LE PECORE E LE CAPRE

Scarica PDF
BEATI I PACEI
I BEATITUDINE
LA VERA INTERPRETAZIONE DELLA LEGGE
MOTIVI GIUSTI
IL NOSTRO PADRE NEL CIELO
NON GIUDICARE
IL MODO VICINO
RICORDA IL CONTESTO
LE PECORE E LE CAPRE
GESÙ È IL MODO

1. Abbiamo sottolineato che uno pseudo cristianesimo è attualmente in fase di sviluppo. Sebbene le sue credenze fondamentali siano contrarie al cristianesimo biblico, gran parte di ciò che questa religione professa è drappeggiato in termini cristiani, e suona bene a coloro che non hanno familiarità con la Bibbia.
un. Questo nuovo cristianesimo è salutato come più tollerante, più amorevole, più inclusivo e meno giudicante del cristianesimo ortodosso. Afferma che tutti sono accolti da un Dio amorevole, non importa ciò in cui credono o il modo in cui vivono, fintanto che sono sinceri e cercano di essere una brava persona.
b. Sta diventando sempre più popolare in questi cosiddetti circoli "cristiani" definire il Vangelo come un lavoro per sistemare la società cercando di porre fine alla povertà, aiutare gli emarginati e sradicare l'ingiustizia nel mondo.
1. Non c'è nulla di sbagliato nel perseguire le attività sopra. Tuttavia, il Vangelo è soprannaturale non sociale. Gesù non è venuto sulla terra per rendere questo mondo un posto migliore attraverso il cambiamento sociale. A. Venne per morire sulla Croce e soddisfare la giustizia divina riguardo al nostro peccato. Marco 10:45;
I Tim 2: 5-6; Tito 2:14; Eb 9:26; 4 Giovanni 9: 10-XNUMX; eccetera.
B. Attraverso la sua morte e risurrezione Gesù ha aperto la strada a tutti coloro che hanno messo fede in Lui e nel Suo sacrificio per essere trasformati da peccatori in santi figli e figlie di Dio attraverso la trasformazione interiore da parte dello Spirito Santo (nuova nascita).
2. È possibile che un ateo sostenga i poveri, gli emarginati e le vittime dell'ingiustizia sociale senza alcun cambiamento interno e senza il pensiero di onorare Dio o di vivere una vita santa.
A. Nota una delle caratteristiche dei giorni precedenti al ritorno di Gesù: (Le persone) agiranno come se fossero religiose, ma respingeranno il potere che potrebbe renderle divine (II Tim 3: 5, NLT).
B. Un vangelo che non riconosce il peccato dell'uomo o la necessità di un Salvatore non è il vero vangelo. Un vangelo che enfatizza il bene dell'uomo sulla gloria di Dio non è il vero vangelo.
2. Poiché questo falso cristianesimo utilizza versetti della Bibbia che sono stati presi fuori dal contesto, interpretati in modo errato e applicati in modo errato, nelle ultime settimane, abbiamo considerato l'importanza di stabilire un contesto nell'interpretazione e nell'applicazione dei passaggi della Bibbia.
un. C'è un contesto culturale e storico nella Bibbia che deve essere preso in considerazione per interpretare giustamente un versetto. La Bibbia è stata scritta da persone reali ad altre persone reali su questioni reali. Un passaggio non può significare qualcosa per noi che non avrebbe significato per i lettori originali.
b. La scorsa settimana abbiamo parlato del fatto che Gesù ha insegnato personalmente a Paolo il vangelo che predicava. Ha scritto 14 su 21 epistole. Nelle sue epistole vediamo alcuni temi ripetuti ancora e ancora. Le sue lettere ci danno una chiara comprensione di ciò che il Vangelo significava per i primi seguaci di Gesù.
1. Paolo disse che il vangelo di Cristo è il potere di Dio per la salvezza. Per salvezza Paolo intendeva la salvezza dal peccato. Gesù venne per salvare i peccatori. Rom 1:16; I Tim 1:15
2. Paolo ha definito il Vangelo come il messaggio che Gesù è morto sulla Croce per il nostro peccato, è stato seppellito e risuscitato il terzo giorno secondo le Scritture. 1 Cor 17: 18-15; 1 Cor 4: XNUMX-XNUMX
3. Paolo riferì che quando una persona crede in Gesù, riceve il dono della giustizia. Siamo salvati dal peccato e dalla sua pena, non dalle nostre opere di giustizia, ma dall'opera soprannaturale dello Spirito Santo attraverso il sangue versato di Gesù. Rom 5:17; Tito 3: 5
4. Paolo scrisse che la Bibbia ci è stata donata per renderci saggi alla salvezza e per istruirci sulla giustizia, sia in piedi con Dio sia nel modo di vivere. II Tim 3: 15-17
c. Quando hai familiarità con il piano di Dio per l'uomo e lo scopo della Bibbia, ti aiuta a riconoscere i versi che sono presi fuori dal contesto e applicati male. Dobbiamo ricordare il quadro generale (di cosa si tratta) che trasforma i peccatori in figli in modo che Dio possa avere una famiglia. La Bibbia rivela questo piano.
3. La Bibbia chiarisce che quando Gesù tornerà ci sarà un sistema mondiale in atto: governo globale, economia e religione. Questo sistema sarà presieduto dall'ultimo falso cristo, un uomo noto Anticristo (Ap 13: 1-18; II Tess 2: 3-10; ecc.). Queste circostanze si stanno insediando ora.
un. Mentre le condizioni del mondo si muovono nella direzione predetta nella Bibbia, stiamo vedendo il governo e la religione unirsi mentre il globalismo avanza. Nel nostro paese, i leader politici citano sempre più la Bibbia per sostenere i loro punti di vista su come dovrebbe essere la società.
b. Il disaccordo con le loro politiche è diventato più che una diversa opinione: è stato elevato a un fallimento morale se non si è disposti a sostenere la loro causa "giusta".
1. Ad esempio, nel dibattito su ciò che dovrebbe essere fatto con alieni privi di documenti (o immigrati clandestini a seconda del tuo punto di vista politico), alcuni invocano le Scritture. Paragonano il voler stringere i nostri pensionanti al rifiuto di dare rifugio a Maria e Giuseppe quando stava per dare alla luce Gesù. Questo è un esempio di come prendere i versi fuori dal contesto. 2. Joseph e Mary non erano immigrati. Nati e cresciuti in Israele, stavano viaggiando da una città all'altra. L'imperatore romano Augusto Cesare ordinò un censimento per ordinare di iscrivere le persone alla tassazione. Secondo l'usanza del giorno, Maria e Giuseppe lasciarono Nazaret e si recarono a Betlemme, il luogo del loro registro tribale, per essere contati. La cittadina era affollata da centinaia di altri che erano lì per lo stesso scopo. Luca 2: 1-7
3. Questo problema è in realtà una dimostrazione della crescente spinta verso il globalismo. Questo massiccio afflusso di immigrati si sta verificando in molti paesi oltre all'America. Sta provocando l'annullamento delle distinzioni culturali attraverso il mescolarsi di diversi gruppi di persone. Questo rende più facile pensare in termini di una comunità globale composta da un solo popolo, senza confini.
4. Per il resto della lezione esamineremo un passaggio che viene utilizzato in modo improprio dallo pseudo cristianesimo in via di sviluppo per sostenere l'idea che un vangelo sociale è il vero vangelo. Matteo 25: 31-46
un. In questo passaggio, Gesù ha riferito che al suo ritorno tutte le nazioni saranno radunate davanti a lui e le separerà in due gruppi: le pecore alla sua destra, le capre alla sua sinistra. Le pecore andranno nel suo regno e le capre andranno al fuoco eterno.
b. I criteri per l'ingresso nel regno del Signore sono determinati dal modo in cui le persone riunite davanti a Lui trattavano gli affamati, gli stranieri, i nudi, i malati e quelli in prigione, facendo sembrare che le nostre buone opere ci salvassero.
1. Questo brano sembra contraddire altri insegnamenti biblici. Numerosi altri versetti affermano che la giustizia è un dono di Dio ricevuto attraverso la fede in Cristo e che le nostre opere non sono la causa della giustizia, ma piuttosto l'effetto o il risultato. La vera fede in Cristo si esprime in azioni azioni giuste. Rom 5:17; Tito 3: 5; Ef 2: 8-10; eccetera.
2. La comprensione accurata del messaggio di pecore e capre è un buon esempio dell'importanza di conoscere un principio chiave nella corretta interpretazione dei versetti della Bibbia. Se hai dieci versi che dicono una cosa e un versetto che sembrano contraddire quell'idea, non buttare via i dieci versi chiari. Presumi che non hai ancora una piena comprensione dell'uno versetto.

1. Due giorni prima che Gesù fosse arrestato e successivamente crocifisso, i Suoi apostoli gli chiesero quali segni indicheranno che il suo ritorno e la fine di questa epoca sono vicini. Camminarono tutti verso il Monte degli Ulivi, appena fuori Gerusalemme, e Gesù diede loro una lunga risposta.
un. Ricorda che gli apostoli di Gesù erano uomini dell'Antica Alleanza che, in base agli scritti dei profeti, si aspettavano che il Messia stabilisse il regno visibile di Dio sulla terra.
1. Il ministero della terra di tre anni di Gesù fu un momento di transizione mentre li preparava gradualmente per il fatto che stava per stabilire una nuova relazione tra Dio e l'uomo morendo sulla Croce: il regno di Dio nei cuori degli uomini attraverso la nuova nascita. Luca 17: 20-21
2. In base alla domanda degli apostoli sappiamo che a questo punto Gesù aveva già detto loro che sarebbe partito senza stabilire un regno visibile, ma che sarebbe tornato in un secondo momento per farlo. Matt 24: 3
b. Nella sua risposta, Gesù ha elencato i segni che segnaleranno che il suo ritorno è vicino e li ha esortati a essere fedeli a Lui e al lavoro che avrebbe dato loro di fare durante la sua assenza. Come parte della sua esortazione, Gesù ricordò loro che, in relazione al suo ritorno, ci sarebbe stata una giornata di resa dei conti.
1. Gesù sapeva che questi uomini avrebbero dovuto affrontare difficoltà, persecuzioni e morte per il loro impegno nei suoi confronti. Li ha esortati a rimanere fedeli anche se i malvagi sembrano trionfare perché alla fine si farà giustizia: ricompense per i fedeli servitori e rimozione dei malvagi. Quindi parlò loro delle pecore e delle capre.
2. Questo non è l'unico posto in cui Gesù parlò della separazione delle persone alla fine di questa epoca quando ritorna per fondare il regno di Dio sulla terra.
A. Ha parlato della separazione del grano dalle zizzanie (Matteo 13: 24-30; 37-43) e della buona cattura da quella cattiva (Matteo 13: 47-50). Si noti che in ciascun esempio entrambi i tipi di persone sono chiaramente definiti.
B. Il grano è figlio di Dio. Le zizzanie sono figli del malvagio. La buona cattura sono uomini giusti o giusti. La cattiva cattura è composta da uomini malvagi.
C. Si noti che in Matt 25 le pecore vengono chiamate beate del Padre (v34) e giuste (v46) e le capre vengono chiamate maledette o condannate (v41). Nel 1 ° secolo Israele ha permesso alle pecore e alle capre di mescolarsi durante il giorno, ma di notte erano separate. Gli apostoli hanno senza dubbio capito il punto di Gesù: sta arrivando un momento in cui i giusti e i malvagi saranno separati, quindi rimanete fedeli a Me.
3. Questa separazione avverrà in modo che ogni traccia di malvagità e corruzione possa essere rimossa dal suo regno lasciando solo ciò che sta glorificando a Dio. Matt 13: 41-43 — Il Figlio dell'uomo manderà i suoi angeli e raduneranno dal suo regno tutte le cause del peccato e tutti i trasgressori ... Allora i giusti brilleranno come il sole nel regno del Padre (ESV ).
2. Ricorda ciò che abbiamo trattato nelle lezioni precedenti. Quando Gesù parlò delle pecore e delle capre, aveva già trascorso più di tre anni ad ampliare la comprensione della giustizia da parte dei suoi seguaci, esponendo la falsa giustizia praticata e predicata dai farisei e dagli scribi. Matt 5:20
un. Questi leader religiosi avevano azioni esterne corrette, ma avevano motivi sbagliati. Hanno compiuto i loro atti di giustizia (come fare l'elemosina, pregare e digiunare) per essere visti e lodati dagli uomini, non per compiacere Dio Padre in cielo. Matt 6: 1-18
b. Gesù dovette anche ampliare la loro comprensione di come i giusti (figli di Dio) devono trattare le persone. I farisei erano gentili con i loro fratelli, ma non con quelli che non potevano fare nulla per loro in cambio.
1. Sebbene conservassero la lettera della Legge di Mosè, mancarono lo spirito dietro di essa e provarono grande disprezzo per grandi parti dell'umanità.
2. Consideravano i gentili, i peccatori e le classi inferiori della società come persone da evitare, non conquistate alla luce di Dio Onnipotente. Considera questi esempi.
A. Luca 7: 39 — Un fariseo mostrò grande disprezzo quando una donna lavò i piedi di Gesù con le sue lacrime e li unse con olio. Sebbene si supponga comunemente che fosse una famosa prostituta cittadina, non lo dice nel testo. Molto probabilmente era una Gentile o pagana che ascoltò Gesù predicare, Lo riconobbe e venne a mostrare la sua gratitudine.
B. Luca 15: 1-2 — I farisei si scagliarono contro Gesù perché riceveva peccatori e pagani (ricevere significa ammettere ospitalità, rapporti o credenza).
C. Luca 18: 10-14: questo fariseo si considerava superiore all'esattore delle tasse e confidava nei propri sforzi o nella propria giustizia attraverso le opere. Questa è l'idea alla base della parola misericordiosa nel v13 — O Dio, mi giustifica il peccatore sulla base di un sacrificio espiatorio che soddisfa le esigenze della giustizia divina e rende possibile il giusto conferimento di giustizia sulla base della giustizia soddisfatta (Wuest).
D. Giovanni 7: 45-49 — Man mano che crescevano le polemiche su Gesù, i farisei rilasciarono questa dichiarazione sul loro popolo: c'è un solo di noi sovrani o farisei che crede in lui? Queste folle ignoranti lo fanno, ma cosa ne sanno? Una maledizione su di loro comunque (NLT).
3. Gesù dovette trasmettere l'idea che i figli di Dio sono gentili con gli sfortunati e il male proprio come Dio è il loro Padre celeste (Matteo 5: 43-48) perché, non solo i farisei non insegnavano o modellavano quel tipo di amore, la cultura greco-romana che li circondava era l'esatto contrario. (Gli esempi seguenti provengono da Come il cristianesimo ha cambiato il mondo di Alvin J. Schmidt.)
un. I romani praticavano la liberitas che stava dando con l'aspettativa di ricevere qualcosa in cambio. Di solito erano quelli che non avevano bisogno di aiuto a ricevere questo tipo di donazioni. I romani consideravano il dare a coloro che non potevano contribuire a Roma e rafforzare lo stato come un punto debole.
b. Il filosofo greco Platone disse che un povero (di solito uno schiavo) che non poteva più lavorare doveva essere lasciato a morire. Il filosofo romano Plauto disse che fai un cattivo servizio ai mendicanti dandogli da mangiare e da bere. Perdi ciò che dai e prolunghi la sua miserabile vita.
4. Sebbene oggi poche persone se ne rendano conto, dare ai meno fortunati e aiutare i deboli è stato infuso nella nostra coscienza culturale a causa dell'influenza del cristianesimo. Tuttavia, con l'accresciuta secolarizzazione della società, è stata completamente disconnessa da qualsiasi connessione alla glorificazione di Dio. un. Non possiamo interpretare le pecore e le capre da una mentalità del 21 ° secolo. Le persone danno soldi ai poveri perché vogliono essere brave persone. Le persone danno per ottenere una detrazione fiscale. Diamo soldi perché ci sentiamo in colpa per la sofferenza degli altri.
b. Gesù stava introducendo un nuovo concetto rivoluzionario: dare, non aspettandosi nulla in cambio. Dare per motivi puri. Dai per glorificare tuo Padre celeste. Dare come espressione di fede in Lui.
c. Ricorda un altro principio di corretta interpretazione della Bibbia: un passaggio non può significare qualcosa per noi che non avrebbe significato per gli ascoltatori o i lettori originali. Gli apostoli non avrebbero mai preso le parole di Gesù su pecore e capre per indicare che le nostre buone opere ci porteranno nel suo regno. 1. Gli apostoli sapevano di aver bisogno della giustizia per entrare nel regno del Signore. Ma non sapevano ancora che Gesù stesso diventerà la loro giustizia, anche se ci sono accenni a questo fatto nei profeti dell'Antico Testamento. Sal 24: 3-5; Ger 33: 15-16
2. Ha trascorso tre anni a prepararli a ricevere la giustizia attraverso la fede, non le opere. Una volta che Gesù risuscitò dai morti, impararono che la giustizia viene attraverso la fede in Cristo e nel Suo sacrificio e che aiutare i nostri simili da un cuore puro è un'espressione di quella fede.

1. Nelle lezioni precedenti abbiamo discusso del fatto che Dio è Padre e dimora solo per coloro che hanno fede in Gesù Cristo. A parte Cristo, tutti gli umani sono figli del diavolo. Giovanni 8:44; 3 Giovanni 10:XNUMX; eccetera.
un. Matteo 25: 40 — Quando aiutiamo i meno fortunati in qualche modo, lo facciamo a Gesù — non perché Lui è in loro — ma perché è così che esprimiamo la nostra devozione a Lui, dal modo in cui trattiamo gli altri (non solo , ma incluso, il meno fortunato).
b. In questo è l'amore, non che abbiamo amato Dio, ma che lui ha amato noi e ha mandato suo Figlio ad essere la propiziazione per i nostri peccati. Carissimi, se Dio ci ha tanto amati, anche noi dovremmo amarci gli uni gli altri (I Giovanni 4: 10-11, ESV).
2. Nell'esempio di Gesù, le pecore sono figli di Dio che compiono le opere del loro Padre per amore di Lui e amore per i loro simili. Molto di più la prossima settimana !!