REALTÀ INVISIBILI

Vivere da realtà invisibili
Vivere da realtà invisibili II
Fedeli di Dio
Come funzionano le realtà invisibili
Il regno attuale
Due tipi di conoscenza
Realtà invisibili
Misteri rivelati

1. Ci sono due tipi di conoscenza a nostra disposizione: conoscenza dei sensi e conoscenza della rivelazione.
un. La conoscenza sensoriale è l'informazione che ci arriva attraverso i nostri cinque sensi fisici.
b. La conoscenza della rivelazione è l'informazione che Dio ci ha rivelato nella Bibbia.
2. La conoscenza dei sensi è limitata. Non può dirci nulla al di là di ciò che vediamo, sentiamo, assaggiamo, odoriamo o sentiamo.
un. Ma c'è un regno al di là di ciò che possiamo vedere, sentire, gustare, odorare e sentire: il regno invisibile.
II Cor 4: 18
b. Attraverso la nuova nascita, siamo diventati parte del regno invisibile e invisibile di Dio. Col 1:13; Luca 17: 20,21
c. E tutto il nostro aiuto, provvidenza e potere in questa vita proviene da quel regno invisibile. Ef 1: 3
3. Dio ha scelto di rivelare i fatti su questo regno invisibile e queste realtà invisibili nella Bibbia.
un. È essenziale che otteniamo la nostra immagine della realtà dalla Bibbia, dalla conoscenza della rivelazione.
b. È fondamentale che impariamo a vivere alla luce di queste realtà invisibili - vivere come se fossero reali (perché lo sono).
4. In questa lezione, vogliamo continuare a enfatizzare il valore e la realtà delle informazioni invisibili e l'importanza di imparare a vivere secondo tali informazioni.

1. L'evento centrale del cristianesimo è la morte, la sepoltura e la risurrezione di Gesù Cristo.
2. Le persone che videro Gesù crocifisso e risorto avevano informazioni sulla conoscenza dei sensi dell'evento: cosa potevano vedere, udire, sentire, ecc.
un. Sebbene le informazioni che avevano erano accurate, erano limitate.
b. In piedi ai piedi della Croce, i discepoli non potevano dire perché accadde, cosa realizzò o quale valore avesse per chiunque.
3. Mentre Gesù pendeva sulla croce, nel regno invisibile stavano accadendo tutti i tipi di cose.
un. Mentre Gesù pendeva sulla croce, Dio Padre imponeva i nostri peccati e le nostre malattie su di Lui, sul Suo spirito (la parte invisibile di Lui). Isa 53: 4-6,10
b. La sua anima (la parte invisibile di Lui) fu fatta un'offerta per il peccato. Isa 53: 10,11
c. Sulla croce, Gesù fu fatto peccato. Ha preso la nostra natura di peccato su se stesso. II Cor 5:21
d. Non solo è andato alla Croce per noi, è andato alla Croce come noi. Eravamo uniti a Lui nella sua morte. Quando Gesù è morto, siamo morti. Rom 6: 6; Gal 2:20
e. Quando il suo corpo morì e lo lasciò, Gesù andò all'inferno a soffrire per noi come noi. Ci siamo andati con lui. Atti 2: 24-32; Isa 53:11
f. Quando fu risuscitato dai morti e riportato alla vita e al rapporto con il Padre, anche noi fummo risuscitati. Ef 2: 5,6
4. Nessuna di queste cose poteva essere vista con gli occhi fisici mentre i discepoli assistevano alla crocifissione e alla risurrezione di Gesù
un. Eppure queste cose sono reali. Sono successe davvero. E, esiste il potenziale per queste cose di avere un impatto enorme su ogni essere umano se risponderemo ad esse.
b. Tieni presente che se non avessimo le informazioni fornite nella Bibbia (conoscenza della rivelazione) non conosceremmo nessuno degli aspetti invisibili della morte, della sepoltura e della risurrezione di Gesù.

1. Nota un punto importante. Una delle prime cose che Gesù fece fu rimproverare i Suoi seguaci per non credere alle Scritture sulla Sua morte e risurrezione. Luca 24: 25-27; Marco 16: 9-14
un. Gesù si aspettava che credessero alle Scritture.
b. Ciò significa che sono stati in grado di credere.
2. Credere inizia con un atto di volontà. Scelgo di accettare come fatto ciò che Dio ha detto. Giovanni 20:25
un. Quando si tratta di fede e credenza, spesso adottiamo questo approccio: come posso credere? Non ho abbastanza fede. Aiuta la mia incredulità.
1. Ma, attenzione, l'intera attenzione è su di me, mio, I.
2. La fede non si basa su di me, mio, io, ma su Dio - la sua grandezza e la sua fedeltà.
b. Perché Gesù si aspettava che credessero alle Scritture? Non per la loro grande fede, ma perché la Bibbia era, è, Dio che parla con loro (e con noi).
c. La fede si basa sull'integrità della parola di Dio, sul fatto che la Bibbia è Dio che mi parla ora - Dio che non può mentire, Dio che è fedele.
d. Devi capire che se vivrai secondo la conoscenza della rivelazione.
3. Non possiamo conoscere o trarre beneficio in questa vita da tutto ciò che Dio ha per noi senza la conoscenza della rivelazione - le informazioni che ci vengono fornite nella Bibbia.
un. Dobbiamo dedicare del tempo per scoprire cosa dice la Bibbia: ricavare da essa la nostra immagine della realtà.
b. Dobbiamo scegliere di accettarlo come un fatto perché è Dio che parla. La Bibbia è Dio che mi parla ora. E risolve ogni argomento presentato dalla conoscenza dei sensi.
c. Dobbiamo dedicare del tempo a meditare sulla conoscenza della rivelazione (la Bibbia) fino a quando la realtà di essa sorge su di noi e che l'informazione diventa parte della nostra coscienza tanto quanto due più due.

1. v36-39 – Gesù si mostrò loro. Lasciò che lo toccassero per dimostrare che non era un fantasma.
2. v44-48 – Gesù iniziò a spiegare le scritture OT riguardo alla Sua crocifissione e diede loro il "perché" dietro di essa.
un. È morto come sacrificio per il peccato e ha soddisfatto le pretese di giustizia contro ogni uomo. Isa 53: 4-12
b. E tutti coloro che si pentono (si rivolgono al Signore) riceveranno la remissione dei peccati = i loro peccati cancellati e rimossi.
3. Giovanni 20: 19-23 – I discepoli credettero a ciò che Gesù aveva detto loro, ricevettero la vita eterna e nacquero di nuovo. Gen 2: 7
4. Marco 16: 15-18; Luca 24: 47,48 – Gesù iniziò a spiegare loro la loro missione. Come testimoni oculari della crocifissione (morte, sepoltura e risurrezione), dovevano uscire e predicare il pentimento e la remissione dei peccati.
5. Nel Giorno della Resurrezione accadde qualcos'altro di affascinante. Durante l'Ultima Cena, Gesù disse ai discepoli che non avrebbe mangiato e bevuto più con loro finché non avessero mangiato insieme nel regno di Suo Padre.
Matt 26: 26-29
un. Gesù ha mantenuto la sua promessa per loro, mantenendola nel Giorno della Resurrezione.
b. Ricorda, i discepoli sono nati di nuovo in questo incontro con Gesù. Quando nacquero di nuovo, entrarono nel regno di Dio. Col 1:13; Luca 17: 20,21
c. Qui, il giorno della risurrezione, Gesù ei suoi discepoli mangiarono e bevvero insieme, tutti nel regno di Dio. Luca 24: 30,31; 41-43; Marco 16:14: Atti 10:41
d. In quel momento, i discepoli erano veramente nel regno come lo siamo tu ed io ora, perché il regno era entrato in loro attraverso la nuova nascita, proprio come è avvenuto in noi.
6. Atti 1: 3 – Gesù trascorse altri quaranta giorni con gli apostoli, dando loro la conoscenza (rivelazione) invisibile prima di tornare in cielo.

1. Gesù aveva molte altre cose da dire. E, ha scelto di rivelarli principalmente all'apostolo Paolo.
2. Paolo non era uno dei seguaci originali di Gesù. Era un fariseo ebreo che perseguitava i primi cristiani. Fil 3: 5,6
a .. Non ci sono prove che Paolo abbia avuto alcun contatto con (percepire la conoscenza di) Gesù. Le tradizioni dicono che è nato il secondo anno dopo che Gesù venne sulla terra.
b. Circa due anni dopo il ritorno di Gesù in cielo, Paolo era in viaggio per la città di Damasco per arrestare i cristiani quando Gesù apparve improvvisamente a Paolo e si convertì. Atti 9: 1-9
3. Atti 9: 15,16 – Paolo aveva una chiamata unica nella sua vita. Dio ha una missione speciale per lui.
un. Quando Gesù apparve a Paolo, disse a Paolo un po 'di ciò che doveva predicare. Ma Gesù disse anche a Paolo che gli sarebbe apparso più tardi e gli avrebbe dato ulteriori informazioni.
Atti 26: 15-18
b. Questo è esattamente quello che è successo. In seguito Gesù insegnò direttamente a Paolo fatti invisibili su ciò che la sua morte, sepoltura e risurrezione compirono. Gal 1: 11-23; 2: 1,2
4. Gesù rivelò a Paolo cose che non aveva ancora detto a nessun altro, inclusi i suoi dodici discepoli. A Paolo fu concesso il privilegio di rivelare alcuni misteri di Dio. È chiamato amministratore dei misteri di Dio. 4 Cor 1: XNUMX
un. Nel NT, mistero non significa qualcosa che non può essere conosciuto o che deve essere tenuto segreto.
b. Il mistero si riferisce a piani e opere di Dio che fino a quel momento non erano stati rivelati. Per esempio:
1. Dio rivelò a Paolo il fatto precedentemente sconosciuto che stava arrivando una generazione di credenti che non avrebbe visto la morte fisica. 15 Cor 50: 53-XNUMX
2. Attraverso Paolo, Dio ha rivelato il mistero della Chiesa - il fatto che la Chiesa doveva essere il Corpo di Cristo ed era composta sia da Giudei che da Gentili. Ef 3: 1-11
3. Attraverso Paolo, Dio rivelò il fatto precedentemente sconosciuto che la Chiesa doveva essere la Sposa di Cristo. Ef 5: 28-32
5. Attraverso Paolo, Dio rivelò i piani e gli scopi invisibili che realizzò attraverso la Croce di Cristo.
un. Una delle cose che Dio ha rivelato a Paolo, e attraverso Paolo a noi, è che tutti coloro che credono in Cristo e nel Suo sacrificio sono uniti a Gesù attraverso la vita condivisa. Col 1: 25-27
b. Gli eventi invisibili della morte, sepoltura e resurrezione hanno reso possibile quell'unione.
6. Il piano di Dio sin da prima di formare la terra era di avere figli e figlie santi conformi all'immagine di Cristo. Ef 1: 4,5; Rom 8:29
un. Un santo Dio non può avere peccatori (per natura e azione) come figli e figlie.
b. Quindi, Dio ci ha unito a Gesù sulla Croce - ci ha puniti, giustiziati e seppelliti attraverso, con, il nostro sostituto. Quindi, Dio ci ha risuscitato insieme a Gesù a una nuova vita.
c. Quando una persona rende Gesù Signore della sua vita e accetta i fatti della Croce, ciò che è accaduto alla Croce ha effetto per quella persona. I suoi peccati sono rimessi (rimossi).
d. Dio può quindi legalmente rendere quella persona il suo bambino letterale mettendo la sua vita reale in lui.
5 Giovanni 1: 5; 11,12: XNUMX
7. Nel Libro degli Atti, abbiamo la storia della Chiesa primitiva (chi viene salvato, quando, dove e come). Ma c'è poca dottrina o spiegazione di ciò che stava accadendo a coloro che venivano salvati e perché.
un. Nelle epistole di Paolo, otteniamo la spiegazione di ciò che stava accadendo alle persone che accettavano Gesù come Signore e perché stesse accadendo. Riceviamo fatti invisibili o conoscenza della rivelazione.
b. Ci sono più di centotrenta affermazioni (principalmente nelle epistole di Paolo) che descrivono ciò che è vero su di noi ora che siamo nati di nuovo, ora che abbiamo la vita di Dio in noi, ora che siamo uniti a Cristo.
1. II Cor 5:17 - Quindi, se qualcuno è unito a Cristo, è un essere nuovo. La sua vecchia vita è passata ed è iniziata una nuova vita. (XX secolo)
2. Ef 2:10 - La verità è che siamo opera di Dio. Grazie alla nostra unione con Cristo Gesù siamo stati creati allo scopo di compiere le buone azioni che Dio aveva pronte, in modo da dedicare loro la nostra vita. (XX secolo)
3. I Cor 1:30 – Ma tu, per la tua unione con Cristo Gesù, sei la progenie di Dio; e Cristo, per volontà di Dio, divenne non solo la nostra saggezza, ma anche la nostra giustizia, la nostra santità, la nostra liberazione, così che - nelle parole della Scrittura - lascia che coloro che si vantano, si vantino del Signore. (XX secolo)
c. Ma le informazioni nelle epistole di Paolo riguardano fatti invisibili. Solo perché non puoi vederlo non significa che non sia reale. È reale. E se imparerai a camminare alla luce di esso, rivoluzionerà la tua vita.

1. Questo può farci capire come studiare la Bibbia: cosa leggere e perché.
un. Tutte le scritture sono date dall'ispirazione di Dio ed è proficua, ma tutto nella Bibbia è stato scritto a qualcuno da qualcuno su qualcosa.
b. Otterremo il massimo beneficio dalla Bibbia se passeremo del tempo nelle parti a noi scritte, la Chiesa.
c. Le epistole (specialmente quelle di Paolo) furono scritte alla Chiesa per svelare i fatti invisibili della morte, sepoltura e risurrezione di Cristo e della nuova creazione che Gesù portò all'esistenza.
d. Trascorri la maggior parte del tuo tempo nelle epistole di Paolo.
2. II Cor 5, 16,17 – Lo Spirito Santo ci dice attraverso Paolo che non dobbiamo più conoscere noi stessi secondo la carne, ma secondo le nuove creature che siamo diventati per unione con Cristo.
un. Non puoi farlo se non impari a vivere alla luce della conoscenza della rivelazione.
b. I Giovanni 5: 4; II Cor 5: 7 – Sono coloro che vivono per fede (per realtà invisibili) che vincono in questa vita.
3. Questo è il piano di Dio per la tua vita: che tu sia Suo figlio o figlia letteralmente riempito della Sua vita e natura, e poi essere conforme all'immagine di Cristo.
un. È attraverso la disposizione invisibile della Croce che questo è possibile, che questo è realizzato.
b. Rom 5:10 - Perché se, quando eravamo nemici di Dio, ci siamo riconciliati con lui attraverso la morte di suo figlio (invisibile), molto di più, quando saremo stati riconciliati con lui (invisibile) saremo salvati condividendo la vita di Cristo (invisibile). (XX secolo)
4. Queste realtà invisibili produrranno risultati visibili nelle nostre vite mentre impariamo a camminare e vivere alla luce di esse.