PACE NELLA TEMPESTA

Scarica PDF
FAI IL MIO YOKE SU DI TE
IMPARA DA ME
PACE NELLA TEMPESTA
PACE DELLA MENTE
NON FARE CHE IL TUO CUORE SIA PROBLEMI
PACE NELLA SELEZIONE
IL RINGRAZIAMENTO PORTA LA PACE
ESSERE MENTALE DI DIO
LA STORIA DI JOSEPH DÀ PACE

1. Abbiamo già sottolineato che, per diventare immobili, devi sviluppare una prospettiva eterna. Ciò significa che riconosci che c'è di più nella vita oltre a questa vita. Siamo esseri eterni e la maggior parte della nostra esistenza è davanti a noi, nella vita a venire.
un. Vivere con questa consapevolezza ti aiuta a mantenere le difficoltà della vita nella giusta prospettiva. Non è ciò che vedi che ti sconfigge, è come vedi ciò che vedi.
b. Tutto in questa vita è temporaneo perché questa vita finisce per tutti noi. E, in confronto a ciò che ci aspetta per coloro che conoscono il Signore, anche una vita di sofferenza e dolore non è nulla. Pertanto, vale la pena qualunque cosa tu debba fare per rimanere fedele. Rom 8:18; II Cor 4: 17,18
2. In questa parte della nostra serie, stiamo lavorando sul fatto che alcune persone si commuovono per la fede e l'obbedienza perché fraintendono lo scopo attuale di Dio sulla terra e di conseguenza hanno idee imprecise su ciò che farà e non farà per noi in questa vita.
un. A causa di incomprensioni e disinformazione hanno false aspettative su ciò che Gesù è venuto a fare. Queste false aspettative portano a delusione e disillusione quando non otteniamo o Dio non fa per noi ciò che erroneamente pensavamo ci avesse promesso.
1. Gesù non è venuto per darti una vita abbondante in questa vita. È venuto sulla terra per morire come sacrificio per il peccato, in modo che possa essere rimosso da tutti coloro che si pentono e credono nel Vangelo. Marco 1:15; 1 Cor 1: 4-XNUMX
2. Coloro che piegano il ginocchio a Gesù come Salvatore e Signore possono quindi ricevere la vita eterna ed essere trasformati da peccatori in figli e figlie di Dio, ripristinandoli al loro scopo creato. Ef 1: 4,5; Rom 8: 29,30
b. Lo scopo principale di Dio sulla terra in questo momento è quello di portare le persone a salvare la conoscenza di se stesso, non rendere questa vita il momento clou della nostra esistenza. Matteo 16:26
1. Né il suo scopo attuale è porre fine a tutte le sofferenze del mondo. Tuttavia, è in grado e usa le dure realtà della vita in un mondo caduto e fa sì che servano il Suo ultimo scopo di salvezza per tutti coloro che credono in Gesù.
2. Questo non significa che non ci siano aiuti e disposizioni per noi adesso, perché non esiste. Ma la rimozione di ogni sofferenza e dolore non avrà luogo fino alla vita a venire. (Ne discuteremo più in dettaglio mentre lavoriamo a questa serie.)
3. Stiamo osservando le dichiarazioni fatte da Gesù sul perché è venuto sulla terra e su ciò che ha promesso di fare per noi. La scorsa settimana abbiamo iniziato a discutere del fatto che è venuto per portarci la pace. Continuiamo in questa lezione.

1. La parola tradotta riposo nel passaggio di cui stiamo discutendo deriva da una parola greca che significa riposare o riposare (lett. O fig.). Riposare ha diversi significati, uno dei quali è calma o pace (Webster's Dictionary).
un. Gesù ha promesso di dare riposo o pace a tutti coloro che vengono da Lui, prendere il suo giogo su di loro (sottomettersi alla Sua autorità) e imparare da Lui.
b. Webster's Dictionary definisce la pace come libertà da pensieri ed emozioni inquietanti o oppressivi. La pace è una qualità interna che non si muove da ciò che accade intorno a te. Il riposo è tranquillità. Il riposo è una pace che supera la comprensione. È la pace nelle tempeste della vita.
2. Giovanni 16: 33 — Gesù stesso disse che in questo mondo avremo tribolazioni o prove, angoscia e frustrazione. È la natura della vita in un mondo caduto, danneggiato dal peccato.
un. Nonostante questa dura realtà, ha assicurato ai Suoi seguaci che possiamo essere di buon umore (o incoraggiati e fiduciosi) perché ha vinto il mondo.
1. Ci sono molti punti che potremmo e alla fine faremo su questa affermazione. Ma per ora, nota che Gesù ha preceduto la sua affermazione con queste parole: Giovanni 16: 33a — ti ho detto queste cose in modo che in Me tu possa avere pace.
2. Gesù ha contrastato la sua affermazione sulle prove della vita con il fatto che possiamo avere pace attraverso di Lui in mezzo alle difficoltà della vita.
b. Gesù fece questa dichiarazione sulla pace alla fine delle osservazioni fatte durante l'Ultima Cena. La sera prima di essere crocifisso, durante la cena della Pasqua, Gesù impiegò molto tempo a preparare i suoi dodici discepoli per il fatto che li avrebbe presto lasciati (cap. 13-17). Prima di sera, Gesù disse ai Suoi discepoli che avrebbe dato loro la Sua pace. Giovanni 14:27
1. Quell'affermazione deve aver stupito i Suoi seguaci perché erano stati con Lui per oltre tre anni e non l'avevano mai visto agitato, preoccupato o spaventato. Piuttosto il contrario.
2. Gesù sapeva che suo padre era con lui e per lui, proteggendolo e provvedendo a lui. Considera solo alcuni esempi:
A. Non sono solo; Mio padre è con me (Giovanni 8: 16; 29). Mio padre mi ama (Giovanni 17: 23,24).
B. Mio Padre mi ascolta sempre quando prego (Giovanni 11: 41,42). Mio Padre provvede (Giovanni 6:11). Dà i Suoi angeli per proteggermi (Matteo 26:53).
c. Ricorda, Gesù è Dio che diventa uomo senza smettere di essere Dio (molte lezioni per un altro giorno). Il punto per ora è che mentre Gesù era sulla terra, non viveva come Dio. Ha vissuto come un uomo, in dipendenza della vita di Suo Padre in Lui. Atti 10:38; Giovanni 14: 9,10; eccetera.
1. Ecco perché è il nostro esempio di come noi figli e figlie di Dio dovremmo vivere. Gesù è lo standard per il comportamento cristiano. 2 Giovanni 6: XNUMX
2. Se Gesù ha vissuto come Dio mentre era sulla terra, non possiamo essere tenuti allo stesso standard perché non siamo Dio. Siamo esseri umani che hanno Dio come nostro Padre, attraverso la fede in Cristo.
3. Considera il modo in cui questo verso è reso in una parafrasi da James Riggs e osserva diversi punti. Giovanni 4: 27 — E ora nelle parole degli uomini mentre si congedano l'uno dall'altro, io ti dico: "La pace sia con te!" Ma la pace che lascio con te non è il vuoto saluto del congedo quotidiano; è la mia pace - la pace dell'anima che si trova tra conflitti e guai ha la sua fonte nella mia fiducia in Dio e nel mio futuro. Questa è la mia pace e te la do, attraverso la tua ombra in ombra in me, non come il mondo dà, senza pensarci, convenzionalmente, e quindi con scarso significato, ma davvero, efficacemente, davvero. In considerazione di ciò e di tutto ciò che ti ho detto, ti prego di non lasciare che i tuoi cuori siano distratti dall'ansia e dal dolore, né lasciare che abbiano paura.
un. Gesù voleva che capissero che quello che stava facendo era più di un casual augurandogli la pace quando li lasciava, come era consuetudine nella loro cultura. Ti sto dando la pace che ho, attraverso la tua fede in Me.
b. È la pace dell'anima (o della mente) in mezzo a guai e conflitti e nasce dalla mia fiducia in Dio Padre Mio e dalla conoscenza del Mio futuro.
1. Gesù (nella sua umanità) ha vissuto la vita in questo mondo caduto e danneggiato con la pace della mente perché sapeva che suo padre era con lui e lo avrebbe aiutato.
2. Gesù sapeva che il giorno dopo sarebbe andato sulla Croce per prendere su di sé il peccato del mondo. Per la prima volta in assoluto, Gesù sarebbe stato tagliato fuori da Suo Padre e avrebbe dovuto affrontare un destino orribile. Ma sapeva che il suo futuro era nelle mani di suo padre e che poteva fidarsi di suo padre per farcela. Sapeva che ciò che sta davanti supera di gran lunga le sfide che ha dovuto affrontare in questa vita. Matt 27:46; Eb 12: 2; Eb 2: 9: Eb 5: 7; eccetera.
c. In entrambi questi versetti, Giovanni 16:33 e Matteo 11: 28-30, Gesù disse che questa pace viene in parte attraverso le sue parole ai suoi seguaci. Impariamo da Gesù, la Parola vivente, attraverso la Parola scritta, la Bibbia. La sua Parola ci mostra com'è Dio e come lavora. Ci mostra ciò che ha fatto, sta facendo e farà, e questa informazione dà pace alla nostra anima in mezzo alle tempeste della vita.

1. Dobbiamo capire che il nostro problema più grande non è la nostra mancanza di istruzione o vantaggi in questo mondo. Non è il nostro cattivo matrimonio o la nostra mancanza di denaro o la nostra scelta di carriera insoddisfacente. Il nostro problema più grande è che siamo colpevoli di peccato davanti a un Dio santo, e questo ci rende suoi nemici. Rom 5:10
un. Tutti i nostri altri problemi finiscono quando moriamo. Ma le conseguenze del nostro più grande problema entrano in gioco perché, quando lasciamo i nostri corpi alla morte, andiamo in un luogo di separazione eterna da Dio e tutto ciò che è buono. Non c'è pace per i malvagi. Isa 57:21
b. Gesù venne in questo mondo per portare la pace tra Dio e l'uomo. La notte in cui Gesù nacque in questo mondo, gli angeli apparvero ai pastori che tendevano le loro pecore in un campo e proclamarono: Gloria a Dio nella più alta e sulla terra pace, buona volontà verso gli uomini (Luca 2:14, KJV).
1. Le persone fraintendono questo noto versetto nel senso che Gesù è venuto per portare la pace nel mondo. Non l'ha fatto. La pace tra le nazioni non significa nulla se tutti vanno all'inferno. (E non può esserci pace duratura tra gli uomini fino a quando non saranno i primi in pace con Dio.)
2. Gesù stabilirà la pace nel mondo in relazione alla sua seconda venuta. In una delle profezie più conosciute di Gesù prima che venisse in questo mondo, il profeta Isaia si riferiva a Lui come il Principe della Pace che prende i governi sulle sue spalle e porta la pace senza fine. Isa 9: 6,7
3. Luca 2: 14 — e sulla terra la sua pace per gli uomini su cui poggia il suo favore (NEB); e pace sulla terra per gli uomini che sono amici di Dio (Knox); e sulla terra la pace tra gli uomini di cui è ben compiaciuto: uomini di buona volontà, di suo favore. (Amp)
2. Tutti gli esseri umani sono esclusi da Dio a causa del loro peccato. Ef 4: 18 — Eravamo "alienati (alienati, auto-banditi) dalla vita di Dio senza alcuna parte" (Amp).
un. Gesù venne sulla terra per consentire ai nemici di Dio di diventare amici di Dio facendo pace tra Dio e l'uomo attraverso la Croce.
1. Alla Croce, Gesù prese su di sé il nostro peccato e la nostra colpa e pagò il prezzo che dovevamo morendo al posto nostro. Ha preso il nostro posto ed è morto per noi come noi. In tal modo, ha soddisfatto la giustizia per nostro conto.
2. Col 1: 20,21 — Gesù fece pace tra di noi attraverso la Sua morte in modo da poterci riconciliare con Dio. Lo fece in modo tale che: “Sebbene un tempo tu fossi estraniata e alienata da Lui e dall'atteggiamento ostile della mente nelle tue attività malvagie, Eppure ora [Cristo, il Messia,] si è riconciliato [tu con Dio] nel corpo del Suo carne attraverso la morte, al fine di presentarti santo, impeccabile e irreprensibile alla Sua presenza [del Padre] ”(Col 1:23, Amp).
b. Gesù venne sulla terra per salvarci dal nostro peccato giustificandoci. Essere giustificati significa essere dichiarati giusti o accettabili a Dio perché la giustizia è stata soddisfatta a tuo nome attraverso l'opera del tuo sostituto.
1. Rom 5: 1 — Pertanto, poiché siamo giustificati - assolti, dichiarati giusti e dotati di una posizione legittima con Dio - attraverso la fede, cerchiamo di [cogliere il fatto che abbiamo [la pace della riconciliazione] da mantenere e da goditi, pace con Dio attraverso il nostro Signore Gesù Cristo, il Messia, l'Unto. (Amp)
2. Isaia profetizzò anche, sotto l'ispirazione dello Spirito Santo, gli effetti della giustizia che il Messia futuro avrebbe portato al Suo popolo. Isa 32: 17 — E l'effetto della giustizia sarà la pace [interna ed esterna], e il risultato della giustizia, della quiete e della fiducia fiduciosa per sempre. (Amp)
3. Una volta che siamo giustificati, Dio può quindi trattarci come se non avessimo mai peccato e fare ciò che aveva pianificato di fare da prima della fondazione del mondo. Può darci la vita eterna. Tito 1; 2
un. La vita eterna non è vivere per sempre la vita. Tutti gli esseri umani hanno la vita eterna dal momento della loro concezione nel grembo materno, nel senso che nessuno cessa di esistere alla morte. L'unica domanda è se vivrai eternamente con Dio.
1. La vita eterna è un tipo di vita. È la vita in Dio stesso. Questo è il motivo per cui l'analogia della nuova nascita è usata per descrivere la conversione a Cristo. Siamo nati da Dio e diventiamo figli e figlie letterali attraverso la ricezione della vita eterna. 5 Giovanni 1: 11,12; 1; Giovanni 12:3; Giovanni 3: 5-XNUMX; eccetera.
2. Il cristianesimo è più di un rapporto legale con Dio. È vitale, organico. Quando crediamo in Gesù siamo uniti a Lui, alla vita in Lui. Il Nuovo Testamento usa immagini di tre parole per descrivere la nostra relazione con Gesù, tutte raffiguranti l'unione e la vita condivisa; Vite e ramo (Giovanni 15: 5); Testa e corpo (Ef 1: 21,22; Col 1:18); Marito e moglie (Ef 5: 31,32).
b. In Giovanni 16:33 Gesù disse: "In Me, tu hai pace". L'idea c'è attraverso l'unione con me. Può essere giustamente tradotto in questo modo: Attraverso di me (Mont); attraverso l'unione con me (Williams).
1. L'unione con Cristo, resa possibile perché siamo stati giustificati, ci dà la stessa posizione che Gesù, nella sua umanità, ha con il Padre.
2. Gesù dà la sua pace dandoci la stessa posizione che ha (nella sua umanità) con Dio Padre. Ef 2: 17,18
A. Ef 3: 12 — Attraverso l'unione con lui e la fede in lui, abbiamo il coraggio di avvicinarci a Dio con fiducia. (Buona velocità)
B. Rom 5: 2 — Tramite Lui abbiamo anche il [nostro] accesso (ingresso, introduzione mediante fede in questa grazia — stato del favore di Dio — in cui fermamente e in sicurezza (Amp)
3. Giovanni 16: 33 — E ora le mie parole sono finite. Ho detto loro che, in tutta la vita in cui vivete in comunione con me, potete avere la pace, un soggiorno costante per i vostri cuori in mezzo alla tribolazione del mondo. (Parafrasi di Riggs).
4. Prima che Gesù andasse sulla croce per pagare il peccato e consentire a uomini e donne di diventare letterali figli e figlie di Dio attraverso la ricezione della vita eterna, Gesù iniziò a preparare i Suoi seguaci per ciò che avrebbe significato.
un. Insegnò loro (e noi) che Dio è un Padre che si prende cura di coloro che confidano in Lui. Gesù ci ha assicurato che, proprio come il Padre si è preso cura di Suo Figlio Gesù, si prenderà cura di coloro che cercano il Suo regno e la Sua giustizia. Matt 6: 25-34
1. Paolo, a cui è stato insegnato personalmente il messaggio che predicava da Gesù stesso (Gal 1: 11,12), scrisse che possiamo andare a Dio Padre nostro con la certezza che ascolterà e aiuterà, Questa sicurezza e certezza ci dà pace che passa comprensione. Fil 4: 6,7
2. Le sue orecchie sono aperte alle preghiere dei giusti. I Pet 3: 12 — Poiché gli occhi del Signore sono sui giusti — coloro che sono retti e in piedi con Dio — e le sue orecchie sono attente alla loro preghiera. (Amp)
b. Quando Gesù era nelle tempeste della vita (letteralmente e in senso figurato), sapeva di avere l'aiuto di suo Padre e questo gli dava pace. A causa della Croce e della nuova nascita, Dio è ora nostro Padre e abbiamo lo stesso accesso a Lui che Gesù (nella sua umanità) ha fatto quando era su questa terra. E anche noi possiamo avere pace nelle tempeste della vita.

1. Gesù ci ha dato la stessa pace che ha dandoci la stessa posizione con il Padre che ha. Consentitemi di dirlo in un altro modo: potenzialmente ci ha dato la stessa pace.
un. Gesù ha posto alcune condizioni per sperimentare questa pace. Ha detto ai Suoi seguaci che dobbiamo sottometterci a Lui e imparare da Lui, e non lasciare che i nostri cuori siano turbati. Matt 11:29; Giovanni 14:27
b. Dobbiamo scoprire dalla Sua Parola ciò che ha fatto per noi e farà per noi in modo che le nostre aspettative siano coerenti con ciò che ha promesso di fare per noi. E dobbiamo imparare a riconoscere e resistere a cose che ci deruberebbero della nostra pace se glielo permettessimo. Ma quelli sono argomenti per un altro giorno.
2. Fino ad allora, prenditi del tempo per pensare a cosa significa essere riconciliati con Dio, avere pace con Dio. Ripassa i versetti che trattiamo e lascia che la Parola di Dio costruisca una fiducia nel tuo cuore che nulla può venire contro di te che è più grande di Dio tuo Padre. Molto di più la prossima settimana!