L'UOMO-DIO

Scarica PDF
GESÙ È DIO
L'UOMO-DIO
GESÙ, L'IMMAGINE DI DIO
GESÙ FA PIACERI DI PADRE
PROTEGGITI
SUPERNATURALE NON NATURALE
IL VERO VANGELO

1. Quando Joseph scoprì che Mary era incinta prima che si sposassero, progettò di metterla via. Ma un angelo (molto probabilmente Gabriele) gli disse di non farlo perché il bambino che portava era concepito dallo Spirito Santo. L'angelo ordinò a Giuseppe di nominare il bambino Gesù o il Salvatore. Matt 1: 20-21
un. L'angelo affermò inoltre che questo era l'adempimento di una profezia data a Isaia. Una vergine produrrà un figlio e il suo nome sarà Emmanuel. Isa 7:14; Matt 22-23
b. Emmanuel significa letteralmente il Dio-uomo. "Secondo l'interpretazione ortodossa il nome indica lo stesso di God-man (theanthropos) e fa riferimento all'unione personale della natura umana e del divino in Cristo" (Unger's Bible Dictionary).
1. Vi è un duplice aspetto nel nome Emmanuel. In primo luogo, Dio e l'uomo si unirono in Gesù quando assunse una piena natura umana nel grembo di Maria e divenne il Dio-uomo.
2. In secondo luogo, salvando gli uomini dai loro peccati con il sacrificio di Se stesso sulla Croce, stabilì una relazione tra Dio e l'uomo e riunì Dio e l'uomo. I Pet 3:18; Rom 5: 1; Ef 3:12; Eb 4:16; eccetera.
2. Chi è Gesù? È Dio o è un uomo? È uguale o minore di Dio? Idee imprecise oltre che eretiche su chi Gesù viene fuori dal non capire cosa significhi che è Dio-uomo. Questo è il nostro argomento in questa lezione.

1. La parola Godhead è usata tre volte nel Nuovo Testamento (Atti 17:29; Rom 1:20; Col 2: 9). È usato della potenza e della natura di Dio, la natura divina. Indica ciò che proviene da Dio stesso (Vine's Expository Dictionary of New Testament Words).
un. La Bibbia rivela che Dio è un solo Dio (un Essere) che contemporaneamente si manifesta come tre Persone distinte: il Padre, il Figlio (o la Parola) e lo Spirito Santo.
1. Queste tre persone sono distinte, ma non separate. Co-entrano o condividono una natura divina. Sono persone, nel senso di essere autocoscienti, consapevoli e interattivi tra loro.
2. Dio non è un solo Dio che manifesta tre vie: a volte come il Padre, a volte come il Figlio, e talvolta come lo Spirito Santo. Non puoi averne uno senza l'altro. Dov'è il Padre, così è il Figlio e lo Spirito Santo.
b. Questo va oltre la nostra comprensione perché stiamo parlando del Dio Infinito (eterno e senza limiti) e siamo esseri finiti (limitati). Tutti gli sforzi per spiegare la Divinità non sono all'altezza. Possiamo solo accettare e rallegrarci della meraviglia di Dio Onnipotente.
c. Gesù non è un essere creato. È Dio che diventa pienamente uomo senza cessare di essere pienamente Dio. Questo va oltre la nostra comprensione in molti modi. I Tim 3:16
2. Giovanni apostolo (un testimone oculare di Gesù) contrappose due parole greche per il verbo che doveva illustrare questo punto nel suo vangelo. Giovanni 1: 1-18
un. Ha usato en (was), che esprime un'azione continua nel passato (o nessun punto di partenza), quando si riferiva alla Parola (v1-2). Usava egeneto (era), che indica un momento in cui qualcosa è entrato in esistenza per tutto il resto nel passaggio: tutte le cose create (v3), Giovanni Battista (v6).
b. Giovanni, sotto l'ispirazione dello Spirito Santo), riferì che in un preciso momento (duemila anni fa) la Parola fu (egeneto) fatta carne. v14 (egeneto)
1. La Parola assunse una natura umana nel grembo di Maria, un corpo preparato dal Padre e dallo Spirito Santo. A quel tempo, divenne il Figlio di Dio. Ger 31:22: Isa 7:14; Luca 1:35; Eb 10: 5
2. Gesù divenne l'unico generato dal Padre. La parola greca (monogenes) ha l'idea di unico. Gesù è l'unico Dio-uomo, l'unico uomo la cui nascita non ha segnato il suo inizio.
3. L'apostolo Paolo (insegnò personalmente il messaggio che predicava da Gesù, Gal 1: 11-12), nella sua epistola ai Filippesi, ci dà un'idea di ciò che accadde quando il Verbo si fece carne.
un. Nota il contesto. Stava istruendo i cristiani su come umiliarsi per il bene degli altri. Fil 2: 5 — Lascia che questo stesso atteggiamento e lo stesso scopo e la [umile] mente siano in te che era in Cristo Gesù. - Lascia che sia il tuo esempio di umiltà (Amp).
b. Paolo proseguì spiegando che Gesù era nella forma di Dio prima di venire in questo mondo, eppure era disposto a umiliarsi e ad assumere la forma di uomo. Forma è la parola greca morphe. Significa letteralmente forma, ma viene anche usato in senso figurato per indicare la natura.
1. v6: chi pur essendo essenzialmente uno con Dio e nella forma di Dio [possedere la pienezza degli attributi che rendono Dio Dio], non pensava che questa uguaglianza con Dio fosse una cosa da afferrare avidamente o trattenere (Amp) .
2. v7-8 — Ma spogliato stesso [di tutti i privilegi e la giusta dignità] (Amp); Si spogliò della sua gloria e prese su di lui la natura (morphe) di un servitore diventando un uomo come gli altri uomini. Ed essendo riconosciuto come veramente umano, si umiliò e si chinò persino a morire (Weymouth).
3. Questo è il motivo per cui Gesù è chiamato uomo in diversi punti del Nuovo Testamento (Atti 2:22; Atti 17:31; I Cor 15:47; Eb 3: 3; ecc.). È così che Lui (Dio) potrebbe stancarsi e soffrire la fame, essere tentato e morire (Matteo 4: 1-2; Matteo 8:24; Matteo 21:18; Giovanni 4: 6; Eb 2: 14-15).
c. v7 — Il KJV afferma che Gesù non si è fatto una reputazione. La parola greca è keno che significa privarsi della dignità legittima scendendo a una condizione inferiore, abituarsi.
1. Gesù velò la sua gloria preincarnata (la gloria che aveva con il Padre prima che il mondo fosse creato) in modo da poter vivere tra gli uomini. Giovanni 17: 5; Matt 17: 1-8; ecc. 2. Gesù non ha cessato di essere Dio perché Dio non può smettere di essere Dio. Si è volontariamente limitato e non ha usato i suoi attributi divini per vivere sulla terra.
4. Gesù è Dio che diventa uomo senza cessare di essere Dio. Mentre sulla terra non ha vissuto come Dio. Ha vissuto come un uomo in dipendenza da Dio come suo Padre.
un. Ecco perché Gesù ha dovuto essere unto dal Padre con lo Spirito Santo e il potere quando ha iniziato il suo ministero pubblico. Atti 10:38
b. Eppure è stato in grado di prendere il titolo I Am forself in uno scontro con i farisei. Giovanni 8:58. 1. Il greco tradotto I Am is ego eimi. Gesù ha usato questo titolo se stesso numerose volte perché, sebbene diventasse pienamente uomo, era ancora pienamente Dio. Era ed è il Dio-uomo. Giovanni 4:26; Giovanni 6:20; Giovanni 8:24; Giovanni 8:28; Giovanni 13:19; Giovanni 18: 5-6; Giovanni 18: 8;
2. L'Antico Testamento è stato il primo libro tradotto in un'altra lingua. Fu tradotto in greco nel III e II secolo prima di Cristo (dal 3 al 2 a.C.). Quegli studiosi hanno usato l'ego greco eimi per Ex 200:100.
3. Poiché Gesù si identificava con Geova, i farisei presero le pietre per eseguirlo.
c. Alcuni affermano erroneamente che la Divinità è solo Gesù, e che il Padre e lo Spirito Santo sono semplicemente ruoli diversi che assume, quindi molte affermazioni nei Vangeli non hanno senso. Perché Gesù si ungerebbe con se stesso?
d. Quando Gesù ha pregato il Padre, se Gesù è anche il Padre, allora stava pregando per se stesso. E, quando parlava e parlava di suo padre come faceva spesso, allora parlava con se stesso di se stesso. Giovanni 5:19; Giovanni 8:29; Giovanni 11: 41-42; Giovanni 14: 10-11

1. Una volta che Israele fu liberato dall'Egitto, il Signore incontrò Mosè numerose volte per vari scopi (molte lezioni per un altro giorno). Nota questi punti.
un. Quando Mosè aveva bisogno di parlare con il Signore, avrebbe allestito una tenda (o tabernacolo) molto al di fuori del campo di Israele. È stato chiamato il Tabernacolo della Congregazione (KJV) o la tenda dell'incontro.
1. Mosè sarebbe entrato nella tenda (come tutti guardavano da lontano) e, quando lo faceva, il pilastro della nuvola (la manifesta presenza di Dio) sarebbe sceso e si librerebbe all'ingresso mentre il Signore parlava con Mosè. Es 33: 7-10
2. Ex 33: 11 — Il Signore parlò a Mosè faccia a faccia. Faccia a faccia è la stessa parola traduci presenza in v 14-15. Significa letteralmente faccia, ma il più delle volte viene utilizzato per l'intera persona.
A. Mosè non ha visto Dio (avere una visione o un sogno). Vide la nuvola (o la presenza manifesta) e udì la voce di Dio.
B. v11: il Signore parlerebbe a Mosè faccia a faccia o come un uomo parla al suo amico (NLT); come un uomo parlerebbe a un altro (AAT).
b. L'idea espressa è la fiducia e la familiarità con cui il Signore trattava Mosè (un uomo che è stato redento, Es 6: 6; Es 15:13), come un amico.
2. Ex 33: 18 — Mosè chiese al Signore: mostrami la tua gloria (splendore); presenza gloriosa (NLT); tua maestà (Moffatt); Il tuo stesso sé (Spurrel).
un. Il Signore rispose: Eso 33: 20 — Non puoi guardarmi direttamente in faccia (stessa parola tradotta faccia a faccia e presenza). Non riesci a vedere (YLT); L'uomo mortale non può vedermi e vivere per raccontarlo (Knox); Per nessun figlio di terra (Rotherham).
1. Nessun uomo nel suo attuale stato mortale e corrotto può vedere il volto di Dio o la pienezza della sua perfezione ed essere - non perché ci ucciderà, ma perché non possiamo sopportarlo. 3 Giovanni 2: XNUMX
2. Considera due esempi: Quando Saulo di Tarso vide il Signore risorto sulla strada per Damasco, in Siria, fu temporaneamente accecato (Atti 9: 8). Quando i soldati romani vennero per arrestare Gesù la notte prima che fosse crocifisso, quando disse che sono (ego eimi) caddero all'indietro (Giovanni 18: 6).
3. Il Signore rispose a Mosè: ti farò vedere le mie parti posteriori, una forma che puoi sopportare. Ex 33:23
b. Esodo 34: 6 — Quando Mosè risalì il monte. Sinai con altre due tavolette di pietra per sostituire quelle che aveva precedentemente rotto, il Signore gli passò accanto. Mosè rimase sul Sinai per quaranta giorni alla manifesta presenza di Dio.
1. Ex 34: 29 — Quando Mosè scese dalla montagna, il suo viso brillava o brillava: dopo aver conversato con Dio (AAT); in ragione del suo parlare con lui (ASV). La parola brilla significa brillare o lanciarsi come corna di un animale o raggi di luce riflessi da una superficie levigata.
2. Ex 34: 33-34 — Mosè si mise un velo sul viso per il bene del popolo, ma quando entrò nella tenda dell'incontro, lo tolse per parlare con il Signore.
c. II Cor 3: 7-18: Paolo usò questo incidente per esprimere il maggior beneficio che Dio ci ha fornito attraverso Gesù. Ci sono molte lezioni per un'altra volta nelle parole di Paolo.
1. Ma uno dei suoi punti è che attraverso Gesù e grazie a Gesù, possiamo avvicinarci a Dio senza velo, con piena fiducia. La relazione è stata stabilita.
2. II Cor 3: 18 — E tutti noi abbiamo rimosso quel velo in modo da poter essere specchi che riflettono brillantemente la gloria del Signore. E mentre lo Spirito del Signore lavora in noi, diventiamo sempre più simili a lui e riflettiamo ancora di più la sua gloria (NLT)
3. Ricorda il quadro generale. Prima che Dio creasse i cieli e la terra, ci scelse per diventare Suoi figli (lett. Figli) per mezzo di Cristo, ci scelse per essere santi e irreprensibili (senza macchia, senza macchia, colpa, macchia) "prima di lui (KJV)". Il suo motivo era l'amore. Ef 1: 4-5
un. Prima è usato due volte in questi versi, ma sono due diverse parole greche. Il primo significa prima di. Il secondo significa direttamente da di, agli occhi di (Col 1:22), in presenza di (Giuda 24).
b. Dio ci ha creati per il rapporto con se stesso. Ma il peccato dell'uomo ha reso impossibile una relazione del genere. 1. A parte Cristo, non siamo né santi né senza macchia. Il peccato interruppe l'uomo dal vivere alla presenza di Dio. Isa 59: 2
2. Siamo colpevoli del peccato davanti a un dio santo, tagliato fuori da Lui e meritiamo di una continua ed eterna separazione da Lui, dalla sua presenza sia in questa vita che nella vita a venire.
c. Gesù è morto per pagare il peccato e soddisfare la Divina Giustizia in modo che possiamo essere giustificati (dichiarati non colpevoli) e resi giusti (ripristinati nel giusto rapporto con Dio). La Croce era un mezzo per raggiungere un fine: rendici santi e irreprensibili attraverso il Suo sacrificio in modo che possiamo essere ripristinati alla Sua presenza.
4. Ritorno a Giovanni 1:18. Ha scritto che nessun uomo ha visto Dio, ma che il Figlio Unigenito (unico) che è nel seno del Padre, lo ha dichiarato.
un. La parola greca tradotta visto significa fissare e, implicitamente, discernere chiaramente. È più dell'atto di vedere. È la percezione effettiva di un oggetto. È tradotto percepire (Atti 8:23), visto o conosciuto (I Giovanni 3: 6), e prestare attenzione (Matteo 18:10).
b. Nessun uomo ha conosciuto completamente Dio, tranne l'Uomo Gesù, e lo ha dichiarato o reso noto (RSV).
1. Nel seno di è un riferimento all'usanza di reclinarsi ai pasti con la testa appoggiata sulla persona dietro (sdraiarsi nel suo seno). Chi aveva questo posto al padrone della festa era in uno stato di massimo favore e intimità.
4. Giovanni 1: 18 — Divinità assoluta nella sua essenza che nessuno ha mai visto. Dio generato in modo univoco, Colui che è nel seno del Padre, che Uno ha pienamente spiegato la divinità. (Wuest)
c. Gesù è la piena rivelazione di Dio all'uomo. Eb 1: 3 — È la sola espressione della gloria di Dio — la Luce — l'essere, l'irradiazione del divino — ed è l'impronta perfetta e l'immagine stessa della [natura di Dio] (Amp).
1. L'immagine espressa è una parola in greco. Ha l'idea di un timbro o impressionare come in una moneta o in un sigillo. Tutte le caratteristiche nel sigillo corrispondono all'impronta da esso fatta; distinto, ma uguale.
2. Una rappresentazione esatta del suo stesso essere (Rotherham); stessa immagine della sua sostanza (ASV); espressione impeccabile della natura di Dio (Phillips); è la copia del suo essere (Beck).

1. Dio è invisibile (I Tim 1:17). Gesù è la manifestazione visibile di Dio invisibile (Col 1:15). Non solo è Dio e ci mostra Dio, ha reso possibile per noi essere restaurati a Dio.
2. Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo godono della presenza reciproca da sempre.
Giovanni 1: 1 — In principio era la Parola e la Parola era con Dio, e la Parola era Dio a. (KJV). La parola greca tradotta con (professionisti) ha l'idea di amicizia intima, ininterrotta, faccia a faccia. Prima che ci fosse qualcosa c'era Dio (il Padre, la Parola e lo Spirito Santo). Erano (e sono) perfetti e perfettamente completi - in amorevole amicizia reciproca. b. Siamo invitati a questa comunione e siamo qualificati per partecipare a causa di Gesù, il Dio-uomo. Dio e l'uomo si sono uniti in Gesù per mostrarci com'è Dio. A causa di ciò che Gesù fece attraverso la Croce, Dio ora ci abita. Dio e l'uomo insieme attraverso Gesù.