MAGGIORI INFORMAZIONI SU GRACE, FEDE E IL NOSTRO COMPORTAMENTO

Volontà generale di Dio
Volontà specifica di Dio
Senso Conoscenza Fede
La fede di Abramo
Fede pienamente persuasa
Diventando completamente persuaso
Quando la montagna non si muove I
Quando la montagna non si muove II
La lotta della fede I
La lotta della fede II
La lotta della fede III
La lotta della fede IV
Lamentarsi e la lotta della fede
Fede e buona coscienza
Le false aspettative distruggono la fede
Joy & The Fight Of Faith
Lode e lotta per la fede
Fede e Regno di Dio
Fede e risultati
L'abitudine della fede
La fede vede, la fede dice
Se Dio è fedele Perché? io
Se Dio è fedele Perché? II
Grazia, fede e comportamento I
Grazia, fede e comportamento II
1. Molti cristiani cercano di relazionarsi con Dio attraverso il loro comportamento o ciò che fanno.
un. Con riferimento a Dio, intendiamo cercare di avere una relazione con Dio.
b. Il loro comportamento o quello che fanno è uno sforzo per guadagnare o meritare qualcosa da Dio o uno sforzo per ripagarlo.
1. Marta: ho fatto tutto il lavoro, Signore! Non ti interessa? Luca 10:40
2. Il fratello maggiore del prodigo: non ho mai infranto nessuna delle tue regole, padre, e non ho mai organizzato una festa! Luca 15:29
3. Signore, ho lavorato all'asilo per un anno e non ho ancora un marito.
2. Il nostro comportamento dovrebbe essere una risposta a ciò che sappiamo di Dio e ciò che ha fatto per noi = si riferiscono a Lui in base a ciò che ha fatto.
un. Lo amiamo perché ci ha amato per la prima volta. I Giovanni 4:19
1. La nostra obbedienza dovrebbe essere un'espressione di amore. Giovanni 14:21
2. La nostra gratitudine per ciò che ha fatto per noi attraverso Gesù è un'espressione del nostro amore. Luca 7: 41,42; 47
b. Crediamo in Lui, crediamo in Lui, perché sappiamo com'è. Sal 9:10
3. Dio non vuole che tu sia buono perché stai cercando di guadagnare o meriti qualcosa da Lui. Vuole che tu sia buono perché:
un. Lo ami e vuoi compiacerlo.
b. Sei grato per quello che ha fatto per te e vuoi esprimerlo.
c. Vuoi adempiere alla tua chiamata, al tuo scopo creato, eterno. Ef 1: 4,5
4. Vogliamo continuare a esaminare la connessione tra grazia, fede e comportamento.
1. Quando un uomo fu guarito alla Porta Bella di Gerusalemme, gli spettatori lo attribuirono al potere e alla santità di Pietro e Giovanni. Gli spettatori si stavano rapportando a Dio sulla base di opere. Atti 3:12
un. Pietro e Giovanni spiegarono che fu la fede nel Nome di Gesù (il suo carattere e potere) che rese l'uomo intero. v16
b. Hanno capito che non era per il loro potere o santità, ma per la grazia di Dio.
2. Grazia e fede lavorano insieme. Dio opera nelle nostre vite per grazia attraverso la fede.
un. Grazia = qualcuno superiore a te fa qualcosa per te o per te. Quello che fanno è buono. Non / non puoi guadagnarlo o meritarlo. È dato a causa del carattere di colui che dà.
b. La fede crede a ciò che Dio ha dato prima di vederlo perché Dio l'ha detto.
3. Gesù disse a Pietro e Giovanni che potevano pregare per le persone per la guarigione in suo nome e che sarebbe successo. Marco 16:18
4. Ci credevano. Questa è la grazia di Dio attraverso la fede.
5. Facciamo la stessa cosa che hanno fatto quegli spettatori. Attribuiamo l'aiuto di Dio alla nostra santità e potenza. Crediamo che ci aiuti o non ci aiuti a causa di qualcosa che ci riguarda. Cerchiamo di relazionarci con Lui attraverso le nostre opere.
6. Ecco come sapere se ti stai relazionando con Dio sulla base delle tue opere.
un. Se dovessi mai lottare con pensieri come questo: Dio non mi aiuterà (ascolta la mia preghiera, mi benedica) a causa di ciò che ho / non ho fatto.
b. Se ti ritrovi arrabbiato con Dio quando non ottieni ciò che senti di meritare.
c. Se ti trovi geloso degli altri che vengono benedetti quando sai di aver lavorato più duramente di loro?
7. Sarebbe stato molto facile per Pietro e Giovanni relazionarsi con il Signore sulla base delle loro opere. Abbandonarono il Signore la notte in cui fu arrestato.
un. E, in realtà, Pietro negò di conoscere il Signore dopo che Gesù lo aveva avvertito. Matt 26: 31-35; 56; 69-75
b. Entrambi avrebbero potuto pensare: Gesù non ci aiuterà dopo quello che abbiamo fatto.
8. Tuttavia, i loro fallimenti come seguaci di Cristo non hanno impedito loro di credere alle promesse di Dio (Marco 16:18), né hanno impedito alla potenza di Dio di venire a loro.
un. Capirono che non era per il loro potere o santità che Dio si muove.
b. Si riferivano a Dio, non sulla base delle loro opere, ma sulla base della Sua grazia. Matt 10: 8; Atti 3: 6; Giovanni 1:16

1. Dobbiamo capire come la grazia e la fede lavorano insieme. Tutte le benedizioni di Dio ci giungono per grazia tramite la fede prima di essere salvati e dopo essere stati salvati.
un. Grazia: Dio ci dà ciò che non meritiamo perché lo vuole.
b. La fede crede a ciò che la grazia ha fornito e si aspetta di averlo.
c. La fede comprende: "Non lo merito, ma Dio, nella sua grazia, lo ha offerto, quindi lo prenderò".
2. Esistono solo due modi legali per ottenere qualcosa da qualcuno.
un. Per opere = te lo meriti perché l'hai guadagnato, lavorato, pagato.
b. Per grazia = Ti viene dato liberamente.
c. Dio non "distribuisce le cose" sulla base di ciò che guadagniamo e meritiamo.
d. Dio "distribuisce le cose" sulla base della grazia mediante la fede.
3. Opere e grazia si escludono a vicenda. Rom 4:16
4. La Bibbia registra alcuni splendidi esempi di grazia attraverso la fede.
un. Il centurione e la donna siro-fenicia andarono da Gesù chiedendo la guarigione, sapendo entrambi di non meritare l'aiuto di Gesù - ma lo chiesero comunque, aspettandosi di ricevere. Matteo 8: 5-13; Matteo 15: 21-28; Marco 7:26
1. Sapevano di non avere alcuna pretesa sulla benedizione di Dio in loro.
2. Ma questo non ha impedito loro di chiedere. Sapevano che non dipendeva da loro e dalla loro dignità, ma da Dio e dalla Sua grazia.
3. In entrambi i casi, Gesù ha lodato la loro fede.
b. Entrambi avevano elementi chiave di forte fede: conoscenza del Signore, audacia nel chiedere, determinazione a ricevere, aspettativa che avrebbero ottenuto ciò che chiedevano.
c. I due sapevano di non meritare nulla da Dio, quindi non hanno nemmeno tentato di venire al Signore su quella base.
1. Sono venuti al Signore sulla base del Suo carattere - ciò che avevano sentito e visto di Lui. Quella conoscenza ha prodotto fede in loro.
2. E la consapevolezza che non dipendeva da loro ma da Lui, dava loro la libertà di andare con coraggio a Lui aspettandosi di ricevere. Eb 4:16

1. Poiché la fede e le opere si escludono a vicenda, più forte è la tua fede, meno è probabile che proverai a relazionarti con Dio attraverso / tramite le tue opere.
2. La fede deve crescere abbastanza forte da non importa ciò che sfida la tua fede. Continui a credere a ciò che Dio ha detto di te.
un. Pietro e Giovanni avevano la stessa carne che abbiamo noi e lo stesso diavolo con cui confrontarci: avevano gli stessi tipi di difficoltà che abbiamo noi.
b. Cosa è successo quando Pietro ha camminato nel punto in cui ha negato Gesù?
1. Doveva credere che i suoi peccati fossero perdonati e dimenticati per sempre.
2. Doveva credere di essere salvato dai suoi peccati per grazia attraverso la fede.
3. Doveva credere che, come cristiano, era nella grazia di Dio e si relazionava a Dio attraverso la grazia. I Pet 1: 2; II Pet 1: 2; II Pet 3:18
3. Per la maggior parte dei cristiani, non è che non credono nell'aiuto, nella cura, nel provvedimento e nel perdono di Dio, è che non usano la fede che hanno e, di conseguenza, è debole.
4. Se chiedi ai cristiani: “Credi che Dio ti ama? O funziona bene per te? O ha perdonato i tuoi peccati? ”, La maggior parte ci crede almeno un po '.
un. È nella Bibbia: non hanno davvero scelta. Ma le loro emozioni e / o circostanze sono molto più forti della loro poca o debole fede.
b. Quando sorgono le sfide alla fede, hanno più fiducia in ciò che vedono e sentono che in ciò che Dio dice.
c. Poca fede crede nell'aiuto di Dio, ma non si aspetta che Lui mi aiuti ora!
5. Il modo numero uno in cui usiamo la nostra fede è dicendo ciò che Dio dice. Eb 10:23
un. I discepoli chiesero a Gesù più fede e disse loro di usare ciò che avevano. Luca 17: 5,6
b. La prima espressione di fede che possiamo fare in tutto ciò che Dio dice è dirlo noi stessi. Eb 13: 5,6

1. I Filistei presero posizione contro Israele. V1-3
2. Ogni giorno, uno dei loro campioni, Goliath, lanciava una sfida a Israele: manda un uomo a combattere contro di me. La sua sfida ha terrorizzato Israele. v8-11
3. Ma quando David è arrivato sulla scena, ha accettato la sfida.
un. Disse che avrebbe sconfitto Golia in nome di, con il potere di Dio. V45
b. Disse che lo stesso Dio che lo aiutava nel campo quando guardava le sue pecore lo avrebbe aiutato ora. v36,37
4. Chiunque in Israele avrebbe potuto fare ciò che faceva David.
un. Davide non ha sconfitto Golia perché era Davide, ha sconfitto Golia perché Dio è Dio.
b. Dio, nella Sua grazia, fece un patto (un accordo garantito, una promessa) di vittoria sui nemici con Davide - tutto ciò che Davide doveva fare era credere.
c. Dio fece quell'alleanza non con l'individuo Davide, ma con tutto Israele: tutti erano persone dell'alleanza con la promessa di vittoria sui nemici.
5. Perché qualcuno non ha ucciso Goliath prima che Davide arrivasse? Tutti erano uomini dell'alleanza. Golia li aveva sfidati per quaranta giorni. v16
un. Non credevano in Dio? Certo che l'hanno fatto! Questa è la loro identità!
b. Non sapevano di avere un patto? Tutti furono circoncisi!
c. Non sapevano cosa includeva il patto? È difficile da immaginare.
6. Sicuramente il resto di Israele credeva di essere un popolo dell'alleanza, quindi avevano un po 'di fede, ma era piccolo, debole.
un. Poca fede crede in Dio ma non si aspetta che Dio lo aiuti. Poca fede parla di ciò che vede, sente piuttosto che di ciò che Dio dice. Matt 6:30
b. La fede senza azioni corrispondenti è morta (uguale a nessuna fede). Giacomo 2:19
7. La fede è un'azione. La forte fede è espressa da azioni che dimostrano credenza.
un. Davide credeva che avrebbe ucciso Golia con il potere di Dio prima che accadesse.
b. Sappiamo che è così dal modo in cui ha parlato e recitato prima che Goliath fosse ucciso. 17 Sam 37: 46,47; XNUMX
8. In che modo David sviluppò la sua fede? Ha usato la sua fede pronunciando ciò che Dio ha detto e ciò in cui credeva. David era un maestro come questo.
un. I Salmi sono pieni di esempi di lui che parla della sua fede in Dio.
1. Sal 8 - La maestria di Davide non dipendeva da lui e dalla sua capacità, ma dalla grazia di Dio.
2. Sal 3 - La vittoria di Davide non poteva essere fermata nonostante come apparissero le cose, nonostante le accuse di circostanze.
3. Sal 23 - A causa di ciò che Dio è e fa, ecco cosa è vero di me.
c. Come pensi che David abbia reagito quando il leone e l'orso sono venuti dopo il suo gregge? Come ha fatto in questi Salmi, come ha fatto con Golia.
d. Si stava esercitando. Ha usato la fede che aveva e si è rafforzato.

1. Non puoi guadagnare nulla da Dio prima o dopo essere stato salvato.
un. Puoi solo credere a quello che ti ha fatto e provvisto e vivere alla luce di ciò.
b. Ti darà l'amore per Dio, la gratitudine verso il Signore e la libertà di venire in attesa in Lui in attesa di aiuto.
c. Ti relazionerai con Lui in base a ciò che ha fatto per te, non a ciò che hai fatto per Lui.
2. La fede non nasce da quello che sai di te - io non sono buono; Sono un peccatore; Non sono all'altezza; Prego 10 ore alla volta; Sono in chiesa ogni volta che la porta è aperta; Lavoro nella scuola materna; Do sempre all'Esercito della Salvezza.
3. La fede viene da ciò che sai di Dio e da ciò che ha fatto per te attraverso Gesù Cristo.
un. Non sono degno di averti a casa mia, Signore, ma non importa.
b. Hai a che fare con me sulla base di ciò che hai fatto - e io ci credo.
c. Hai a che fare con me sulla base della tua grazia espressa attraverso la tua promessa - e io ci credo.
4. Grazie, padre !!