MAGGIORI INFORMAZIONI SULLA REALTÀ, SUCCESSO E REGRET

Scarica PDF
REALTÀ ED EMOZIONI
REALTÀ E PAURA
REALTÀ E PREOCCUPAZIONE
MAGGIORI INFORMAZIONI SULLA REALTÀ, LA PAURA E LA PREOCCUPAZIONE
REALTÀ E DIRITTO
REALTÀ, SORROW E GIOIA
REALTÀ E REGRET
REALTÀ E PROBLEMA
MAGGIORI INFORMAZIONI SULLA REALTÀ, SUCCESSO E REGRET
REALTÀ E RANGIA A DIO

1. Nelle ultime settimane abbiamo affrontato l'emozione del dolore che si esprime come
dolore, rimpianto e colpa e voglio continuare quella discussione in questa lezione.
un. Il dolore è suscitato quando perdiamo qualcuno o qualcosa a noi caro. Rammarico e colpa sono suscitati
quando le scelte che facciamo producono risultati negativi non possiamo cambiare (decisioni sbagliate che ci fanno male
e / o altri; le decisioni che presumevamo erano buone ma non andavano bene; decisioni peccaminose).
b. Il dolore, la colpa e il rimpianto possono diventare schiaccianti e trasformarsi in disperazione o disperazione se lo sono
non trattato secondo la Parola di Dio. II Cor 2: 7
c. Rammarico e colpa danno origine a "se solo" e ci torturiamo con "se solo avessi fatto questo o avessi avuto
non fatto quello ... ”.
1. Sebbene questa sia una risposta completamente naturale, concentrarsi sul "se solo" alimenta ulteriormente il
dolore emotivo di rimpianto e senso di colpa.
2. Ripensare a ciò che hai fatto o che avresti dovuto o non avresti dovuto fare non produce alcun aspetto positivo.
Quel che è fatto è fatto. Puoi solo affrontare la situazione così com'è, non come avrebbe dovuto essere. 2.
Ognuno prova dolore in questa vita. Esistono due modi per affrontare il dolore della perdita, del rimpianto e
colpa - con o senza speranza.
un. Anche se proviamo veramente dolore o tristezza per la perdita di qualcuno o qualcosa a noi caro,
anche se proviamo veramente dolore o tristezza per le scelte che abbiamo fatto che producono deplorevoli
risultati, possiamo avere speranza nel mezzo del nostro dolore e dolore.
b. La speranza è fiducia nell'aspettativa di venire bene. La speranza non cambierà la tua situazione attuale ma
ti sosterrà fino a quando il dolore della perdita e il rimpianto si attenueranno.
1. L'apostolo Paolo fondò una chiesa nella città di Salonicco per il suo secondo missionario
viaggio. Dopo appena tre settimane scoppiò la persecuzione e Paul fu costretto a lasciare la città.
2. Prima di partire, Paolo condivideva con questi nuovi cristiani che Gesù sarebbe tornato presto. Ma
non erano chiari su cosa sarebbe successo ai loro cari che morivano prima che Gesù ritornasse.
A. Paul ha rivolto loro le domande nella sua prima lettera (I Tess 4: 13-18). Ha detto loro
che non siamo come quelli che soffrono senza speranza (v13). Abbiamo speranza in mezzo a
dolore per la perdita di qualcuno a noi caro.
B. Paolo disse loro perché: I tuoi cari sono attualmente con Gesù e saranno con Lui
quando ritorna. Ci riuniremo tutti l'un l'altro e con i nostri corpi originali
(risorto e glorificato) per stare insieme per sempre. In altre parole, abbiamo speranza.
c. La libertà dal dolore emotivo della perdita, della colpa e del rimpianto viene dal trattare la situazione come
è e come può diventare nelle mani di Dio Onnipotente.
1. Con questa affermazione non intendiamo che il dolore della tua perdita si fermerà immediatamente. Ma speriamo
il mezzo del tuo dolore ti impedirà di sprofondare nella disperazione.
2. E ti aiuterà a impedirti di nutrire il tuo dolore concentrandoti sul "se solo" in modo che
con il passare del tempo, mentre ti adegui alla tua perdita, il dolore diminuirà.
3. Per un cristiano ogni perdita è temporanea. Tutti i fallimenti e gli errori sono perdonabili e risolvibili in entrambi
la vita o la vita a venire. Abbiamo speranza nel mezzo del dolore per la perdita e il rimpianto.
un. La speranza nel dolore è la riunione e la risurrezione. La speranza nella colpa e nel rimpianto è la remissione (asciugandosi
fuori) del peccato e ripristino della perdita. Serviamo il Dio della speranza. Rom 15:13
b. Possa il Dio che ispira la nostra speranza (XX sec.) Riempirti di ogni gioia e pace nella tua fede che entro
il potere dello Spirito Santo, tutta la tua vita e la tua visione possono essere radiosi di speranza (Phillips).
1. Nota che Paolo si riferisce alla tua visione piena di speranza. La tua prospettiva ha a che fare con
come vedi la realtà. La gestione efficace delle emozioni ritorna alla tua visione della realtà.
2. Dobbiamo imparare a vedere oltre come le cose guardano come sono realmente secondo Dio.
TCC – 905
2
c. Dio non ha fatto in modo che il mondo fosse com'è (in schiavitù del peccato, della corruzione e della morte) e non lo è
sarà sempre così. L'obiettivo finale della salvezza è la trasformazione dell'uomo e della terra
o completa liberazione dal peccato, dalla corruzione e dalla morte (intera lezione per altri giorni).
d. Se non in questa vita, nella vita a venire ci saranno restituzione, ricompensa e restaurazione. Questo è
la nostra speranza di fronte a situazioni senza speranza. Rom 8:18; Matt 19:29; Apoc 21: 4; eccetera.
4. Per il resto di questa lezione vogliamo esaminare esempi tratti dalla Bibbia di ciò che i dolori, le perdite, la colpa,
e i rimpianti di questa vita possono diventare nelle mani del Dio della speranza sia in questa vita che nella vita a venire.

1. Gen 37-50 – Joseph subì un grave torto dai suoi fratelli. Hanno peccato contro di lui vendendolo
schiavitù perché erano gelosi di lui. Poi hanno mentito a loro padre su ciò che gli è successo.
Gli hanno letteralmente rubato anni della vita di Joseph.
un. Dio non ha causato, né è stato dietro, nulla di tutto ciò. Le azioni dei fratelli sono nate da gelosia e
cuori omicidi. Ma il Signore ha compiuto le loro azioni peccaminose e ne ha tratto il vero bene.
1. Sebbene perduto per la sua famiglia e la sua terra natale, in una serie di circostanze difficili,
Joseph finì in Egitto con l'incarico di un programma di raccolta e distribuzione di generi alimentari
migliaia sostenute (compresa la sua stessa famiglia) durante una grave carestia.
2. Dio fu molto glorificato quando moltitudini di pagani sentirono parlare dell'Unico Vero Dio e
migliaia furono salvate dalla fame, compresa la famiglia attraverso la quale Gesù sarebbe venuto.
b. Quando esaminiamo la storia di Joseph troviamo quella libertà dal dolore emotivo della perdita e del rimpianto
viene dal trattare la tua situazione così com'è e come può diventare nelle mani di Dio.
2. Non vi è alcuna indicazione che Joseph si concentrasse sul "se solo" nella sua situazione: se solo non fossi stato di papà
preferito. Se solo non avessi raccontato ai miei fratelli dei miei sogni. Se solo non fossi andato a controllarli
il giorno in cui mi hanno rapito. Se solo non fossi stato solo con la moglie di Potifar; ecc. Gen 37: 5; 12-14; 39: 7
un. Nessuna angoscia per "se solo" poteva annullare la difficile situazione di Joseph. La sua unica opzione era quella di trattare
con la sua situazione così com'è. Se Joseph si fosse concentrato sul passato invece di vivere nel presente
momento in cui avrebbe limitato l'aiuto di Dio nelle sue circostanze.
1. La realtà è: Dio era perfettamente presente con Joseph per aiutarlo ad ogni passo lungo la strada
durante il suo calvario. Gen 42: 5 – La mia attuale salvezza e il mio Dio (Spurrell); Sl 46: 1– (Dio
è) un aiuto molto presente e ben dimostrato nei guai (Amp).
2. Joseph è cresciuto ascoltando suo padre Jacob, che racconta la storia di come il Signore ha aperto il cielo
lui, ha promesso di stare con lui, proteggerlo e provvedere a lui, e riportarlo a casa. Gen 28:15
3. Quando leggiamo la storia di Giuseppe, vediamo che Dio era con lui durante la sua difficile prova
e perdite e lo fece fiorire mentre riconosceva Dio. Gen 39: 2,21; 40: 8; 41:16; eccetera.
b. L'atteggiamento di Joseph gli diede pace. Si è sposato e ha avuto figli in Egitto. I loro nomi ci mostrano
Il mondo interiore di Joseph: Manasse significa dimenticare ed Efraim significa fruttuoso. Gen 41: 51,52
1. Ogni volta che ha pronunciato i loro nomi ha dichiarato: Dio mi ha fatto dimenticare tutti i miei problemi e il
famiglia di mio padre; Dio mi ha reso fecondo in questa terra della mia sofferenza (NLT).
2. Se Joseph si fosse concentrato su eventi passati, non avrebbe potuto annullare invece di concentrarsi su Dio con lui
e per lui nel momento presente non avrebbe vissuto quel tipo di pace.
3. Joseph fu in grado di dire dei suoi fratelli e cosa gli fecero: per quanto mi riguarda,
Dio ha trasformato in buono ciò che intendevi per male (Gen 50:20, NLT). L'intento malvagio del loro peccato
fu spazzato via e trasformato nelle mani di Dio.
4. Alla morte di Giacobbe, i fratelli temevano che Giuseppe ora avrebbe reagito. Comunque Giuseppe lo era
così libero dagli effetti del danno che gli hanno fatto che li ha assicurati: Gen 50: 21 - No, non farlo
avere paura. Anzi, io stesso mi prenderò cura di te e delle tue famiglie. E ha parlato molto gentilmente
a loro (NLT).
TCC – 905
3
c. Joseph si riunì con la sua famiglia ma non tornò mai nella sua terra natale a Canaan. Eppure lo sapeva
sta arrivando un giorno di restauro definitivo. Ciò lo ha aiutato a superare ciò che gli è successo.
1. Prima di morire Joseph disse alla sua famiglia: Quando torni a Canaan, riprendi le mie ossa
tu (Gen 50: 24,25; Es 13:19). Sapeva che quando il suo corpo è risuscitato dai morti il ​​primo
il posto in cui starà è Canaan. Dio lo avrà riportato a casa.
2. Giuseppe non solo aveva la certezza dell'aiuto presente di Dio, ma aveva anche la speranza di un futuro pieno
restauro e che lo ha aiutato a superare il dolore della tristezza e del rimpianto nella sua vita.
3. In questo racconto vediamo spazzare via il peccato e i suoi effetti mentre Dio trasformava il vero male in vero
bene. Vediamo la riunione, il restauro e la ricompensa in questa vita e nella vita a venire. Questo account è stato
scritto per darci incoraggiamento e speranza. Di fronte al dispiacere per la perdita, di fronte al rimpianto
scelte povere o peccaminose, abbiamo speranza.

1. Riassumiamo brevemente alcuni fatti sulla morte del bambino. Questo incidente non è una "prova" che Dio può
porta la persona amata a insegnarti una lezione. Questa è una situazione unica.
un. Come re di Israele, David era responsabile di guidare la nazione nella pietà e di cui era accusato
mostrando il Vero Dio ai gruppi di persone che li circondano. Attraverso le sue azioni peccaminose ha fallito
responsabilità e ha portato grande rimprovero a Israele e al Signore. II Sam 12:14
1. Il bambino si ammalò e morì. Dio non è intervenuto e, tramite il profeta Nathan, lui
collegato l'evento a se stesso. La stessa legge di Dio richiedeva una morte per soddisfare la giustizia (Ezek
18). David meritava di morire per il suo peccato.
2. Ma doveva ancora padre Salomone. Se David fosse morto la linea redentrice attraverso la quale il
Verrà il Messia sarebbe stato contrastato (Matteo 1: 6). La morte del bambino è stata il prezzo pagato
per il peccato di David. Dio ha confermato la sua legge di fronte al mondo pagano.
b. Da allora Gesù ha pagato l'intero prezzo per il peccato. Non è richiesta più la morte da coloro che Lo conoscono.
2. I fallimenti di David furono peccaminosi in quanto uccise e commise adulterio. Erano anche relazionali.
Le sue scelte hanno derubato il figlio infantile della vita in questa vita.
un. Per quanto riguarda il bambino, David disse: Non può tornare da me ma io andrò a stare con lui (II Sam
12). David aveva speranza nel mezzo del dolore perché sapeva che ci sarebbe stata la riunione.
b. Quando David è morto e si è riunito con quel bambino, non ha incontrato suo padre con: Come hai potuto
mi hai fatto questo? Come lo sappiamo?
1. Le persone in cielo sono perfette. Fa parte del piano di salvezza di Dio per rimuovere gli effetti di
peccato dalla sua creazione. Ebrei 12:23 descrive le persone in cielo come: solo uomini ora resi perfetti
(Knox); gli uomini retti ora finalmente godono della realizzazione delle loro speranze (Goodspeed).
2. Luca 15: 11-32 è un ritratto della risposta del Cielo a un figlio ribelle che torna a casa. Il figlio
aveva peccato contro il Cielo e aveva gravemente leso suo padre. Eppure non c'è traccia di: come potrebbe
mi fai questo? Le ferite, i dolori, i torti e le ingiustizie di questa vita saranno dimenticati. 3. Salmo
51 ci dà un'idea dei processi mentali di David mentre si occupava del suo peccato, colpa e rimpianto. Non lo siamo
studierò in dettaglio, ma prendiamo in considerazione alcuni punti chiave in relazione alla nostra discussione.
un. Sappiamo che David ha avuto lo stesso tipo di battaglie mentali ed emotive che tutti affrontiamo quando sbagliamo.
v3 – Il mio peccato non è mai fuori dalla mia mente (Moffatt); mi perseguitano giorno e notte (NLT).
1. Confessò il suo peccato e guardò Dio per cancellarlo e liberarlo dalla colpa. v1,2,4,9
–Obliterare le mie trasgressioni (Settanta); spazzare via la mia offesa (NEB) tutta la mia colpa (AAT).
2. David doveva sapere e credere di essere stato purificato da Dio (v7) e che Dio non avrebbe rifiutato
lui. v17 – Non disprezzerai questo cuore affranto e spezzato (Gerusalemme).
b. David aveva speranza nel mezzo del suo dolore. Sapeva che la gioia gli sarebbe stata restituita. Conosceva Dio
TCC – 905
4
produrrebbe trasformazione in lui. Sapeva che Dio avrebbe funzionato bene da tutto.
1. v8 – Mi farai sentire gioia e letizia (ABPS); v9 – Non continuare a guardare i miei peccati.
Rimuovi la macchia della mia colpa. (NLT)
2. v12,13 – Restituiscimi di nuovo la gioia della tua salvezza e rendimi disponibile ad obbedirti.
Allora insegnerò i tuoi modi ai peccatori e loro torneranno da te (NLT).
c. A che cosa derivarono le azioni meritevoli, pentite e colpevoli di David?
1. La relazione di David con il Signore fu così ripristinata che quando fu il suo prossimo figlio, Salomone
Nata a Bathsheba, la Bibbia dice: E il Signore amò il bambino e mandò congratulazioni e
benedizioni tramite Nathan il profeta. David soprannominato il piccolo Jedidiah (significato
"Amato da Geova") per l'interesse del Signore (II Sam 12: 24,25, Bibbia vivente).
2. Quando David morì, il Signore lo accolse nella sua casa celeste. David è stato riunito
con suo figlio. Se Uria è in Paradiso tutto è perdonato e dimenticato.
3. La storia di David ha mostrato a migliaia di cristiani nel corso degli anni il pericolo di prendere poco
si allontana da Dio (David non esce per combattere con i suoi uomini, non distoglie lo sguardo quando lui
vide Bathsheba fare il bagno, non resistendo all'impulso di portarla a casa sua; II Sam 11: 1-5). quelli
piccoli passi preparano il terreno per grandi peccati di adulterio e omicidio. Erano solo i due passi successivi.
4. Il salmo di pentimento di David ha mostrato a generazioni di persone uno spirito rotto e contrito
è ciò che il Signore desidera da noi nei nostri fallimenti. v17– [distrutto dal dolore per il peccato e
umilmente e completamente penitente]. (Amp)

1. Riconosciamo che in una terra maledetta dal peccato popolata da uomini e donne caduti questo genere di
le cose accadono. Tutti noi abbiamo fatto cose di cui ci pentiamo, cose per le quali lottiamo con la colpa. Abbiamo bisogno
per imparare ad affrontarlo secondo la Parola di Dio.
un. Confessa il tuo peccato a Dio. Credi e accetta il suo perdono. Se c'è una situazione relazionale che
puoi fare bene chiedendo perdono, fallo. Ma se è successo qualcosa che non può essere
annullato per qualsiasi motivo, riconosci che non sei senza speranza.
b. La Bibbia dice chiaramente che c'è vita di ristoro, ricompensa e riunione nella vita a venire. Quando noi
sono tutti perfettamente perfezionati in Cielo che la relazione danneggiata sarà corretta.
2. Facciamo parte di qualcosa di più grande di questa vita. Abbiamo un futuro e una speranza nella vita a venire. Nel
il volto dei tuoi fallimenti e delle scelte dispiaciute, non concentrarti sul passato. Non guardare indietro. Fil 3: 13,14
un. Dio è perfettamente presente con te che ami e regni. Se le conseguenze delle tue scelte o
qualcun altro ha creato problemi nella tua vita, non è più grande di Dio. Ti prenderà
fino a quando non ti fa uscire. Può farti prosperare nel mezzo.
b. Se quelle scelte hanno creato una circostanza che non può essere corretta in questa vita, ricordati che lo è
temporaneo e soggetto a cambiamenti per il potere di Dio nella vita a venire. Più la prossima settimana!