TESTIMONIANZA SUGLI OCCHI

Scarica PDF
LEGGI LA PAROLA DI DIO
UNA NUOVA VISTA DELLA REALTÀ
TESTIMONIANZA SUGLI OCCHI
UN RECORD AFFIDABILE
LA PAROLA DI DIO È VERITÀ
ADORO LA BIBBIA
COSTRUISCI UN QUADRO

1. Luca 21: 28 — Gesù disse ai Suoi seguaci che quando vedremo arrivare questi problemi sulla terra dovremmo essere euforici nell'aspettativa gioiosa. Puoi farlo solo se capisci cosa sta succedendo e perché, e se sai che Dio ti farà superare tutto ciò che è avanti. La Bibbia ci fornisce il "cosa" e il "perché" insieme alla fiducia e alla saggezza di cui avremo bisogno nei giorni e negli anni a venire.
un. La cosa migliore che puoi fare per prepararti a ciò che è futuro è diventare un lettore della Bibbia. Poiché la lettura della Bibbia è una sfida per molti cristiani sinceri, stiamo impiegando diverse settimane a parlare di come leggerla e stiamo discutendo informazioni che ti aiuteranno mentre leggi.
b. La lettura della Bibbia è schiacciante perché le persone non sanno come affrontarla. Quindi, ti sto dando un modo efficace per leggere la Bibbia. Inizia con il Nuovo Testamento e diventa un lettore regolare e sistematico. (L'Antico Testamento è più facile da capire dopo che sei competente nel Nuovo.)
1. Per lettura sistematica intendo non saltare e leggere passaggi casuali. Leggi ogni libro e lettera dall'inizio alla fine. Non smettere di cercare parole o consultare commenti; appena letto. R. Questo non significa che non puoi mai saltare o cercare parole e argomenti in un dizionario o in un commento. Ma fallo in un altro momento oltre a questo tempo di lettura regolare e sistematico. B. L'obiettivo è acquisire familiarità con il Nuovo Testamento perché la comprensione viene dalla familiarità e la familiarità viene dalla lettura frequente e ripetuta.
2. Con la lettura regolare intendo: metti da dieci a venti minuti ogni giorno e leggi il più possibile. Lascia un marcatore dove ti fermi e, il giorno successivo, riprendi da dove avevi interrotto. Prova a leggere alcune delle epistole più piccole in una sola seduta. Se ti manca un giorno o due (o più) non scoraggiarti e smetti di leggere. Ricomincia. Rendi la lettura regolare e sistematica un'abitudine permanente.
2. Prima di approfondire l'argomento di questa sera, vorrei fare due utili commenti sulla lettura regolare e sistematica. un. In primo luogo, non sto dando regole per la lettura che devono essere seguite alla lettera. Puoi cambiare le cose. Il mio obiettivo è farti leggere interi libri e lettere del Nuovo Testamento in un breve periodo di tempo.
1. Come nuovo cristiano, dopo aver letto un paio di volte il Nuovo Testamento, ho modificato la mia lettura. Leggevo un vangelo e poi tutte le epistole, ripetendo con ogni vangelo e poi Atti. 2. Non ho letto di nuovo Rivelazione per diversi anni. Non avevo mai sentito parlare della seconda venuta prima di diventare un cristiano impegnato e l'Apocalisse era completamente sopra la mia testa a quel punto.
b. Secondo, lo scopo di questo tipo di lettura è familiarizzare con il Nuovo Testamento, e ciò richiede del tempo. Ma questo non significa che non puoi ottenere aiuto finché non hai familiarità con la Bibbia perché Dio può e ti incontrerà dove sei.
3. Per molti cristiani, è difficile vedere la Bibbia come qualcosa di diverso da un libro di storie scolastiche domenicali. Questo rende difficile la lettura della Bibbia perché non sembra rilevante per la loro vita. In questa lezione affronteremo questo problema iniziando a esaminare come è nato il Nuovo Testamento.

1. Nelle lezioni precedenti abbiamo sottolineato che Gesù nacque in un gruppo di persone che, in base agli scritti dei loro profeti, si aspettavano un Redentore (Messia) che sarebbe venuto in questo mondo, riportandolo alle condizioni pre-peccato e stabilire il regno di Dio sulla terra. Dan 2:44; Dan 7:27; Isa 65:17; Isa 51: 3
un. I primi seguaci di Gesù (i dodici apostoli) si convinsero che era il Messia promesso. Trascorsero più di tre anni con lui ascoltandolo insegnare e guardandolo autenticare il suo messaggio con miracoli. Il loro tempo con Gesù culminò con la sua morte per crocifissione e il seppellimento in una tomba vicina. Tre giorni dopo, risuscitò dai morti.
1. Luca 24: 44-48 — Il giorno della sua risurrezione Gesù apparve ai suoi apostoli e cominciò a spiegare cosa era successo nei tre giorni precedenti.
2. Gesù rivelò che il suo sangue era una volta per tutte, il sacrificio finale per il peccato e la sua risurrezione è la prova che il peccato è pagato. La riconciliazione tra Dio e l'uomo è ora disponibile per tutti coloro che credono e gli danno la vita. Rom 4:25; Rom 5: 1-2
b. Nota che nel giorno della risurrezione Gesù ricordò ai suoi apostoli che erano testimoni della sua morte e risurrezione. (v48 — Sei testimone oculare, JB Phillips).
1. Un testimone è qualcuno che può testimoniare la verità di ciò che ha visto, ascoltato e conosciuto. La parola greca tradotta testimone è martus. Da ciò deriva la parola inglese martire. Un martire è qualcuno che rende testimonianza o testimonia la verità di ciò in cui crede e dice della sua morte.
2. Tutti gli uomini con cui Gesù parlava (tranne Giovanni) alla fine sarebbero morti di un martire. Erano così persuasi di ciò a cui erano stati testimoni che non lo avrebbero negato nemmeno di fronte alla morte.
c. Gesù rimase con gli apostoli per quaranta giorni e poi tornò in Paradiso. Prima di partire disse loro di aspettare a Gerusalemme dove lo Spirito Santo sarebbe venuto su di loro, e sarebbero stati i Suoi testimoni fino ai confini della terra. Atti 1: 4-8
1. Il Libro degli Atti è un resoconto delle azioni degli apostoli dopo il ritorno di Gesù in Cielo. Atti rivela che sono usciti e hanno proclamato ciò che avevano visto. Furono testimoni a testimoniare che Gesù risuscitò dai morti. Atti 2:32; 3:15; 4:33; 5: 30-32; 10: 39-41
2. Quando l'apostolo Paolo si convertì, Gesù gli disse che anche lui doveva essere testimone di ciò che aveva visto (il Signore risorto) e di ciò che avrebbe visto e udito quando Gesù gli sarebbe apparso di nuovo in futuro. Atti 26:16; Atti 22: 10-15.
2. Il cristianesimo si distingue da ogni altra religione in quanto non si basa sui sogni e le visioni del suo fondatore o sulla sua ideologia e sistema di credenze. È fondato su un fatto storico, la risurrezione di Gesù. un. Quando la risurrezione di Gesù viene esaminata con gli stessi criteri usati per valutare altri eventi storici (come i resoconti dei testimoni oculari), troviamo che ci sono più prove per la risurrezione di Gesù che per molti eventi registrati nei libri di storia usati nelle nostre scuole e università.
b. Ci sono molti resoconti di scettici e non credenti nel corso dei secoli che hanno iniziato a confutare la resurrezione di Gesù ma sono venuti via come credenti quando hanno realizzato che le prove confermano in modo schiacciante che è risorto dai morti. (Josh McDowell, PIÙ DI UN CARPENTATORE, IL FATTORE DI RISURREZIONE, e Lee Strobel, IL CASO DI CRISTO, sono due buoni esempi).
c. Potremmo fare lezioni su questo argomento, ma consideriamo solo alcuni esempi delle prove esistenti.
1. Una tomba vuota. Nessuno contesta che la tomba di Gesù fosse vuota. L'argomento è su ciò che è accaduto al corpo di Gesù. Ecco perché le autorità ebraiche hanno pagato le guardie romane per dire che i discepoli di Gesù hanno rubato il suo corpo. Matt 28: 11-15
2. Nessuno è stato in grado di produrre un corpo e nessuno si è fatto avanti con la testimonianza dicendo che hanno visto i discepoli muoversi e disporre del corpo. Questo silenzio è assordante poiché sarebbe stato nell'interesse delle autorità produrre un corpo e fermare questo movimento prima che iniziasse.
3. Le donne furono le prime a vedere la tomba vuota e il Signore risorto e le prime a diffondere la notizia. Le donne non erano molto apprezzate in quella cultura. Se stavi inventando una storia, non selezioneresti una donna come fonte della tua storia. Matt 28: 1-8; Giovanni 20: 11-16
4. Quando Pietro e Giovanni andarono alla tomba vuota, videro qualcosa che li rese immediatamente credenti, mentre indossavano abiti tombali. Il corpo di Gesù era avvolto come un bozzolo secondo le usanze ebraiche, con strisce di lino e più di 100 libbre di spezie. Il corpo non avrebbe potuto essere rimosso senza distruggere il bozzolo. Giovanni 20: 4-8; Giovanni 19: 39-40 5. Gesù fece numerose apparizioni post-risurrezione a una varietà di persone, tra cui 500 contemporaneamente, e testimoni ostili come Saulo (che divenne Paolo) e il fratellastro di Gesù Giacomo, entrambi convinti di la risurrezione da ciò che hanno visto. 15 Cor 5: 8-XNUMX
d. Gli uomini che scrissero il Nuovo Testamento erano testimoni oculari (o chiudono associati di testimoni oculari) della risurrezione: Matteo, Pietro, Giovanni, (apostoli), Marco (un stretto collaboratore di Pietro), Luca (un vicino collaboratore di Paolo), Giacomo e Jude (fratellastri di Gesù), Paul (incontrò Gesù sulla strada di Damasco),
3. Questi uomini non hanno deciso di scrivere un libro religioso. Partirono per proclamare un messaggio vitale: la salvezza dal peccato è arrivata attraverso la morte, la sepoltura e la risurrezione di Gesù. E l'abbiamo visto vivo!
un. Gli apostoli vivevano in una cultura orale che enfatizzava la memorizzazione. Oltre il 50% delle persone nell'impero romano sapeva leggere o scrivere. Non c'erano macchine da stampa o dispositivi di registrazione e libri (pergamene). L'istruzione è stata fatta con il passaparola. Quindi, hanno diffuso il loro messaggio per via orale.
1. Alcuni strumenti letterari sono stati inclusi nelle storie orali per renderli più facili da ricordare. I rabbini erano famosi per aver memorizzato l'intero Vecchio Testamento.
2. È molto probabile che i discepoli di Gesù abbiano commesso gran parte di ciò che ha detto alla memoria. Ricorda che avevano lo Spirito Santo per aiutarli a ricordare ciò che Gesù disse e fece. Giovanni 14:26
b. Questa prima generazione di credenti ha memorizzato testimonianze (resoconti di testimoni oculari su Gesù), insieme a credi (dichiarazioni di credo) e inni e li ha condivisi tra loro.
1. Paolo scrisse alcuni dei primi documenti nel Nuovo Testamento (fine anni '40 e '50 d.C.). Le sue epistole contengono inni, credenze e confessioni di fede usate dai primi cristiani, mostrandoci cosa credevano di Gesù. Fil 2: 6-11; Col 1: 15-20
2. I Cor 15: 3-7: il linguaggio di Paolo indica che stava tramandando una tradizione orale. Andò a Corinto nel 50 d.C. e scrisse a I Corinzi verso il 54 d.C. nella chiesa da lui fondata in città.
A. La crocifissione avvenne nel 30 d.C. e Paolo fu convertito nel 32 d.C. Dopo aver incontrato Gesù, Paolo continuò a Damasco e rimase con un credente di nome Anania. In seguito Paolo incontrò gli apostoli a Gerusalemme intorno al 35 d.C. Atti 9: 8-18; Gal 1:18
B. Qualche volta in questo periodo Paolo ascoltò il credo che ripeté in I Corinzi. Fu usato dai primi cristiani da due a cinque anni dopo gli eventi reali, rivelando che credevano nella risurrezione sin dall'inizio. (Non è stato aggiunto un mito più tardi.)
C. Nota che Paolo ha fornito un elenco di molti che hanno visto Gesù dopo la resurrezione che erano ancora vivi e potevano verificare ciò che Paolo aveva detto e scritto. Tutto ciò è testimonianza testimone oculare.
4. Le epistole furono i primi scritti che entrarono a far parte del Nuovo Testamento. Sebbene vengano chiamate lettere, in realtà sono discorsi o sermoni. Quando l'autore non poteva essere lì per consegnare lui stesso il messaggio, ha inviato un sostituto (le epistole). Dovevano essere letti ad alta voce, di solito per un certo numero di persone contemporaneamente, e sono stati scritti tenendo presente questo fatto. Atti 15:30; Col 4:16
un. Le epistole furono scritte a persone convertite a Cristo attraverso i ministeri degli apostoli durante il periodo descritto in Atti. Spiegano ciò in cui credono i cristiani e danno istruzioni su come vivere.
1. La prima epistola (Giacomo, 46-49 d.C.) fu scritta ai cristiani sparsi per l'Impero romano: pellegrini ebrei salvati a Gerusalemme a Pentecoste che erano tornati alle loro case e quelli palestinesi dispersi per persecuzione. Tutti avevano bisogno di istruzioni e incoraggiamento nella loro nuova fede. Atti 2: 9-11; Atti 8: 1-4; Atti 11: 19-21
2. Paolo scrisse Galati (48-49 d.C.) a un gruppo di chiese che aveva fondato nella provincia romana della Galazia (in Asia Minore) quando gli fu riferito che i falsi maestri avevano influenzato le chiese, sostenendo che i credenti dovevano mantenere il Legge di Mosè per avere ragione con Dio.
3. Paolo scrisse I Tessalonicesi (51-52 d.C.). Aveva fondato una chiesa a Salonicco ma dopo poche settimane scoppiò la persecuzione e Paolo fu costretto a partire. Scrisse ai suoi nuovi nuovi convertiti per incoraggiarli e fornire ulteriori istruzioni nella fede. Atti 17: 1-15
b. Nota che queste epistole sono state scritte da persone reali ad altre persone reali su questioni reali riguardanti la loro fede in Cristo e la loro vita di cristiani, per non creare un libro della scuola domenicale per loro.
5. I vangeli furono scritti 20-30 anni dopo il ritorno di Gesù in cielo. Quando i testimoni oculari iniziarono a estinguersi, le loro parole furono conservate in forma scritta. Questi documenti andarono dove i testimoni oculari non potevano.
un. Il Vangelo di Luca (0-68 d.C.) fu scritto a Teofilo, un nuovo convertito, per assicurargli la realtà storica della vita, morte e risurrezione di Gesù. Oggi Luca si è guadagnato la reputazione di storico anche tra gli studiosi secolari fornendo dettagli storici. Luca 1: 5; Luca 2: 1; 3: 1; eccetera.
1. Luca 1: 1-4 (NLT): la maggior parte dell'onorevole Teofilo: molte persone hanno scritto resoconti sugli eventi che hanno avuto luogo tra di noi. Usarono come materiale di partenza i rapporti che circolavano tra noi dai primi discepoli e altri testimoni oculari di ciò che Dio ha fatto in adempimento delle sue promesse. Avendo indagato attentamente su tutti questi resoconti sin dall'inizio, ho deciso di scrivere un attento sommario per te, per rassicurarti sulla verità di tutto ciò che ti è stato insegnato.
2. Sebbene Luca non fosse un testimone oculare del ministero di Gesù, studiò il suo Vangelo, raccogliendo informazioni da testimoni oculari. Come ha fatto? Questo è quello che sappiamo.
A. Brevi racconti di alcuni eventi nella vita di Gesù scritti da testimoni oculari circolarono tra la chiesa primitiva prima che i vangeli ispirati fossero scritti. Luke li conosceva bene.
B. Luca andò a Gerusalemme e a Cesarea. Molti testimoni oculari vivevano in entrambe le città. Avrebbe potuto parlare con gli apostoli, i settanta discepoli, Maria Maddalena e alcune altre donne, e con Mnason, un vecchio discepolo. Luca le menziona tutte nel suo vangelo. Luca 10: 1; Luca 8: 2-3; Atti 21: 6.
C. Luke e Mark erano insieme a Roma. Marco visse a Gerusalemme mentre Gesù prestava servizio lì. Luke avrebbe potuto parlare con Mark di ciò a cui aveva assistito. Col 4:10; Col 4:14
b. Giovanni scrisse il suo vangelo nell'80-90 d.C.: i discepoli di Gesù lo videro fare molti altri segni miracolosi oltre a quelli registrati in questo libro. Ma questi sono scritti in modo che tu possa credere che Gesù è il Messia, il Figlio di Dio, e che credendo in lui avrai vita (Giovanni 20: 30-31, NLT).
1. In una delle sue epistole Giovanni scrisse: Quello che esisteva fin dall'inizio è quello che abbiamo ascoltato e visto. Lo abbiamo visto con i nostri occhi e lo abbiamo toccato con le nostre stesse mani. È Gesù Cristo, la Parola della vita ... ti stiamo raccontando di ciò che noi stessi abbiamo effettivamente visto e sentito (I Giovanni 1: 1-3 NLT).
2. Pietro riferì: perché non stavamo inventando storie intelligenti quando ti parlammo del potere di nostro Signore Gesù Cristo e della sua venuta di nuovo. Abbiamo visto il suo maestoso splendore con i nostri occhi. E ricevette onore e gloria da Dio Padre quando la gloriosa e maestosa voce di Dio chiamò dal cielo: “Questo è il mio diletto Figlio; Sono pienamente contento di lui. " Noi stessi abbiamo sentito la voce quando eravamo lì con lui sulla montagna sacra
(II animale domestico 1: 16-18, NLT).
6. Questi uomini videro tutti qualcosa che cambiava la vita: Gesù Cristo risuscitò dai morti. Erano così persuasi di ciò a cui hanno assistito che hanno dato la vita per trasmettere questo messaggio a quante più persone possibile. Ecco perché, sotto l'ispirazione dello Spirito Santo, hanno scritto il Nuovo Testamento.

1. La Parola vivente, il Signore Gesù, ci viene rivelata attraverso la Parola scritta. La Bibbia è la nostra unica fonte affidabile al 100% di informazioni su Gesù.
un. Lo conosciamo attraverso la sua Parola. Se diventi un lettore regolare e sistematico del Nuovo Testamento, Gesù diventerà reale per te in un modo impossibile attraverso qualsiasi altra fonte.
b. Abbiamo molto altro da dire sull'affidabilità del Nuovo Testamento la prossima settimana, ma considerate questa affermazione alla chiusura. È una parafrasi di Giovanni 6: 63 — Tutte le parole attraverso le quali mi sono offerto a te sono pensate per essere canali dello spirito e della vita per te, poiché nel credere a queste parole verrai portato in contatto con la vita in io (J. Riggs).
4. Il più grande dono che puoi fare è diventare un lettore regolare e sistematico del Nuovo Testamento.