PACE NELLA SELEZIONE

Scarica PDF
FAI IL MIO YOKE SU DI TE
IMPARA DA ME
PACE NELLA TEMPESTA
PACE DELLA MENTE
NON FARE CHE IL TUO CUORE SIA PROBLEMI
PACE NELLA SELEZIONE
IL RINGRAZIAMENTO PORTA LA PACE
ESSERE MENTALE DI DIO
LA STORIA DI JOSEPH DÀ PACE

1. Nelle ultime lezioni ci siamo concentrati sul fatto che i cristiani si muovono dalla fede e dalla fiducia in Dio perché fraintendono il Suo attuale scopo sulla terra. Questi fraintendimenti portano a false aspettative su ciò che Dio farà e non farà per noi in questa vita, e quando quelle false aspettative non vengono soddisfatte, porta a delusione e rabbia verso Dio.
2. Dobbiamo capire che lo scopo principale di Dio sulla terra è quello di portare le persone a salvare la propria conoscenza attraverso Gesù - non fare di questa vita il momento clou della nostra esistenza.
un. Sebbene ci sia provvidenza e aiuto da parte di Dio in questa vita, non ha promesso di porre fine alle difficoltà e alla sofferenza della vita perché non è la sua principale preoccupazione in questo momento. I Tim 4: 8
1. La parte più grande e migliore della vita è dopo questa vita, prima nell'attuale Cielo invisibile, e poi sulla terra dopo che è stata rinnovata e rinnovata in una dimora adatta per sempre a Dio e alla sua famiglia. Rom 8:18; II animale domestico 3:13; Apoc 21: 1-4; eccetera.
2. La vita a venire significherà la fine di tutte le sofferenze e le difficoltà. Significherà il ripristino e la ricompensa per le perdite e le ingiustizie di questa vita. Tuttavia, se le persone non credono mai in Cristo come Salvatore e Signore, perderanno le benedizioni della vita a venire. Matteo 16:26
b. Questo mondo non è come Dio voleva che fosse. È stato danneggiato dal peccato. Gesù ha chiarito che in questo mondo avremo tribolazione - prove, angoscia e frustrazione (Giovanni 16:33, Amp). Ma ha promesso la pace della mente nel mezzo delle difficoltà della vita a coloro che si sottomettono alla sua signoria. Giovanni 16:33; Giovanni 14:27; Matt 11: 28-30
1. Sperimentare questa pace non è automatico. Per sperimentarlo, dobbiamo imparare a non lasciare che i nostri cuori siano turbati (o agitati e disturbati).
2. Ciò significa che dobbiamo sapere come affrontare i pensieri e le domande inquietanti che vengono a tutti noi, soprattutto in mezzo a problemi: perché sta succedendo questo? Come può un Dio amorevole lasciarlo accadere? Se Dio è buono, allora perché non pone fine a tutte le sofferenze in questo mondo?
3. La scorsa settimana abbiamo detto che ci sono diversi fatti chiave su Dio e sulla natura della vita in questo mondo che devi sapere se riuscirai a evitare che il tuo cuore sia turbato da pensieri agitati e inquietanti. Rivediamo brevemente ciò che abbiamo detto.
un. Non esiste una vita priva di problemi perché viviamo in un mondo di danni o caduti. Quando Adamo disubbidì a Dio, una maledizione di corruzione e morte infuse la razza umana e la terra stessa. Ci occupiamo tutti quotidianamente delle conseguenze. Gen 2:17; Gen 3: 17-19; Rom 5: 12-19; Rom 8:20; eccetera.
1. Dio non è dietro i problemi della vita. Non orchestra le circostanze per insegnarci, metterci alla prova, perfezionarci o renderci pazienti. Lo sappiamo perché Gesù non ha mai fatto nulla del genere a nessuno. Gesù ci mostra come Dio tratta le persone.
A. Gesù disse: Faccio solo ciò che vedo fare mio Padre. Se mi hai visto, hai visto il Padre perché io faccio le sue opere con il suo potere. Giovanni 5:19; Giovanni 14: 9-10
B. Se Gesù non ha orchestrato circostanze difficili o inviato problemi nella vita di qualcuno per uno scopo sconosciuto (e non l'ha fatto), allora Dio Padre non lo fa.
2. Puoi chiudere molti pensieri preoccupanti e inquietanti quando impari a rispondere alla domanda PERCHÉ. Perché succedono cose brutte? Ecco la risposta corretta, perché quella è la vita in un mondo maledetto e caduto.
b. Perché Dio non interviene e ferma tutto il male e il dolore di questo mondo? Prima di tutto, ricorda che farà esattamente questo in relazione alla Seconda Venuta di Gesù.
1. Ma dobbiamo capire che quando Dio ha creato gli esseri umani, ha dato agli uomini e alle donne il libero arbitrio. Con il libero arbitrio arriva non solo la libertà di scelta, ma le conseguenze della scelta fatta. Questo mondo è stato ed è continuamente influenzato dalle conseguenze di milioni e milioni di scelte di libero arbitrio, che risalgono fino ad Adamo.
2. Tuttavia, poiché Dio è onnisciente (onnisciente) e onnipotente (onnipotente), è in grado di usare le difficoltà derivanti da scelte di libero arbitrio e far sì che servano al Suo scopo ultimo che è portare uomini e donne a salvare conoscenza di se stesso attraverso Gesù.
4. La Bibbia è piena di esempi di Dio che usano le dure realtà della vita in una terra maledetta dal peccato e li inducono a servire i Suoi scopi finali mentre si prende cura del Suo popolo in mezzo alle loro difficoltà.
un. Questi esempi sono stati registrati in parte per incoraggiare ogni generazione successiva, incluso noi, e per darci la pace della mente in mezzo alle tempeste che affrontiamo. Rom 15: 4
b. Questi resoconti sono documenti storici che ci danno un'idea di come Dio opera nel mezzo delle difficoltà della vita in un mondo danneggiato dal peccato. Quando esaminiamo questi racconti, troviamo alcune caratteristiche comuni per quanto riguarda il modo in cui Dio.
1. Dio spesso rimanda la benedizione a breve termine (come porre fine ai problemi adesso) per risultati eterni a lungo termine.
2. Il Signore ha un tempismo perfetto e, al momento giusto, il Suo popolo vede i risultati. Solo perché non riesci a vedere qualcosa che sta accadendo non significa che non sta succedendo nulla. Significa semplicemente che non puoi ancora vederlo perché gran parte dell'opera di Dio è invisibile fino a quando, al momento giusto, vediamo i risultati.
3. Dio lavora nelle circostanze per portare la massima gloria a se stesso e il massimo bene a quante più persone possibile. È in grado di trarre il vero bene dal vero male mentre causa le circostanze e le scelte che la gente fa per servire i Suoi scopi.
4. Dio onnipotente non abbandona mai il suo popolo. Può farci prosperare è nel mezzo di guai. E riesce a far passare il suo popolo fino a quando non lo fa uscire.
5. In questa lezione esamineremo uno di questi documenti storici e vedremo come tutto ciò si svolge nella vita reale: la generazione di Israele che Dio ha liberato dalla schiavitù in Egitto.
un. Tieni presente che queste erano e sono persone reali. (La Bibbia ha una storia del 50%). Sebbene sia stato un evento reale, come molti eventi riportati nell'Antico Testamento, la liberazione di Israele rappresenta ciò che Gesù ha fornito attraverso la Croce.
b. Ciò che è successo a queste persone è definito redenzione perché Dio le ha liberate dalla schiavitù in Egitto (Eso 6: 6; Eso 15:13). Redenzione significa liberazione o salvataggio (Webster). 1. Redenzione è il termine usato per descrivere ciò che Dio ha fatto per noi attraverso Gesù: liberarci dalla schiavitù del peccato e della morte.
2. Anche se Israele è stato redento e anche se siamo redenti, affrontiamo ancora difficoltà e sfide perché viviamo in un mondo decaduto. Ma Dio lavora per il bene in mezzo a esso.

1. Durante la generazione del nipote di Abramo, Giacobbe, l'intera famiglia (75 in tutto) scese in Egitto per vivere durante un periodo di grande carestia. Inizialmente furono accolti, vi si stabilirono e prosperarono notevolmente. La rapida crescita della famiglia allarmò gli egiziani e alla fine schiavizzarono i discendenti di Abramo. La famiglia rimase in Egitto per 400 anni. Es 1: 1-22
un. Perché i discendenti di Abramo finirono schiavizzati? Perché questa è la vita in una terra maledetta dal peccato. È la natura degli uomini caduti a dominare sugli altri uomini. La paura e la gelosia hanno motivato gli egiziani a esercitare il loro libero arbitrio e fare scelte che hanno causato problemi ad altre persone. Es 1: 9-10
b. Dio ha usato questa volta l'Egitto. I discendenti di Abramo passarono da 75 persone a oltre 3,000,000.
1. Il loro numero fu aumentato fino al punto in cui sarebbero stati effettivamente in grado di impossessarsi e trattenere la terra di Canaan. Inoltre, a causa di una varietà di fattori, la popolazione di Canaan è effettivamente diminuita durante questi 400 anni.
2. Dava anche più tempo a Dio per lavorare e cercare di attirare a sé gli abitanti di Canaan (malvagio idolo adoratore) prima che Israele arrivasse per scacciarli dalle loro terre. Gen 15:16
c. Alla fine Dio sollevò un uomo di nome Mosè e lo incaricò di condurre gli israeliti fuori dall'Egitto. Attraverso una serie di dimostrazioni di potere (pestilenze) che furono una sfida diretta a specifici dei egizi, realizzate per un periodo di nove mesi, il faraone (re d'Egitto) accettò di liberare i suoi prigionieri e i discendenti di Abramo iniziarono il loro viaggio di ritorno a Canaan.
2. C'erano due rotte per Canaan dall'Egitto: la Via dei Filistei e la strada selvaggia attraverso la penisola del Sinai. Es 13: 17-18
un. Il primo percorso aveva un terreno più facile, ma era popolato da una tribù guerriera di adoratori di idoli chiamati Filistei. La seconda via era una regione selvaggia del deserto, montuosa e asciutta, con picchi che salivano a 7,400 piedi e meno di 8 pollici di pioggia all'anno.
b. Anche se queste persone sono state riscattate, non c'era modo semplice per loro di arrivare a Canaan perché quella è la vita in un mondo decaduto. Il peccato di Adamo produsse una natura peccaminosa nell'uomo che portò a tribù aggressive intenzionate a conquistare altri uomini. Le regioni desertiche e le difficoltà che presentano (mancanza di cibo e acqua, serpenti, scorpioni, rocce e terra, ecc.) Si svilupparono anche a causa della maledizione della corruzione e della morte che entrarono nella creazione materiale quando Adamo peccò.
c. Perché Dio non ha semplicemente fatto sparire tutto o "irradiarli" e trasportarli a Canaan? Semplicemente non funziona in questo modo. E, sebbene Dio non abbia orchestrato le sfide lungo nessuna delle due rotte, sapeva quale avrebbe prodotto i massimi risultati: la rotta attraverso il Sinai.
3. Israele partì per Canaan, seguendo il Signore (Eso 13: 20-22). Si ritrovarono rapidamente intrappolati nel Mar Rosso con l'esercito egiziano che li inseguiva da dietro quando il Faraone cambiò idea.
un. Questa strada sembrava un errore, ma Dio aveva un piano. Si separò dal Mar Rosso e Israele attraversò una terra asciutta. Quando l'esercito egiziano tentò di seguire, le acque si chiusero e le distrussero. Nota che Dio ha usato il problema per risolverlo.
1. Questo è un formidabile esempio di Dio che fa uscire un tremendo bene da una situazione davvero brutta. Una vera minaccia fu rimossa da Israele. L'esercito egiziano era formidabile e la distanza tra Egitto e Canaan non era così lontana. L'Egitto sarebbe stato una costante minaccia per Israele.
2. La separazione del Mar Rosso ebbe un grande impatto su Israele: quando il popolo di Israele vide il potente potere che il Signore aveva mostrato contro gli egiziani, temette il Signore e riponeva la sua fiducia in lui e nel suo servo Mosè. (Ex 14:31, NLT)
b. La liberazione di Dio da parte dell'Egitto dall'Egitto e la separazione del Mar Rosso hanno avuto un impatto anche sulle nazioni pagane, che adorano l'idolo in quella parte del mondo.
un. Quando Faraone liberò Israele, molti egiziani si erano convinti che Geova era ed è il vero e unico Dio (Eso 8:19; Eso 9:20). In effetti, una moltitudine mista lasciò l'Egitto con Israele. Erano non ebrei: egiziani e forse membri di altre nazioni che si trasferirono in Egitto durante la grande carestia. Quanti soldati egiziani avrebbero potuto gridare pietà quando il mare si chiuse su di loro, perché anche loro si resero conto che Geova è Dio?
b. Quando Israele finalmente entrò a Canaan, Rahab (la prostituta di Gerico che nascose due spie israeliane e salvò le loro vite) rivelò che le persone sulla terra avevano sentito parlare di ciò che Dio aveva fatto in Egitto, facendo sì che lei e altri temessero il Signore e lo riconoscessero come il Vero Dio Giosuè 2: 9-11
4. Tre giorni dopo il Mar Rosso, e scarseggiando sull'acqua, gli israeliti raggiunsero un luogo chiamato Marah, con pozze d'acqua non potabile. Perché? Perché questa è la vita in una terra maledetta dal peccato. Es 15: 22-26
un. Ma Dio dimostrò che avrebbe provveduto ai loro bisogni fisici in questo duro ambiente. Li avrebbe fatti passare fino a quando non li avesse tirati fuori. Nella loro prima grande sfida nel deserto, Dio ha soddisfatto i loro bisogni fisici e ha promesso di essere il loro medico. Healeth deriva da una parola che significa guarire o dottore. Ex 15:26
b. Il Signore ordinò a Mosè di gettare un albero nell'acqua e divenne potabile. Perché Dio non ha reso l'acqua potabile prima che Israele arrivasse lì? Perché ha visto un modo di usare la circostanza.
1. Le acque amare di Marah hanno offerto a Israele l'opportunità di esercitare e rafforzare la loro fede in Dio. Avrebbero dovuto affrontare ostacoli ancora più grandi a Canaan (città murate e giganti) e avrebbero avuto bisogno di una fede dimostrata. Marah sarebbe stata un ottimo posto per ricordare che Dio ha risolto un problema con l'acqua per loro tre giorni prima e sicuramente li avrebbe aiutati ora.
R. Non sai cosa ci aspetta in questa vita. La pratica che stai ricevendo proprio ora nell'esercitare la tua fede (o nel credere a ciò che Dio dice nonostante ciò che vedi) può essere esattamente ciò che devi superare nella prossima difficoltà ancora maggiore.
B. Marah mise in evidenza un brutto tratto in Israele, lamentandosi (Eso 15:24; Eso 16: 2,3). Le prove rivelano difetti nei personaggi e, una volta scoperte, possono essere risolte. Questo è un altro modo in cui Dio usa le difficoltà della vita. Israele non ha riconosciuto o affrontato le loro lamentele e ha creato un'abitudine di incredulità in loro che è costata loro Canaan. 10 Cor 6: 11-XNUMX
2. Dio aiutò comunque Israele e provvide a loro mentre viaggiavano. Non solo hanno lasciato l'Egitto con greggi di pecore e greggi di bestiame, ma Dio ha fornito acqua, quaglie e manna e i loro vestiti e le loro scarpe non si sono consumati. Ex 12:38; Es 16: 4; 13; Ex 17: 6; Deut 8: 4
c. Nota un altro punto. La gente dice erroneamente che Dio ci mette alla prova con le circostanze. Ma la prova di Dio per Israele a Marah, e nei giorni successivi, fu la Sua Parola. Avrebbero fatto ciò che aveva detto loro di fare? Es 15: 25-26; Es 16: 4
5. Vediamo il tempismo di Dio nella storia di Israele. Il viaggio dall'Egitto a Canaan fu un viaggio di undici giorni. Eppure Israele impiegò due anni per raggiungere Canaan. Deut 1: 2; Num 10: 11-13
un. Questo ci sembra troppo lungo. Ma molto bene fu realizzato durante il "periodo di attesa" di Israele.
1. Dio incontrò Mosè sul Monte Sinai e diede loro la Legge secondo la quale Israele avrebbe vissuto una volta che si fossero stabiliti a Canaan. Non solo avrebbe aiutato Israele a creare un governo e un ordine sociale funzionanti, ma la Legge era fondamentale per il piano di redenzione di Dio che si stava svolgendo. La Legge era un maestro di scuola per portare gli uomini a Cristo mostrandoci il nostro peccato e il nostro bisogno di un Salvatore. Gal 3:24
2. Dio istruì Mosè su come costruire il Tabernacolo e realizzare il sistema sacrificale che avrebbe coperto il loro peccato mentre immaginava cosa avrebbe fatto il Redentore con il nostro peccato.
b. Il ritardo di due anni ha dato il tempo alla parola della sconfitta dell'esercito egiziano per mano del dio di Israele per diffondersi fino a Canaan attraverso carovane commerciali e viaggiatori.
1. Quando Israele arrivò, le tribù nel paese ne avevano paura, dando a Israele un grande vantaggio strategico (aiuto attuale). Ma il loro ritardo ha anche prodotto risultati eterni.
2. Come sottolineato in precedenza, Rahab si rese conto che il Dio di Israele era ed è il vero Dio. Si è unita al popolo di Dio ed è in Paradiso oggi perché l'arrivo di Israele è stato ritardato di due anni. Quante altre persone a Canaan arrivarono alla stessa realizzazione? Giosuè 2: 9-11
c. Purtroppo, la prima generazione che Dio ha liberato dalla schiavitù egiziana ha rifiutato di entrare in Canaan una volta raggiunto il confine perché non credeva che Dio li avrebbe aiutati. Dio li rimandò nel deserto per vivere come nomadi fino a quando quella generazione si estinse. Dio portò quindi i loro figli adulti nella terra per stabilirsi a Canaan. Num 13-14
6. Gran parte di ciò che crediamo di Dio e del modo in cui lavora è impreciso e disturba la nostra anima.
un. Non è insolito sentire la gente dire: "Dio mi ha portato nel deserto". Con questa affermazione significano che il Signore li ha portati in un posto di difficoltà per metterli alla prova, perfezionarli, eliminarli, ecc.
b. Quando leggiamo il racconto biblico di un gruppo di persone a cui Dio ha guidato e attraverso il deserto, scopriamo che erano lì per due ragioni. Nel primo caso, non c'era altro modo per arrivare dove stavano andando. Nel secondo caso, il popolo si rifiutò di obbedire a Dio e di entrare in Canaan.
1. Dio li rimandò nel deserto per scopi eterni. Voleva che loro (e le generazioni che seguirono) vedessero la serietà di non entrare come Dio vieta. Gesù è l'unica via per la salvezza. Se lo rifiuti non puoi entrare nella terra dei cieli.
2. Dio continuò a provvedere al Suo popolo durante quei quarant'anni nel deserto: il pilastro della nuvola e del fuoco per guidare e proteggere, la manna, l'acqua, l'abbigliamento indistruttibile; eccetera.