REALTÀ E DIRITTO

Scarica PDF
REALTÀ ED EMOZIONI
REALTÀ E PAURA
REALTÀ E PREOCCUPAZIONE
MAGGIORI INFORMAZIONI SULLA REALTÀ, LA PAURA E LA PREOCCUPAZIONE
REALTÀ E DIRITTO
REALTÀ, SORROW E GIOIA
REALTÀ E REGRET
REALTÀ E PROBLEMA
MAGGIORI INFORMAZIONI SULLA REALTÀ, SUCCESSO E REGRET
REALTÀ E RANGIA A DIO

1. Le emozioni sono suscitate da ciò che vediamo e sentiamo. Sono risposte spontanee al mondo che ci circonda.
un. Sebbene le emozioni ci siano state donate da Dio, come ogni altra parte della natura umana, le hanno
stato corrotto dalla caduta e deve essere portato sotto il controllo della Parola di Dio.
b. Nelle ultime lezioni abbiamo discusso di come affrontare la paura ricordando la Parola di Dio. In questa lezione
vogliamo vedere come affrontare il dolore.
1. Il dizionario definisce il dolore come tristezza o angoscia dovuta alla perdita. Un significato secondario
sottolinea il dolore per qualcosa che uno ha fatto di sbagliato. Ci sono gradi e tipi di
dispiacere che vanno dalle piccole delusioni al grande dolore schiacciante.
2. Il dolore nasce dal perdere qualcuno o qualcosa che ami e apprezzi. La delusione è
suscitato quando non ottieni quello che ti aspettavi o è inferiore a quello che ti aspettavi.
c. Le perdite dovute alla morte e alla delusione fanno parte della natura della vita in questo mondo decaduto. Tristezza
venne al mondo alla caduta dell'uomo quando entrò la maledizione della morte.
d. La parola dolore compare per la prima volta nelle Scritture nella Genesi, dove Dio parlò ad Adamo ed Eva e lo disse
loro le conseguenze della loro disobbedienza.
1. Gen 3: 16-19 – Con dolore e fatica ne mangerai [dei frutti] per tutti i giorni della tua vita ...
il sudore del tuo viso mangerai pane fino a quando non tornerai a terra. (Amp)
2. Sal 90: 10 – Ci sono stati dati settant'anni! Alcuni possono arrivare anche a ottanta. Ma anche il meglio di
questi anni sono pieni di dolore e difficoltà; presto scompaiono e noi siamo andati. (NLT) 2.
Quando perdiamo qualcuno o qualcosa a noi caro sperimentiamo le emozioni stimolate da quella perdita -
lutto, dolore, dolore. Non è possibile evitare queste emozioni. Ma dobbiamo imparare a gestirli.
un. Se non affrontato in modo divino, il dolore può diventare un dolore travolgente che si trasforma in disperazione o
sconforto e senza speranza. Proverbi 15:13 – Per il dolore del cuore lo spirito è spezzato (KJV); Prov 13:12
–Spero differito, come schiaccia lo spirito di un uomo. (Knox)
b. I cristiani generalmente cadono in uno dei due fossati per quanto riguarda la perdita, il dolore e il dolore.
1. Alcuni credono erroneamente che un cristiano veramente forte, pieno di fede, non si senta mai male
perdita. Altri sono passivi di fronte al dolore o in realtà lo nutrono e non sono in grado di andare avanti.
2. Ma Dio ci provvede di fronte al dolore e al dolore per la perdita che ci impedirà
essere sopraffatto dalla disperazione. Questo è ciò di cui vogliamo discutere in questa lezione.
3. L'apostolo Paolo era uno dei cristiani più forti ed efficaci che conosciamo ma che ha vissuto
dolore e dolore (Rom 9: 2; II Cor 2: 3; Fil 2: 27,28 ecc.). Paul ha parlato di tristezza e gioia.
un. II Cor 6: 10 – Uomini tristi che si rallegrano continuamente (Knox); come addolorati e in lutto, eppure [siamo] sempre lieti (Amp). Quando Paolo parla di gioia non sta parlando di sentirsi bene al
allo stesso tempo si sentiva triste.
1. Rallegrarsi significa essere “allietare” in pieno. È uno stato dell'essere piuttosto che un sentimento. Siate contenti di non SENTIRE
lieto; Rallegrati non sentirti GIOVANE. Quando rallegri qualcuno incoraggi e dai speranza.
2. Paolo scrisse di rallegrarsi della speranza (Rm 12, 12). In faccia e sentimento di dispiacere Paul esultò
o si rallegrava ricordandosi dei motivi per cui aveva speranza o aspettativa
di venire bene.
b. Gioire non è emotivo. È l'opposto di una risposta emotiva alla tua situazione. emozioni
sono generati o suscitati spontaneamente da ciò che vedi e senti. Gioire è un'azione volontaria.
1. Con un atto di tua volontà scegli di rallegrarti. Scegli di rafforzarti, di incoraggiarti
te stesso, ricordando la speranza che hai in Dio. Può e alla fine influenzerà il tuo
emozioni. Ma non è qui che inizia.
2. Poiché serviamo il Dio della speranza (Rm 15) non esiste una situazione senza speranza
per un cristiano.
TCC – 901
2
4. Potremmo fare intere lezioni su questo, ma prendere in considerazione alcuni punti sulla realtà così com'è. C'è dell'altro
alla vita non solo a questa vita. Chiamiamo erroneamente la vita dopo la morte l'aldilà. Ma questa vita è la pre-vita.
un. Siamo esseri eterni e la parte più grande e migliore della nostra esistenza è avanti. E c'è
riunione, restaurazione e ricompensa in vista - prima in Cielo e poi sulla nuova terra (il
regno di Dio stabilito sulla terra dopo che è stato rinnovato e restaurato.
b. Tutta la perdita è temporanea. Le opportunità mancate sono opportunità posticipate. Il meglio deve ancora venire.
La conoscenza del nostro futuro alleggerisce i dolori di questa vita. Rom 8:18
1. Affrontiamo il dolore imparando a vedere la realtà così com'è e ricordando il modo in cui le cose
lo sono davvero quando le nostre emozioni si stanno riprendendo da una vera perdita.
2. Ciò non toglierà il dolore della perdita. Ma ti darà speranza in mezzo. Quello
la speranza ti sosterrà fino a quando i tuoi sentimenti non saranno calmi.
c. Per evitare che la tristezza diventi disperazione, dobbiamo incoraggiarci con il fatto che per
qualcuno che conosce veramente il Signore, ogni perdita è temporanea. C'è qualche ricompensa in questa vita,
ma la maggior parte del restauro è nella vita a venire. Quando impariamo a vedere le cose nel modo in cui realmente
ci dà speranza in mezzo al dolore della perdita? II Cor 4: 17,18
5. Ciò è coerente con ciò che Gesù ha detto in merito al rapporto tra dolore e conoscenza di ciò che è
avanti. L'aspettativa di venire bene ci sostiene nel mezzo della perdita e del dolore che genera.
un. Giovanni 16: 6 – La notte prima della Sua crocifissione Gesù disse ai Suoi discepoli che li avrebbe lasciati. Quella
le notizie stimolavano l'emozione del dolore (dolore, pesantezza) in esse.
1. Ma Gesù li incoraggiò con il fatto che il loro dolore si sarebbe trasformato in gioia per questo
sarebbe una separazione temporanea. Sarebbe morto e risuscitato dai morti. Quindi lo farebbe
ritorna in Paradiso ma un giorno torna sulla Terra per fondare il Suo regno eterno.
2. Gesù ha confrontato il processo di gestione del loro dolore con il modo in cui le donne affrontano il dolore
fertilità. v16: 20-22 – La conoscenza di ciò che è avanti (la nascita del bambino) li sostiene
nel mezzo del dolore.
b. L'aspettativa di venire bene sostenne Gesù sulla croce. Per la gioia che gli è dinanzi
sopportato la Croce, vedendo il risultato finale. Eb 12: 2 - Poiché egli stesso sopportò una croce e pensò
nulla della sua vergogna a causa della gioia che sapeva avrebbe seguito la sua sofferenza; e ora è seduto
alla destra del trono di Dio. (Phillips)

1. Giobbe visse ai tempi di Abramo, Isacco e Giacobbe. Sperimenta grandi calamità e perdite nella sua vita.
Niente di tutto ciò proveniva da Dio o "permesso" da Dio. Era semplicemente la vita in una terra maledetta dal peccato. Quello è
un'altra lezione per un altro giorno. Nota questi punti in relazione alla nostra presente discussione.
un. Sebbene sapesse che il suo corpo sarebbe morto e si sarebbe disintegrato nel terreno, sapeva che un giorno sarebbe morto
di nuovo in piedi su questa terra nel suo corpo con il suo Redentore. Giobbe 19: 25,26
b. La storia di Giobbe è una storia di redenzione. Dio lo liberò dalla prigionia e gli restituì ciò che lui
perso oltre ciò che ha perso. Dio diede doppio lavoro a Giobbe. Giobbe 42: 10,12; 1: 2,3
1. Giobbe perse tutti i suoi figli quando furono uccisi in una casa crollata da una tempesta di vento. Eppure lui
ha avuto solo altri dieci figli in questa vita. Com'è quel doppio?
2. Perché alcuni restauri vennero da lui in questa vita e alcuni nella vita a venire. Giobbe ne aveva dieci
bambini oltre a quelli in cielo, temporaneamente andati da lui ma non persi per sempre.
2. I discepoli originali di Gesù lasciarono tutto per seguirlo: famiglie, case, carriera. Tutti hanno affrontato alla grande
la persecuzione e tutti tranne uno furono martirizzati per la sua fede.
un. Matteo 19:27 - Quando Pietro chiese a Gesù quale ricompensa avrebbero ricevuto per ciò a cui avevano rinunciato
Gesù disse loro che avrebbero recuperato tutto ciò che avevano perso nella vita a venire.
b. v28,29 – Avrai posizioni d'onore e tornerai al di sopra di ciò che hai dato: sarà
molte volte rimborsato (Rieu); rimborsato cento volte (Berkeley);
1. Sapevano dagli scritti dei profeti che il Signore un giorno stabilirà il Suo visibile,
TCC – 901
3
regno eterno sulla nuova terra - questa terra rinnovata, rigenerata, restaurata.
2. Non solo otterrebbero ciò a cui hanno rinunciato, ma avrebbero la vita eterna - senza fine
vita su questa terra. Niente più perdite! Dan 2:44; 7:27; eccetera.
3. Eb 10: 34 – Paolo scrisse di alcune persone che accettarono con gioia la perdita dei loro beni materiali dovuta
alla persecuzione.
un. Con gioia, in greco, è la stessa parola usata da Paolo quando si riferiva a se stesso come tristezza
tuttavia gioire. Significa "allegria" pieno. Eb 10:34 - Hai sopportato allegramente (Eb 10:34, Amp).
b. Ricorda, questo non è un sentimento. È uno stato dell'essere. Questa parola ha una preposizione su ciò che significa
in mezzo. In mezzo alla perdita che senza dubbio causò loro un vero dolore, si rallegrarono.
1. Perché? Perché avevano speranza. Sapevano che c'è di più nella vita oltre a questa vita. Essi
sapeva che ciò che avevano perso sarebbe stato ripristinato in cielo e non poteva mai essere preso da loro.
2. v34– (in cielo) personalmente hai (Berkeley) una proprietà migliore e una che avrai
mantenere per sempre (base).
4. Paolo fondò la chiesa a Salonicco. Dovette partire dopo tre settimane quando scoppiò la persecuzione
su. Aveva avuto il tempo di dire loro che Gesù sarebbe presto tornato sulla terra (I Tess 1: 9,10). Ma la gente aveva
preoccupazioni per i propri cari che morirono prima del ritorno di Gesù e Paolo scrisse per rispondere alle loro preoccupazioni.
un. Non intendevamo perdere le persone che amiamo. La morte è un nemico, l'ultimo nemico da mettere sotto i piedi
(I Cor 15:26). La morte è una separazione dolorosa che attiva vero dolore e dolore.
1. Nota come Paolo rispose a quelli che avevano perso i loro cari a morte. Disse loro: non lo siamo
senza speranza nel nostro dolore. I Tess 4:13
2. Proverbi 14:32 – Il malvagio è abbattuto nella sua sfortuna. Ma il giusto, anche quando lo è
portato a morte, ha speranza. (JPS)
b. Paolo quindi ha dato loro informazioni sui loro cari che sono state progettate per dare loro speranza o an
aspettativa di venire bene.
1. Non hanno smesso di esistere. Vivono in un luogo reale chiamato Paradiso. Lo sono semplicemente
separati dal loro corpo fisico. Ci riuniremo con loro quando moriremo e andremo a
Paradiso. Oppure, quando Gesù tornerà sulla terra, li porterà con sé. 4 Tess 14: 17-XNUMX
2. La separazione dal corpo è temporanea. Al ritorno di Gesù tutti coloro che sono morti nel Signore
si riuniranno con il loro corpo originale (risuscitato dalla morte e glorificato) per vivere un fisico
la vita in un mondo fisico nel regno di Dio stabilito su questa terra. 15 Cor 51: 56-XNUMX
c. Paolo disse loro: questa non è una situazione senza speranza. È una situazione temporanea. Questo non toglie
il dolore della perdita, ma ti dà speranza in mezzo per impedirti di muoverti nella disperazione.
5. Quando David ebbe una relazione con Bathsheba, rimase incinta e diede alla luce un figlio che presto morì.
un. La gente abusa di questo incidente per dire che Dio non guarisce sempre. In effetti potrebbe prendere il tuo amato
uno per uno scopo più elevato. Ma ciò contraddice ciò che Gesù ci ha mostrato di Dio (Giovanni 5:19;
14: 9,10). Questa è un'intera lezione per un altro giorno, ma considera questi brevi punti.
1. Questa era una situazione unica. Come il re di Israele David era responsabile della guida del
nazione nella pietà e incaricata di mostrare il vero Dio ai gruppi di persone che li circondano.
David fallì miseramente nel suo dovere di re per la sua palese disobbedienza alla Legge di Dio.
2. Attraverso le sue azioni (la relazione con la moglie di un altro uomo, organizzando la morte di quell'uomo)
Davide ha recato grande biasimo a Israele e al Signore. II Sam 12:14 - Hai provveduto con questo
azione tale opportunità per i nemici del Signore di ridicolizzare. (Berkeley)
3. Nella lingua ebraica esiste un verbo in cui si dice che Dio faccia ciò che solo consente.
Quando il bambino si ammalò, Dio non intervenne. Tramite direttamente il profeta
collegato a se stesso e alla disobbedienza di David in modo che tutti sapessero: io sono l'unico vero e
Santo Dio. Sono separato da tutto il male David ha raccolto le conseguenze del suo peccato.
b. Nota il punto relativo alla nostra discussione. David cercò disperatamente Dio di cambiare il risultato
ma il bambino è morto. I suoi servitori temevano di dirglielo perché pensavano che potesse fare qualcosa
disperato per se stesso nel suo dolore. Il dolore senza speranza può spingere una persona a quel punto. v16-19
TCC – 901
4
1. Invece, David “si è lavato, messo le lozioni e si è cambiato i vestiti. Poi è andato al
Tabernacolo e adorato il Signore ”(v20, NLT). Nel suo dolore, David riconobbe Dio.
Dio è dovuto all'adorazione, non importa come ci sentiamo o cosa succede nella nostra vita.
2. I suoi servi gli hanno chiesto delle sue azioni. David ha risposto: non posso riportare indietro mio figlio ma io
andrà da lui (v23). Riconoscere Dio e ricordare la speranza che abbiamo in Dio lo ha mantenuto
dal fare qualcosa di folle. David ha riconosciuto che lui e suo figlio sarebbero stati un giorno
riunificata.
6. Prima di andare avanti, dobbiamo fare alcuni commenti sulla perdita di una persona cara. Quando qualcuno
che ami muori, provi dolore. Più la persona è vicina, maggiore è il dolore. Questo è normale e
naturale. Non devi scusarti per i veri sentimenti.
un. Il dolore è un'espressione molto personale. Non esiste un modo giusto o sbagliato di addolorarsi. Se hai bisogno di dormire
con la camicia della persona amata ogni sera o se non vuoi buttare via il loro Kleenex, va bene.
b. Nel dolore iniziale del dolore che viene detto - Non è meraviglioso che il tuo amato sia in Paradiso? - non lo è
davvero un conforto perché questo è in realtà il problema. E va bene sentirsi così.
c. Non possiamo aggirare il dolore quando perdiamo qualcuno che amiamo. Possiamo solo attraversarlo. Non
"farsene una ragione". Ti adegui alla vita senza di loro. Lo fai attraverso il primo anno, 365 giorni di
"Primi" senza di loro.
d. C'è verità nel dire che il tempo guarisce tutte le ferite. Siamo fatti in modo tale che con il
col passare del tempo l'intenso dolore della perdita scompare e viene sostituito dalla malinconica consapevolezza di
la perdita e i ricordi affettuosi del tuo tempo con loro.
e. Ma se hai una visione accurata della realtà, man mano che il dolore iniziale che strappa le viscere si attenua, inizierai
“sentire” l'anticipazione della riunione con quella persona e persino raggiungere il punto in cui non lo faresti
riportali sulla terra come è anche se tu potessi perché riconosci che il meglio è avanti
tutti noi.

1. Ma dobbiamo mettere in discussione la Parola di Dio: per quanto dolorosa sia questa perdita, è temporanea. Perché
serviamo il Dio della speranza non ci sono situazioni senza speranza solo la separazione e la perdita temporanee che lo faranno
essere reso giusto in questa vita o nella vita a venire.
2. Dobbiamo ricordare la nostra speranza di fronte alla nostra perdita. Abbiamo molto altro da dire la prossima settimana!