ILLUMINAZIONE E SITUAZIONI IMPOSSIBILI

Scarica PDF
GLORIFY DIO CON L'ELENCO
ILLUMINAZIONE E SITUAZIONI IMPOSSIBILI
IL PRAISE AIUTA IL FOCUS USA
NIENTE È IRREVERSIBILE
IL PRAISE AIUTA LO STAND USA
IL PRAISE ANCORA IL NEMICO
L'APPLICAZIONE PROTEGGE LA PAROLA
NON PRENDERE L'esca
Sii saggio alle tattiche di Satana
LA STORIA DEL DIAVOLO
PAOLO E IL DIAVOLO
SIA GRAZIE

1. Siamo creati per portare gloria a Dio. Ef 1: 12 – Così noi che per primi sperammo in Cristo che per primo lo abbiamo messo
la nostra fiducia in Lui [è stata destinata e nominata] per vivere per la lode della Sua gloria. (Amp)
un. Dio è glorificato quando portiamo molti frutti (Giovanni 15: 8). Portiamo frutti glorificanti quando lodiamo
Dio continuamente (Eb 13:15).
b. Il fatto che dobbiamo lodare Dio continuamente significa che deve essere più di qualcosa che facciamo
in chiesa durante un servizio di adorazione o quando ci sentiamo bene e le cose vanno bene.
1. Lodare qualcuno significa esaltare le sue virtù parlando del loro carattere e del loro
Azioni. Lodare Dio significa parlare di chi è e di ciò che fa.
2. La parola radice per lode in Ef 1:12 e Eb 13:15 in realtà significa raccontare una storia o una narrazione.
Lodiamo Dio parlando di chi è e di ciò che ha fatto, sta facendo e farà.
A. Eb 13:15 definisce la lode come un ringraziamento al suo nome. Il nome ha l'idea di carattere.
I nomi di Dio sono una rivelazione del suo carattere e delle sue opere.
B. Ringraziare è letteralmente: dire la stessa cosa, assentire o riconoscere. Noi
lodare Dio riconoscendo come è e cosa fa.
c. La lode non è una risposta emotiva a Dio. È la risposta appropriata. È sempre appropriato
lodare il Signore per quello che è e per quello che fa. Sal 107: 8,15,21,31
2. La lode non solo glorifica Dio, ma ci aiuta aprendo la porta alla potenza di Dio nelle nostre circostanze.
un. Sal 50: 23 - Chi ha offerto lode mi glorifica (KJV) e prepara la via in modo che io possa mostrare
lui la salvezza di Dio (NIV).
1. Quando lodate Dio o parlate di come è e parlate del suo passato, presente e futuro
aiuto, lo ingrandisci e lo ingrandisci nei tuoi occhi.
2. Questa è la svolta che aumenta la tua fiducia, fede e fiducia in Lui. Dio opera nella nostra vita per mezzo della sua
grazia attraverso la nostra fede, fiducia e fiducia in Lui. La porta è aperta in suo aiuto.
b. II Chron 20 ci dà l'applicazione pratica di questa verità. Il re Giosafat e il suo popolo affrontarono
probabilità schiaccianti. Combatterono la loro battaglia e sconfissero tre eserciti nemici con lode. V27
1. Lodare Dio non significa che neghi il problema o fingi di sentirti bene quando non lo fai. esso
significa che riconosci che c'è di più nella situazione di ciò che vedi e senti.
2. Giosafat e Giuda sapevano che questa era una situazione impossibile. Non potevano competere con il
la forza si avvicinava a loro e avevano paura. Non hanno negato nulla di tutto ciò. Invece loro
riconosciuto Dio e proclamato chi è e cosa fa.
c. Cosa possiamo imparare da questo incidente? Combatti le tue battaglie con lode. La lode è una forza che
ferma il nemico e ferma il vendicatore (Sal 8: 2; Matteo 21:16). I bambini possono farlo, non perché lo sia
necessariamente facile, ma perché è ciò per cui siamo stati creati.

1. Giosafat e Giuda non negarono il problema che stavano affrontando o i sentimenti generati dal
problema (v3,12). Ma hanno fatto qualcosa di critico: non hanno iniziato con il problema. Essi
iniziato con la soluzione. Si concentrarono su Dio e iniziarono a ingrandirlo.
un. v3 – Allora Giosafat ebbe paura e si mise [con determinazione, come sua necessità vitale] a cercare il Signore
(Amp); è andato dal Signore per la direzione (di base). Aveva la gente veloce (non come una tecnica per ottenere
qualcosa da Dio) ma per aiutarli a porre la loro attenzione su Dio.
TCC – 933
2
b. v6-9 – Il re radunò il popolo per pregare. Ha iniziato parlando di Dio: quanto è grande
è come li aveva aiutati in passato, la sua promessa di aiutarli quando si trovavano in difficoltà.
2. Sal 103: 2 – Noi (e loro) siamo istruiti a non dimenticare i benefici di Dio. Il fatto che dobbiamo essere
esortato a non dimenticare significa che è possibile che dimenticheremo.
un. Poiché siamo stati creati per vivere in un mondo fisico, gravitiamo automaticamente su ciò che possiamo vedere
e sentire. Vediamo e sentiamo il problema in modo che possa sembrare molto più grande e più potente di Dio.
b. Dobbiamo contrastare questa tendenza naturale facendo uno sforzo per dirigere la nostra attenzione a Dio.
Spesso, andare a Dio per chiedere aiuto è l'ultima cosa che le persone fanno dopo aver esaurito ogni naturale
viale. Deve essere il primo posto in cui cerchiamo aiuto.
c. Tutti abbiamo una naturale tendenza a ingigantire il problema. Ingrandiamo le cose parlando di loro.
1. La maggior parte della nostra conversazione e preghiera inizia con quanto sia grande il problema e quanto ci sentiamo male.
Più parliamo, maggiori sono i problemi e i sentimenti.
2. Cosa sarebbe successo se Giosafat avesse continuato a parlare di quanto fosse grande l'esercito nemico e come
piccolo Giuda è stato paragonato a loro? E se continuasse a provare quanto terribile fosse la situazione?
E se si fosse fissato: non posso credere che queste persone vengano da noi dopo la gentilezza che noi
mostrato loro? Il problema sarebbe diventato più grande e Dio e il Suo aiuto avrebbero avuto
sempre più piccolo. E la porta dell'aiuto di Dio si sarebbe chiusa.
3. Una simile reazione sembra giusta perché è così che ci sentiamo ed è così che sembrano le cose. E il nostro
la mente corre per cercare di capire le cose e trovare una soluzione. Questo non significa che non ci siano volte
quando parliamo del problema e di come dovremmo affrontarlo. Ma devi essere sincero
con te stesso: stai ingrandendo il problema o Dio e il suo potere quando parli?
d. Giosafat e Giuda dovettero scegliere di ingrandire e concentrarsi su Dio con loro e per loro. Essi
ha dovuto ricordare il suo aiuto passato, la disposizione attuale e la promessa di liberazione futura.
3. Dio parlò a Giuda attraverso il profeta Jahaziel e assicurò al Suo popolo che avrebbe combattuto per loro
(V14-17). Quindi hanno ringraziato e lodato Dio per la sua promessa a loro (v18-19).
un. Il resto di quel giorno e un'intera notte passarono prima che entrassero in battaglia. Non è cambiato nulla in
le loro circostanze. Dovevano attenersi a ciò che Dio aveva detto loro.
1. Al mattino Giosafat li esortò a continuare a credere alla Parola del Signore e
sarebbero stati stabiliti e avrebbero prosperato. v20 – Tieni fermamente la tua fede in Dio e lo sarai
ditta trovata (NAB); avrai successo (Gerusalemme).
2. Per aiutarli a concentrarsi su Dio e sulla sua fedeltà mentre andavano sul campo di battaglia il
re incaricò Praisers di proclamare la bontà di Dio.
b. v21 – Il re nominò cantori che precedessero l'esercito, cantando al Signore e lodandolo
per il suo santo splendore. Questo è ciò che cantavano: rendere grazie al Signore; il suo amore fedele dura
per sempre. (NLT)

1. Le stesse parole che hanno portato a Giuda coraggio e speranza possono aiutarci. Dio ha dato loro istruzioni specifiche
su come affrontare una circostanza schiacciante, potenzialmente catastrofica. Si noti che ha detto
Giosafat e Giuda due volte: non temere e non scoraggiarti. v15,17
2. Proviamo paura quando siamo minacciati da qualcosa di più grande del potere e delle risorse disponibili
a noi. Tuttavia, nulla può venire contro di noi che è più grande di Dio e del Suo potere. Quelli non sono solo
"Parole della chiesa". Questa è la realtà così com'è.
un. Quando inizi a proclamare e riconoscere il fatto che questa "cosa" che stai affrontando non è più grande
di Dio (o lode al Signore) è ingigantito nei tuoi occhi e la tua paura diminuisce.
1. Uno dei modi più efficaci per affrontare la paura è guardare la cosa peggiore che potrebbe
forse accade nella situazione e chiediti: è più grande di Dio?
TCC – 933
3
2. Nella situazione di Giuda, qual è stato il peggio che sarebbe potuto accadere? Potrebbero essere morti tutti.
Ma questo non è più grande di Dio. Potremmo fare intere lezioni una di queste, ma prendere in considerazione un punto.
R. Siamo esseri eterni e, per coloro che conoscono il Signore, la parte più grande e migliore della nostra
l'esistenza è avanti, prima nell'attuale Cielo invisibile e poi sulla nuova terra. Anche a
la vita della sofferenza non è nulla in confronto a ciò che ci aspetta. Rom 8:18
B. Ogni persona che ha vissuto le circostanze descritte in questo incidente è stata
morto per quasi 3,000 anni. Qualcuno di loro è arrabbiato per quello che è successo allora?
b. Non sto discutendo di problemi e sofferenze. Sto parlando di avere la giusta prospettiva come te
affrontare i problemi della vita. Ti aiuterà ad affrontare la paura perché la cosa peggiore che potrebbe accadere non lo è
più grande di Dio. E ti consentirà di affrontare la tua situazione con lode a Dio quale
apre la porta al Suo aiuto nella tua situazione.
1. Gran parte della nostra reazione alle prove della vita è la paura mascherata da fede. Abbiamo sviluppato questo
strana teologia che se non diciamo nulla di negativo andrà bene. Ma questo diventa
negando il problema o fingendo di non avere paura. Niente di tutto ciò è fede.
2. Se stai affrontando problemi, STAI FACENDO PROBLEMI! Ma non è più grande di Dio.
3. Dio disse anche al Suo popolo (e a noi) di fronte a una circostanza catastrofica: non scoraggiarti.
Sconcertato deriva da una parola che significa essere frantumati. In altre parole: non cadere in pezzi.
un. Non temere o perdere il cuore alla vista di questa vasta moltitudine (NAB); Non aver paura, né essere
scoraggiato (Berkeley); non aver paura, non lasciarti scoraggiare (Gerusalemme).
b. Dio disse loro: non perdere la speranza. La speranza è fiducia nell'aspettativa di venire bene. Non esiste
le cose come una situazione senza speranza perché serviamo il Dio della speranza. Rom 15:13
1. La Bibbia è piena di numerosi esempi di persone in situazioni impossibili in cui Dio
della speranza è intervenuto con una soluzione che ha portato loro liberazione, massima gloria per Lui,
massimo buono a moltitudini e vero bene da cattivo (lezioni intere per un altro giorno).
2. Anche situazioni irreversibili sono temporanee nelle mani del Dio della speranza. Sta arrivando a
giorno di riunione e di restauro per tutti coloro che conoscono il Signore nella vita a venire.
4. Adempiamo i comandi di "non temere e di non essere sgomenti" lodando il Signore, riconoscendo
Lui parlando di chi è e di ciò che ha fatto, sta facendo e farà.

1. Paolo parlava di essere dolorosi eppure di gioia (II Cor 6:10) e di gioia nella speranza (Rom 12:12) nel
volto di tribolazione, persecuzione e avversità.
un. La parola tradita gioisce in entrambi i versi significa essere allegri. Non significa sentirsi allegri
perché Paolo ha detto che provava dolore e nello stesso tempo si rallegrava - II Cor 6 - Uomini tristi che
rallegrati continuamente (Knox). Significa essere pieno di allegria.
b. Fare il tifo significa dare speranza. Quando fai il tifo per qualcuno, lo incoraggi con i motivi per cui lo fanno
può avere speranza o aspettativa di venire bene. Questo è ciò che fai quando lodi il Signore.
2. La Bibbia fornisce diversi resoconti specifici di Paolo in condizioni avverse. Considerane uno. Atti 16: 16-34.
1. Paolo e Sila andarono nella città di Filippi per predicare il Vangelo. Mentre era lì, Paul scacciò un diavolo
di una serva. Lo spirito le ha permesso di raccontare fortune e i suoi padroni hanno fatto soldi con lei
"regalo". Gli uomini si arrabbiarono e riferirono a Paolo e Sila di funzionari della città come piantagrane. Essi
furono arrestati, picchiati e incarcerati. I due lodarono Dio e furono liberati in modo soprannaturale.
un. A Paul e Silas piaceva quello che gli era successo o si sentivano bene per essere stato picchiato e imprigionato
liberare un prigioniero nel nome di Gesù? È altamente improbabile. Ma la lode non è emotiva
risposta a Dio. È la risposta appropriata, qualunque cosa affrontiamo.
1. Non abbiamo i dettagli di come i due hanno pregato e lodato. Ma è ragionevole
presumiamo che la loro preghiera abbia seguito il modello della preghiera di Giosafat. Hanno magnificato Dio.
2. Avrebbero saputo dell'incidente in II Chron. Conoscevano anche Sal 34: 1 e Sal
TCC – 933
4
119: 62 – La sua lode sarà continuamente nella mia bocca. A mezzanotte ti ringrazierò.
b. Paolo e Sila lodarono Dio e aprirono la porta alla sua salvezza nella loro situazione. Dio era
anche glorificato. Il carceriere e la sua famiglia furono salvati (v27-34). La tradizione ci dice che il
il carceriere divenne il parroco della chiesa fondata da Paolo a Filippi.
3. In seguito Paolo fu imprigionato a Roma, di fronte a possibili esecuzioni. Scrisse la sua epistola ai Filippesi
dalla prigione. Ci dà un'idea della sua visione della realtà. Elogio a Dio di fronte ai guai non è un
tecnica che usiamo per "riparare le cose". Viene fuori dalla nostra prospettiva.
un. Questa è una persona reale che sta affrontando problemi reali. Ma nella sua lettera non c'è traccia di paura o sgomento.
1. Sebbene Paolo non fosse giustiziato in quel momento, non sapeva quando scrisse la lettera che lui
sarebbe libero.
2. Pau; capito che la cosa peggiore che potrebbe accadere nella sua situazione (morte) non è più grande
di Dio. Disse ai Filippesi che morire è un guadagno e partire ed essere con Cristo è lontano
meglio. Quindi aveva speranza. Pertanto non aveva bisogno di temere. Fil 1, 21-23
b. Paolo aveva una prospettiva eterna. Vide la sua vita e la sua situazione dal punto di vista dell'eternità.
1. II Cor 4:17 - Nel contesto delle molte difficoltà che ha dovuto sopportare mentre predicava il Vangelo, Paolo
chiamato tali difficoltà momentanee e leggere.
A. Paul capisce che era un essere eterno. La parte più grande e migliore della sua vita era
avanti dopo questa vita. Anche una vita di sofferenza, rispetto all'eternità, non è niente.
B. Quindi non è stato appesantito dai problemi che ha dovuto affrontare. Non significa che gli piacesse o
mi sono divertito. Significa che a causa della sua prospettiva non aveva né paura né speranza.
2. II Cor 4:18 - Paolo mantenne la sua prospettiva considerando mentalmente le realtà invisibili. Guarda
significa ascoltare, contemplare. Paolo guardò oltre le sue circostanze e si concentrò su Onnipotente
Potenza, provvidenza e promessa di Dio.
c. Elogio a Dio (proclamare chi è e cosa ha fatto, sta facendo e farà) ha aiutato Paolo
concentrati su Dio. Fil 4: 4
1. Paul si rallegrava o si rallegrava parlando del perché aveva speranza anche in una disperazione
situazione.
2. La parola "gioia" è usata cinque volte in Filippesi e la parola "gioire" è usata undici volte.