IL RINGRAZIAMENTO PORTA LA PACE

Scarica PDF
FAI IL MIO YOKE SU DI TE
IMPARA DA ME
PACE NELLA TEMPESTA
PACE DELLA MENTE
NON FARE CHE IL TUO CUORE SIA PROBLEMI
PACE NELLA SELEZIONE
IL RINGRAZIAMENTO PORTA LA PACE
ESSERE MENTALE DI DIO
LA STORIA DI JOSEPH DÀ PACE

1. Recentemente, ci siamo concentrati sul fatto che molti sono commossi dalle prove della vita perché non comprendono la natura della vita in un mondo caduto o come Dio opera nel mezzo di un mondo caduto. un. Informazioni imprecise su questi temi possono dare alle persone l'idea che la vittoriosa vita cristiana significhi pochi o nessun problema, insieme a una rapida risoluzione di tutti i problemi che incontrano.
b. Tuttavia, non esiste una vita senza problemi in questo mondo. Puoi fare tutto nel modo giusto e le cose andranno ancora male, perché quella è la vita in un mondo caduto. John16: 33; Matt 6:19 1. Questo mondo non è come Dio lo ha creato o voluto che fosse. Viviamo in una terra maledetta dal peccato, un mondo che è stato danneggiato dal peccato, a cominciare dal peccato di Adamo nel Giardino. Gen 2:17; 3: 17-19; Rom 5: 12-19; Rom 8:20; eccetera.
2. E, sebbene ci sia provvidenza e aiuto da parte di Dio in questa vita, porre fine ai problemi della vita non è il Suo scopo principale sulla terra in questo momento. Il suo obiettivo principale è quello di portare le persone a salvare la propria conoscenza attraverso Gesù in modo che possano avere un futuro e una speranza nella vita a venire. I Tim 4: 8; Matteo 16:26; II Tim 1:10
c. Dio non è la fonte delle difficoltà della vita. Gran parte dell'inferno e del mal di cuore in questo mondo sono dovuti alle scelte delle persone e alle conseguenti conseguenze di quelle scelte, che risalgono fino ad Adamo.
1. Dio ha dato all'umanità il libero arbitrio nella speranza che avremmo scelto di servirlo. Il libero arbitrio apre la possibilità alle persone di fare scelte contrarie a Dio e dannose per se stesse e gli altri.
2. Poiché Dio è onnisciente (onnisciente) e onnipotente (onnipotente), è in grado di usare le difficoltà della vita in un mondo decaduto e di far sì che servano il Suo scopo ultimo: la salvezza dal peccato per tutti coloro che hanno fede in Gesù .
2. La promessa di Dio per il Suo popolo è la pace della mente in mezzo alle difficoltà della vita (Matteo 11: 28-30; Giovanni 14:27; Giovanni 16:33). Questa pace ci viene attraverso la Parola scritta di Dio.
un. La Bibbia ci mostra com'è Dio e come lavora. Registra numerosi esempi di persone reali in guai seri. Dalle loro storie vediamo come Dio opera nel mezzo della vita in un mondo caduto, danneggiato dal peccato.
1. Quando esaminiamo questi vari resoconti, vediamo che Dio spesso rimanda la benedizione a breve termine (ponendo fine al problema proprio ora) per risultati eterni a lungo termine.
2. Scopriamo che lavora nei momenti difficili per portare la massima gloria a se stesso e il massimo bene a quante più persone possibile, portando il vero bene dal vero cattivo.
3. Questi resoconti ci assicurano che Dio riesce a far passare il suo popolo fino a quando non lo fa uscire. E ci mostrano che Dio ha un tempismo perfetto.
b. In questi racconti, possiamo guardare l'intera storia e vedere come Dio ha lavorato dietro le quinte, facendo sì che le scelte e le circostanze servissero ai Suoi scopi. E possiamo vedere come finisce la storia.
c. Questa informazione ci dà tranquillità quando siamo nel bel mezzo dei nostri problemi perché Dio non è un rispettatore delle persone. Ciò che ha fatto per quelli menzionati nella Bibbia, lo farà per noi. Il Signore non cambia.
3. Nell'ultima lezione abbiamo esaminato il racconto della generazione di Israele da cui Dio ha liberato l'Egitto come esempio di come il Signore opera i suoi propositi e si prende cura del suo popolo in mezzo a un mondo caduto (Ex 1-16) . Rivediamo brevemente alcuni punti chiave.
un. Durante un periodo di carestia, la famiglia di Abramo lasciò la terra che Dio aveva promesso di dare loro (Canaan) e andò in Egitto per il cibo. Perché c'era carestia? Perché questa è la vita in una terra maledetta dal peccato.
b. Inizialmente, Israele fu accolto in Egitto e prosperò. Ma con il passare degli anni, gli egiziani hanno avuto paura del numero crescente di Israele e li hanno ridotti in schiavitù. Perché? Perché quella è la vita in un mondo caduto. Gli uomini con natura peccaminosa, motivati ​​dalla paura, scelgono di governare su altri uomini. Ma Dio ha usato la scelta del libero arbitrio egiziano e il tempo di Israele in Egitto per sempre.
1. I discendenti di Abramo passarono da 75 membri della famiglia a oltre 3,000,000, abbastanza persone da possedere e trattenere Canaan al loro ritorno. Gen 46:27; Ex 12:37
2. Gli anni in Egitto diedero al Signore ulteriore tempo per lavorare per attirare a sé gli abitanti di Canaan prima che Israele tornasse e li espropriasse della loro terra. Gen 15: 15-16
3. Attraverso le dimostrazioni di potere necessarie per persuadere il faraone a liberare gli israeliti prigionieri, molti egiziani adoratori di idoli si affidarono a Geova. EX8: 19; Ex 9:20; eccetera.
c. Non appena i discendenti di Abramo lasciarono l'Egitto si ritrovarono intrappolati nel Mar Rosso. Perché? Perché questa è la vita in una terra maledetta dal peccato.
1. I corpi invalicabili di acqua e corpi umani che sono vulnerabili all'annegamento, insieme agli uomini caduti che cercano di catturare e re-asservire altri uomini, fanno parte della vita in un mondo caduto.
2. Ma Dio ha usato il problema per risolverlo. Ha separato le acque e Israele ha attraversato il terreno asciutto. Il mare si chiuse sull'esercito egiziano, distruggendo quella che sarebbe stata una costante minaccia per Israele una volta raggiunto Canaan.
d. Anche se Israele fu riscattato (o liberato dalla schiavitù), non c'era modo semplice per loro di arrivare dall'Egitto a Canaan. Perché? Perché quella è la vita in un mondo caduto.
1. Una via era più veloce e più facile, ma i filistei guerrieri vivevano lungo quella via. L'altra strada li ha portati attraverso una regione desertica montuosa. Ma Dio li ha guidati sulla strada che ha prodotto i massimi risultati. Es 13: 17-18
R. Non solo l'esercito egiziano fu distrutto, poiché era un percorso attraverso il deserto, ma offrì a Israele l'opportunità di esercitare e rafforzare la loro fede e fiducia in Dio poiché dovevano dipendere da Lui per fornire acqua, cibo, vestiti, riparo e protezione. B. Dava anche loro il tempo di ricevere la Sua Legge e di fondare una società funzionante dopo 400 anni di schiavitù.
2. Anche se un viaggio di undici giorni impiegò due anni in Israele, vediamo il tempismo di Dio (Deut 1: 2; Num 10: 11-13). Il ritardo di due anni diede il tempo alla parola della sconfitta dell'esercito egiziano per mano di Dio per diffondersi a Canaan. Quando Israele raggiunse Canaan, le tribù del paese ne avevano paura, dando loro un vantaggio strategico. E ha prodotto risultati eterni quando persone come Raab la meretrice hanno iniziato a credere in Geova. Giosuè 2: 9-11
4. Sebbene la storia di Israele sia stata in parte registrata per dare pace a coloro che sono venuti dopo di loro, la pace nei momenti difficili non è automatica. Per sperimentare la pace non dobbiamo lasciare che il nostro cuore sia turbato (Giovanni 14:27). Travagliato significa agitato e disturbato.
un. La tranquillità non significa che pensieri inquietanti e inquietanti non ci vengano mai. Significa che non ci ingannano e non ci allontanano dalla fede e dalla fiducia in Dio.
1. Anche se questi racconti biblici ci mostrano come Dio opera nel mezzo di una terra maledetta dal peccato, dobbiamo ancora affrontare i pensieri e le emozioni che sorgono quando affrontiamo delle sfide.
2. Dobbiamo rispondere ai pensieri e alle emozioni con la verità della Parola di Dio: Dio non ha causato questa circostanza, ma è all'opera per far sì che serva ai Suoi scopi. Questo non è più grande di lui. Mi farà superare questo fino a quando non mi fa uscire.
b. Questa stessa generazione che è uscita dall'Egitto è anche citata come esempio di ciò che non dovremmo fare di fronte alle prove della vita se vogliamo camminare in pace. Per il resto della lezione vedremo cosa hanno fatto e impareremo dai loro errori.

1. Ci concentreremo sull'ultima azione (mormorando), ma prima di farlo, dobbiamo affrontare altri due punti. Meritano menzione in relazione al nostro argomento attuale.
un. v13 è spesso usato per sostenere l'idea che Dio è dietro le prove della vita, ma non ci darà più di quanto possiamo sopportare. Questa interpretazione è un esempio di come estrarre un verso dal contesto. Quando leggiamo l'intero brano scopriamo che il contesto è la tentazione di peccare, non le prove della vita. L'idea è che tutti noi siamo tentati dal tipo di cose che Israele deve affrontare (v12). Ma non dobbiamo peccare come hanno fatto perché Dio fornisce sempre una via di fuga, se la prenderemo.
b. Nota che queste persone hanno tentato Cristo, o come dice la Bibbia amplificata, prova la sua pazienza, diventa una prova per lui, lo valuta criticamente e sfrutta la sua bontà (v9). Si tratta di qualcosa che è accaduto prima che Gesù nascesse a Betlemme. Quindi, come hanno tentato Cristo?
1. La Bibbia rivela che Gesù era molto attivo con il suo popolo nell'Antico Testamento. I Cor 10: 4 chiarisce che Gesù andò con Israele nel suo viaggio dall'Egitto a Canaan. Seguito (v4) è letteralmente "andato con loro". L'Antico Testamento registra molte apparizioni pre-incarnate di Gesù. Pre-incarnato significa prima che Gesù prendesse carne (una natura completamente umana) nel grembo di Maria.
2. Il titolo più spesso dato a Gesù in queste apparizioni è l'Angelo del Signore, non UN angelo, ma L'angelo. Non gli fu dato il nome di Gesù fino a quando non nacque a Betlemme (Matteo 1:21). Gesù non è un essere creato. È il Creatore di tutti, compresi gli angeli (Col 1:16).
3. Nelle sue apparizioni nell'Antico Testamento, l'Angelo del Signore è identificato come Dio, ma è distinto dal Padre. La parola angelo significa messaggero. Gesù è il Verbo fatto carne, la manifestazione visibile di Dio, Antico Testamento e Nuovo (Giovanni 1:14; Eb 1: 2; ecc.).
2. Ora, diamo un'occhiata al mormorio o al lamento di Israele. Mormorare significa borbottare o mormorare di scontento (Webster). Lamentarsi significa esprimere dolore, dolore o malcontento (Webster). Mormorare, brontolare o lamentarsi è il primo passo per turbare la tua anima.
un. Ex 14: 10-12: quando Israele fu intrappolato ai margini del Mar Rosso con il faraone che li inseguiva, avevano paura. Quella sensazione era ed è del tutto normale. Nella loro paura, gridarono a Dio per chiedere aiuto.
1. A quel punto è iniziato un processo, lo stesso processo che tutti sperimentiamo quando incontriamo circostanze spaventose. Vediamo qualcosa che stimola le nostre emozioni. I pensieri iniziano a correre attraverso la nostra mente e iniziamo a parlare con noi stessi. Tuttavia, se permettiamo alla vista e alle emozioni di stabilire il ritmo (senza tener conto della Parola di Dio), possiamo rapidamente diventare irrazionali nei nostri processi e azioni di pensiero.
2. Questo è quello che è successo a Israele. Nota come parlarono della loro situazione: perché Mosè ci portò fuori a morire? (Ricorda, Dio mandò Mosè da loro). La schiavitù in Egitto era molto meglio della morte nel deserto. Eppure nella schiavitù erano afflitti, la vita era amara e avevano dolore e angoscia, Es 1:11; Ex 1:14; Es 3: 7
b. La loro reazione fu completamente irrazionale perché, non solo avevano gridato loro stessi di essere liberati dall'Egitto, a questo punto, sapevano e avevano visto quanto segue. 1. La potenza e la protezione di Dio si manifestarono chiaramente in un periodo di nove mesi attraverso le piaghe che sfidarono gli dei dell'Egitto. L'Egitto era afflitto, ma non loro. Es 8: 22-23
2. Dal tempo in cui Dio chiamò Mosè a condurre Israele fuori dalla schiavitù, promise di portarli fuori dall'Egitto e poi di portarli a Canaan (Eso 6: 7-8). Perché li avrebbe portati così lontano e poi li avrebbe abbandonati?
3. Avrebbero saputo del loro antenato Joseph, il primo della famiglia a venire in Egitto 400 anni prima. Morì dichiarando che Dio li avrebbe riportati nella loro terra in adempimento della sua promessa ad Abramo. Joseph fece giurare al suo popolo di riportare le sue ossa a Canaan con loro. Gen 50: 24-25; Ex 3:19
4. Potevano letteralmente vedere che Dio era con loro. Gesù preincarnato aveva già iniziato a manifestarsi in mezzo a lui come un pilastro di nuvole e fuoco. Es 13: 20-22
c. Ai margini del Mar Rosso Israele avrebbe potuto, avrebbe dovuto portare la pace nelle loro anime raccontando questi fatti sulle promesse e le disposizioni di Dio di fronte a vista, emozioni e pensieri.
3. Dio li aiutò comunque e li liberò dall'esercito del Faraone attraverso il Mar Rosso. Una volta attraverso le acque, Israele ha tenuto una meravigliosa celebrazione della vittoria. Es 15: 1-19
un. Tutto sembrava e andava bene. Erano fuori dall'Egitto, il Mar Rosso era alle loro spalle e l'esercito egiziano era in fondo al mare. Era facile essere gioiosi e fiduciosi.
1. Hanno elogiato Dio per la vittoria, affermando chiaramente che nulla è troppo grande per Dio (v1-12). Proclamarono coraggiosamente che Dio li avrebbe guidati nella sua terra e li avrebbe fatti entrare. Il popolo di Cannan (Palestina) avrebbe ascoltato ciò che Dio aveva fatto e avrebbe avuto paura (v14-17).
2. Ma la loro eccitazione emotiva e fiducia non sono durate. Tre giorni fuori dall'Egitto e non sono riusciti a trovare l'acqua. E ricominciarono a mormorare.
b. Es 15: 22-24: Cosa dovremmo bere? È naturale sentirsi così di fronte alla mancanza, ed è naturale e per quel tipo di pensieri volare nella tua mente. Fa parte del vivere in un mondo caduto.
1. Ma devi essere in grado di affrontare correttamente questo tipo di pensieri. La nostra tendenza naturale nella nostra carne caduta è di parlare di quanto le cose cattive siano e come sono destinate a peggiorare. Questo è ciò che mormora: lamentarsi scontento.
2. L'antidoto per il malcontento è la gratitudine verso Dio espressa attraverso la gratitudine verso Dio. A questo punto, Israele aveva molto per cui ringraziare Dio, senza menzionare che aveva appena risolto un grave problema idrico per loro tre giorni prima sul Mar Rosso.
c. Ex 16: 1-3 — Due mesi e mezzo fuori dall'Egitto, mormorarono di nuovo contro Mosè e Aaronne: ci hai portato tutti qui fuori per ucciderci con la fame. Vorrei che fossimo morti in Egitto; "Almeno avevamo molto da mangiare" (v3, NLT).
1. Che cos'è? Sei arrabbiato perché non hai cibo nel deserto, quindi morirai di fame. Ma desideri che Dio ti avrebbe ucciso in Egitto. Non stava cercando di ucciderli. Nota che sono già sopravvissuti per due mesi in un deserto selvaggio. Ma è qui che ti porteranno emozioni, pensieri e chiacchiere incontrollate.
2. v4-5: Dio era paziente e li aiutava comunque. Ha mostrato loro il suo aiuto per rafforzare la loro fiducia in lui. Ha promesso di dare loro il pane dal cielo.
R. Troviamo un altro test da parte di Dio e, ancora una volta, il suo test è la sua Parola, non la circostanza. Seguiranno le sue istruzioni per raccogliere la manna? Scegli quello che ti serve per la giornata: un omer o due quarti a persona. v16
B. Lo scopo di Dio nel metterli alla prova era insegnare loro la benedizione di obbedire alla Sua Parola. Se hanno preso troppo, ha rovinato. Se non ne avevano abbastanza, non mancavano. v17-18
3. Avrebbero dovuto ringraziare Dio per l'aiuto passato, le disposizioni attuali e la promessa di cure future. Avrebbe portato loro la pace della mente nel deserto mentre rafforzava la loro fiducia in Lui. Possiamo imparare dai loro errori.

1. Il resoconto della liberazione di Israele dall'Egitto e del viaggio a Canaan è stato scritto in parte per darci la pace rivelando come Dio opera in un mondo decaduto.
2. Se vuoi sperimentare la pace, devi imparare a controllare le tue emozioni, i tuoi pensieri e le tue chiacchiere con il ringraziamento a Dio.
un. Invece di parlare dei problemi che vedi e di scatenare la tua mente e le tue emozioni, inizia a ringraziare Dio per il suo aiuto passato, la fornitura attuale e la promessa di aiuto e fornitura futuri.
b. Ricorda a te stesso che Dio sta lavorando per portare la massima gloria a se stesso e al maggior numero di persone possibile, portando il vero bene dal vero cattivo nelle tue circostanze. Ringrazia Lui che ti farà passare fino a quando non ti farà uscire.
c. Anche se non sai ancora come andrà a finire la tua situazione, puoi riposare nel fatto che quando tutta la tua storia è scritta e il risultato finale è visibile, la tua storia sarà altrettanto incoraggiante come quella di Israele. Nulla può venire contro di te che è più grande di Dio! Ringraziarlo e lodarlo per questo fatto immutabile !! Più la prossima settimana!