GLORIFY DIO CON L'ELENCO

Scarica PDF
GLORIFY DIO CON L'ELENCO
ILLUMINAZIONE E SITUAZIONI IMPOSSIBILI
IL PRAISE AIUTA IL FOCUS USA
NIENTE È IRREVERSIBILE
IL PRAISE AIUTA LO STAND USA
IL PRAISE ANCORA IL NEMICO
L'APPLICAZIONE PROTEGGE LA PAROLA
NON PRENDERE L'esca
Sii saggio alle tattiche di Satana
LA STORIA DEL DIAVOLO
PAOLO E IL DIAVOLO
SIA GRAZIE

1. Cominciamo questa parte della nostra discussione con il fatto che siamo stati creati per conoscere Dio (relazione
con Lui) e mostrare a Dio (dimostrare il suo carattere e potere al mondo che ci circonda in modo che gli altri possano farlo
venire a conoscerlo e mostrarglielo).
un. Giovanni 17: 3 – E questa è la vita eterna: [significa] conoscere (percepire, riconoscere, diventare
conoscere e comprendere) tu, l'unico vero e vero Dio, e [allo stesso modo] conoscerlo,
Gesù [come il] Cristo, l'Unto, il Messia, chi hai inviato. (Amp)
b. I Pet 2: 9 – Ma tu sei una razza eletta, un sacerdozio reale, una nazione dedicata, [di Dio]
acquistato, persone speciali, affinché tu possa esporre le opere meravigliose e mostrare le virtù
e perfezioni di Colui che ti ha chiamato dalle tenebre nella sua luce meravigliosa. (Amp)
2. Uno dei modi in cui mostriamo a Dio è di vivere in un modo che gli rende onore e lode. abbiamo
stato chiamato a portare gloria a Dio. Fa parte del nostro destino.
un. Ef 1:12 - Così che noi che per primi abbiamo sperato in Cristo, che per primo riponevamo la nostra
destinato e nominato] a vivere per la lode della sua gloria. (Amp)
b. Ef 1: 11,12 - In lui era nostro destino essere chiamati, individuati in anticipo per soddisfare il suo scopo ... noi
dovevamo manifestare la sua gloria, noi che siamo stati i primi a porre la nostra speranza in Cristo. (Knox)
3. Come possiamo rendere onore, gloria e lode a Dio? Ci sono molte buone risposte a questa domanda. Ma
ci concentreremo su una risposta specifica.
un. Giovanni 15: 8 – Gesù disse che il Padre è glorificato e onorato quando portiamo frutto. Noi possiamo
dimostrare molti tipi di frutta (molte lezioni per altri giorni).
b. In questa lezione inizieremo a parlare della glorificazione di Dio attraverso il frutto delle nostre labbra.

1. Il frutto delle nostre labbra è la continua lode a Dio. Glorifichiamo il Signore quando Lo lodiamo continuamente.
Questa è una lotta per noi per diverse ragioni, la principale è: non sappiamo cosa significhi
lodare Dio.
un. Pensiamo di lodare Dio come qualcosa che facciamo perché ci sentiamo bene e tutto va bene o perché
stanno cantando la nostra canzone di culto preferita al servizio. Certamente lodatelo in questi momenti.
b. Ma c'è molto di più nel lodare Dio. Lodare significa lodare o esprimere approvazione. quando
lodate qualcuno che esaltate le loro virtù parlando del loro carattere e delle loro azioni.
1. Ho insegnato storia delle scuole superiori per molti anni e ci sono stati momenti in cui era opportuno
lodare uno studente o lodarlo per un tratto caratteriale o un risultato accademico. Esso aveva
niente a che fare con come mi sentivo o cosa stava succedendo nella mia vita. Era la risposta appropriata.
2. L'elogio non è una risposta emotiva a Dio. È la risposta appropriata a Dio. È sempre
appropriato lodarlo per quello che è e per quello che fa. Sal 107: 8,15,21,31
2. La parola greca tradotta in lode in Eb 13:15 è AINEO. Una forma di questa stessa parola è usata in Eph
1:12. La parola radice significa raccontare storie, storie o narrazioni.
un. Lodiamo Dio raccontando la storia della sua bontà, parlando di ciò che ha fatto. Testimoniamo
della sua bontà e opere meravigliose. Testimoniamo o raccontiamo ciò che sappiamo.
b. Eb 13:15 afferma che la lode a Dio rende continuamente grazie al suo nome (KJV). Ringraziando
il greco è OMOLOGO (composto da due parole, HOMO = stesso e LOGEO = parola). esso
significa letteralmente dire le stesse cose, o assentire, riconoscere. Riconoscere significa
possedere o ammettere la verità o l'esistenza di; da notare (Webster's Dictionary).
1. Il frutto delle labbra che fanno confessione al suo nome (Berkeley); l'omaggio delle labbra che
riconoscere il suo nome (NEB).
TCC – 932
2
2. I nomi di Dio sono una rivelazione del Suo carattere e della Sua opera (esempio: Gesù significa Salvatore). Per
riconoscere o confessare il nome di Dio significa parlare di chi è e di ciò che fa.
3. Eb 13:15 si riferisce al sacrificio di lode. Sacrificio significa letteralmente l'atto o la cosa sacrificata. Ma
può essere usato metaforicamente di servizio, obbedienza, lode. Considera questi pensieri.
un. Questa epistola fu scritta per la prima volta ai credenti ebrei che erano stati cresciuti con il sistema del Tempio di
sacrifici. Sotto la Legge di Mosè avrebbero offerto un sacrificio noto come offerta di ringraziamento
(Lev 7:12; 22:29). Avrebbero sentito le parole dello scrittore in quel contesto.
1. Grazie alle offerte fatte quando le cose andavano bene per aiutarti a ricordare Dio. Essi
furono fatti anche quando si presentarono problemi. Lo scopo dell'offerta era aiutarti a rimanere
focalizzato su Dio e presenza con te e la sua volontà di aiutare.
2. I destinatari originali degli ebrei stavano affrontando crescenti persecuzioni e pressioni
rinunciare a Gesù come Messia. Il messaggio che avrebbero ricevuto era: Lodalo (parla di
chi è e cosa ha fatto) per aiutarti a rimanere concentrato sulla sua presenza con te e la sua
aiuto diretto verso di te, qualunque cosa ti capiti.
b. Questo può essere un sacrificio in quanto richiede uno sforzo quando non ne ha voglia e non vede alcun motivo per farlo
così. Ma è sempre opportuno lodare e riconoscere Dio per quello che è e per quello che ha
fatto, sta facendo e farà. Stai portando frutto e Dio è glorificato.
4. Sal 50: 23 – Chi offre lode mi glorifica (KJV); Colui che porta il ringraziamento come suo sacrificio onori
io (RSV); Chi sacrifica le offerte mi onora e prepara la via affinché io possa mostrarmi
lui la salvezza di Dio (NIV).
un. Non solo Dio è glorificato quando Lo lodiamo (parliamo di chi è e di ciò che ha fatto), lì
è potere in lode. La lode prepara la strada, apre quella porta alla potenza di Dio nella nostra situazione.
1. Dio opera nelle nostre vite per sua grazia attraverso la nostra fede. La lode è il linguaggio della fede.
2. Quando riconosci Dio, testimoniando o parlando di chi è e di ciò che fa, tu
sono d'accordo con lui, dicendo ciò che dice. La fede è accordo con Dio.
b. Sal 8: 2 - Il salmista Davide ha scritto di una forza che può fermare il nemico e fermare il vendicatore.
Questa forza è tale che le bambine e i bambini non svezzati possono esprimerla.
1. Matteo 21:16 - Gesù identificò questa forza come lode a Dio (la lode deriva dalla parola AINEO).
Nota che quando Gesù citò il salmo di Davide cambiò la parola forza in lode.
2. Gesù ha fatto questa affermazione in risposta alle critiche dei leader religiosi sul pianto dei bambini
fuori: Osanna al Figlio di David (v15). Osanna significa "Oh salva il Signore", era un
esclamazione di adorazione e lode. Stavano proclamando chi è Gesù (il Messia, il
Figlio di David) in risposta a ciò che aveva fatto (guarì i ciechi e gli zoppi). v14
5. Rom 15: 4 dice che le cose che sono state scritte nell'Antico Testamento sono state scritte in modo che possiamo impararne alcune
cose. In II Chron 20: 1-30 troviamo uno spettacolare esempio di lode a Dio in azione.
un. Tre eserciti nemici (ammoniti, edomiti e moabiti) si unirono per attaccare Giuda (il
regno meridionale di Israele) e il loro re Giosafat.
1. Il re chiamò il popolo a digiunare e riunirsi per chiedere l'aiuto di Dio. Dio ha parlato con loro
tramite il Suo profeta: io ti aiuterò. Combatterò per te. Ti salverò.
2. Giuda andò sul campo di battaglia e mandò i Praiser fuori davanti all'esercito. I tre eserciti nemici
cominciò a combattere l'un l'altro. Tutti i nemici furono uccisi e Giuda prese un gran bottino dal campo.
b. Giuda vinse la battaglia con lode a Dio. Qual è la "storia precedente"? Come è successo? Bene
passare il resto di questa lezione a rispondere a queste domande.

1. Le persone pensano erroneamente che lodare Dio di fronte alla difficoltà significhi negare che ci sia un
problema, negando il fatto che sei emotivamente angosciato. Non è quello che è successo in questo evento.
TCC – 932
3
un. Queste persone avevano molta paura (v3). Non solo erano più numerosi, quando esaminiamo il
il terreno che gli invasori hanno dovuto attraversare per arrivare a Giuda possiamo vedere che ci sono voluti grandi sforzi per ottenere
a Giuda. Questi eserciti REALMENTE volevano attaccare Giuda. La gente lo sapeva.
b. Sapevano di non avere alcun potere contro gli invasori. v12: siamo impotenti contro questo
potente esercito che sta per attaccarci (NLT). Non avevano idea di cosa fare (12).
2. Niente di tutto ciò è una "cattiva confessione". Molti pensano erroneamente che la soluzione ai problemi sia semplicemente di non farlo
di 'Le parole. Quell'idea non si trova nella Bibbia.
un. In ogni situazione c'è "vero" e "verità". "Vero" è ciò che vedi, le circostanze reali
stai affrontando. "Verità" è la Parola di Dio. "Vero" è temporaneo e soggetto a modifiche dal potere
di "verità". Non neghiamo "vero". Riconosciamo che è temporaneo e soggetto a modifiche da parte di
potere di Dio. Giovanni 17:17; II Cor 4:18
b. Questa non è una "tecnica" che proviamo nel tentativo di ottenere sollievo nella nostra situazione. Ha a che fare con il tuo
percezione della realtà, sapendo che la situazione è molto più di ciò che vedi e senti
il momento.
3. Giosafat sapeva: questa è una situazione potenzialmente catastrofica e dobbiamo avere l'aiuto di Dio. Così
Giosafat e il popolo di Giuda cercarono il Signore, andarono da Lui per avere una guida. Nota come ha pregato.
un. v6 – Giosafat non ha iniziato con il problema. Iniziò con la grandezza di Dio. Non importa
ciò che stiamo affrontando non c'è nulla, nessun potere più grande di Dio. Giosafat ingrandì Dio.
1. Ingrandire qualcosa significa ingrandirlo nei tuoi occhi. Quando si ingrandisce un bug su
marciapiede, il bug non diventa più grande. Lui è quello che è. Ti sembra semplicemente più grande.
2. Dio è grande. Non possiamo vederlo o sentirlo. Ma possiamo vedere e sentire il problema così sembra
molto più grande e più potente di Dio. Questo è il motivo per cui dobbiamo magnificare Dio, non fare
Lui più grande, ma per renderlo più grande del problema ai nostri occhi.
3. Ingrandisci qualcosa parlando. Molti di noi iniziano le nostre conversazioni e preghiere
con quanto è grande il problema e quanto ci sentiamo al riguardo. Quindi il problema e i sentimenti
diventare più grandi ai nostri occhi. Giosafat era spaventato. Ma parlava della grandezza di Dio.
b. v7-9 – Poi Giosafat raccontò l'aiuto passato di Dio e la promessa di aiutare in futuro: Hai guidato
fuori eserciti nemici quando i nostri antenati entrarono in questa terra. E ci hai donato questa terra. Ha ricordato
come quando fu dedicato il Tempio di Salomone fu dichiarato che se il popolo di Dio fosse nei guai,
e lo cercavano, li avrebbe ascoltati e aiutati.
c. v10-11 – Infine, dopo aver magnificato Dio, Giosafat ha affermato il problema: queste persone che noi
non ho mai fatto torto per attaccarci. Non possiamo fermarli. Quindi ti stiamo guardando.
4. v15-17: Dio parlò loro tramite il suo profeta Jahaziel: non abbiate paura o scoraggiatevi (senza speranza)
da questo potente esercito. Questo non significa che non abbiano provato paura. L'account dice che avevano paura.
un. Il punto è: non ottenere la tua immagine della realtà da ciò che vedi o senti. C'è di più al
situazione, più per la realtà di ciò che vedi o senti. Ci sono altri fatti coinvolti. È così:
Vedi qualcuno farsi male. Senti tutte le emozioni generate da ciò che vedi, ma chiami il 911.
Anche se sei ancora emotivamente agitato, c'è un senso di sollievo perché l'aiuto è in arrivo.
b. Il Signore sarà con te. v17 – Vedi la liberazione del Signore [Che è] con te (Amp). Questo
la frase è letteralmente Geova Shammah. Nella lezione abbiamo menzionato prima che i nomi di Dio sono a
rivelazione del suo personaggio: io sono il Signore che è con te.
1. A questo punto della loro storia queste persone avevano già la storia e i salmi della loro
antenato David. La documentazione storica conteneva numerosi esempi di Dio che consegnava David
dai suoi nemici in circostanze impossibili.
2. Davide scrisse queste parole: Sal 42: 5 – Aspetta pazientemente Dio, poiché gli renderò ancora grazie;
La mia attuale salvezza e il mio Dio (Spurrell). L'ebraico dice letteralmente: la sua presenza è
salvezza. Se Dio è con te (e lo è) hai l'aiuto di cui hai bisogno.
c. I nomi di Dio hanno lo scopo di ispirare fede e fiducia in noi. Sal 9: 10 - Quelli che sanno cosa tu
l'arte può fidarsi di te (Moffatt); E quelli che conoscono il tuo nome [che hanno esperienza e
TCC – 932
4
conoscenza della tua misericordia] (Amp); Chi riconosce il tuo nome può fare affidamento su di te
(Gerusalemme).
5. Giosafat mandò i lodatori davanti all'esercito mentre salivano sul campo di battaglia. v21 - Sono andati
davanti all'esercito, dicendo: ringrazia il Signore, perché la sua misericordia e la sua amorevole benignità durano
mai! (Amp)
un. Cosa sarebbero stati nella loro mente, di cosa sarebbero stati consapevoli mentre lo facevano?
Tutto ciò che era stato affermato nella preghiera di Giosafat e nella promessa di Dio Jahaziel di combattere
per loro.
b. Hanno combattuto e vinto la loro battaglia con lode a Dio. Così è stato lo scrittore di Cronache
ispirati dallo Spirito Santo per valutare la loro vittoria. v27 – Poiché il Signore li aveva fatti rallegrare
sui loro nemici.
c. Giuda non solo vinse una vittoria, Dio fu glorificato, Dio fu ingigantito da ciò che accadde. V29
1. Il timore di Dio si manifestò in tutte le nazioni circostanti. Lo hanno riconosciuto
Il dio di Giuda era grande e potente.
2. L'obiettivo primario di Dio nell'Antico Testamento era di rivelare se stesso come l'unico, onnipotente
Dio in un mondo di adoratori di idoli nella speranza di portare gli uomini a salvare la conoscenza di Lui.
Attraverso questa vittoria molti pagani ottennero una maggiore rivelazione del vero Dio.

1. Siamo d'accordo con i punti principali di questa lezione quando parliamo di come dovrebbe essere l'altro ragazzo
facendo nel mezzo del suo problema. E siamo d'accordo con questo quando ci sentiamo bene e le cose stanno andando bene.
un. La sfida è quando sto affrontando un problema enorme e provando tutte le emozioni di accompagnamento.
È molto più naturale parlare di ciò che è sbagliato, di come va di male in peggio, e io no
so come ce la farò. Quindi è quello che facciamo - con un "Aiutami per favore, Signore" alla fine.
b. Ma secondo questo racconto di Cronache possiamo affrontare la nostra situazione con lode a Dio - by
parlando di chi è e di ciò che ha fatto, sta facendo e farà.
1. Questo resoconto (che è stato scritto in parte per insegnarci con l'esempio) illustra il potere di
ingrandendo e lodando Dio.
2. Questa situazione non è più grande di Dio. Sebbene sia una situazione impossibile dal mio punto di vista
punto, non è per Dio. Vede una soluzione. Mi ha aiutato in passato. Mi aiuterà adesso.
2. Ciò divenne reale per Giuda (al contrario di una tecnica che stavano provando) mentre ingrandivano Dio. Essi
hanno combattuto la loro battaglia con lode. La lode fermò il nemico e fermò il vendicatore. Elogio preparato il
modo per Dio di mostrare loro la sua salvezza. Grazie alla lode, Dio fu glorificato. Osserviamo il loro
esempio. Più la prossima settimana.