L'IRA DEL VECCHIO TESTAMENTO

Scarica PDF
QUEL GIORNO
UNA GIORNATA DI RICONOSCIMENTO
IL GIUDICE DI TUTTA LA TERRA
GESÙ VIENE IN IRA
IL GIORNO DELLA SUA IRA
IL GIORNO DELLA SUA SENTENZA
L'INFERNO, IL LAGO DI FUOCO E LA SECONDA MORTE
RICONOSCERE I TEMPI
GUARDA LA FOTO GRANDE
INCORAGGIATO DALLA GRANDE IMMAGINE
SALVEZZA COMPLETA
INCORAGGIATO DALLA RIVELAZIONE
SPERANZA DALLA RIVELAZIONE
ECCITATO PER IL RITORNO DEL SIGNORE
CONSEGNATO DALL'IRA
L'ORA DEL SUO GIUDIZIO
PERCHÉ E COSA
L'IRA DEL VECCHIO TESTAMENTO
LE AZIONI DI DIO NEL VECCHIO TESTAMENTO
IL DIO DEL VECCHIO E DEI NUOVI TESTAMENTI
SCOPI RISPETTIVI NEL VECCHIO TESTAMENTO
L'INONDAZIONE E LA CONQUISTA
L'ira feroce di Dio
CRUDELE, FERIA, IRA
STA ARRIVANDO UNA SCOSSA
UN REGNO INCREDIBILE
IL FUOCO DI DIO RIMUOVE LA MALEDIZIONE
Le previsioni di Dio avverranno
È QUESTO IL TEMPO?
VIENI SIGNORE GESÙ
1. La Bibbia prevede questi sviluppi. Gesù stesso ha menzionato questi problemi, confrontandoli con la nascita
dolori che indicheranno che il suo ritorno in questo mondo si avvicina. Matteo 24: 6-8
un. Ci stiamo prendendo tempo per capire cosa sta succedendo e perché secondo la Bibbia in modo che possiamo
avere pace, speranza e gioia in mezzo a questi tempi difficili, nonostante ciò che sta accadendo intorno a noi.
b. Nelle nostre lezioni più recenti abbiamo esaminato il fatto che molti cristiani hanno paura del Signore presto
ritornano perché fraintendono alcune cose sull'ira di Dio.
1. C'è un tempo di ira associato alla seconda venuta di Gesù, ma la parola ira non è mai
usato in relazione ai cristiani. È usato per coloro che rifiutano Gesù e la salvezza Lui
ha provveduto attraverso la sua morte e risurrezione. Rom 5: 9; I Tess 1: 9-10; I Thess 5: 9; eccetera.
2. Le persone pensano erroneamente che l'ira di Dio sia un'esplosione emotiva per il peccato dell'uomo perché Lui lo ha fatto
finalmente ne aveva abbastanza. Dio non è certo soddisfatto del peccato, ma la Sua ira è una risposta giudiziaria
o un'amministrazione della giustizia.
3. La parola ira è usata come figura retorica per la punizione o la punizione che ne deriva
infrangere la legge di Dio. L'ira di Dio (o la punizione per il peccato) è l'eterna separazione da Lui per tutti
che nel corso della storia hanno rifiutato di riconoscere Gesù come Salvatore e Signore. II Tess 1: 7-9
2. I punti che abbiamo sollevato finora sollevano una domanda a cui è necessario rispondere. Se l'ira di Dio non lo è
Lui che esplode e lascia che le persone lo abbiano, allora come spieghiamo certi eventi nell'Antico Testamento
dove sembra essere il caso? Esamineremo questo problema nelle prossime lezioni.
un. Più di un cristiano sincero mi ha detto che Dio sembra così diverso nell'Antico Testamento
rispetto a New. E ammettono che certe parti dell'Antico Testamento li disturbano molto.
b. Non abbiamo il tempo di guardare ogni episodio dell'Antico Testamento in cui l'ira e la rabbia di
Dio sono menzionati. Ma possiamo coprire alcune linee guida che ci aiuteranno a vedere che l'ira di Dio
espresso nell'Antico Testamento non è una contraddizione di ciò che vediamo nel Nuovo Testamento.
1. Se non ricevi incoraggiamento e speranza dall'Antico Testamento, allora non lo stai leggendo correttamente.
Leggerlo correttamente significa leggerlo in termini di cultura e contesto in cui è stato scritto.
un. Tutto nella Bibbia (Antico e Nuovo Testamento) è stato scritto da qualcuno a qualcuno
qualcosa. Persone reali hanno scritto ad altre persone reali per comunicare informazioni specifiche
scopi specifici.
b. Per interpretare correttamente un verso devi prendere in considerazione questi tre fattori perché il
Le Scritture non possono significare qualcosa per noi che non avrebbero significato per i primi lettori.
2. L'Antico Testamento è la parte della Bibbia che è stata completata quando Gesù venne per primo sulla terra
tempo. È la Bibbia da cui leggevano e insegnavano Gesù ei suoi primi seguaci.
un. L'Antico Testamento è principalmente una storia di duemila anni del gruppo di persone attraverso il quale Gesù
vennero in questo mondo: gli ebrei o gli ebrei che abitavano la terra di Israele.
b. Tre tipi di libri compongono i trentanove libri dell'Antico Testamento: la storia (dalla Genesi al
Ester), poesia (da Giobbe a Cantico dei Cantici) e profezia (da Isaia a Malachia). Il
libri di poesia e profezia furono scritti durante il periodo di tempo coperto dai libri di storia.

TCC - 1096
2
3. Non faremo uno studio dettagliato della storia di Israele, ma abbiamo bisogno di diversi fatti importanti su di loro
storia per aiutarci a impostare il contesto per l'Antico Testamento.
un. Intorno al 2086 a.C. Dio Onnipotente si rivelò a un uomo di nome Abrahamo e lo condusse nel paese
di Canaan (l'odierna Israele) per stabilirsi. I suoi discendenti alla fine divennero la nazione di Israele.
1. Durante la maggior parte della loro storia fino a poche centinaia di anni prima della nascita di Gesù, Israele
ripetutamente abbandonato Dio per adorare gli idoli e falsi dèi delle persone che vivevano intorno
loro in Canaan. Hanno anche adottato gli stili di vita immorali associati al culto degli idoli.
2. Di conseguenza, in vari momenti della loro storia il popolo ebraico ha commesso molti peccati gravi.
Ad esempio, misero idoli nel tempio di Dio a Gerusalemme e li adorarono (Ez 8).
Fecero idoli di legno e pietra e li adorarono come il loro Creatore invece di Dio (Ger
2:27). Hanno sacrificato i loro bambini agli idoli bruciandoli vivi (Sal 106: 37-38).
b. Quando Dio portò Israele nella Terra Promessa, li avvertì che se avessero adorato gli dei
delle persone intorno a loro avrebbe permesso ai loro nemici di sopraffarli (Dt 4: 25-28). Loro fecero
non prestare attenzione al suo avvertimento.
1. Per diverse centinaia di anni Dio inviò numerosi profeti per avvertire Israele che la distruzione al
le mani dei loro nemici sarebbero venute se non avessero voltato le spalle al culto degli idoli per tornare al Signore.
Molti di questi avvertimenti sono riportati nei libri delle profezie dell'Antico Testamento.
2. Israele rigettò i molti avvertimenti di Dio e, di conseguenza, subì le conseguenze dei loro
peccati orribili. Furono invasi dai loro nemici e alla fine portati via come prigionieri.
Questo è il contesto di molti dei versetti "inquietanti" dell'Antico Testamento.
3. Poiché le persone non capiscono il contesto, applicano erroneamente i versetti scritti in e su Israele
quando hanno abbandonato Dio per adorare gli idoli. Tentano di applicarli a Joe Christian
che fa del suo meglio per servire il Signore, ma di tanto in tanto non è all'altezza.
c. Uno degli scopi principali di Dio nell'Antico Testamento era quello di rivelare Se stesso a Israele e alle nazioni
intorno a Israele come Dio Onnipotente, l'unico Dio onnipotente. Non ci sono altri dei.
1. Quando Dio mise da parte Abrahamo e i suoi discendenti come quelli attraverso i quali Gesù sarebbe venuto
nel mondo, il mondo intero era politeista (adorava molti dei). Solo Israele
adoravano un solo Dio (era monoteista), e hanno lottato con esso.
R. Molti israeliti adorarono gli idoli mentre erano schiavi in ​​Egitto e poi ci tornarono
la via per Canaan dopo essere stati liberati dall'Egitto. Ez 20: 6-10; Eso 32: 1-6
B. Quando finalmente Israele entrò nel paese di Canaan e vi si stabilì, ripetutamente si ritirò
all'adorazione degli idoli e a tutte le cattive pratiche ad esso legate.
2. Gli scrittori dell'Antico Testamento collegavano molti eventi distruttivi con Dio, non perché Egli
li ha causati, ma per aiutare Israele e le nazioni circostanti a riconoscere che non c'è nessun altro dio, no
altro potere. Questo è il motivo per cui ci sono così tante dimostrazioni di potere direttamente collegate a Lui.
R. Dio voleva che gli uomini vedessero quella calamità, non perché il dio del fuoco fosse arrabbiato o il
Dio del raccolto aveva bisogno di essere placato, ma perché erano fuori dal giusto rapporto con
Lui a causa del culto degli idoli.
B. Se Dio si fosse rivelato chiaramente come un Padre amorevole a un mondo con molti dei, Israele
e le nazioni circostanti potrebbero aver concluso che Dio è il dio dell'amore, solo uno in più
dio tra molti dei.
C. C'è pochissima menzione di Dio Uno e Trino (Padre, Figlio e Spirito Santo) o Satana nel
Antico Testamento per lo stesso motivo. Il messaggio di Dio era: io sono l'unico e solo Dio.
4. Dobbiamo anche capire che nella lingua ebraica c'è un tempo verbale che è permissivo piuttosto che
causale. Si dice che Dio faccia ciò che in realtà permette solo. Ad esempio leggiamo: Dio ha portato la malattia
tra il popolo o Dio li ha uccisi.
un. Il testo infatti dice che Dio ha permesso la malattia tra le persone. Ma il tempo verbale è simile

TCC - 1096
3
a un modo di dire in inglese, come la frase "Piove a catinelle". Noi che parliamo la lingua
sappi che la frase non significa che cani e gatti stanno cadendo dal cielo, significa che sta cadendo molta pioggia.
1. Allo stesso modo, i lettori originali dell'Antico Testamento capirono che Dio voleva dire Dio
permesso. A volte capiamo male che Dio permette perché, perché Dio non l'ha fermato, l'ha voluto.
2. Dobbiamo essere chiari su cosa intendiamo per Dio permette. Dio permette alle persone di peccare e andare all'Inferno.
Questo non significa che Lui sia favorevole o in alcun modo dietro di esso.
b. Come ho detto un attimo fa, Dio ha avvertito Israele che se adoravano gli dei delle persone intorno
alla fine sarebbero stati invasi dai loro nemici. Deut 4: 25-28
1. Proprio come disse Dio, quando Israele lo abbandonò per gli idoli, l'Assiria, l'Egitto e Babilonia (tra
altre nazioni) in tempi diversi hanno attaccato Israele. L'Assiria è chiamata la verga dell'ira di Dio (Isa
10: 5). Il re Shishak d'Egitto è chiamato lo strumento dell'ira di Dio (II Cron 12: 7).
La distruzione di Israele da parte di Babilonia è chiamata ira di Dio (II Cron 36: 15-17).
2. Quando l'Antico Testamento dice che l'Assiria e l'Egitto erano strumenti dell'ira e della nazione di Dio
la distruzione fu la Sua ira, non significa che Dio abbia motivato o manipolato l'Egitto, l'Assiria,
o Babilonia. Hanno agito per libero arbitrio.
3. Nell'Antico Testamento Dio collegava gli eventi a Se stesso, anche se non era dietro di essi
in ogni modo, perché voleva che il suo popolo capisse che i guai arrivano quando sei fuori
di giusto rapporto con Me.
c. L'Antico Testamento è una registrazione del piano in atto di Dio per liberare l'umanità dal peccato, dalla corruzione e
morte per croce di Cristo. Ricorda, i propositi di Dio sono sempre redentori. Lui è
cercando persone che può salvare, non distruggere.
1. Affinché le persone possano apprezzare la salvezza offerta da Gesù, l'umanità deve riconoscere la nostra verità
condizione davanti a Dio: colpevole di peccato davanti a un Dio santo e incapace di fare nulla al riguardo.
2. Uno degli scopi principali di Dio nell'Antico Testamento è quello di costruire nella coscienza umana il
fatto che il peccato distrugge in modo che gli uomini si svegliano al loro bisogno di un Salvatore prima di sperimentare il
la distruzione finale che viene dal peccato: la separazione eterna da Dio in un luogo chiamato Inferno.
3. Dobbiamo capire che sono coinvolte questioni redentive. Quando Adamo peccò e prese il
la razza umana e la terra nel porcile del peccato, della corruzione e della morte, Dio ha messo fuori la Sua Parola
che il Redentore (Gesù) sarebbe venuto sulla terra e avrebbe riparato il danno fatto. Gen 3:15
R. A quel punto ha tracciato la linea attraverso la quale Gesù sarebbe venuto in questo mondo (Luca
3: 23-38). Il Signore ha progressivamente rivelato più dettagli, identificando prima il gruppo di persone
attraverso il quale Gesù sarebbe venuto (discendenti di Abramo, Gen 12: 1-13), poi una tribù in
quel gruppo (Giuda, Gen 49:10), e infine una famiglia all'interno della tribù (la famiglia di Davide,
II Sam 7: 12-13).
B. Se queste persone si fossero consacrate permanentemente all'idolatria, lo farebbero
hanno perso la loro identità unica, la Parola di Dio non si sarebbe adempiuta e il Suo piano di
la redenzione non sarebbe stata realizzata. Il destino dell'intera razza umana era
in gioco. Israele doveva essere curato dall'adorazione degli idoli.
C. Nel 586 a.C. Dio permise all'impero babilonese di conquistare Israele (Giuda), distruggendo la città
di Gerusalemme e del Tempio di Salomone, e allontanò i discendenti di Abramo dai loro
patria da settant'anni. Questo li ha guariti dall'adorazione degli idoli. Mai più
ha abbandonato Dio Onnipotente per servire gli idoli.
5. Consideriamo due esempi in cui saper leggere l'Antico Testamento nel suo aspetto storico e culturale
il contesto ci aiuta a capire i versetti "spaventosi".
un. Isa 45: 7 sembra dire che Dio crea il male. In questo brano Dio sta parlando a Ciro, re di
Persia, un impero che ha governato su Israele a un certo punto della sua storia. I persiani credevano in un dio
del bene (il dio della luce) e un dio del male (il dio delle tenebre).

TCC - 1096
4
1. Con la Sua dichiarazione, Dio stava chiarendo al re Ciro: “Ho il completo controllo di
tutto (luce, oscurità, bene, male, tu) perché io sono Dio Onnipotente. Non c'è nessun altro dio. "
Se leggiamo il resto del passaggio questo punto è chiaro. Isa 45: 21-22
2. Quando l'Antico Testamento registra che Dio fa affermazioni come creo il male o rendo sordo
orecchie e occhi ciechi (Es 4:11), Dio non sta dicendo che fa del male alle persone o le rende cieche
o malato. Dio sta dichiarando la sua onnipotenza. È l'unico potere. Non c'è nessun altro dio.
b. Ex 20: 5 è un altro versetto usato per dimostrare che Dio reca cattive circostanze alle persone. Dio ha creato questo
dichiarazione come parte dei Dieci Comandamenti dati a Israele tramite Mosè nel loro cammino verso il
Terra promessa. Aveva appena detto a Israele che non avrebbero avuto altri dèi all'infuori di Lui.
1. Israele non obbedì a Dio. Una volta nel paese di Canaan, adorarono ripetutamente falsi dèi.
Alla fine, come Dio li aveva avvertiti tramite i Suoi profeti, gli israeliti furono sopraffatti e
dispersi dai loro nemici: prima l'Assiria e poi Babilonia.
2. I babilonesi portarono Israele in cattività dove rimasero per settant'anni. Di conseguenza,
i loro figli sono nati in schiavitù a Babilonia, fino al tempo dei loro nipoti e
pronipoti, fino alla terza e quarta generazione,
3. In Es 20: 5 Dio non stava dichiarando il suo piano per punire le persone fino alla quarta generazione. Lui
stava avvertendo Israele delle conseguenze che avrebbe dovuto affrontare se avessero adorato gli idoli in Canaan.

1. La Bibbia è una rivelazione progressiva. Dio ha gradualmente rivelato Se stesso e il suo piano per redimere gli uomini
e le donne fino a quando non avremo la piena rivelazione data in e attraverso Gesù.
un. Eb 1: 1-3 - Dio ci ha parlato da e tramite Gesù. È l'immagine espressa di Dio - il
rappresentazione esatta del Padre. Gesù disse: Se mi hai visto, hai visto il Padre perché
Faccio le Sue opere e pronuncio le Sue parole mediante il Suo potere in Me (Giovanni 14: 9-10).
b. Qualsiasi studio della Bibbia deve iniziare con Gesù perché è la piena rivelazione di Dio nell'uomo
carne. Ecco perché ti incoraggio a diventare un lettore regolare e sistematico del Nuovo Testamento. .
2. Non iniziamo il nostro studio di Dio con l'Antico Testamento. Cominciamo con il Nuovo Testamento perché lo è
una registrazione della vita e del ministero di Gesù, della sua crocifissione e risurrezione, nonché dell'opera del suo primo
apostoli ed essi uscirono e proclamarono ciò che lo avevano sentito dire e lo avevano visto fare
un. Una volta che abbiamo un'immagine completa e chiara di Dio come è rivelato in Gesù, filtriamo l'Antico Testamento
attraverso quella foto.
b. Ciò significa che se hai dieci versetti del Nuovo Testamento che dicono chiaramente una cosa e una
versetto dell'Antico che sembra contraddire i dieci, non buttare via i dieci versi. Presumo che
non hai ancora la piena comprensione di un verso e lo metti sullo scaffale finché non ne ottieni di più
comprensione.
3. Non c'è contraddizione tra il Dio dell'Antico e il Nuovo Testamento. Dio non è diverso nel
Vecchio Testamento. La bontà, la misericordia e l'amore di Dio si trovano in tutto l'Antico Testamento. Noi
a volte dobbiamo guardare un po 'più da vicino perché non sono così chiaramente enunciati per i motivi che abbiamo
ha dichiarato. Dio è buono e buono significa buono, nell'Antico Testamento e nel Nuovo. Altro la prossima settimana!