Abbi la pace della mente

Scarica PDF
FAI IL MIO YOKE SU DI TE
IMPARA DA ME
PACE NELLA TEMPESTA
PACE DELLA MENTE
NON FARE CHE IL TUO CUORE SIA PROBLEMI
PACE NELLA SELEZIONE
IL RINGRAZIAMENTO PORTA LA PACE
ESSERE MENTALE DI DIO
LA STORIA DI JOSEPH DÀ PACE

1. Molte persone hanno idee imprecise sul perché Gesù venne sulla terra. La gente pensa erroneamente che sia venuto per darci una vita abbondante, il che significa una vita di prosperità con relativamente poche difficoltà.
un. Questi fraintendimenti portano a false aspettative su ciò che Dio farà e non farà per noi in questa vita. Le aspettative non soddisfatte portano alla delusione quando le persone non sperimentano tutto ciò che credono erroneamente che il Signore ha promesso loro. Questo tipo di delusione rende le persone più vulnerabili all'essere commossi dalle prove della vita.
b. Quindi, nell'ambito del nostro studio, stiamo parlando dell'importanza di comprendere chiaramente perché Gesù è venuto sulla terra e ciò che ha compiuto per noi attraverso la sua morte, sepoltura e resurrezione.
2. Gesù venne sulla terra per restaurare uomini e donne al nostro scopo creato morendo per i nostri peccati. Eb 9:26 a. Gli esseri umani sono stati creati per diventare figli e figlie di Dio attraverso la fede in Cristo. Il peccato ci ha squalificato dal nostro destino perché un Dio santo non può avere peccatori come figli e figlie.
b. Attraverso il suo sacrificio di se stesso, Gesù ha soddisfatto la Divina Giustizia per nostro conto. Ora, tutti coloro che ripongono fede in Gesù (crede in Lui e nel Suo sacrificio, nella Sua Persona e nella Sua opera)) sono giustificati o assolti e dichiarati non colpevoli di peccato. Rom 4:25; Rom 5: 1; eccetera.
1. Una volta che siamo giustificati, Dio può quindi trattarci come se non avessimo mai peccato e impartirci la vita eterna. La vita eterna è un tipo di vita, la vita di Dio, la vita in Dio. Giovanni 5:26; 5 Giovanni 11,12: XNUMX
2. Quando riceviamo questa vita eterna, siamo nati da Dio. Questo ci riporta al nostro scopo creato. Diventiamo letteralmente figli e figlie di Dio attraverso la nuova o la seconda nascita. 5 Giovanni 1: 1; Giovanni 12:3; Giovanni 3,5: XNUMX; eccetera.
c. Gesù è venuto per darci un'abbondanza di vita eterna che ci trasforma da peccatori in figli e inizia un processo di trasformazione che alla fine ci renderà conformi all'immagine di Cristo (o ci renderà come Gesù nel carattere e nel potere, nella santità e nell'amore ) in ogni parte del nostro essere. Rom 8: 29,30; Ef 1: 4,5; Giovanni 10:10
1. Gesù venne e morì per soddisfare il nostro più grande bisogno - la salvezza dal nostro peccato e le sue conseguenze eterne - in modo che possiamo avere un futuro e una speranza con Dio Padre nostro, non solo in questa vita, ma nella vita a venire. I Tim 4: 8; Matteo 16:26
2. Sebbene ci sia una disposizione per questa vita, lo scopo attuale di Dio non è di rendere questa vita presente il momento clou della nostra esistenza. La sua preoccupazione numero uno è che gli uomini vengano a salvare la conoscenza di Gesù. Poiché Dio è onnisciente e onnipotente (onnisciente e onnipotente), è in grado di usare le circostanze della vita in un mondo decaduto e far sì che servano a questo scopo ultimo. (Discuteremo questo punto in dettaglio nelle lezioni successive.)
3. Gesù è morto per portare la pace tra Dio e l'uomo. Attraverso la Croce, Gesù ha permesso ai nemici di Dio (coloro che sono colpevoli di peccato) di diventare amici di Dio. Rom 5:10; Col 1: 20-22
un. Gesù ci ha portato la pace pagando il nostro peccato e aprendoci la strada per diventare figli e figlie di Dio. Ora abbiamo pace con Dio legalmente e relazionalmente.
1. Legale: Rom 5: 1 — Pertanto, poiché siamo giustificati — assolti, dichiarati giusti e dati un diritto a Dio — attraverso la fede, cerchiamo [di comprendere il fatto che abbiamo [la pace della riconciliazione] da mantenere e per godere della pace con Dio attraverso il nostro Signore Gesù Cristo, il Messia, l'Unto. (Amp)
2. Relazionale: grazie alla croce e alla nuova nascita, Dio è nostro Padre. Ora abbiamo la stessa posizione con il Padre che Gesù (nella sua umanità) aveva e ha. Ef 2: 17,18; Ef 3:12
b. Poiché abbiamo la pace con Dio attraverso Gesù (legale), abbiamo il potenziale per camminare con la pace della mente attraverso le tempeste della vita (relazionale) poiché Dio Onnipotente è ora nostro Padre e nulla può venire contro di noi che è più grande di Lui. In questa lezione, vogliamo parlare di tranquillità.

1. Mentre Gesù preparava i dodici per il fatto che presto sarebbe partito, promise che avrebbe dato loro la pace in mezzo ai problemi della vita. Giovanni 14:27; Giovanni 16:33
un. Gesù disse che avrebbe dato loro la sua pace. Disse che la pace sarebbe arrivata e in Lui. La pace è il mio dono di separazione per te (Giovanni 14:27, NEB).
1. Questa fu un'affermazione sorprendente poiché questi uomini erano stati con Gesù per oltre tre anni e non l'avevano mai visto agitato, preoccupato o spaventato.
2. Qualunque cosa gli venisse per la strada, Gesù sapeva che suo Padre era con lui e per lui, proteggendolo e provvedendo a lui. Gesù ebbe pace con il Padre che gli diede pace nelle tempeste della vita.
b. Gesù ha dato loro (e noi) la stessa pace che ha dandoci la stessa posizione con il Padre che ha (attraverso la Croce e la nuova nascita). Questa pace con Dio ci dà la pace della mente, potenzialmente. Si noti che Gesù ha posto alcune condizioni per sperimentare o camminare nella pace che ha fornito.
1. Ricorda, in Matteo 11: 28-30, Gesù promise di dare riposo o pace a coloro che si sottomettono alla sua autorità (prendi il suo giogo su di loro) e imparano da o da lui.
2. Quindi, nell'ultima cena, subito dopo che Gesù aveva promesso ai suoi seguaci la sua pace, li ammonì di non lasciare che i loro cuori fossero turbati. Giovanni 14:27
2. La parola travagliata significa agitare o agitare. Giovanni 14: 27 — Non lasciare che il tuo cuore sia turbato, né lascia che sia spaventato — smetti di lasciarti agitare e disturbare e non permettere a te stesso di essere spaventato, codardo e turbato. (Amp)
un. Analizziamo ciò che Gesù stava dicendo. Non sta dicendo: non permettere a te stesso di provare certe emozioni. Le emozioni sono involontarie. Sono la risposta spontanea della tua anima a ciò che accade intorno a te. Le emozioni non sono sotto il diretto controllo della volontà. Non puoi provare te stesso a sentire o non sentire qualcosa.
1. Quando vedi qualcosa di preoccupante o di spaventoso, quando incontri qualcosa di preoccupante, ciò che vedi e incontri stimolerà le risposte emotive in te. È normale
2. Notare che i problemi sono mezzi per agitare o agitare. Entrambe le parole hanno l'idea di "un agente esterno" che agisce in modo tale da aumentare o aumentare. Mescoli qualcosa con un cucchiaio. Agiti i panni in lavatrice con un agitatore.
3. Nota la definizione del dizionario Webster di queste parole. Agitare significa disturbare o eccitare emotivamente. Disturbare significa interrompere la quiete, il riposo o la pace di. Difficoltà significa disturbare la calma mentale e la contentezza di. Preoccupazione e angoscia sono sinonimi di queste parole.
b. Gesù stava dicendo ai Suoi discepoli (e noi): non agitare né suscitare ulteriormente le emozioni che provi quando incontri le sfide della vita.
1. Puoi ricordare che all'inizio della nostra serie abbiamo parlato della connessione tra vista, emozioni, pensieri e chiacchiere. Quando vediamo qualcosa di inquietante e le nostre emozioni sono stimolate, i pensieri iniziano a volare e iniziamo a parlare con noi stessi.
2. Mentre parliamo con noi stessi, ci sentiamo più preoccupati, ansiosi e timorosi, oppure ci sentiamo rassicurati e incoraggiati, a seconda di ciò che diciamo a noi stessi e se lasciamo che i nostri pensieri si scatenino o meno. Questo processo di vista, emozioni, pensieri e chiacchiere avviene a tutti noi.
Il dizionario A. Webster definisce la pace come libertà da pensieri ed emozioni inquietanti o oppressivi. La pace non è prima di tutto ed emozione, anche se può e influenza il modo in cui ti senti. La pace è una qualità interna che non è mossa da ciò che accade intorno a te.
B. Non puoi evitare i problemi della vita, ma puoi evitare di essere dominato da pensieri tormentosi e oppressivi. Puoi lasciare che il tuo cuore non sia turbato.

3. In Matteo 11:29 Gesù disse ai Suoi seguaci di imparare da Lui e di trovare la pace per le tue anime. Imparare deriva da una parola che significa apprendere intellettualmente attraverso lo studio e l'osservazione.
un. Conosciamo l'Iddio della pace attraverso la Sua Parola. Ciò che rivela di se stesso (ciò che sta facendo e come lavora) ci dà tranquillità.
1. Uno dei motivi per cui Dio ci ha dato la sua Parola scritta, la Bibbia, è di portare la pace nella nostra anima (mente ed emozioni). La Parola vivente, il Signore Gesù Cristo che è il Principe della Pace, ci viene rivelata attraverso la Parola scritta. Giovanni 5:39
2. La Bibbia ci mostra com'è Dio e come lavora. Ci incoraggia con esempi di vita reale di persone reali che hanno ricevuto un vero aiuto da Dio nel mezzo di situazioni davvero difficili. Rom 15: 4
3. In Giovanni 16:33 Gesù collegò direttamente la pace che porta alle cose che parla. Disse a noi e ai suoi discepoli: Queste cose che ti ho detto in modo che in Me tu possa avere pace.
R. Ovviamente, se non leggi la Bibbia, non sai cosa dice e non hai alcuna fonte di pace da cui attingere in mezzo alle tempeste della vita. Ecco perché ti incoraggiamo a diventare un lettore regolare e sistematico del Nuovo Testamento (lezioni per un altro giorno).
B. Anche nell'apprendimento della Parola di Dio è compreso l'insegnamento di un buon insegnante biblico. Nel giorno della risurrezione Gesù spiegò le Scritture ai suoi discepoli e ne aprì la comprensione (Luca 24:45). L'eunuco etiope non capì cosa stava leggendo finché Phillip non glielo spiegò (Atti 8: 31-35). (Anche lezioni per un altro giorno.)
b. Giovanni 6: 63 — Tutte le parole attraverso le quali mi sono offerto a te sono pensate per essere canali dello spirito e della vita per te, poiché nel credere a quelle parole verrai messo in contatto con la vita in me. (J. S, Riggs Paraphrase)
4. Paolo, al quale fu personalmente insegnato il Vangelo che predicava da Gesù stesso, ammonì i cristiani a dirigere la nostra razza guardando o mantenendo la tua mente Gesù. Manteniamo la nostra mente su Gesù attraverso la Sua Parola.
un. Eb 12: 1 — Distogliendo lo sguardo [da tutto ciò che distrarrà] Gesù, che è il capo e la fonte della nostra fede (Amp).
1. La fede, la fiducia, la fiducia in Dio (che ci dà la pace della mente) viene dalla Parola vivente di Dio che viene rivelata nella Parola scritta di Dio.
2. Il Dio della speranza ti riempie di gioia e di pace mentre credi in Lui. Rom 15: 13 — Possa l'Iddio della tua speranza riempire così tanto tutta la gioia e la pace nel credere - attraverso l'esperienza della tua fede - che con il potere dello Spirito Santo puoi abbondare e traboccare (gorgogliare) di speranza. (Amp)
b. Siamo fatti in modo tale da essere influenzati da ciò che guardiamo e da dove mettiamo la nostra attenzione. 1. La pace della mente viene dal mantenere la nostra attenzione sul Signore attraverso la Sua Parola. Isa 26: 3 — Manterrai in perfetta pace tutti coloro che confidano in te, i cui pensieri sono fissi su di te. (NLT)
2. Ps 94: 19 — Nella moltitudine dei miei pensieri (ansiosi) dentro di me, i tuoi conforti rallegrano e deliziano la mia anima (Amp).
3. Sal 119: 92 — A meno che la tua Legge non fosse stata la mia delizia, avrei dovuto perire dieci nella mia afflizione (KJV). Sal 119: 97 — O come amo la tua legge! È la mia meditazione tutto il giorno (KJV).
c. Questa non è una tecnica. È una risposta che nasce da una visione della realtà che è stata plasmata dalla Parola di Dio. Qualunque cosa mi venga contro, non è più grande di Dio che è mio padre. Mi farà passare fino a quando non mi fa uscire.

1. Vediamo questo tema ripetersi più volte nei Salmi. Gli scrittori dei salmi provarono grande angoscia a causa delle loro circostanze, ma scelsero di ricordare Dio - il suo aiuto passato, la sua disposizione attuale e la sua promessa di aiuto futuro - e ciò portò loro la pace della mente.
un. Sal 116: 7 — Il salmista parlò con se stesso: anima, ritorna al tuo riposo. Il riposo deriva da una parola che significa un punto fisso. Trasporta l'idea di pace. Ma nota perché dice che può essere in pace: perché il Signore ti ha trattato abbondantemente (o è stato buono con te). Ricordava la bontà del Signore di fronte ai problemi.
b. Sal 42: 5 — Il salmista si ricordò che nella realtà c'è molto di più di quello che poteva vedere nel momento: ho speranza. Ho tutte le ragioni per aspettarmi il bene perché Dio è con me. La frase: per l'aiuto del suo volto significa letteralmente: la sua presenza è salvezza.
2. Questa idea è coerente con alcune cose che Paolo scrisse. Ricorda, è stato il nostro esempio di uomo che non è stato commosso dalle difficoltà e dalle sfide della vita. Atti 20: 22-24
un. Col 3: 15 — Disse ai credenti di lasciare che la pace di Dio regnasse nei nostri cuori. La regola deriva da una parola che significa arbitro o arbitro. Ci viene detto di lasciare che la pace sia l'arbitro.
1. Dobbiamo lasciare che il Dio della pace, attraverso la Sua Parola di pace, sia il fattore determinante, al di là di ciò che vediamo e sentiamo. La parola greca tradotta regola, se usata in senso figurato, significa prevalere.
2. Col 3: 15 — E lascia che la pace (armonia dell'anima che viene) dalla regola di Cristo (agisci come un arbitro continuamente) nei tuoi cuori — decidi e risolvi con finalità tutte le domande che sorgono nella tua mente— [in quello stato pacifico ] a cui [come membri di un solo corpo di Cristo], eri anche chiamato [a vivere]. E sii grato, riconoscente, lodando sempre Dio. (Amp)
b. Fil 4: 7 — Paolo scrisse anche che c'è una pace che supera la comprensione e che custodirà o custodirà la tua mente e il tuo cuore attraverso Cristo Gesù.
1. Nota il contesto della dichiarazione di Paolo. Nel v6 ha detto ai suoi lettori di non essere ansiosi o preoccupati (un'emozione che si esprime e alimentata da pensieri inquietanti). Invece, quando viene fuori qualcosa che ti fa sentire ansioso, vai da Dio.
2. Poiché hai pace con Lui attraverso la Croce di Cristo, puoi andare da Lui come tuo Padre. E puoi andare da Lui per fortuna, con l'aspettativa che ascolterà e risponda, perché le sue orecchie sono aperte alle preghiere dei suoi figli giusti. Pet 3:12
A. Gesù ci ha detto che è migliore del miglior Padre terreno (Matteo 7: 9-11). E dà ai Suoi figli le necessità della vita (Matteo 6: 9 -13).
B. Gesù ci ha anche detto che quando sei preoccupato (agitato, turbato, privo di pace), riporta la tua mente alla realtà come è realmente, ricordando la bontà di tuo Padre e la sua fedeltà di prendersi cura di coloro che contano per Lui. Matt 6: 25-34
3. Paolo sapeva che c'è una battaglia nel lasciare che la pace sia l'arbitro perché le emozioni sono reali e, al momento, può sembrare che Dio e la Sua disposizione non lo siano. Si noti che ci indica dove porre la nostra attenzione mentale.
A. v8 — E ora, cari amici, lasciatemi dire un'altra cosa mentre chiudo questa lettera. Risolvi i tuoi pensieri su ciò che è vero, onorevole e giusto. Pensa a cose che sono pure, adorabili e ammirevoli. Pensa a cose eccellenti e degne di lode. (NLT)
B. Potremmo fare un'intera lezione su questo versetto. Ma considera un pensiero mentre chiudiamo. La Parola di Dio si adatta a tutte le categorie elencate da Paolo qui. Potrebbe essere vero che non hai soldi per pagare il conto. Ma non è certo adorabile o degno di lode. Ma il fatto che Dio è tuo Padre e ha promesso di prendersi cura di te è sia vero che adorabile. Quindi pensa a quello invece.
3. La promessa di Dio è che se manterrai la tua mente ferma su di Lui, nelle tempeste della vita, avrai una pace che supera la comprensione. La pace con Dio (essere nella giusta relazione con Lui attraverso la Croce) ci dà la pace della mente perché sappiamo che abbiamo un Padre celeste che si prende cura di noi e perché sappiamo di avere un futuro e una speranza in Lui. Molto di più la prossima settimana.