LA STORIA DI JOSEPH DÀ PACE

Scarica PDF
FAI IL MIO YOKE SU DI TE
IMPARA DA ME
PACE NELLA TEMPESTA
PACE DELLA MENTE
NON FARE CHE IL TUO CUORE SIA PROBLEMI
PACE NELLA SELEZIONE
IL RINGRAZIAMENTO PORTA LA PACE
ESSERE MENTALE DI DIO
LA STORIA DI JOSEPH DÀ PACE

1. Quando le persone incontrano le prove della vita, sorgono naturalmente alcune domande: perché è successo? Perché Dio non ha impedito che ciò accadesse? Cosa sta facendo Dio? Se non hanno una risposta corretta, queste domande possono spostarci dalla fede e dalla fiducia in Dio alla paura, al dubbio e alla rabbia.
un. Rispondiamo brevemente a queste domande. (Abbiamo discusso delle risposte in dettaglio nelle lezioni precedenti.) Perché accadono cose brutte? Perché quella è la vita in un mondo caduto. Perché Dio non lo ferma? Perché non è il Suo scopo principale sulla terra in questo momento.
1. Dio sta sviluppando il suo piano di redenzione, il suo piano per liberare la sua creazione dalla schiavitù al peccato, alla corruzione e alla morte. Il suo obiettivo principale ora è attirare gli uomini per salvare la conoscenza di Sé attraverso Gesù in modo che possano avere la vita nella vita a venire. Matteo 16:26; Luca 12: 18-21
2. In connessione con la Seconda Venuta di Gesù, il Signore fermerà tutte le prove della vita quando rinnoverà e trasformerà questo mondo. A quel tempo, tutto il dolore e la sofferenza rimossi per sempre, e la vita sarà ciò che Dio ha pianificato che fosse prima che l'umanità peccasse.
b. L'inferno e il dolore in questo mondo attuale sono dovuti alle scelte peccaminose dell'umanità, a cominciare da Adamo. Dio ha dato agli esseri umani il libero arbitrio. Con il libero arbitrio arriva non solo la scelta, ma le conseguenze delle scelte che le persone fanno. Ma Dio è in grado di usare le scelte umane - anche quelle di cui non ha approvato - e far sì che servano al Suo scopo ultimo.
2. Giovanni 16: 33 — La promessa di Dio per noi in mezzo alle difficoltà della vita è la pace della mente. Questa pace ci viene attraverso la Parola di Dio. La Bibbia ci assicura che Dio non è dietro le difficoltà della vita e ci mostra come lavora in mezzo ai problemi della vita per raggiungere i Suoi scopi.
un. La Parola di Dio è piena di resoconti di persone reali in guai reali che hanno ottenuto un vero aiuto da Dio mentre ha promosso il suo piano di redenzione.
b. In questi resoconti vediamo che Dio spesso rimanda la benedizione a breve termine (ponendo fine al problema proprio ora) per risultati eterni a lungo termine. Scopriamo che porta il massimo della gloria a se stesso e il massimo del bene a quante più persone possibile, poiché porta il vero bene dal vero cattivo. Il tempismo di Dio è perfetto e riesce a far passare il suo popolo fino a quando non lo fa uscire.
3. In questa lezione esamineremo un altro di questi resoconti, una testimonianza storica di un vero uomo di nome Joseph che ha ottenuto il vero aiuto di Dio mentre il Signore lavorava nelle sue circostanze.

1. Riassumiamo brevemente la storia di Joseph (Gen 37-50). Abramo ebbe un figlio di nome Isacco. Isacco generò Giacobbe e Giacobbe ebbe dodici figli, uno dei quali era Giuseppe.
un. Joseph era il figlio prediletto di suo padre. Quando Joseph aveva diciassette anni, i suoi gelosi fratelli pianificarono di ucciderlo, ma invece lo vendettero in schiavitù.
b. I mercanti di schiavi portarono Giuseppe in Egitto dove fu acquistato da un uomo di nome Potifar che era un ufficiale del faraone, re d'Egitto. Mentre Joseph era nella casa di Potifar, la moglie dell'uomo accusò falsamente Joseph di stupro e fu mandato in prigione.
1. In prigione Joseph incontrò un maggiordomo e un fornaio che lavoravano per il faraone. Furono incarcerati perché avevano offeso il loro re. Entrambi gli uomini avevano sogni che non capivano. Joseph interpretò i loro sogni nel senso che il fornaio sarebbe stato impiccato e il maggiordomo sarebbe tornato al suo regno. È esattamente quello che è successo.
2. Il maggiordomo appena liberato si dimenticò di Joseph per due anni fino a quando il faraone ebbe sogni che nessuno poteva interpretare. Sulla parola del suo maggiordomo, il faraone convocò Giuseppe per interpretare i sogni. Joseph disse che i sogni prevedevano sette anni di grande abbondanza seguiti da sette anni di carestia e avvertì che la raccolta del cibo inizia immediatamente.
A. Faraone incaricò Joseph, trentenne, di progettare e attuare un programma di raccolta e distribuzione del cibo. A causa degli sforzi di Giuseppe, quando l'Egitto e le nazioni circostanti affrontarono la carestia, c'era molto cibo per nutrire le persone colpite da essa.
I fratelli di B. Joseph furono tra quelli che vennero in Egitto per mangiare. Joseph alla fine si riunì con tutta la sua famiglia quando suo padre, suo fratello e le loro mogli e figli si trasferirono in Egitto per vivere.
2. Perché è successo a Joseph? Perché questa è la vita in una terra maledetta dal peccato. I suoi problemi furono il risultato di una serie di atti di libero arbitrio compiuti da uomini e donne caduti influenzati da Satana. I suoi fratelli hanno scelto di venderlo come schiavo e la moglie di Potifar ha scelto di accusarlo falsamente di stupro. Considera questi punti.
un. Sappiamo che Dio non era la fonte dei problemi di Giuseppe perché, Gesù che è Dio e ci mostra Dio, non trattava mai nessuno come i fratelli di Giuseppe lo trattavano (Giovanni 14: 9-10; Giovanni 5:19). Nota che il Signore liberò Giuseppe dalle sue afflizioni (Atti 7: 9-10). Dio non affligge le persone, direttamente o indirettamente, solo per voltarsi e liberarle. Sarebbe una casa divisa. Matteo 12: 25-26
b. Il calvario di Joseph ha le impronte digitali di Satana dappertutto. La Bibbia dice che il diavolo è un assassino e un bugiardo che cerca di rubare e divorare uomini. Giovanni 8:44; Giovanni 10:10; I Pet 5: 8
1. I fratelli di Joseph progettarono di ucciderlo e poi mentire al padre su ciò che realmente accadde. Anche la moglie di Potifar mentì e, di conseguenza, rubò anni della vita di Giuseppe, tutti segni distintivi del diavolo.
2. Satana ha causato direttamente i problemi di Joseph? La Bibbia non dice. Ma sappiamo che lavora su uomini non salvati attraverso la nostra carne caduta (Ef 2: 2). Presenta le nostre menti (salvate e non salvate) con pensieri nel tentativo di influenzare il comportamento (II Cor 11: 3; Ef 6:11). Come dio di questo mondo (II Cor 4: 4), Satana aveva avuto accesso ai fratelli di Joseph e a tutte le persone lungo la strada, insieme all'opportunità di influenzare i loro comportamenti.
3. Prima di andare avanti, dobbiamo chiarire eventuali equivoci. Alcuni potrebbero dire: Dio potrebbe non aver causato i problemi di Giuseppe, ma li ha permessi. E Dio non ha il diavolo al guinzaglio e talvolta non usa il diavolo per perfezionare il suo popolo?
un. Ricorda quello che abbiamo già detto sulla frase che "Dio permette". Questa affermazione non si trova nella Bibbia come la usiamo. L'abbiamo caricato con un significato non coerente con la Scrittura. 1. Per molti di noi, implicito nella frase "Dio lo ha permesso", è l'idea che, poiché Dio non lo ha fermato, è per esso, approvandolo o dietro in qualche modo. Dio permette alle persone di peccare. Ciò non significa che sia per esso o dietro ad esso in alcun modo. Uomini e donne hanno davvero il libero arbitrio.
2. Dio non impedisce alle persone di fare delle scelte. Se avesse annullato la volontà di qualcuno, l'avrebbe fatto per la loro salvezza eterna, non per rendere le nostre vite più facili.
3. Gran parte dei problemi nella vita è il risultato delle scelte di altre persone. Quindi preghiamo Dio: impedisci a quella persona di fare ciò che sta facendo. Ma gli stiamo chiedendo di fare qualcosa che non ha promesso di fare.
b. Dio e il diavolo non stanno lavorando insieme. In nessun luogo la Bibbia chiama Satana strumento di insegnamento e perfezionamento di Dio. Il nome Satana deriva da una parola che significa avversario. (Che dire di Giobbe? Per una discussione approfondita, leggi il capitolo 6 del mio libro, Dio è buono e il buono significa buono.)
1. La Bibbia ci dice di resistere al diavolo (Giacomo 4: 7). Se è lo strumento di Dio inviato per perfezionarci, come puoi resistere e ricevere ancora l'insegnamento che Dio presumibilmente sta inviando attraverso di lui?
2. Lo Spirito Santo è il Maestro della chiesa e la Parola di Dio è il suo strumento di insegnamento. Giovanni 14:26; II Tim 3: 16-17; Ef 4: 11-12; Ef 5: 25-27; Giovanni 15: 3; eccetera.
4. Ritorno alla storia di Joseph. In ciò che gli è accaduto possiamo vedere come Dio abbia massimizzato le conseguenze della scelta umana per la sua gloria e molto bene. Vediamo anche che è stato coinvolto il tempismo. Dio rimandò la benedizione a breve termine (fermando i problemi prima o appena sono iniziati) per risultati eterni a lungo termine.
un. Perché Dio non ha avvertito Joseph in anticipo di ciò che i suoi fratelli intendevano fare o fermarlo immediatamente? 1. Ciò non avrebbe risolto il problema di Joseph perché i suoi fratelli avrebbero ancora avuto odio e omicidio nei loro cuori nei suoi confronti. Sarebbe riemerso un'altra volta in un altro modo.
2. Se Dio avesse fermato il problema in qualsiasi momento, Joseph non sarebbe finito in Egitto per occuparsi di un programma di distribuzione di cibo e lui e la sua famiglia non sarebbero sopravvissuti alla carestia.
3. Se la famiglia fosse stata spazzata via, il piano di redenzione di Dio sarebbe stato vanificato perché Gesù venne al mondo attraverso la famiglia di Giuseppe. I risultati eterni sono più importanti delle benedizioni temporanee.
b. Perché Dio non intervenne quando la moglie di Potifar mentì su Giuseppe? Perché poteva vedere dove avrebbero portato le sue scelte. Joseph andò in prigione, ma fu in prigione che incontrò il maggiordomo che era il suo legame con il Faraone.
c. Dopo che il maggiordomo fu rilasciato dalla prigione, si dimenticò di Joseph e del suo caso di falsa prigione per due anni. Perché Dio non ha ricordato al maggiordomo?
1. Se il caso fosse stato portato davanti al Faraone prima dei sogni preoccupanti del re, Giuseppe avrebbe potuto essere rilasciato dalla prigione, ma non ci sarebbe stato motivo per il Faraone di promuoverlo. Potrebbe essere sbiadito nell'oscurità in Egitto o essere tornato a Canaan e forse morto nella carestia.
2. Ancora una volta, vediamo una benedizione temporanea a breve termine rimandata per risultati eterni a lungo termine.
5. Dio ha tratto grande bene dal male fatto a Giuseppe. Joseph finì per nutrire la sua famiglia e preservare la linea attraverso la quale Gesù un giorno sarebbe arrivato. Il suo piano alimentare ha anche salvato migliaia di persone dalla fame e moltitudini di adoratori di idoli hanno sentito parlare dell'Unico e Solo Dio, Geova.
un. Durante la servitù di Giuseppe nella casa di Potifar, Potifar, un adoratore degli dei dell'Egitto, si rese conto che Dio Onnipotente era con Giuseppe. Gen 39: 3
b. Mentre era in prigione, Joseph riconobbe Dio come colui che gli diede interpretazioni accurate dei sogni del fornaio e del maggiordomo. Di conseguenza, molti più adoratori di idoli egiziani sentirono parlare dell'Unico Dio Onnipotente. Gen 40: 8
c. Quando Joseph fu portato davanti al Faraone per interpretare i suoi sogni, Joseph attribuì al Signore l'interprete. E il re riconobbe che Dio era al lavoro in Giuseppe. Gen 41: 38-39
d. Molti paesi vennero in Egitto per mangiare durante gli anni della carestia. Un gran numero di queste persone probabilmente hanno sentito parlare del Sovrano Signore quando gli è stato detto perché l'Egitto aveva cibo in abbondanza quando nessun altro lo ha fatto. Gen 41:57
6. Dio ha portato Joseph attraverso il suo calvario fino a quando non lo ha tirato fuori. Non solo il Signore ha preservato Joseph, ma l'ha fatto prosperare in circostanze molto difficili.
un. Joseph avanzò rapidamente quando arrivò a casa di Potifar come schiavo, e Potifar gli diede l'incarico su tutta la famiglia. Gen 39: 2-4
b. Sebbene Joseph sia stato accusato di stupro e la morte sia stata la pena standard per questo crimine, Faraone lo ha condannato al carcere per prigionieri politici invece che per l'esecuzione. Joseph fu messo in ferri in prigione, ma fu liberato da quelle catene e incaricato dell'intera prigione. Quando arrivarono il maggiordomo e il fornaio, Joseph divenne il loro cameriere. Gen 39: 21-23
c. Joseph fu infine promosso al secondo posto in comando in Egitto. (Solo il faraone aveva un rango più alto.) Anche a Joseph fu data una moglie con la quale allevò una famiglia. Gen 41:40; Gen 41: 51-52
7. La storia di Giuseppe ci dà la pace perché è un esempio di vita reale di come Dio opera in un mondo caduto. un. Poiché l'intera storia insieme al risultato finale viene registrata, possiamo chiaramente vedere come quella che sembrava una perdita o una battuta d'arresto fosse in realtà un trampolino di lancio verso la vittoria.
b. Vediamo come Dio ha portato il vero bene dal vero male mentre usava il problema (la prova di Joseph) per risolvere un problema (morte potenziale per fame della linea attraverso la quale verrà il Redentore) e circostanze massimizzate (ha portato la conoscenza del vero Dio a moltitudini).

1. La promessa di Dio al suo popolo è che manterrà in pace coloro le cui menti sono fisse su di lui.
Isa 26: 3 — Manterrai in perfetta pace tutti coloro che confidano in te, i cui pensieri sono fissi su di te. (NLT)
un. Quando leggiamo il resoconto del calvario di Giuseppe, scopriamo che la sua fiducia era in Dio, ed egli espresse quella fiducia riconoscendolo continuamente.
1. Quando Potifar acquistò Joseph, notò che Dio era con Joseph, facendolo prosperare. Quando Joseph andò in prigione, anche la prigione notò lo stesso. Gen 39: 1-4; Gen 39: 21-23
2. Questi due uomini non potevano vedere Dio con i loro occhi. Quindi come facevano a sapere che Dio aveva aiutato Joseph? Deve aver riconosciuto Dio in modo dimostrabile. Riconoscere Dio significa lodarlo parlando di chi è e di ciò che ha fatto, sta facendo e farà. Chiaramente, Joseph ha elogiato o riconosciuto Dio alla presenza di Potifar e del carceriere.
b. Quando la moglie di Potifar cercò di sedurre Giuseppe, respinse i suoi progressi con: Come posso peccare contro Dio? Notate, non stava pensando in termini di "come potrebbe Dio farmi questo". Era concentrato sulla sua responsabilità verso Dio. Gen 39: 9
c. I nomi dei figli di Joseph ci danno una visione completa del suo stato d'animo durante tutto il suo calvario. 1. Gen 41: 51-52: Manasse significa dimenticare. "Dio mi ha fatto dimenticare tutti i miei problemi e la famiglia di mio padre" (NLT). Efraim significa fruttuoso. "Dio mi ha reso fecondo nella terra della mia sofferenza" (NLT)
2. Ogni volta che Joseph pronunciava i nomi dei suoi figli, proclamava che Dio aveva portato via i ricordi dolorosi delle sue difficoltà e perdite e gli aveva dato una vita di abbondanza in quella che era stata una terra di sofferenza. Questa è tranquillità
2. Giuseppe ha talmente tanta pace e vittoria nella sua situazione che quando i suoi fratelli vennero in Egitto per procurarsi il cibo, fu in grado di dire loro: Dio mi ha mandato davanti a te per preservare la tua vita. Gen 45: 5-7
un. Quando Joseph disse che Dio lo aveva mandato in Egitto, non intendeva dire che Dio aveva causato i suoi problemi. Piuttosto, stava esprimendo il modo in cui Dio ha il controllo del suo universo e della sua scelta umana.
1. Dio non ha causato nulla di tutto ciò, ma l'ha usato tutto. Dio sapeva cosa avrebbero fatto i fratelli a Joseph prima che lo facessero e ha elaborato le loro scelte nel suo piano. I fratelli di Joseph gli fecero un gran male. Ma Dio ha usato le loro scelte malvagie per portare Joseph in una posizione di potere in Egitto, dove sono state salvate innumerevoli vite e moltitudini di persone hanno sentito parlare di Geova, l'unico vero Dio. Ecco come Dio era ed è nel controllo.
2. Alla fine tutto ciò che Joseph fu in grado di dichiarare ai suoi fratelli: “Per quanto mi riguarda, Dio ha trasformato in buono ciò che intendevi per male. Mi ha portato nella posizione più alta che ho oggi per poter salvare la vita di molte persone ”(Gen 50:20, NLT). Questa è tranquillità.
b. Joseph aveva una prospettiva eterna che gli dava tranquillità e gli impediva di diventare amaro. 1. Sebbene non sia mai tornato in patria durante la sua vita, sapeva che sarebbe tornato nella terra che Dio aveva promesso a lui e alla sua famiglia. Prima di morire, Joseph fece giurare alla sua famiglia di portare con sé le ossa quando tornarono a Canaan come sapeva che avrebbero fatto. Gen 50: 24-25
2. Quando Gesù tornerà sulla terra e avrà luogo la resurrezione dei morti, le ossa di Giuseppe usciranno dal terreno e il primo posto si ergerà quando si riunirà con il suo corpo è Canaan.

1. Mantenere la mente focalizzata su Dio attraverso la Sua Parola richiede uno sforzo quando sei nella tempesta a causa di ciò che vedi e senti.
un. Immagina cosa doveva affrontare Joseph per quanto riguarda i pensieri e le emozioni, quando fu tradito dai suoi stessi fratelli e portato come prigioniero in una terra straniera non sapendo cosa lo aspettava. Cosa ho fatto per meritare questo? Dio non deve amarmi. Dio è un Dio cattivo, ingiusto.
b. Ma se noi, come Giuseppe, possiamo imparare a riconoscere Dio in mezzo ai nostri problemi parlando di quanto è buono e di quanto sia grande, avremo pace nella tempesta.
2. Puoi rispondere alle domande e ai pensieri preoccupanti che arrivano a tutti noi nei momenti difficili con la verità: Dio non ha causato nulla di tutto ciò, ma vede un modo per usarlo per i Suoi scopi. Porterà il massimo della gloria a se stesso e il massimo del bene a quante più persone possibile, portando il vero bene dal vero cattivo. Mi farà passare fino a quando non mi fa uscire. Molto di più la prossima settimana.