REALTÀ E PREOCCUPAZIONE

Scarica PDF
REALTÀ ED EMOZIONI
REALTÀ E PAURA
REALTÀ E PREOCCUPAZIONE
MAGGIORI INFORMAZIONI SULLA REALTÀ, LA PAURA E LA PREOCCUPAZIONE
REALTÀ E DIRITTO
REALTÀ, SORROW E GIOIA
REALTÀ E REGRET
REALTÀ E PROBLEMA
MAGGIORI INFORMAZIONI SULLA REALTÀ, SUCCESSO E REGRET
REALTÀ E RANGIA A DIO

1. Le emozioni ci sono state date da Dio. Ma, come in ogni parte della natura umana, sono stati corrotti
entro l'autunno. Possono darci informazioni inesatte e spingerci ad agire in modo empio. Ef 4:26
un. Le emozioni non sono sotto il diretto controllo della volontà. Sono risposte spontanee allo stimolo
come circostanze, pensieri, ricordi. Non puoi provare te stesso a sentire o non sentire qualcosa.
b. Dobbiamo imparare a gestire le nostre emozioni. Ciò non significa che smetti di sentirli. Significa
lasci che la Parola di Dio, non come ti senti, determini come agisci. Significa che hai la tua visione di
realtà dalla Parola di Dio.
2. Nell'ultima lezione abbiamo discusso dell'emozione della paura. La paura è suscitata quando incontriamo qualcosa
dannoso che è più grande di noi o più grande del potere e delle risorse a nostra disposizione.
un. Per un cristiano, non c'è mai motivo di temere perché Dio Onnipotente che è Amore perfetto e
Tutta la Potenza è nostro Padre e nulla può venire contro di noi che è più grande di Lui.
1. Se Dio è per te nulla può essere permanentemente contro di te perché è temporaneo e soggetto
cambiare con il potere di Dio, ed è in grado di trarre il vero bene dal vero
situazioni. Rom 8:31; Rom 8:28; II Cor 4:18; eccetera.
2. Il messaggio di Dio al suo popolo è sempre: non temere. Quindi ci dice chi è e cosa
ha fatto, sta facendo e farà dandoci ragioni per cui non dobbiamo aver paura. Isa 41:10; 43: 1
b. Non è sbagliato avere paura. David disse che aveva paura (Sal 56: 3). Paul ha incontrato circostanze
che suscitava paura (Atti 27: 23,24). Ma entrambi hanno affrontato la propria paura concentrandosi sulla Parola di Dio.
3. In questa lezione vogliamo portare preoccupazione nella nostra discussione. La preoccupazione è una forma di paura. È finita l'ansia
qualcosa in futuro che sarà maggiore delle risorse che abbiamo a nostra disposizione.
un. La preoccupazione si basa sulla paura di qualcosa che potrebbe accadere: ci perderemo; non avremo; bene
essere ferito, ecc. Si basa sulla speculazione che non tiene conto di Dio e della Sua Parola.
1. La parola "preoccupazione" non si trova nella Bibbia di King James. Al suo posto viene utilizzato "Care". Il greco
parola significa distrarsi, disegnare in diverse direzioni. Preoccuparsi significa essere distratti.
2. Quando sei preoccupato, sei distratto. Il tuo focus è spento il potere, la protezione e
fornitura di Dio Onnipotente. La tua attenzione è focalizzata sulla speculazione sui problemi futuri.
b. Come per la paura, il più delle volte, Dio non toglie le nostre preoccupazioni. Invece, ci dà la sua
Parola. Ci dà ragioni per cui non abbiamo bisogno di temere o preoccuparci. Sta a noi prendere il Suo
Esprimiti e gestisci le nostre preoccupazioni e paure. Fil 4: 6-8

1. Affrontare la paura e la preoccupazione è un problema per molti cristiani perché hanno idee inesatte su
Potenza, protezione e provviste di Dio (lezioni intere per un altro giorno). Ma nota questi punti.
un. Quando osserviamo i luoghi della Bibbia in cui Dio ha detto "Non temere" questa affermazione è spesso
seguito da queste parole: poiché io sono con te.
b. David, un uomo che sapeva come gestire le sue emozioni, disse: Non temerò che il male sia per Dio
io (Sal 23: 4). Considera cosa sapeva dalla Bibbia su cosa significasse avere Dio con lui.
(All'epoca di David erano stati registrati i primi sei libri dell'Antico Testamento.)
1. Tale affermazione appare per la prima volta in relazione a Jacob. Dio gli disse: Non temere. io sono con
tu (Gen 26:24). Ti terrò finché non avrò adempiuto a te tutta la Mia Parola (Gen 28:15). A
Alla fine della sua vita Giacobbe fu in grado di dichiarare: Dio ha camminato con me, mi ha tenuto e provvisto
per me tutta la mia vita (Gen 48: 15,16).
2. Quando Dio commissionò a Mosè di assicurare la liberazione di Israele dalla schiavitù in Egitto, disse a
Mosè: Sarò con te (Eso 3:12). Quindi nel v14 Dio si è rivelato come "Io Sono". L'idea
TCC – 899
2
ecco: sono ciò che hai bisogno di me quando ne hai bisogno (intera lezione per un altro giorno). Il
il risultato finale fu che Israele fu drammaticamente consegnato, protetto e provvisto come loro
tornato a Canaan.
3. In Lev 26:12 Dio disse ad Israele che se fossero stati fedeli all'alleanza che aveva stretto con loro
Camminava in mezzo a loro, promettendo che i loro bisogni materiali sarebbero stati soddisfatti e loro avrebbero fatto
avere pace nella loro terra, senza nulla da temere (v3-11). Mentre studiamo la loro storia, lo vediamo
quando Israele rimase fedele a Dio ciò che disse avvenne.
4. Quando Israele raggiunse la terra di Canaan e vide città murate e formidabili nemici Giosuè
li ha esortati: non temere. Poiché Dio è con noi, possiamo conquistare i nostri nemici. Num 14: 9
A. Israele ha rifiutato di entrare. Quando quella generazione si spense e la successiva si trovò al confine,
Mosè li esortò: non temere gli ostacoli che ci attendono. Dio verrà con noi (Deut 31: 6-
8). Questa volta sono entrati nella terra e conquistati dal potere di Dio.
B. Quando Giosuè prese il posto di Mosè quando morì, Dio disse a Giosuè: Sarò con te com'ero
con Mosè. Non temere (Gios 1: 5,9). Dio ha tenuto la sua Parola a Giosuè (Gios 23:14).
b. Quando David disse che Dio era con lui, lo intendeva letteralmente. David sapeva che Dio è presente
ovunque contemporaneamente (onnipresente). Non c'è posto in cui Dio non lo sia. Ger 23: 23,24
1. David scrisse Sal 139: 7-10. Sapeva che non importava dove andasse Dio era lì perché Dio
è ovunque. Questo è ciò che ha insegnato a suo figlio Salomone. I Re 8:27
2. Davide ha scritto Sal 46: 1 – Dio è un aiuto molto presente. Un pronto soccorso in eccedenza (Spurrell); UN
aiuto affidabile in caso di problemi (Harrison). Scrisse anche Sal 42: 5 - Aspetta pazientemente
Dio: perché lo ringrazierò ancora; La mia attuale salvezza e il mio Dio. (Spurrell)
c. Quando David scrisse che non avrebbe avuto paura del male, non voleva dire che non aveva mai provato paura; Lo conosciamo
fatto. Ma di fronte a circostanze terribili ha proclamato la realtà così com'è: Dio è con me
e per me, perfettamente presente per aiutare. La sua presenza è salvezza, quindi non ho motivo di temere.
1. David ha capito che solo perché inizialmente non vedeva accadere qualcosa non significava
che non stava succedendo nulla. Sapeva guardare oltre ciò che poteva vedere ricordando
Spada di Dio. Come abbiamo sottolineato sopra, aveva tratto molti esempi dalle Scritture di cosa significasse
avere Dio con lui e come si svolgeva nella vita dei suoi antenati.
2. Questa è la realtà. Dio è perfettamente presente con te, amando e regnando e sostenendo tutte le cose
con la parola della sua potenza. La sua presenza è la salvezza di cui hai bisogno. Quindi non c'è reale
temere. Non aver paura.
2. Lottiamo con questo perché siamo così dominati dalle emozioni. Quando non sentiamo la presenza di Dio
e l'amore concludiamo che è lontano da noi. Rafforziamo queste emozioni parlando di "sentimento" o
"Non sentire" la presenza di Dio nei nostri servizi. Tutto ciò si basa sulle emozioni, non su ciò che dice la Bibbia.
un. Atti 17: 27,28 – La realtà è che viviamo e ci muoviamo alla presenza di Dio. Non c'è posto in cui Dio non sia.
È proprio lì con te. E, come credente nato di nuovo, non solo è con te, è in te.
1. Dio è presente anche nei servizi più noiosi e morti perché non c'è posto in cui non lo sia.
Concesso, la sua presenza potrebbe non essere manifestata o dimostrata, ma Lui è lì.
2 In realtà esistevi alla presenza di Dio prima di essere salvato. Atti 17: 27,28 fu il primo
parlato con idolo adorare i pagani. Hai commesso i tuoi peggiori peccati in sua presenza. tu
sono stati separati dalla vita in Lui (vita eterna) e sulla tua strada per l'inferno a causa del tuo peccato.
Non avevi accesso al Suo aiuto o provvedimento, ma era sempre lì con te.
b. Se Dio fosse proprio lì con te nel tuo giorno peggiore (qualsiasi giorno prima che tu fossi salvato) e ti avrebbe aiutato
con il tuo più grande bisogno quando hai creduto in Gesù (salvezza dai tuoi peccati) perché non lo avrebbe fatto
aiutarti ora che sei Suo figlio o sua figlia attraverso la fede in Cristo?
3. Solo conoscere il fatto che Dio è con te e ha promesso di proteggerti e di prendertene cura
non abbastanza da superare quando le emozioni suscitate da circostanze spaventose infuriano.
un. Siamo così abituati a ottenere la nostra immagine della realtà da ciò che vediamo e sentiamo di non riconoscere
lo facciamo e quindi non facciamo alcuno sforzo per fermarlo. Ci vuole sforzo per cambiare la tua visione della realtà.
TCC – 899
3
b. Nel contesto delle numerose prove che affrontò, Paolo disse che nulla poteva separarlo da Dio e da Lui
amore per Paolo (Rom 8: 35-39). Nel v38 ci dice: Ho attraversato un processo di persuasione
a una conclusione stabilita ... (Wuest). Paolo ci dà un'idea di come è arrivato a un luogo di persuasione.
1. Eb 13: 5,6 – Paolo scrisse che possiamo essere contenti indipendentemente dalle circostanze perché Dio
ha detto che non ci lascerà o ci abbandonerà mai (4X). Contenuto significa soddisfatto. Il punto di Paul
non è che Dio non vuole che abbiamo qualcosa o desideriamo qualcosa. Significa essere a
pace. La pace è l'opposto di preoccupazione e ansia.
2. Paolo disse che, poiché Dio ha detto che non mi abbandonerà mai, posso dire con coraggio: il Signore lo è
il mio aiutante e io non temeremo ciò che gli uomini dovranno farmi. Questo passaggio è basato su Deut 31: 6-8.
3. Si noti che ciò che Paolo ha scritto non è una parola diretta per la citazione di parole. Perché? Paul ha meditato
Spada di Dio . Ha meditato sul passaggio nel Deuteronomio e ne è stato convinto.
4. È così che è diventato reale per David. Come Paolo, ha imparato a ottenere la sua immagine della realtà da Dio
Parola piuttosto che dalle sue emozioni e da come si sentiva. E David meditò anche sulla Parola di Dio.
un. Ci sono due parole ebraiche tradotte meditare. Uno significa mormorare e, implicitamente, a
meditare o meditare. L'altro significa meditare e, implicitamente, conversare con se stessi.
1. Sal 63: 6 – Davide si nascondeva nel deserto da uomini che lo volevano morto. Ma rifletté
Spada di Dio. Si incoraggiò ricordando l'aiuto di Dio a quel punto. Ha visto il passato
le sue circostanze alla realtà così com'è: Dio con lui come sua protezione. v7-For You have
mi è stato di aiuto e, sotto la tua potente protezione, grido di gioia. (DeWitt)
2. Salmo 143: 5 – In un altro salmo scritto quando i suoi nemici gli vennero contro, Davide scrisse: Io abito
negli anni passati, nel ricordo di tutto ciò che hai fatto; le meraviglie della tua creazione
riempimi la mente (NEB).
3. Sal 94: 19 – Un altro salmista scrisse: Nella moltitudine del mio pensiero (ansioso) dentro di me,
Le tue comodità allietano e deliziano la mia anima (Amp). Pensieri significa un pensiero inquietante, un
sentimento ansioso. Il conforto di Dio si trova nella sua Parola. Rom 15: 4
b. Molte persone sono alla ricerca di una tecnica o di un espediente che risolva il loro problema immediato.
1. Ma non funziona in questo modo. Dio dice che colui che medita nella sua Parola (pensa e
ne parla) il giorno e la notte è colui che affronterà le sfide della vita nella vittoria.
Sal 1: 1-3; Gios 1: 8
2. Perché? Perché la tua visione della realtà cambia e inizi a vedere Dio come Lui è veramente
te stesso come sei veramente in Lui e lavora in collaborazione con Lui nella tua situazione.
(Ne parleremo di più nella prossima lezione.)

1. Gesù disse ai Suoi ascoltatori di non preoccuparsi della provenienza futura (necessità della vita).
Le frasi bibliche di King James “non preoccuparti” in questo modo: non pensare (v25,27,28,31,34). Il greco
la parola usata qui è tradotta preoccupazione o ansia in traduzioni più moderne.
un. Secondo Gesù, la preoccupazione viene sollevata considerando i pensieri su dove sono le necessità della vita
verrà. Dove troveremo cibo; come compreremo i vestiti; Non ne faccio abbastanza
i soldi; stanno licenziando le persone al mio lavoro; guarda l'economia; i prezzi del gas continuano a salire; il
il debito nazionale è fuori controllo; eccetera
1. v25 – Quindi ti dico, smettila di essere perennemente a disagio (ansioso e preoccupato) per la tua vita,
cosa dovresti mangiare o cosa bevi, e del tuo corpo, cosa devi indossare. (Amp)
2. Nota l'affermazione: perpetuamente a disagio. Questo è uno stato o stato dell'essere continuo. Gesù
non significava che le emozioni della preoccupazione non saranno mai stimolate e suscitate. Intende quello
quando lo fa devi affrontarlo in modo che non diventi il ​​tuo stato d'essere. Come?
TCC – 899
4
A. Nota nella v31 Gesù disse: "Non pensare a dire" indicando che questi pensieri hanno
sono stati abbracciati, interiorizzati e ora vengono pronunciati.
B. La meditazione ha avuto luogo. Il dizionario Webster dice che meditare significa riflettere o
musa sopra; contemplare. Contemplare significa considerare attentamente e per molto tempo.
b. Gesù disse che quando un pensiero stimola l'emozione della preoccupazione, lo mette via. Metti via ansioso
pensieri su cibo e bevande per tenerti in vita (v25, NEB). Non dice semplicemente "Non farlo".
1. Ci dice come farlo. Concentrati sulla realtà così com'è. v26– “Osserva attentamente il
gli uccelli ... e i fiori (Rotherham).
2. Ci ricorda che gli uccelli e i fiori sono forniti da Dio che si prende cura di loro e dei suoi
i figli e le figlie contano più per Dio che gli uccelli o i fiori. Questa è una realtà presente.
c. Secondo Gesù, concentrandosi sul futuro (dove avremo le necessità della vita?) Senza
realizzazione della presente presenza, disposizione e protezione di Dio (Attualmente provvede
quelli che contano per Lui) produrranno solo preoccupazione e ansia.
1. Gesù aveva appena detto al suo pubblico che dobbiamo guardare a Dio per il nostro pane QUOTIDIANO. Matteo 6: 11–
Dacci il pane per i nostri bisogni di giorno in giorno (Lamsa).
2. Ciò non significa che non acquisti pane per una settimana o abbia un conto di risparmio. Gesù era
comunicare l'atteggiamento o l'idea di dipendenza da Dio nel momento presente.
2. La preoccupazione sorge quando siamo distratti da Dio e dalla Sua Parola. È suscitato speculando sul futuro
problemi e meditare su informazioni che non tengono conto di Dio e della Sua Parola.
un. Inizia con un pensiero di perdita o danno che accetti nella tua mente. Tu allora
medita su di esso (ripassaci, parlalo) e in poco tempo sei in uno stato di ansia.
b. Devi riconoscere quando sei distratto dalla Parola di Dio e riportare la tua attenzione su
la realtà com'è veramente, di nuovo a ciò che Dio dice di te e della tua situazione.
1. Quando sorge la preoccupazione, riconosci che Dio è perfettamente presente con te in questo momento amando e
regnante. Ricorda che la sua presenza è salvezza. È un aiuto molto presente nel momento del bisogno.
2. Di fronte alla vista, i pensieri sul futuro e i sentimenti generati da loro si vantano di e
proclama ciò che Dio dice e ciò che ha fatto, sta facendo e farà. Non concentrarti su
la potenziale (futura) perdita o danno e metterlo sulla sua disposizione attuale.
c. Tutti parliamo sempre con noi stessi. Fai che funzioni per te anziché contro di te. Parlare di
chi è Dio e cosa ha fatto, sta facendo e farà. Questo è ciò che significa meditare.

1. Nel trattare la paura e la preoccupazione non stiamo dicendo che devi negare ciò che vedi e senti. Noi siamo
parlando di riconoscere che c'è molto di più nella realtà di quello che vedi e senti nel momento.
2. Stiamo parlando del renderci conto che Dio è perfettamente presente con te amando, regnando e sostenendo
tutte le cose con la Parola della sua potenza. Nulla può venire contro di te che è più grande di Dio. Di Più
la prossima settimana!