare o impostare bene.
b. Lo scopo della correzione è istruzione = per dirti cosa stai facendo di sbagliato e come farlo nel modo giusto in modo da poterlo fare nel modo giusto.
4. La lettera agli ebrei è una lettera di castigo = correzione e istruzione.
un. Nella lettera lo scrittore dice: ascolta Dio! Non cadere!
b. Eb 13:22: soffrire (sopportare, sopportare) la parola di esortazione. Esortare = ammonire = avvisare di una colpa; rimproverare.
5. v7 – Sopportare (rimanere sotto; perseverare) il castigo. Avevano la possibilità di accettare o rifiutare la disciplina. Non abbiamo scelta per il cancro o gli incidenti automobilistici.
6. Che ne dici di flagellarci? MASTIGOO = flog (lit. o fig.)
un. Dio ci blocca (ci frusta) con la sua parola. Ger 23:29; 4 Cor 21:XNUMX
b. O quella o una grossa mano / frusta devono scendere dal cielo.

1. Contesto = Paolo li rimprovera per il modo in cui avevano la comunione. v18-22
un. C'era divisione, ubriachezza e ghiottoneria nelle loro assemblee.
b. v20 – Quindi, quando vi radunate per le vostre riunioni, non è la cena istituita dal Signore che mangiate. (Amp)
2. Quindi Paolo afferma quale dovrebbe essere la comunione. v22-26
un. v23 - Gesù stesso istruì Paolo sulla comunione. Atti 26:16; Gal 1: 11,12
b. v26 – Poiché ogni volta che mangiate questo pane e bevete questo calice, rappresentate, significate e proclamate il fatto della morte del Signore finché Egli non verrà [di nuovo]. (Amp)
3. Il servizio di comunione corinzia era irriverente. Indegno = irriverente.
un. v27 – Allora chiunque mangia il pane o beve il calice del Signore in un modo che è indegno [di Lui] sarà colpevole di (profanando e peccando contro) il corpo e il sangue del Signore. (Amp)
b. v29 – Chi mangia e beve senza discriminare e riconoscere con il dovuto apprezzamento [è il corpo di Cristo], mangia e beve una sentenza - un verdetto di giudizio su se stesso. (Amp)
c. La loro irriverenza e la loro incapacità di riconoscere il valore del sacrificio di Gesù portarono il giudizio su di loro sotto forma di malattia e morte. v32
4. Questa malattia che stavano vivendo era totalmente prevenibile. Avrebbero potuto, si sarebbero dovuti giudicare da soli = discernere il proprio peccato e pentirsi.
un. Questo è un peccato grave. Perché dovrebbero essere condannati con il mondo? Con le loro azioni rifiutavano la morte del Signore.
b. Il giudizio arriva a coloro che "deliberatamente oltraggiano la grazia e la misericordia di Dio". (Gordon Lindsay)
c. Giudizio = Dio ti consente di raccogliere il frutto del tuo peccato e ritira la Sua protezione. 5 Cor 1: 5-XNUMX
5. Questa situazione è molto diversa da: “Ho il cancro. Il Signore mi sta castigando. Perché? Non lo so; come ritiene opportuno, per i suoi scopi.
un. Dobbiamo capire che il castigo (punizione) è andato a Gesù, quindi non dovrebbe venire da noi. Isa 53: 5
b. È stato punito per avere pace. È stato picchiato così saremmo guariti. (Nuova vita)
7. Poiché non hanno discernuto il sacrificio di Cristo, quel castigo è venuto su di loro.
un. Se il mancato riconoscimento e il mancato rispetto del significato della rottura del corpo del Signore ha fatto ammalare i corinzi, riconoscere e riverire ciò che il suo corpo e il suo sangue hanno fatto ci manterrà bene.
b. Molti cristiani oggi sono malati perché non riconoscono che il corpo di Cristo è stato spezzato per la loro salute fisica. Gal 3:13; I Pet 2:24

1. Dobbiamo leggere la Bibbia - specialmente le epistole (scritte alla chiesa) e i vangeli (mostraci il carattere di Dio in Gesù). Prov4: 20-22
2. Dobbiamo ricevere un buon insegnamento, non solo predicazione, non solo amicizia.
3. Dobbiamo imparare a leggere nel contesto. Tutto nella Bibbia è stato scritto a qualcuno da qualcuno su qualcosa.
un. Tutto “si adatta” al tema del desiderio di Dio per una famiglia.
b. Non importa cosa significhi per te il verso. Cosa dice?
4. Quando diciamo che non può essere sempre la volontà di Dio di guarire perché così e così non siamo stati guariti, stiamo basando ciò in cui crediamo sull'esperienza e non sulla Bibbia.
un. Eb 1: 1-3 – Dio ci ha parlato da Suo Figlio Gesù, non da Giobbe o da quella persona nella chiesa che non fu guarita.
b. Gesù ha guarito tutti coloro che sono venuti da Lui, non ha fatto ammalare nessuno, né si è rifiutato di guarire nessuno. Quindi Gesù sopportò le nostre malattie sulla Croce per rimuoverle. Tutto il resto deve inchinarsi a questi fatti se vivrai per fede.
5. Alcuni dicono che non è sempre la volontà di Dio di guarire perché Paolo non è riuscito a far guarire tutti. Se vogliamo dire questo, allora dobbiamo dire che è volontà di Dio che alcuni falliscano. II Timoteo 4:20; 10
un. Presumiamo che Trofimo non sia mai stato guarito. La guarigione a volte è graduale. Non sappiamo la fine della storia.
b. In ogni caso, non possiamo basare ciò in cui crediamo sull'esperienza di Trophimus.
6. Sì, ma ho imparato così tanto dalla mia malattia e un'infermiera è stata salvata in ospedale. Questa malattia doveva essere la volontà di Dio. Dopotutto, lo ha permesso.
un. Quello che ti è successo è stato Rom 8:28. Dio ha portato il vero bene dal vero male. Sal 119: 71
b. La malattia non è uno strumento di insegnamento di Dio. Lo Spirito Santo è il maestro della chiesa e ci insegna attraverso la parola di Dio. Giovanni 14:26; 16:13; II Tim 3:16; Ef 4: 11,12
c. Se hai imparato qualcosa di prezioso nella tua malattia, l'hai imparato dalla parola di Dio nella malattia. Sl 119: 92; 143

1. Finché le acque sono confuse, non puoi camminare nel tipo di fede che riceve ogni volta guarigione.
2. Anche le obiezioni alla guarigione, se lette alla luce del resto della Bibbia e nel contesto, ci mostrano ancora che è sempre la volontà di Dio di guarire.