AMI IL TUO VICINATO: PARTE VIIIRACA, TU Pazzo !!

Ama il modo in cui Dio ama
Io sono egoista
Pensa di non reagire
Pazienza con le persone
Trasforma l'altra guancia
Trattare con rabbia
Rabbia E Ferita
Raca, Tu Matto
A giudicare
Maggiori informazioni sul giudizio
1. Dio vuole che amiamo gli altri con lo stesso amore con cui ci ama, e allo stesso modo ci ama. Giovanni 13: 34,35; Ef 5: 2
2. Questo amore non è un sentimento (un amore emotivo), ma piuttosto un'azione basata sulla decisione di trattare le persone nel modo in cui Dio ci dice, nel modo in cui ci ha trattati.
3. Dio ci dà due istruzioni di base su come trattare gli altri.
un. Uno negativo = Non restituire il male per il male. I Tess 5:15
b. Uno positivo = Tratta le persone nel modo in cui desideri essere trattata. Matt 7:12
4. Nelle ultime due lezioni, ci siamo concentrati su come affrontare la sofferenza e la rabbia in modi che ci impediranno di uscire dall'amore e di aiutarci a sentirci meglio.
5. Vogliamo affrontare un brano delle Scritture sull'amore che molti trovano confuso.

1. Abbiamo notato che molti dei commenti di Gesù sull'amore qui sembrano strani, ma quando li leggi nel contesto, hanno perfettamente senso.
un. Matt 5: 38-42 sembra stabilire regole strane e sollevare domande più strane.
1. Devo essere un tappetino? Dovrei lasciare che qualcuno mi picchi?
2. Se qualcuno mi chiede $ 10.00, devo dargli $ 20.00?
3. Se qualcuno mi fa causa per $ 10,000, devo dargli 20,000 /
b. Abbiamo scoperto che Gesù ha a che fare con atteggiamenti verso se stessi per aiutarci ad allontanarci dal sé verso Dio e gli altri.
2. Vogliamo occuparci di un'altra sezione del Sermone sul Monte sull'amore che solleva problemi simili. Matt 5: 21-26
un. Hai mai letto questi passaggi e ti sei chiesto cosa significasse Gesù?
b. Intende davvero che puoi andare all'inferno per aver definito qualcuno uno sciocco? O che Dio ti getterà in prigione?
3. Tieni presente che una delle cose principali che Gesù sta facendo in questo sermone è dire alle persone che la loro giustizia deve superare quella dei farisei. Ci deve essere una giustizia interiore così come una giustizia esteriore. Matt 5:20
un. Quindi, le sue osservazioni devono essere lette in quella luce: i farisei e ciò che hanno fatto e detto sono in contrasto con ciò che Dio vuole veramente da noi.
b. Una delle cose che Gesù fa in questa parte del sermone è illustrare come i farisei hanno frainteso e pervertito la Legge di Mosè.
c. Cinque volte in questo capitolo Gesù usa la frase - avete sentito dire - per sottolineare ciò che avevano detto i farisei. v21,27,33,38,43
d. Ogni volta che Gesù correggeva la loro errata interpretazione della Legge di Mosè illustrando lo spirito dietro la Legge = ciò che Dio voleva veramente.
4. Gesù non sta stabilendo un elenco di strane regole che i cristiani devono seguire.
un. Non è un elenco di cose da fare e da fare, ma piuttosto un'illustrazione dello spirito dietro la Legge. Matt 5:18
b. I farisei avevano stabilito regole, regolamenti e non avevano capito il punto.
5. Si è sempre trattato di amore, un amore espresso attraverso la misericordia e la grazia.
un. Dio è amore. L'amore è la ragione della creazione. L'amore è la ragione del sacrificio di Cristo sulla croce. 4 Giovanni 8: 1; Ef 4,5: 3; Giovanni 16:XNUMX
b. I due più grandi comandamenti della Legge sono l'amore di Dio e l'amore per il prossimo. Deut 6: 4,5; Lev 19:18
c. Eppure i farisei lo mancarono. Hanno dato la decima giusta, ma non hanno mostrato pietà per i bisognosi. Matt 9:13; 12: 7; 23: 23-28
d. Guarda cosa dice la Legge: Michea 6: 7,8; Os 6: 6; 15 Sam 22:XNUMX
6. La lettera dice, non rubare; lo spirito dietro è, non desiderare.
un. Non è solo la corretta azione esteriore, è l'atteggiamento interiore del cuore.
b. Un giovane governante ricco andò da Gesù con azioni esteriori corrette. Marco 10: 17-22 c. Eppure questa rettitudine esteriore non era sufficiente. Gesù voleva il suo cuore.
d. Il cuore di quest'uomo confidava nelle sue ricchezze, non in Dio. v24; I Tim 6:17

1. Questo è uno dei dieci comandamenti (Es 20:13). Ma i farisei l'avevano ridotto a: non uccidere nessuno e hai adempiuto alla Legge.
un. Quella era la lettera della Legge, ma mancava lo spirito dietro la Legge.
b. I Giovanni 3:15 ci dice che l'odio per un fratello è uguale all'omicidio.
c. L'atto di omicidio è l'espressione esteriore di un atteggiamento interiore, l'odio.
2. In secondo luogo, i farisei avevano ridotto a non uccidere: sarai in pericolo di giudizio = guai legali.
un. v21 – Chi uccide è responsabile in modo che non possa sfuggire alla punizione imposta dal tribunale. (Amp)
b. Giudizio = il tribunale locale = consiglio di 23; giudicato casi di omicidio e crimini capitali; potrebbe infliggere una punizione per strangolamento o decapitazione.
c. I farisei non fecero menzione del fatto che si trattava di un'offesa a Dio. Gen 9: 6
3. Gesù poi prosegue dando la vera interpretazione: lo spirito dietro la lettera.
un. v22 – Il comando Non uccidere include anche la rabbia senza causa contro un fratello.
1. La frase "senza una causa" non è presente in tutti i manoscritti. Gli studiosi non possono dire completamente, in modo conclusivo, dal testo se dovrebbe esserci o meno.
2. Senza quella frase, Gesù stabilisce uno standard di comportamento ancora più elevato.
b. v22 - Ma io vi dico che chiunque continui ad essere adirato con suo fratello o nutre malizia [inimicizia di cuore] contro di lui sarà passibile e incapace di sfuggire alla punizione imposta dal tribunale. (Amp)
c. Secondo Gesù, la rabbia e la cattiva volontà nei confronti di un fratello meriterebbero la stessa punizione di uccidere l'uomo.
d. Tieni presente che Gesù non sta stabilendo una nuova regola. Se odi tuo fratello, devi essere ucciso. Sta indicando lo spirito, l'atteggiamento dietro la Legge.
4. v22 – Quindi Gesù fa quella che sembra essere un'affermazione molto strana: Chiunque dirà a suo fratello Raca sarà in pericolo del consiglio.
un. Il consiglio = il Sinedrio; potrebbe infliggere una punizione per la lapidazione.
b. Raca = compagno senza valore; senza valore davanti a Dio; compagno vanitoso, vuoto, senza valore; cervelli superficiali. La dichiarazione mostra grande disprezzo.
c. Contempt = l'atto di disprezzare; lo stato d'animo di chi disprezza.
d. v22 – E chiunque parli in modo sprezzante e insultante a suo fratello sarà soggetto e incapace di sfuggire alla punizione imposta dal Sinedrio. (Amp)
e. Gesù pone attacchi verbali che rivelano un cuore di disprezzo a un livello ancora più grave dell'uccisione o delle lesioni fisiche.
5. v22 – Poi Gesù fa quella che è per noi un'affermazione ancora più sbalorditiva: E chiunque dirà: Stolto, sarà in pericolo di fuoco dell'inferno.
un. Tu scemo = ALTRO (Eb: MARAH) = ribellarsi contro Dio; un apostata di ogni bene. Ha l'idea di odio, inimicizia (cattiva volontà, odio).
b. "Questo termine implicava, tra gli ebrei, l'enormità più alta e la colpa più aggravata." Adam Clarke.
c. WE Vine = "Tu sciocco" (Gr: MOROS); qui la parola significa moralmente senza valore, un mascalzone, un rimprovero più serio di “Raca”; quest'ultimo disprezza la mente di un uomo e lo chiama stupido; MOROS disprezza il suo cuore e il suo carattere; da qui la condanna più grave del Signore.
d. v22 – E chiunque lo dica, maledetto stupido! –Sei uno stupido idiota! sarà responsabile e incapace di sfuggire all'inferno (GEHENNA) del fuoco. (Amp)
6. Inferno di fuoco = rappresenta GE-HINNOM = la valle del figlio di Hinnom.
un. Era un posto vicino a Gerusalemme dove gli ebrei avevano bruciato i loro bambini al dio Molec. A causa di ciò che accadde lì, gli ebrei di Gesù usarono la parola per l'inferno, il luogo dei dannati. I corpi gettati lì e bruciati.
b. La sentenza per un uomo ritenuto colpevole di ribellione contro Dio doveva essere bruciata viva nella Valle del figlio di Hinnom.
c. Gesù stava dicendo che se uno aveva fatto una simile accusa falsamente, correva il pericolo di essere bruciato vivo. (acceso = l'inferno del fuoco)
7. Solo perché qualcuno non ha commesso un omicidio non significa che qualcuno abbia rispettato questo comandamento.
un. Gesù elenca tre atti che violano tutti lo spirito di questo comandamento: rabbia accompagnata da un atto di danno; disprezzo espresso chiamando qualcuno Raca; odio e cattiva volontà espressi chiamando qualcuno "sciocco" o apostata. Le pene per tutti sono severe.
b. Ti arrabbi quando le persone ti fanno torto? Ti arrabbi per niente? Parli male di coloro che ti hanno fatto arrabbiare?
c. Anche se non li hai uccisi, ti sei perso lo spirito o l'intento dietro la Legge. Hai infranto la Legge nello spirito.

1. Se c'è un problema tra te e tuo fratello, se lo hai fatto in qualche modo, vai e risolvilo. v23,24
2. Ancora una volta, Gesù non sta stabilendo un elenco di regole e regolamenti - prima di andare in chiesa, chiama tutti quelli che hai offeso, ecc.
un. Ci sta dando lo spirito dietro la Legge. Non scatenarti con rabbia contro qualcuno; non parlarne con disprezzo e cattiva volontà. Cerca di riconciliarti, se possibile.
b. Lo Spirito Santo ti aiuterà con i dettagli nelle singole situazioni.
3. Nella v25 Gesù sottolinea l'importanza, la serietà, di fare la pace.
un. v25 – Vieni a patti rapidamente con il tuo accusatore mentre viaggi con lui, per timore che il tuo accusatore ti consegni al giudice e il giudice alla guardia e tu sia messo in prigione (Amp)
b. Avversario = querelante; il giudice = magistrato civile, non Dio.
c. Sistemalo prima di andare in tribunale. Se va in tribunale, sei da solo. Se l'altro tizio vince, pagherai l'intera multa.
d. Proverbi 25: 8 – Non correre presto a litigare [davanti a magistrati o altrove], per non sapere cosa fare alla fine, quando il tuo vicino ti ha messo in imbarazzo. (Amp)
e. Prov 17:14 – L'inizio del conflitto è come quando l'acqua gocciola per la prima volta da una fessura in una diga]; quindi fermare la contesa prima che peggiori e scoppi la lite. (Amp) Questo è lo spirito della Legge.

1. La santità è più di un'azione. È un atteggiamento verso se stessi.
un. Matteo 16:24 - Allora Gesù disse ai suoi discepoli, se qualcuno desidera essere mio discepolo, rinneghi se stesso - cioè, ignori, perda di vista e dimentichi se stesso e i suoi interessi - e prenda la sua croce e seguimi [aggrappati saldamente a me, conformati totalmente al mio esempio nel vivere e, se necessario, anche nel morire]. (Amp)
b. Perché fai quello che fai? il tuo bene, il bene degli altri, la gloria di Dio?
2. In I Sam 25: 10,11; 17,19 vediamo l'esempio di Nabal che era focalizzato sull'io.
un. Quando David fece un'offerta di amicizia e chiese provviste, Nabal esaltò se stesso su David e Dio che gli dissero di amare i suoi vicini.
b. In che modo questo ci riguarda? Considera questi punti:
1. v8 - Ti prendi del tempo per conoscere i fatti prima di rispondere negativamente a qualcuno. La storia di David è stata facile da verificare.
2. v10: trovi scuse quando non è conveniente obbedire alla parola di Dio? Nabal non si sarebbe preso il tempo per verificare la storia di David.
3. v10 – Parli male delle altre persone? Nabal implicava che Davide fosse uno schiavo o un ladro fuggiasco.
4. v10 – Ti esalti? David non si è avvicinato a me correttamente!
5. v11 – Sei possessivo del tuo tempo, denaro, ecc. Senza riconoscere che tutto ciò che hai viene da Dio? Il mio cibo!!
6. Hai mai pensato all'effetto che il tuo comportamento ha sugli altri?
c. Nessuna di queste azioni è un omicidio, eppure tutte potrebbero mostrare disprezzo per gli altri.
3. I versi apparentemente strani nel discorso della montagna non sono così strani quando capisci che Gesù sta seguendo i nostri cuori, i nostri atteggiamenti interiori per esporli in modo che possano essere cambiati.
4. L'amore di Dio è in noi ora perché siamo rami della Vite.
un. Se rimaniamo in Cristo, porteremo molti frutti, incluso l'amore. Giovanni 15: 5
b. Dimoriamo in Cristo rimanendo nella Sua parola. Nutriti di scritture d'amore. Tieni d'occhio Gesù, il nostro esempio, e metterà a nudo le aree di egoismo.
c. Esercita l'amore di Dio in te. Perdona la gente Prega per loro.
5. Ricorda, il Grande è in te e me! L'amore è in te e me e l'amore è più grande del nostro egoismo! 4 Giovanni 4: XNUMX