LE DONNE POSSONO PARLARE IN CHIESA?

Le donne possono parlare in chiesa?
Le donne possono insegnare la Bibbia?

1. Basato su I Tim 2:12, molti cristiani sinceri credono che le donne non debbano insegnare la Bibbia.
un. Tuttavia, attraverso un attento studio del contesto di I Tim 2:12 abbiamo appreso che il verso non è un universale, per sempre divieto alle donne che insegnano la Bibbia. Si occupa di una situazione particolare a
un tempo e un luogo specifici.
b. L'apostolo Paolo scrisse a Timoteo, che sovrintendeva alla chiesa di Efeso, per impedire alle donne di insegnare, non perché erano donne, ma perché insegnavano false dottrine.
2. Sebbene abbiamo trattato I Tim 2:12 in modo molto approfondito, ci sono molte altre questioni correlate che vogliamo prendere in considerazione in questa lezione.
un. I Cor 14: 34,35 - Come possono le donne insegnare se non dovrebbero parlare in chiesa?
b. Le donne sono escluse dalle posizioni di comando nella chiesa?

1. Atti 2: 17,18 – Nel primo sermone predicato dall'apostolo Pietro il giorno di Pentecoste, ha citato il profeta Gioele che ha detto, tra le altre cose, che le donne avrebbero profetizzato negli ultimi giorni.
un. Gli ultimi giorni sono iniziati quando Gesù è venuto sulla terra per la prima volta e finirà quando tornerà.
b. La semplice profezia è ispirata dall'espressione in una lingua conosciuta, una lingua compresa da chi parla e da chi ascolta. Edifica, esorta e conforta. I Cor 14: 3 (uomini = genere umano in generale)
1. Il semplice dono della profezia è diverso dall'ufficio di un profeta che predice il futuro.
2. I Cor 14: 31 – Attraverso la profezia (che tutti possono fare) gli uomini e le donne imparano e sono confortati.
2. I Cor 14: 34,35 e I Tim 2:12 non possono significare che le donne non possono parlare in chiesa o insegnare perché abbiamo esempi nel NT di donne che insegnano e parlano.
un. Atti 18:26 – Nell'ultima lezione abbiamo visto la Priscilla, una donna, insegnare a un uomo, Apollo.
b. Luca 1: 46-55 – Elisabetta, cugina di Maria, profetizzò quando Maria venne a trovarla.
c. Luca 2: 36-38 – Anna, una profetessa, ha parlato in chiesa sull'argomento della redenzione.
d. Atti 1: 13,14; 2: 1-11 – Le donne parlavano in altre lingue (espressione ispirata in una lingua sconosciuta a chi parla) delle meravigliose opere di Dio.
1. Sotto la Nuova Alleanza la chiesa non è un edificio, la chiesa è il corpo di Cristo.
2. Se le donne non possono parlare in chiesa, non possono parlare da nessuna parte. Dove due o tre sono riuniti nel Suo nome - questa è la chiesa!
e. Atti 10: 44-46; Atti 11: 13,14 – Le donne parlavano in lingue e magnificavano Dio in un contesto di genere misto. Durante la riunione è stato predicato un sermone. Questa è la chiesa!
f. Atti 21: 8,9 – Filippo l'evangelista aveva quattro figlie che profetizzarono.
3. Se si suppone che le donne tacano in chiesa, come si adatta a I Cor 11: 4,5? Nella stessa epistola in cui si dice che le donne possono parlare in chiesa (I Cor 14, 34,35), si dice che le donne possono pregare e profetizzare nei servizi di culto pubblico.

1. Atti 18: 1-18 – L'apostolo Paolo fondò la chiesa a Corinto. Quindi rimase a Corinto per diciotto mesi (50-52 d.C.) sia evangelizzando che insegnando ai suoi convertiti.
un. Sia gli ebrei che i gentili si convertirono a Cristo, ma, come spesso accadeva quando Paolo predicava, fece arrabbiare molti ebrei. Paolo subì molte persecuzioni da parte degli ebrei a Corinto.
b. Hanno presentato accuse contro Paolo prima di Gallio, il proconsole (deputato politico romano) di Achaia, la regione in cui si trovava Corinto.
2. Dopo un anno e mezzo a Corinto, Paolo partì e iniziò il suo terzo viaggio missionario. Atti 18: 19-26
un. Alla fine si stabilì a Efeso per tre anni (52-55 d.C.). Atti 19: 1-10; 20:31
1. Mentre era ad Efeso, Paolo ricevette notizie di problemi nella chiesa corinzia.
2. I membri della famiglia di Chloe gli portarono un rapporto (I Cor 1:11). Tre membri della chiesa gli hanno portato un dono finanziario e probabilmente hanno aggiunto ulteriori dettagli su ciò che stava accadendo
(I Cor 16:17). Uno di questi gruppi portò a Paul una lettera di Corinto con domande riguardanti
con varie questioni morali e dottrinali (I Cor 7: 1).
b. La prima lettera ai Corinzi fu scritta per affrontare questi problemi e questioni.
1. I capitoli 1-4 trattano del rapporto di Chloe sulle divisioni nella chiesa.
2. I capitoli 5,6 trattano delle notizie di fornicazione nella chiesa.
3. I capitoli 7-16 trattano le domande poste a Paolo nella lettera che gli veniva posta.
c. Il versetto che ci dice che le donne non devono parlare in chiesa si trova nella terza sezione della lettera in cui Paolo si occupa di questioni portategli in una lettera (7 Cor 1: XNUMX). Non abbiamo una copia di
le domande stesse, quindi dobbiamo presumere che le domande si basassero sulle sue risposte.
d. In risposta alle domande Paolo affronta questioni riguardanti il ​​matrimonio (7: 1-24), le vergini (7: 25-40), le cose sacrificate agli idoli (8: 1- 11: 1), i problemi nel culto pubblico (11: 2 -34), doni spirituali
(12: 1-14: 40), la risurrezione dei morti (15: 1-58); la raccolta per i santi (16: 1-4).

1. Gli gnostici esaltarono lo spirito e degradarono la carne. Hanno considerato il mondo materiale malvagio.
un. Credevano che quando fossero stati battezzati in Cristo erano stati liberati dai loro corpi carnali e potevano indulgere nei loro corpi o privarli.
b. Alcuni gnostici corinzi vivevano insieme e praticavano l'immoralità sessuale. 5 Cor 1: XNUMX
2. I giudaizzanti credevano che Gesù fosse il Messia, ma dicevano che i maschi dovevano essere circoncisi e mantenere la legge per essere salvati. Volevano che i credenti in Cristo seguissero la legge e le usanze ebraiche.
un. Nel giudaismo a quel tempo le donne erano tenute separate dagli uomini e silenziose nella sinagoga e nel tempio, e persino in casa.
b. Potrebbero esserci stati 60,000 credenti a Corinto, per lo più gentili, ma anche molti ebrei. E c'erano molte donne convertite che stavano sperimentando nuove libertà in Cristo nella chiesa.
c. Ciò era molto preoccupante per i giudaizzanti perché contraddiceva le loro leggi e i loro costumi.
3. I Cor 14: 34,35 dice che le donne devono tacere in chiesa secondo la legge. Quale legge?
un. Quando il Nuovo Testamento si riferisce alla legge, generalmente si riferisce specificamente ai primi cinque libri della Bibbia, la Torah o il Pentateuco. Da nessuna parte nell'AT si dice che è una vergogna per le donne parlare in pubblico o che non possono fare domande.
b. La legge di cui in I Cor 14:34 è la legge orale degli ebrei.
4. Queste leggi consistono in discussioni, decisioni, detti e interpretazioni dei primi rabbini e scribi sulla Torah.
un. Questi regolamenti furono tramandati oralmente da una generazione all'altra e alla fine furono scritti in due forme: la Mishnah, scritta in ebraico, che è un commento sulla Torah
e la Gemara, scritta in aramaico, che è una raccolta di ulteriori commenti sulla Mishnah.
b. Quando Gesù iniziò il suo ministero pubblico, a queste tradizioni fu attribuito lo stesso peso della parola scritta, la Bibbia (la Torah).
1. Queste sono le tradizioni a cui si riferiva Gesù nelle discussioni con i farisei che, a suo dire, contraddicevano i comandamenti di Dio. Matteo 15: 3; Marco 7: 3
2. Queste sono le favole ebraiche che Paolo ha combattuto. Tito 1:14
c. La legge orale aveva molto da dire sulle donne e sul loro posto nella società. Quando Gesù venne sulla terra, secondo la legge orale, le donne furono incolpate della caduta dell'uomo, vista come proprietà, ascoltata
e visto il meno possibile e non autorizzato ad imparare.
5. Tutti i maschi ebrei pregavano ogni giorno: lode a Dio non mi ha creato un Gentile; lode a Dio, non mi ha creato per essere una donna; lode a Dio, non mi ha creato un uomo ignorante.
un. Lo storico ebreo Giuseppe Flavio, che era fariseo, scrisse: “La donna, dice la legge (la legge orale), è in ogni caso inferiore a un uomo. Lascia che sia di conseguenza sottomessa ”.
b. La legge orale diceva: “Le donne erano sessualmente seducenti, mentalmente inferiori, socialmente imbarazzanti e spiritualmente separate dalla legge di Mosè; perciò, lasciali stare in silenzio. "
6. I giudaizzanti erano arrabbiati con i maschi non circoncisi nella chiesa e con le donne che parlavano e prendevano un posto pubblico nella chiesa. Ricorda Priscilla. I Cor 16:19

1. Paolo stava chiaramente affrontando una situazione specifica nella chiesa di Corinto, non stabilendo in ogni momento la regola per tutte le donne di tutto il mondo. Poiché non abbiamo le domande specifiche poste dalla chiesa corinzia a Paolo, non possiamo dire con certezza al 100% esattamente a cosa si stesse rivolgendo con la sua dichiarazione.
2. Questi versetti potrebbero benissimo essere una riaffermazione della domanda che gli è stata posta.
un. "Non è permesso, è loro comandato, come dice anche la legge, è una vergogna". Quelle non sono le parole di Paolo o le parole dell'AT. Sono riferimenti alla legge orale antiscritturale degli ebrei.
b. Forse una delle domande poste a Paolo era da un giudaizzatore: Paul, queste donne qui a Corinto pregano e profetizzano in pubblico. Stanno pregando in lingue ad alta voce. Paul, fermati. La legge (Talmud, Mishnah) dice che questo è vergognoso.
3. Paul ha risposto in v36: ti vedo mettere in dubbio le mie istruzioni? Stai cominciando a immaginare che la parola di Dio abbia avuto origine nella tua chiesa o che tu abbia il monopolio della verità di Dio? (Phillips)
un. Paolo dice loro: la tua legge orale non è uguale alla parola di Dio e non deve essere obbedita.
b. Conclude dicendo: desiderio di profetizzare (cosa che ha già detto che le donne possono fare pubblicamente) e non proibire a nessuno di parlare in lingue.
4. Sappiamo da altre cose scritte nella lettera che Paolo stava affrontando il disordine nei loro servizi di adorazione pubblica.
un. Si occupa di copricapi inappropriati in pubblico (I Cor 11: 3-16), divisioni o gruppi in conflitto nella chiesa e nei servizi (I Cor 11: 17-19), ubriachezza e gola durante la Cena del Signore
(I Cor 11: 20-34).
b. C'era anche disordine e confusione nei loro incontri a causa dell'abuso di doni spirituali.
12 Cor 13, 14, XNUMX
5. Nel capitolo 14 Paolo spiega l'importanza dell'ordine nei loro servizi.
14 Cor 33,40: XNUMX
un. Non vuole scoraggiarli dall'esercitare doni spirituali (I Cor 14: 1,39), ma l'obiettivo o il punto è che i doni edificano il maggior numero di persone possibile. 14 Cor 12:XNUMX
b. La parola edify viene usata sette volte in questo capitolo (v3, 4 (due volte), 5,12,17,26) e la parola profit viene usata una volta (v6).
6. Non conosciamo i problemi specifici che Paolo stava affrontando perché non sono stati scritti.
un. Dalle risposte di Paolo, possiamo presumere che si parlassero in altre lingue quando non c'era interpretazione e che esercitassero allo stesso tempo doni spirituali, cercando di superarsi a vicenda.
b. È possibile che ci fossero donne che parlavano a voce alta e ponevano domande ai loro mariti, aggiungendo confusione e disordine ai servizi, e che Paolo stava affrontando quel problema con la sua dichiarazione in 14 Cor 34,35: XNUMX.

1. Abbiamo già accennato a Priscilla, con cui Paul ha lavorato. Alla fine di Romani Paolo salutò 28 persone, dieci delle quali erano donne (inclusa Priscilla, Rm 16: 3).
un. Rom 16: 7 – Saluta Andronico e Junia come compagni di prigionia e apostoli eccezionali.
b. Junia era una femmina. C'è una certa confusione sul genere perché entrambi i nomi sono nel caso accusativo. Ma i primi Padri della Chiesa si riferiscono a lei come a una donna.
2. Rom 16: 1,2 – Phoebe era un diacono. La parola servo in greco è DIAKONOS che può essere tradotta servo, ma è la stessa parola tradotta diacono in Fil 1: 1; I Timoteo 3: 8,12.
un. v2 nel KJV la chiama un soccorritore di molti. La parola greca non è tradotta in questo modo da nessuna parte nelle scritture greche. Era una parola classica comune e significava una protettrice, una protettrice, una donna sopra altre.
b. È un derivato di una parola (PROISTEMI) che significa stare in prima fila e presiedere. Può essere tradotto per essere finito o governare.
c. Quella parola significa difensore o guardiano quando si riferisce agli uomini. È la parola usata da Paolo per elencare le qualifiche per vescovi e diaconi in I Tim 3: 4,5,12; 5:17. Qualunque cosa significhi la parola per un uomo, significa per una donna.
3. In I Tim 3: 1-13 Paolo elenca le qualifiche per vescovi e diaconi, scritte per uomini e donne.
un. v1– "Se un uomo". Uomo, in greco è TIS che è una parola neutra che significa maschio o femmina. ANER è la parola per uomo. Se Paolo intendesse uomo, questa è la parola che avrebbe usato.
b. La storia della Chiesa ci dice che le donne furono ordinate come diaconi nel IV secolo. Per i primi 4 anni, i ministri, uomini o donne, furono chiamati diaconi.
4. I Timoteo 3: 11 – Anche così è anche (HOSAUTOS) in greco e collega il verso con i requisiti precedenti per gli uomini.
un. Alcuni dicono che questo versetto parla alle mogli di vescovi e diaconi, ma non lo dice in greco. Non esiste un articolo definito e il caso possessivo non viene utilizzato.
b. Questo verso si riferisce ai requisiti per le donne. Non esiste una parola separata per moglie e donna in greco (GUNE). GUNAIKAS HOSAUTOS, o anche donne.

1. Questi versetti, I Tim 2:12 e I Cor 14: 34,35 possono rappresentare un ostacolo per i cristiani. Dobbiamo chiarirlo.
2. È importante per la nostra comprensione dell'intera Bibbia sapere che ogni cosa ha un contesto e che il contesto pone dei limiti a ciò che il versetto può e non può significare.
3. II Timoteo 3:16 – Tutte le Scritture ci sono utili man mano che cresciamo nel Signore.
un. Un po 'di cibo costruisce le nostre ossa. Un po 'di cibo ci dà una rapida esplosione di energia. Un po 'di cibo è semplicemente divertente da mangiare.
b. La parola di Dio è così. Ne abbiamo bisogno per diventare cristiani forti e maturi.