AMI IL TUO VICINO: PARTE IX GIUDIZIO

Ama il modo in cui Dio ama
Io sono egoista
Pensa di non reagire
Pazienza con le persone
Trasforma l'altra guancia
Trattare con rabbia
Rabbia E Ferita
Raca, Tu Matto
A giudicare
Maggiori informazioni sul giudizio

1. Nelle recenti lezioni, ci siamo concentrati su cosa significa amare il tuo prossimo.
2. In questa lezione, vogliamo affrontare un altro aspetto dell'amare gli altri, a giudicare.
un. Giudicare gli altri è uno degli argomenti più fraintesi nel NT.
b. A giudicare = segnaliamo qualcosa in qualcuno che pensiamo sia sbagliato.
1. Abbiamo il diritto di farlo? Le persone hanno il diritto di farlo per noi? 2. Che dire di qualcosa che è chiaramente sbagliato secondo la Bibbia? 3. Come si conciliano il giudicare le persone con le persone amorevoli?
3. Come per ogni altro argomento biblico, l'accurata conoscenza della parola di Dio, presa nel contesto, ci darà un'accurata comprensione dell'argomento. Quella conoscenza applicata ci aiuterà a vivere e ad amare proprio come Cristo. I Giovanni 2: 6; Giovanni 13: 34,35

1. La parola giudice (o derivazioni) è usata 166 volte nel NT.
2. La parola greca il giudice tradotto più spesso nel NT è KRINO.
un. KRINO = distinguere, cioè. decidere (mentalmente o giudizialmente) implicitamente, provare, condannare, punire-vendicare, concludere, condannare, dannare, decretare, determinare, stimare, giudicare, andare a (citare in giudizio), ordinare, mettere in discussione, condannare a, pensare. (Condordanza di Strong)
b. L'elenco sopra mostra tutti i modi in cui la parola viene usata (tradotta) in KJV.
c. In altre traduzioni, troviamo questi usi: separare; scegliere; vedere come distinto; approvare o stimare; essere dell'opinione; per determinare, risolvere o decretare; pronunciare un'opinione su ciò che è giusto e ciò che è sbagliato; pronunciare giudizio o sottoporre a censura (censura = per trovare difetti; criticare come degna la colpa).
d. KRINO ha diversi significati diversi a seconda del contesto.
3. Potremmo dire che giudicare significa formare un'opinione perché vedi qualcosa di distinto o diverso da te o dallo standard in cui vivi.
un. Formare opinioni diverse = conseguenza naturale dell'interazione umana. b. Rispondiamo alle parole e alle azioni degli altri sulla base delle nostre personalità e dei nostri standard, e il risultato sono opinioni divergenti.
c. Quando dici: sta facendo un ottimo lavoro, stai giudicando !! (Giudica un concorso)
4. Dato che in questa lezione ci stiamo occupando in modo specifico della ricerca di errori, dobbiamo fare una distinzione importante. Ci sono due tipi di difetti che vediamo negli altri.
un. Cose sbagliate secondo le nostre opinioni = questioni non morali.
b. Cose che non vanno secondo Dio = questioni morali.
5. La Bibbia riconosce il fatto che formiamo opinioni diverse.
un. La Bibbia riconosce anche il fatto che vedremo persone fare cose sbagliate secondo la parola di Dio e avremo opinioni al riguardo.
b. In altre parole, ci giudichiamo l'un l'altro.
6. La Bibbia non ci dice da nessuna parte di non giudicare. Ci dice COME giudicare - o come formare le nostre opinioni e cosa fare con esse una volta che le abbiamo formate.

1. Se questo è ciò che significa il verso, allora ci sta anche dicendo che non giudicando gli altri, possiamo uscire dall'essere giudicati. Ma saremo tutti giudicati. II Cor 5:10
un. Dopo che v1 dice "non giudicare", v2 ci dice come giudicare = con quale misura.
b. Non puoi obbedire a v6 o v15 se non puoi esercitare il giudizio = giudice.
1. v6 – Ci dice che dobbiamo essere in grado di distinguere tra coloro che ascolteranno la saggezza di Dio e quelli che non lo faranno.
2. v15 – Ci dice che dobbiamo essere in grado di identificare i falsi profeti.
2. Matt 7: 1 ci mette in guardia contro il giudizio critico in cui si riscontra una colpa o in una persona, per poi affrontarla da una posizione di superiorità.
un. Dizionario WE Vine - contesto significa assumere la carica di giudice.
b. Un giudice è superiore a tutti gli altri in tribunale e condanna e dichiara colpevole. Non sederti in giudizio. (XX sec.)
c. Altre traduzioni della parola giudice in questo verso includono: criticare (per trovare la colpa; vedere e sottolineare il male); dire cosa c'è che non va; soggetto a censura (incolpare o trovare colpa; condannare; dichiarare colpevole); condannare; trovare un difetto; guardare in basso; disprezzare; deridere; colpa.
3. v3-5 ci danno una descrizione di ciò che è coinvolto nel giudicare che non dobbiamo fare - una persona sta sottolineando la colpa di un'altra mentre ignora la propria colpa.
un. v3 – Perché continui a guardare il puntino negli occhi di tuo fratello e non presti attenzione al tuo? (Buona velocità)
b. v3 – Com'è possibile che tu possa vedere il granello di polvere che è nell'occhio di tuo fratello e non sei consapevole della trave che è nell'occhio tuo? (Knox)
4. C'è un granello o un problema nella vita di un'altra persona. Non possiamo dire dal contesto se si tratta di un problema morale o non morale.
un. Gesù non si concentra sulla persona con il problema, ma piuttosto su quella che nota il problema.
b. Perché il suo problema è un mote e il tuo un raggio? Il suo problema (colpa) non è la tua preoccupazione; il tuo problema è la tua preoccupazione.
5. Notate, Gesù ha due domande per quella che sottolinea la colpa dell'altro ragazzo.
un. v3 – Perché stai osservando i difetti dell'altro ragazzo?
b. v4 – Che diritto hai (come è) di parlare nella sua vita?
6. Quest'uomo sembra indicare la colpa per il bene di chi ha il problema. Ma questo non può essere il suo vero motivo perché Gesù lo chiama ipocrita. Nota a cosa sta arrivando Gesù:
un. Qual è il motivo dietro la tua consapevolezza dei difetti dell'altro?
b. Che cosa stai facendo con la tua opinione? Perché gli stai parlando?
7. Se la tua vera preoccupazione è la causa della rettitudine, perché non ti occupi di ciò su cui hai il controllo diretto: tu e il tuo raggio !!

1. Ricorda, una delle cose che Gesù sta facendo nel discorso della montagna è esporre i farisei che spesso chiamava ipocriti. Matt 5:20
un. Nel cap. 5 Gesù espose le loro interpretazioni errate della Legge (lettera vs spirito; correggi azioni contro motivi interiori).
b. Nel cap. 6: 1-18 Gesù parlò contro le loro esibizioni pubbliche ipocrite di elemosine, preghiere, digiuni.
c. Senza dubbio, li ha ancora in mente nel capitolo 7 quando si occupa di giudicare. d. In Luca 18: 9-14 Gesù ci dà un esempio di giudizio critico.
2. In Matteo 7: 1-5 Gesù ci mette in guardia dal duro giudizio degli altri da una posizione di superiorità e disprezzo per quella persona.
3. Ricorda, non potremmo obbedire a Matteo 7: 6 o 15 se Gesù sta dicendo che giudicare (formare un'opinione) in sé è sbagliato. Nella prossima lezione arriveremo ai versetti che chiariscono che sono consentite opinioni diverse.
4. Mentre continuiamo a leggere, vediamo che Gesù non ha ancora finito di giudicare.
un. Matteo 7: 7-11 - Abbiamo una delle più meravigliose descrizioni del nostro Padre celeste nel NT. Sebbene non sembri correlarsi, lo fa. Ci torneremo su.
b. v12 – La chiave per la questione del giudizio: tratta gli altri come vuoi essere trattato.
1. Quando qualcuno trova un difetto in te, come vuoi essere trattato? Come uno stupido idiota? Come oggetto di umiliazione? Come meriti? Vuoi che ne parlino a 27 persone?
2. Quando qualcuno ha un'opinione diversa dalla tua, come vorresti essere trattato? Come uno stupido idiota? O come persona che ha una buona ragione per quello che stai facendo?
5. La linea di fondo nel giudicare (vedere differenze e difetti negli altri) è l'amore, un amore che tratta gli altri nel modo in cui vogliamo essere trattati e come Dio ci tratta.
6. Questa è la connessione con i versetti 7-11. Guarda come ci tratta Dio.
un. Meritiamo tale trattamento? Dio è a conoscenza di difetti o mancanze o difetti in noi? Le sue opinioni sono diverse dalle nostre in alcune aree?
b. Dice: a chi è perfetto il Padre fa buoni doni?
c. Quindi, v12-QUINDI = a causa di come Dio ti tratta, ecco come devi trattare gli altri.
7. Nel racconto di Luca del Sermone della Montagna (capitolo 6), otteniamo maggiori informazioni.
un. v37 – Non giudicare - né pronunciare giudizio, né sottoporre a censura - e non sarai giudicato; non condannare e dichiarare colpevole, e non sarai condannato e dichiarato colpevole; assolvere, perdonare e rilasciare (rinunciare al risentimento, lasciarlo cadere), e sarai assolto, perdonato e rilasciato. (Amp)
b. Il contesto di questo verso è amare coloro che non lo meritano. v36 – IMPARA ad essere misericordioso proprio come tuo Padre. (XX secolo)
8. Questi versetti ci forniscono ulteriori spunti sul perché non dovremmo giudicare duramente.
un. v37,38 – Ci sono conseguenze da raccogliere.
b. v39 – Io che cerco di giudicare qualcuno è come il cieco che guida il cieco. Non sono più qualificato per criticarlo di quanto non lo sia io.
c. v40 – Master = insegnante. Gesù, il mio maestro, ora non giudica le persone. Giovanni 3:17 – Condanna = KRINO = giudice. Nemmeno noi dobbiamo farlo.
9. Come fai a sapere se fai questo tipo di giudizio (formazione di opinioni)? Tener conto di:
un. Sei determinato a fare le cose a modo tuo perché tutti gli altri modi sono stupidi?
b. Sei veloce a sottolineare i difetti delle persone? Fanno dieci cose giuste, ma tu ti concentri sull'unica cosa sbagliata.
c. Sei mai un po 'contento quando succede qualcosa di brutto a qualcuno che ha fatto qualcosa che ritieni sia sbagliato?
d. Parli di persone con le quali non hai rapporti diretti e ne giudichi in modo aspro?
e. Formi opinioni senza ottenere tutti i fatti o prendere tempo per capire le circostanze?
f. Assegni motivi a persone che non hai modo di conoscere?

1. Tieni presente che gli esseri umani sono auto-focalizzati e parte della crescita sta identificando le aree egoistiche e si sta allontanando da sé verso Dio e gli altri.
un. Alla nostra carne piace sentirsi superiori e trarre conforto dal sapere che qualcun altro incasina più di noi.
b. La nostra prima risposta alle persone si basa spesso su quella tendenza.
2. Non dare giudizi affrettati. Hanno anche un lato. E non abbiamo necessariamente tutti i fatti. Giovanni 7:51; 24; Giovanni 8:15
3. È quello che quella persona sta facendo dei miei affari? Mi influenza direttamente?
4. Gesù ci ha dato un'istruzione su come trattarci l'un l'altro: amarci l'un l'altro.
un. I Cor 13: 7 - L'amore regge sotto qualsiasi cosa e tutto ciò che viene, è sempre pronto a credere il meglio di ogni persona. (Amp)
b. Anche se pensi che qualcuno stia facendo qualcosa di stupido, perché non dare per scontato che abbiano una buona ragione per farlo.
c. Se senti qualcosa di brutto su qualcuno, rifiutalo o trova il bene in esso.
5. Quando ti trovi in ​​una posizione in cui è necessario un giudizio (formazione di un'opinione), mostra misericordia. È un comando di Dio. Matteo 5: 7; 6:15; Matteo 18: 21-35; Giacomo 2:13
6. Riconosci che esiste una connessione diretta tra il giudizio critico e la tua bocca.
un. Un significato della parola giudice è commentare le colpe degli altri.
b. Giudichiamo qualcuno quando parliamo male di loro, criticandolo. Giacomo 4:11
1. Smetti di parlare l'uno contro l'altro, fratelli. Chiunque abbia l'abitudine di parlare contro suo fratello e di criticare suo fratello, non sei un praticante, ma un critico della legge. (Williams)
2. [Miei] fratelli, non parlate male né accusatevi a vicenda. Chi maligna un fratello o giudica suo fratello sta malignando e criticando la Legge. Ma se giudichi la Legge, non sei un praticante della Legge, ma un censore e un giudice [di essa]. (Amp)
c. Potresti avere motivo per quello che dici, ma non hai il diritto di dirlo.
d. L'amore copre il peccato. Prov 17: 9; 10:12; I Pet 4: 8 – L'amore ha un modo di non guardare i peccati degli altri. (Ogni giorno)
e. Nel momento in cui esprimi la tua opinione nelle mie orecchie, mi influenza e cessa di essere solo la tua opinione.
7. Ricorda, puoi fare queste cose perché sei una nuova creatura con una nuova natura, la natura dell'amore di Dio. Rom 5: 5F. Non abbiamo detto tutto ciò che c'è da dire sul giudizio, ma ricorda questi punti:
1. Possiamo giudicare (formulare un'opinione), ma dobbiamo ricordare le nostre linee guida.
2. Ma non dobbiamo diventare un giudice. Un giudice si trova in una posizione di superiorità. Un giudice condanna = trova colpevole e pronuncia la sentenza; meritano di soffrire.
3. In caso di dubbio, mostra pietà.