VIVERE PER REALTÀ NON VISTE –PT II

Vivere da realtà invisibili
Vivere da realtà invisibili II
Fedeli di Dio
Come funzionano le realtà invisibili
Il regno attuale
Due tipi di conoscenza
Realtà invisibili
Misteri rivelati

1. Vivere secondo la fede significa vivere la tua vita sulla base di realtà invisibili che ci vengono rivelate nella Bibbia.
2. In questa lezione, vogliamo continuare a parlare di come vivere per fede in modo da poter essere, fare e avere tutto ciò che Dio intende per noi in questa vita.

1. Dalla Bibbia apprendiamo che l'uomo è più di un corpo fisico. È uno spirito che vive in un corpo.
II Cor 5: 6-8
un. Sopravviverai al tuo corpo nella sua forma attuale. II Cor 4:16
b. Quando sei nato di nuovo, la vita di Dio è entrata in te, nel tuo spirito. 5 Giovanni 11,12: XNUMX
1. Quella vita ti ha ricreato, ti ha reso una nuova creatura, opera di Dio. II Cor 5:17; Ef 2:10
2. Quella vita è ora la tua posizione e il tuo potere. Tutto in quella vita è in te ora perché quella vita è in te. Giovanni 15: 5; I Cor 1:30
c. Devi governare il tuo corpo e la tua anima (mente ed emozioni) con la nuova vita in te.
2. Dalla Bibbia apprendiamo che due realtà esistono fianco a fianco: il visibile e l'invisibile. II Cor 4:18
un. Il regno visto è quello con cui entriamo in contatto con i nostri sensi fisici. Il regno invisibile è il regno eterno, il regno in cui dimorano Dio ei Suoi santi angeli, il regno del regno di Dio.
b. Il regno invisibile è più reale del regno visto. Non visto non significa non reale o meno reale. Significa invisibile.
1. Il Dio invisibile ha creato tutto ciò che vediamo con la sua parola. I Tim 1:17; Col 1: 15,16
2. L'invisibile ha creato il visto, sopravvivrà al visto e può cambiare il visto. Eb 11: 3;
II Re 6: 13-23
3. Dalla Bibbia apprendiamo che, attraverso la nuova nascita, tu ed io siamo diventati parte del regno invisibile.
un. Col 1: 13 – Ora siamo nel regno invisibile di Dio. Il regno di Dio è il regno invisibile in cui Dio dimora.
b. Alla nuova nascita, la luce e la vita di Dio entrano in noi (i nostri spiriti). Il suo regno entra in noi, connettendoci con il regno invisibile che ci circonda. Ef 5: 8
c. Luca 17: 20,21 – Il regno di Dio dentro di noi è la nuova nascita. Osservazione = evidenza oculare (evidenza ottenuta o percepita dalla vista); all'interno = dentro.
4. Dalla Bibbia apprendiamo che attraverso la nuova nascita, unendoci a Gesù, Dio ha fatto in modo completo per noi di vivere questa vita e la vita a venire. Ef 1: 3
un. Spirituale significa invisibile, immateriale. Non visto non significa non reale o meno reale.
b. Solo perché non possiamo vedere queste cose o comprendere appieno come funzionano a questo punto della nostra esistenza non significa che non siano reali.

1. Vivere la tua vita sulla base di realtà invisibili significa che vivi la tua vita come se queste cose invisibili siano reali, siano davvero lì, influenzino davvero la tua vita.
2. Nell'ultima lezione, abbiamo usato l'esempio di vivere alla luce del telefono per illustrare cosa significa vivere alla luce di qualcosa.
un. Viviamo la nostra vita come se esistessero davvero dei telefoni. Parliamo e ci comportiamo come se esistessero. Ci aspettiamo che facciano determinate cose, contino sul fatto che lavorino per noi, che siano lì quando ne abbiamo bisogno.
b. Non pensiamo nemmeno in termini di fede per usarli. Pensiamo in termini di disponibilità, affidabilità, efficacia.
3. Vivere secondo realtà invisibili significa vivere le nostre vite come se Dio, il suo regno, il suo potere, la sua provvidenza, i cambiamenti in noi perché siamo nati di nuovo, siano reali, siano davvero lì.
un. Parliamo così. Ci comportiamo così. Le nostre azioni dimostrano che sappiamo che l'invisibile è reale.
b. Ci aspettiamo di vedere e sperimentare gli effetti del regno invisibile nelle nostre vite.
c. Le nostre azioni riflettono la nostra dipendenza inconscia da esse.
4. La fede è davvero l'azione che fai in base alla conoscenza che hai delle realtà invisibili.
un. La fede è un'azione che dimostra che stai vivendo in realtà invisibili, proprio come vivi vicino al telefono.
b. Le tue azioni si basano sulla conoscenza del regno invisibile che ci è stato rivelato nella parola di Dio.
c. Le tue azioni corrispondono a ciò che dice la Bibbia sulle realtà invisibili.
5. La gente spesso dice: credo nella Bibbia, in ogni parola dalla Genesi all'Apocalisse. E lo intendono!
un. Ma poi contraddicono la Bibbia con le loro parole o azioni. So cosa dice la Bibbia, ma. Giovanni 11: 24,27,39
b. Ciò che stanno effettivamente esprimendo è il consenso mentale o l'accordo con la verità della Bibbia.
Ma non lo rendono vero per loro (agiscono come è vero per loro) attraverso le loro parole e azioni mentre rispondono alla vita.
6. Per il resto della lezione, vogliamo esaminare alcuni esempi tratti dalla Bibbia delle persone che vivevano alla luce delle informazioni viste e delle persone che vivevano alla luce delle informazioni invisibili per aiutarci a identificare da chi viviamo, e quindi correggilo, se necessario.

1. Le informazioni viste dicevano loro che la tempesta era grave e stava creando onde che riempivano la loro barca.
un. La loro conclusione, valutazione, convinzione, basata sulla vista, era che stavano per morire.
b. Mentre la situazione si svolgeva, le loro parole e le loro azioni corrispondevano perfettamente alla loro convinzione. Possiamo dire ciò in cui credevano con le loro parole e azioni.
2. Anche i discepoli avevano informazioni invisibili in questa situazione: fatti rivelati loro dalla parola di Dio.
un. Sapevano della protezione angelica per il popolo di Dio. Sl 34: 7; 68:17; 91:11; II Re 6: 13-23;
Giovanni 1:51; Matteo 4:11
b. Gesù aveva già predicato il Sermone sul Monte e aveva insegnato loro che avevano un Padre celeste che sapeva di avere bisogni fisici ai quali potevano pregare. Matteo 6: 8-11
1. Il Padre si prende cura degli uccelli e dei fiori e gli importano più di un uccello o di un fiore. Se cercheranno prima il regno di Dio, Lui soddisferà i loro bisogni fisici. Matteo 6: 26-34
2. Il loro Padre è una preghiera che risponde a Dio. Matteo 7: 7-11
c. Avevano visto Gesù in azione abbastanza da avere familiarità con il modo in cui lavorava. Guarda un giorno tipico nella vita e nel ministero di Gesù. Matt 8: 1-17
1. Ha guarito ogni malattia che gli è stata presentata attraverso la sua parola.
2. Era così chiaro come operava Gesù che un centurione romano lo riconosceva. Tutto ciò che Gesù doveva fare era pronunciare la parola e le cose accadevano. v8,9
d. Marco 4: 3-20 – Gesù aveva già raccontato ai discepoli la parabola del seminatore che semina la parola. Gesù aveva spiegato loro come Satana viene a rubare la parola attraverso l'afflizione, la persecuzione e la tribolazione (Matteo 13:21).
3. Di fronte a una tempesta distruttiva, i discepoli avevano informazioni interne (invisibili) sulla cura, il provvedimento e l'aiuto di Dio, tuttavia le prime parole che uscirono dalle loro bocche furono: non ti interessa che periamo?
un. Gesù chiamò questa poca o nessuna fede. Cosa hanno fatto? Rifiutarono e abbandonarono il Signore?
b. No, le loro parole e azioni (paura) hanno mostrato chiaramente che stavano camminando alla luce di ciò che vedevano piuttosto che alla luce di realtà invisibili.

1. Giacomo 2: 14-17 parla del rapporto tra fede e azioni e si riferisce ad Abramo.
un. Alcuni errori commettono alcuni che interpretano questi passaggi. Alcuni dicono:
1. Siamo salvati facendo buone opere. Ciò contraddice il chiaro insegnamento del resto del NT. Tito 3: 5; Ef 2: 8,9
2. Le opere che dobbiamo aggiungere alla nostra fede sono atti di carità. Sì, dobbiamo fare opere di beneficenza, ma non è di questo che parla il versetto.
b. Gli atti che aggiungiamo alla nostra fede sono azioni che dimostrano che crediamo a ciò che Dio ha detto. v18-20
1. v21-24 – Le “opere” di Abrahamo erano l'offerta di Isacco sull'altare del sacrificio. Gen 22
2. v25,26 – Le “opere” di Raab erano aiutare le spie ebraiche a Gerico. Josh 2
c. Giacomo 2:14 - A che serve, fratelli miei, se un uomo professa di avere fede, e tuttavia le sue azioni non corrispondono? (Weymouth)
d. Giacomo 2:18 – No, alcuni diranno: “Tu hai fede, io ho azioni; dimostrami la tua fede oltre alle azioni corrispondenti e io ti proverò la mia con le mie azioni ". (Weymouth)
e. Giacomo 2:22 – Noti che la sua fede cooperava con le sue azioni e che con le sue azioni la sua fede era perfezionata. (Weymouth)
f. Giacomo 2:22 - Nel suo caso, vedete, la fede ha cooperato con le azioni, la fede è stata completata con le azioni. (Moffatt)
2. In che modo le azioni di Abraamo corrispondevano alla fede quando offrì Isacco in sacrificio? Eb 11: 17-19
un. Gen 15: 1-5 – Quando Abrahamo e sua moglie erano troppo vecchi per avere figli, Dio gli promise un figlio.
b. Gen 12: 1-3 - Dio promise inoltre che questo sarebbe stato il figlio per mezzo del quale sarebbe venuta una grande nazione e per mezzo del quale sarebbe venuto il seme, Gesù.
c. Gen 22: 1-18 – Il figlio è nato come Dio aveva promesso. Quindi, Dio chiese ad Abrahamo di sacrificare Isacco. Abrahamo era così convinto della parola (promessa) di Dio a lui (quella di un figlio, una nazione, una terra e un Salvatore) che non aveva bisogno di prove fisiche per questo, compreso lo stesso Isacco.
3. Notate, Abrahamo ha fatto questo mediante la fede, che sta vivendo secondo realtà invisibili, la parola di Dio.
un. Dio aveva detto ad Abrahamo che avrebbe avuto un figlio, una nazione, una terra e un Salvatore.
b. La prova fisica era un dettaglio irrilevante per Abramo e le sue azioni lo hanno dimostrato.
4. Rom 4: 19-21 ci dà un'idea di come visse e agì Abramo.
un. Non considerava ciò che la vista gli diceva. Considerato = osservare completamente; non ci ho pensato. (Knox)
b. Lodava Dio per ciò che non riusciva ancora a vedere.
c. Era completamente persuaso (convinto) che Dio avrebbe adempiuto alla sua promessa.
5. Abramo e gli altri santi OT hanno elogiato la loro fede in Ebrei 11 e hanno vissuto la loro vita alla luce di realtà invisibili. Le loro azioni corrispondevano a ciò in cui credevano.
6. Eb 11:13 - A volte le persone interpretano male un versetto in ebraico e lo ritengono significare che Dio non sempre adempie le sue promesse a noi. Dicono che anche i santi OT non hanno ottenuto tutto ciò che Dio ha promesso.
un Dio non ha detto di no a certe promesse che ha fatto a quelle persone OT. Il tempismo era ed è coinvolto in tutte le promesse di Dio. Gesù è venuto al momento giusto. Gal 4: 4
b. Dio fece numerose promesse ad Abramo. Il tempismo è coinvolto nel rispetto di quelle promesse.
1. Dio promise ad Abramo un figlio, Isacco. FATTO!! Gen 21: 1,2
2. Dio promise ad Abramo che Gesù sarebbe venuto dalla sua stirpe. FATTO!! Gen 12: 3; 17:19
3. Dio ha promesso ad Abramo discendenti più in numero delle stelle e della sabbia.
IN CORSO!! Gen 15: 5; Gal 3:29
4. Dio promise ad Abramo che i suoi discendenti avrebbero avuto la terra per sempre. ANCORA DA COMPIERE !! Gen 13:15; Amos 9:15
c. Dio adempì ogni promessa di cui Abrahamo aveva bisogno nella sua vita durante la sua vita: Isacco, provviste, terra, ricchezza. Gen 24: 1,35; 21: 3; 13: 2
d. Questo versetto non ha nulla a che fare con “non tutti ottengono le loro promesse adempiute in questa vita. Ecco perché non sono stato guarito. "
e. Dobbiamo tenere a mente il quadro generale: realtà invisibili ed eterne. Abraham non ha cessato di esistere quando è morto o è diventato meno reale in qualche modo.
1. È in cielo con il Signore - continua a credere alle promesse di Dio e attende con ansia il giorno in cui tornerà sulla terra con Gesù per vivere ancora una volta nella terra promessa.
2. In questo momento, fa parte della nuvola di testimoni che ci radicano nella nostra camminata di fede. Eb 12: 1

1. Dobbiamo essere completamente persuasi come lo era Abramo. Ciò richiede tempo e fatica.
un. Mentre studiamo la vita di Abrahamo, vediamo che Dio si è rivelato ad Abrahamo e gli ha dato la sua parola più e più volte. Gen 12: 1-3; 15: 1-21; 17: 1-22; 18: 9,10
b. Dio cambiò il nome di Abrahamo in Padre di molte nazioni in modo che Abrahamo potesse pensare e confessare le promesse di Dio. Gen 17: 5
c. Abrahamo fece degli errori lungo la strada. Non sai quanto sei persuaso finché non arriva il test.
2. Dio ha fatto qualcos'altro per Abramo. Diede ad Abramo due prove della sua fedeltà.
un. Ha promesso ad Abramo un figlio e poi ha giurato da solo. Gen 12: 1-3; 13:16; 15: 4,5;
Gen 22: 16-18
b. La base della fede è la parola di Dio: l'integrità di Dio e la Sua parola. Eb 6: 13-18
3. Dio non può mentire e Dio è fedele. Dio è dietro ogni parola che parla.
un. Dio renderà la Sua parola buona per noi, in noi, attraverso di noi - la farà avverare nel regno visibile.
b. Gesù era ed è la garanzia della parola di Dio ad Abramo e a noi. Gen 22; Eb 7:22
4. Se vivremo secondo realtà invisibili rivelateci nella parola di Dio, o vivremo per fede:
un. Dobbiamo prenderci del tempo per meditare (pensare e dire) nella parola di Dio fino alla realtà delle cose invisibili
inizia a sorgere su di noi.
b. Dobbiamo attenerci alla nostra confessione di fede (dicendo la stessa cosa che Dio dice) perché è fedele. Eb 10:23
c. Dobbiamo esaminare onestamente noi stessi e identificare parole e azioni che non corrispondono a ciò che diciamo di credere.
5. Quando le nostre parole e azioni si allineano con la parola di Dio, l'invisibile cambierà ciò che si vede nella nostra vita.