AMI IL TUO VICINO: PARTE III SONO EGOISTA?

Ama il modo in cui Dio ama
Io sono egoista
Pensa di non reagire
Pazienza con le persone
Trasforma l'altra guancia
Trattare con rabbia
Rabbia E Ferita
Raca, Tu Matto
A giudicare
Maggiori informazioni sul giudizio
1. Se fai queste due cose, farai le cose che Dio vuole. Peccare è uscire dall'amore.
2. Dio vuole dimostrare se stesso attraverso i suoi figli: il suo carattere e il suo potere.
un. Uno dei modi in cui Dio vuole farlo è attraverso il nostro amore per gli altri. Giovanni 13: 34,35
b. L'amore che ci ha mostrato, vuole che lo mostriamo agli altri.
c. Dio ci ha mostrato AGAPE amore. Dio non ci ha trattati né ci ha trattati sulla base di chi siamo e di ciò che abbiamo fatto, ma sulla base di chi è e di ciò che ha fatto.
1. Non si è comportato con noi come meritavamo. Non meritiamo il suo amore. 2. È venuto a noi nonostante l'uso a causa di Lui e del Suo carattere.
3. Quell'amore desidera il nostro bene. È altruista.
d. Questo è l'amore con cui dobbiamo amare gli altri.
e. Poiché Dio ha amato noi, noi amiamo Lui e gli altri. 4 Giovanni 19:5; Rom 5: XNUMX
3. Ecco alcune caratteristiche di quell'amore:
un. Matteo 22:39 - Dobbiamo amare il nostro prossimo come amiamo noi stessi.
b. Luca 6: 32-34 – Dobbiamo amare coloro che non possono / non vogliono restituirlo.
c. Luca 6:31; Matteo 7:12 - Dobbiamo trattare gli altri come vogliamo essere trattati.
d. Luca 6:35; Matteo 5:44 - Dobbiamo amare i nostri nemici.
e. Rom 12: 19-21 – Non dobbiamo vendicarci o vendicarci.
f. Ef 4:32 - Dobbiamo perdonare gli altri come Cristo ha perdonato noi.
g. Giovanni 13:34; Ef 5: 2 – Dobbiamo amarci gli uni gli altri come Cristo ci ha amati.
4. Questi sono alcuni fatti chiave che devi conoscere per camminare in questo tipo di amore.
un. Devi sapere che puoi amare in questo modo perché sei una nuova creatura e l'amore di Dio è in te. Gal 5:22; Rom 5: 5
b. Devi sapere che questo amore non è un sentimento, ma piuttosto un'azione basata su una decisione che prendi riguardo a come tratterai qualcuno.
c. Devi sapere che il like e l'amore non sono la stessa cosa. Non siamo chiamati a piacere a tutti, ma siamo chiamati ad amare tutti.
d. Devi ricordare che la tua posizione con Dio non si basa sui tuoi fallimenti o successi in questo settore.
5. Gesù disse che amiamo i nostri vicini come amiamo noi stessi. In questa lezione, vogliamo esaminare alcuni problemi connessi con se stessi per aiutarci ad amare gli altri.

1. Siamo nati con una disposizione a farlo a modo nostro = egoismo. Isa 53: 6
un. Noi ereditiamo quella natura peccaminosa da Adamo, nostro padre ribelle che seguì il consiglio del primo ribelle, Satana. Ef 2: 1-3
b. L'essenza della natura di un bambino (prima della nuova nascita) è l'egoismo = focalizzato sul sé. Proverbi 22:15 (sciocco = concentrato su se stesso)
2. L'unica cosa che correggerà questa è una decisione di allontanarsi da se stessi e rivolgersi a Dio e agli altri.
un. Pentirsi = cambiare idea; girarsi; cambiare rotta. Passi dal vivere per te stesso al vivere per Dio.
b. Gesù è morto per i nostri peccati, quindi non vivremmo più per noi stessi. II Cor 5:15
3. Gesù ci chiama a negare se stessi. Matteo 16:24
un. Negare se stessi significa rinunciare alla propria volontà per la volontà di Dio.
b. Livello generale = sarò un missionario in Cina se è quello che vuoi.
c. Livello specifico = non infliggerò il mio umore a tutti gli altri, e ti loderò, Signore, finché non ne uscirò perché è quello che vuoi che faccia secondo la tua parola.
4. Dopo che siamo nati di nuovo, il focus sul sé non scompare automaticamente.
un. Abbiamo riconosciuto e affrontato un'area in cui ci concentriamo sulla nostra via piuttosto che sulla via di Dio, ma ci sono centinaia di altre aree che devono essere esposte e affrontate.
b. La nostra mente, le nostre emozioni e il nostro corpo non sono direttamente influenzati dalla nuova nascita: sono ancora addestrati e completamente devoti al sé.
c. Ora dobbiamo rinnovare la nostra mente e portare le nostre emozioni e il nostro corpo in linea con la parola di Dio. Rom 12: 2
d. Dobbiamo esporre le aree in cui mettiamo al primo posto noi stessi - davanti a Dio e al nostro prossimo e prendere una decisione consapevole di allontanarci da esse.
5. Potreste dire: non sono egoista; Sono una brava persona; Faccio del bene alle persone.
un. L'egoismo può motivarci a essere cattivi, ma può motivarci a essere buoni. b. Dobbiamo essere brutalmente onesti sul nostro motivo per "fare del bene".
c. Spesso siamo gentili / buoni con le persone, non perché desideriamo soprattutto il loro bene, ma perché desideriamo il feedback e gli elogi che ci arriveranno. Matt 6: 1-4; Luca 10: 38-42; Luca 21: 2
d. Come fai a sapere se lo fai?
1. Fai sapere agli altri del bene che hai fatto?
2. Ti ferisci o ti arrabbi se non ottieni la risposta / il feedback che desideri?
3. La causa più elementare di rabbia e frustrazione = non è andata a modo mio.
6. Abbiamo un'idea sbagliata che dobbiamo amare noi stessi prima di poter amare gli altri.
un. Secondo Gesù, ci amiamo già. Matt 22:39
1. Potresti sentirti male con te stesso; potresti non apprezzare certe cose su di te, ma ami te stesso.
2. L'attenzione è su di te. Il sé è il primo = ami te stesso. (suicidio = egoista) 3. Non sono bravo; Sono marcio; Sono indegno; Sono ecc. L'attenzione è su di te !!
b. Ef 5:29 - Nessun uomo odia la propria carne, "ma la nutre e se ne prende cura". (NIV)
1 Ognuno si prende cura di se stesso = mangia, dorme, esce dalla pioggia. 2. Le persone abusano del proprio corpo e fanno cose dannose per se stesse, ma lo fanno perché pensano che sia ciò che è meglio per loro. Sono ingannati.
c. Le cure che ci prestiamo possono essere distorte dall'inganno, ma l'attenzione è ancora su se stessi e sul fare ciò che pensiamo sia meglio per noi.
7. Siamo egocentrici. Questo non è un insulto.
un. Significa semplicemente che siamo concentrati su noi stessi, attenti a noi stessi, in sintonia con noi stessi, cercando di capire noi stessi, provvedere a noi stessi, prenderci cura di noi stessi, ecc.
b. Amare qualcuno come te stesso significa concentrarsi sull'altra persona.

1. Gesù ci ha detto come. Ha detto di trattare gli altri nel modo in cui vuoi essere trattato. Matt 7:12; Luca 6:31
2. Nell'area delle relazioni, non possiamo fare un elenco di "cose ​​da fare" e "cose ​​da non fare" per situazioni specifiche. Ci sono migliaia di possibilità diverse
un. Pertanto, il Signore ci dà dei principi da applicare in situazioni specifiche.
1. AGAPEVI l'un l'altro come ti ho amato = non lo meritavi, ma ti ho fatto del bene. Ho dato me stesso per te. Giovanni 13:34
2. Tratta gli altri nel modo in cui desideri essere trattato. Matt 7:12
b. Una delle principali lamentele di Gesù con i farisei era che rispettavano un elenco di regole, ma non riuscivano a centrare il punto. Matteo 23:23
3. Rom 13: 8-10 - L'amore non fa male al prossimo; non fa mai male a nessuno. (Amp)
un. Se tratti gli altri come vorresti essere trattato, non li ferirai, perché non vuoi essere ferito.
b. Fare del male al prossimo significa essere egoisti = mettere il sé al primo posto a sue spese.
c. Come fai a sapere se hai fatto del male al tuo vicino? Vorresti farlo per te?
4. Gal 5:14 – Se ami il tuo prossimo come te stesso, non peccerai.
un. La v13 definisce il contesto: possiamo servire la carne o servire gli altri.
b. Servire qualcuno significa trattarlo nel modo in cui vuoi essere trattato.
c. Un'occasione per la carne = un'opportunità o una scusa per l'egoismo. (Amp) d. La carne non è malvagia, ma è focalizzata sul sé (desiderio di mangiare, dormire, fare sesso, ecc.)
5. Devi scegliere di trattare l'altra persona come vorresti essere trattata.

1. Perché ci facciamo male? Questa è la vita in una terra maledetta dal peccato.
un. Vero dolore: stiamo ricevendo l'egoismo di qualcun altro; può essere lieve o grave, accidentale o intenzionale.
b. Un dolore immaginario che fa davvero male: abbiamo aspettative irrealistiche che le persone non soddisfano e ci feriamo. Non realistico = non lo sanno; non possono affrontarlo.
2. A meno che la carne non sia imbrigliata dalla parola e dallo Spirito di Dio, quando subiamo un torto (genuino o immaginato che faccia veramente male), ci vendicheremo e ci vendicheremo.
3. Ecco perché la Bibbia ci dice come trattare le persone - non per stabilire norme impossibili che tolgono il divertimento dalla vita - ma per aiutarci a non peccare quando siamo feriti o feriti. Ef 4:26
un. Matteo 5:39 - Porgi l'altra guancia. (Non significa lasciare che qualcuno ti picchi).
1. Significa non reagire. Non rispondere a un male con un altro.
2. "Non respingere uno sdegno per l'altro." Adam Clarke
b. Matteo 5:44 - Prega per coloro che ti feriscono e li benedici. Perché? Quindi non peccerai contro di loro.
c. Ef 4:32 – Perdona loro = rinuncia al diritto di vendicarti o vendicarti.
4. Dio non si vendica e dobbiamo dimostrare il suo amore (perdona come ha fatto)
un. I Pet 2: 21-23 – Gesù non si vendicò quando subì un torto.
b. Luca 9: 51-56 – Giacomo e Giovanni volevano chiamare il fuoco.
c. Ma si voltò e li rimproverò e li censurò severamente. Ha detto, non sai che tipo di spirito sei. Per il figlio dell'uomo ... (Amp)
5. Indipendentemente dal motivo per cui le persone ci feriscono, dobbiamo scegliere di trattarle come vorremmo essere trattate.
un. Quando faccio qualcosa di sbagliato, voglio comprensione e perdono.
b. Non voglio che le persone mi feriscano, mi puniscano o cerchino di insegnarmi una lezione. Voglio che perdonino e dimentichino.
6. In caso di problemi, come si desidera essere trattati?
un. Vuoi che qualcuno ascolti, capisca?
b. Quando qualcun altro ha un problema, come li tratti?
1. Parlano troppo. Sono troppo negativi. Non voglio ascoltare.
2. Non ho bisogno dei dettagli. Lascia che ti dica solo cosa fare.
3. Non è un grosso problema; farsene una ragione; affrontarla.
c. Devi ricordare che stanno sentendo il problema, tu no.
1. Come ti sentiresti in quella situazione?
2. La situazione potrebbe essere un gioco da ragazzi per te, non a causa della tua grande fede, ma perché il tuo temperamento è diverso.
3. Potresti non occupartene metà oltre a loro.
4. Possono fare il meglio che possono, dato il loro temperamento, livello di conoscenza, ecc. I Cor 13: 7

1. Come per ogni cosa che Dio ci dice di fare, inizia con una decisione: posso farlo, voglio farlo perché Dio lo dice.
2. Devi sviluppare la previdenza - pensa prima di parlare. Giacomo 1: 19,20
un. Riconosci che abbiamo la tendenza ad agire in base a come ci sentiamo piuttosto che a ciò in cui crediamo o ciò che è giusto.
b. Dio ci ha dato la sua parola e il suo spirito per controllare questa tendenza.
3. Ciò che ti dici nella situazione che ti riguarda e l'altra persona può alimentare l'amore o la rabbia e il dolore che si vendica.
4. Devi essere brutalmente onesto con te stesso.
un. Perché lo sto facendo o sto per farlo, per il loro bene o per il mio bene?
b. È così che vorrei essere trattato? Come vorrei essere trattato?
5. Chiedi a Dio di mostrarti le aree in cui ti concentri su te stesso.
un. Prega per coloro che ti feriscono; lodare il Signore per loro.
b. Chi tratta gli altri come vuole essere trattato non è un tappetino. Si fida di Dio per far funzionare tutto per sempre. Rom 8:28