REALTÀ ED EMOZIONI

Scarica PDF
REALTÀ ED EMOZIONI
REALTÀ E PAURA
REALTÀ E PREOCCUPAZIONE
MAGGIORI INFORMAZIONI SULLA REALTÀ, LA PAURA E LA PREOCCUPAZIONE
REALTÀ E DIRITTO
REALTÀ, SORROW E GIOIA
REALTÀ E REGRET
REALTÀ E PROBLEMA
MAGGIORI INFORMAZIONI SULLA REALTÀ, SUCCESSO E REGRET
REALTÀ E RANGIA A DIO

1. Superare non significa fermare tutti i problemi o tenere tutto il dolore fuori dalla tua vita. Non esiste una cosa del genere
come una vita senza problemi e senza problemi in questo mondo perché è stata radicalmente modificata dal peccato. Giovanni 16:33
un. Parte del vedere la realtà così com'è, è comprendere la natura della vita in una terra maledetta dal peccato. Persone
chi non capisce questo finisce per essere confuso, frustrato e arrabbiato con Dio quando arrivano le prove.
b. Abbiamo usato questo esempio la scorsa settimana: se vivi in ​​Siberia e passi il tempo a provare a coltivare la palma
alberi sarai frustrato e inefficace. Ma se accetti i parametri della vita in un mondo ghiacciato
e lavorare con loro invece che contro di loro sarai meno frustrato e più efficace.
2. Questi sono i parametri di una terra maledetta dal peccato: alcune circostanze possono essere cambiate e altre no.
un. In generale, hai sempre il diritto di comandare alla malattia di uscire dal tuo corpo e
mancanza materiale dalla tua vita. Ma circostanze derivanti dalla scelta del libero arbitrio di un'altra persona
non può essere necessariamente cancellato o annullato. (Tutta la lezione per un'altra notte.)
b. La vittoria in alcune situazioni significa usare la tua autorità per cambiare le circostanze con la potenza di Dio.
In circostanze che non possono essere cambiate e la vittoria arriva attraverso la grazia di Dio che ti permette di risorgere
sopra e resistere fino a quando non lo attraverserai.
1. Devi sapere quali battaglie combattere e come. La Parola di Dio ci aiuta a creare quelli
determinazioni. Con quella conoscenza puoi superare qualunque cosa ti porti la vita.
2. Avrai la sicurezza di attivare la potenza di Dio nei luoghi in cui sei autorizzato
portare il cambiamento così come la fiducia per attivare la grazia di Dio per perseverare con la Sua potenza nel
cose che non puoi cambiare.
3. L'apostolo Paolo scrisse che i cristiani devono essere trasformati rinnovando la loro mente (Rm 12: 2–
Una mente rinnovata vede la realtà così com'è). Abbiamo assistito a un incidente nella vita di Paul che mostra
noi come questo si svolge nella vita di una persona reale.
un. Atti 28: 1-10 - Mentre veniva portato in nave a Roma come prigioniero, Paolo riuscì a sopravvivere a un orribile
tempesta e naufragio e quindi accedere al potere di Dio per liberare un morso di serpente velenoso. Poi lui
guarì numerose persone nel nome di Gesù e predicò loro il Vangelo.
b. Paolo era in quella situazione a causa della persecuzione e delle scelte poco sagge fatte da altre persone.
Poiché capiva la natura della vita in un mondo caduto, sapeva come affrontare la sua situazione.
1. Non ha provato a scavalcare le scelte di libero arbitrio (provare a cambiare ciò che non poteva cambiare) attraverso
preghiere sprecate. Invece credeva che Dio avrebbe fatto sì che tutto servisse ai Suoi scopi eterni
mentre portava il vero bene dal vero male. Ef 1:11; Rom 8:28; eccetera.
2. Perché sapeva che Dio non era la fonte dei suoi problemi (fanno parte della vita in un peccato maledetto
terra) e perché sapeva chi era attraverso la sua unione con Cristo (autorizzato a calpestare
serpenti, predica il Vangelo e impone le mani ai malati) di cui è stato in grado di dimostrare il potere
Dio e vedere le persone guarite e salvate, portando gloria a Dio.
c. In una circostanza non poteva cambiare (persecuzione e scelte poco sagge fatte da altri) Paul
cambiò ciò che poteva e fu sostenuto dalla potenza di Dio in ciò che non poté.
4. Un grande ostacolo a camminare nella vittoria in questa vita è la mancanza di comprensione del luogo e del ruolo di
emozioni e come affrontarle. Questo è ciò che vogliamo considerare in questa lezione.

1. Le emozioni sono sentimenti generati nella nostra coscienza (rabbia, gioia, odio, paura, amore, ecc.). Loro sono un
risposta a stimoli come vista, pensieri, ricordi, esperienze, ecc. Producono fisiologico
cambiamenti nel corpo - aumento della frequenza cardiaca, aumento della temperatura e attività ghiandolare - e preparare il
corpo d'azione.
TCC – 897
2
un. Le emozioni non sono volitive (il risultato della scelta o della volontà di viverle). Essi
sono generati spontaneamente. Non puoi provare te stesso a provare o non provare emozioni. Qualcosa
devono stimolarli (suscitarli o attivarli).
b. Le emozioni non sono peccaminose. La Bibbia dice: Sii arrabbiato e non peccare (Ef 4:26) indicando che non lo è
sbagliato a provare l'emozione della rabbia ma non dobbiamo lasciarci guidare dal peccato.
1. Come in ogni parte della natura umana, le emozioni sono state corrotte dalla caduta. Possono dare
noi informazioni errate e motivarci ad agire in modo empio.
2. Non possiamo basare la nostra visione della realtà su ciò che sentiamo né possiamo permettere ai nostri sentimenti di dettare
come agiamo. La Parola di Dio ci mostra la realtà così com'è e come dobbiamo comportarci.
3. Non dobbiamo essere controllati dalle nostre emozioni. Devono essere sottoposti al controllo di e
trasformato dal potere di Dio.
2. Come essere umano, Paolo ha dovuto affrontare le emozioni. Quando Paolo nel mezzo della tempesta un angelo di Dio
gli apparve con un messaggio. Le sue prime parole a Paul furono: non temere. Atti 27: 23,24
un. Questo ci dice che c'era la possibilità di provare paura nella situazione. Stava succedendo qualcosa di simile
potrebbe stimolare la paura nella natura umana. La paura è suscitata quando la forza che viene contro di noi è più grande
rispetto alle risorse disponibili per aiutarci e proteggerci.
1. Quindi l'angelo disse: Non temere. Respingere la paura (Weymouth). Rifiuta di temere. Abbiamo appena detto che tu
non puoi provare te stesso a sentire o non sentire qualcosa. In che modo Paolo poteva rifiutare di temere?
2. L'angelo diede a Paolo qualcosa con cui contrastare la paura e l'informazione stimolante
la paura, la Parola di Dio: sopravvivrai a questa tempesta.
b. Gestire le emozioni non significa che tu stesso smetterai di provare qualcosa. Significa te
prendi in considerazione ciò che Dio dice al di là di ciò che vedi e senti. Non fingere
non senti qualcosa. Superi le tue emozioni con la Parola di Dio
1. Quando si supera la paura (o qualsiasi emozione) la fonte o gli stimoli della paura non necessariamente
va via. Semplicemente impari a vedere le cose in modo diverso in modo da non avere più paura.
2. Fornisci informazioni aggiuntive che cambiano la tua prospettiva o visione della realtà. Quello
a sua volta mitiga gli effetti di ciò che stai guardando che stimola l'emozione della paura.
c. La paura può essere la reazione emotiva appropriata in base a ciò che vedi. Ma c'è di più
informazioni disponibili in ogni circostanza: fatti invisibili rivelati nella Parola di Dio.
1. Ciò che vediamo ci fornisce informazioni. La Parola di Dio ci dà informazioni. Entrambi ci influenzano. Paolo
diede la Parola di Dio agli altri a bordo della nave.
2. In quel contesto, disse loro di essere di buon umore o di "mantenere il tuo coraggio" (v22,25, AMP).
Il coraggio è la forza mentale o morale per perseverare e resistere al pericolo, alla paura o alla difficoltà.
3. Nel contesto della descrizione delle molte difficoltà che ha dovuto affrontare mentre predicava il Vangelo Paolo parlava di essere
triste ma gioioso. II Cor 6: 10 – Uomini tristi che si rallegrano continuamente (Knox). I nostri cuori soffrono ma noi
avere sempre gioia (NLT).
un. La gioia non può essere una risposta emotiva alla situazione perché Paolo ha detto: Quando sono triste (an
emozione) mi rallegro. Era triste perché qualcosa stimolava o generava quella sensazione in lui.
1. Paolo era una persona reale che incontreremo davvero in Paradiso. Ha sperimentato le pressioni
e dolore delle circostanze e delle emozioni generate da loro proprio come facciamo noi.
2. In II Cor 11: 23-27 ha elencato le numerose sfide che ha dovuto affrontare mentre predicava il Vangelo, aggiungendo
v28,29: Oltre alle prove esterne ho l'onere quotidiano della responsabilità per tutto il
chiese (Phillips). Chi è debole e non sento la [sua] debolezza? Chi è fatto per inciampare
e cadere e farsi male alla sua fede, e io non sono in fiamme [con dolore o indignazione]? (Amp).
b. Cosa significa gioire? La parola greca (CHAIRO) significa "allietare" pieno; serenamente felice
o benestante; gioire o rallegrarsi. È un'azione o uno stato dell'essere al contrario di un sentimento. Sii grato,
rallegrati, non sentirti felice o gioioso.
1. I cristiani si confondono perché pensano che gioire significhi sentirsi bene.
Questo non è possibile quando stai guardando qualcosa di brutto.
TCC – 897
3
2. La gioia non è un'emozione. È un'azione che può e alla fine influenzerà le tue emozioni.
Ma non è qui che inizia.
c. In Rom 12:12 Paolo parlava di gioia nella speranza. Lascia che la speranza ti renda gioioso (NEB). Lascia che sia la tua speranza
una gioia per te (Moffatt). La speranza è fiducia nell'aspettativa di venire bene.
1. Paolo disse: Rallegrati perché hai speranza. Rallegrati con le informazioni che ti danno
speranza o aspettativa di venire bene. In faccia e sentimento di difficoltà, Paul ha rafforzato o
si rallegrò ricordando i motivi per cui aveva speranza. In altre parole, si rallegrava.
2. Non puoi avere speranza se non vedi la realtà com'è veramente secondo la Parola di Dio. Paul ha scritto
in Rom 15: 4 che sperano (aspettativa), insieme a pazienza (forza di sopportare) e conforto
(incoraggiamento), vieni dalla Parola di Dio. Perché? Perché la Sua Parola ci mostra ciò che Dio ha
fatto, sta facendo e farà. Rivela la sua volontà, piano e scopo per le nostre vite. Dà
esempi di persone vere che hanno avuto un vero aiuto in mezzo a guai seri.
4. Paolo ha scritto in Rom 5: 2 che ci rallegriamo nella speranza della gloria di Dio - La speranza di condividere la gloria di
Dio (Goodspeed); la speranza di vedere la gloria di Dio (Norlie); Guardiamo con fiducia e gioia
in avanti per diventare veramente tutto ciò che Dio ha in mente per noi di essere (TLB).
un. La gloria di Dio è che Dio si manifesti (potremmo fare intere lezioni), ma considera questi punti.
1. Vedere la gloria di Dio significa vederlo faccia a faccia nella vita a venire.
2. Significa che saremo glorificati o pienamente conformi all'immagine di Gesù nella vita a venire.
3. Significa che in questa vita lo vedremo glorificato mentre si muove nella nostra situazione per nostro conto.
b. Paolo è stato in grado di rallegrarsi di fronte alle prove perché è così che vedeva la realtà: la tribolazione
lavora pazienza o resistenza. L'Endurance porta esperienza. L'esperienza ci dà speranza. v3,4
1. Alcune persone credono erroneamente che le prove producano pazienza. Se lo fanno, perché non sono tutti
paziente perché tutti hanno prove? Le prove non creano pazienza, funzionano allo stesso modo
l'esercizio fa lavorare i muscoli.
2. La pazienza è in realtà un frutto dello spirito umano ricreato. Fa parte della disposizione di Dio nel
circostanze che non puoi cambiare. Funziona nel bel mezzo di guai per aiutarti a sopportare
fino a quando non esci. Quando riesci a superare una prova ti dà la speranza di sopravvivere
qualunque cosa ci sia davanti.
c. Torna alla parola gioisci in v2. La parola greca usata da Paolo significa vantarsi. Ha usato lo stesso
parola tradotta gloria (nella tribolazione) in v3. Paolo ci sta dicendo che ci rallegriamo vantandoci nel
Signore, parlando di ciò che ha fatto, sta facendo e farà.
5. Come è andata a finire nella vita di Paolo? In Atti 16: 16-26 Paolo e Sila furono percossi e incarcerati
cacciare un diavolo da una serva. Ha portato i suoi soldi ai maestri raccontando fortune dal
potere del diavolo. I suoi proprietari erano indignati e hanno consegnato i due ai funzionari della città per aver causato problemi.
un. A mezzanotte, nelle scorte nella parte più profonda della prigione, Paolo e Sila hanno pregato e lodato Dio.
Paul ha preso il suo consiglio. Lodare nella sua forma più elementare significa riconoscere Dio, rendere tuo
vantarsi nel Signore parlando di chi è e di ciò che ha fatto, sta facendo e farà.
b. In questo resoconto non vi è alcun accenno di: “Perché Dio ha lasciato che ciò accadesse? Dobbiamo averlo dispiaciuto
in qualche modo. Cosa sta cercando di dirci? Dopo tutto quello che ho fatto al suo servizio, come ha potuto permetterlo
accadere? Silas (Paul), è tutta colpa tua. (Questi sono i tipi di reazioni che abbiamo quando le nostre
le emozioni e / o una visione errata della realtà stanno dettando le nostre azioni.)
1. Questi uomini hanno capito la natura della vita in una terra maledetta dal peccato e hanno risposto a Dio e ai loro
circostanze. La lode non è una risposta emotiva. È la risposta appropriata. È sempre
appropriato lodare Dio per la sua bontà e opere meravigliose. Sal 107: 21
2. Entrambi gli uomini avevano speranza dell'aiuto di Dio. Quella speranza è venuta dalla Parola di Dio e dai suoi numerosi
esempi di Dio che aiuta il suo popolo nei momenti difficili. La lode li ha sollevati e
ha aperto la porta al superamento del potere di Dio nelle loro circostanze. Sal 119: 62; Sal 50:23
b. Torna alla tempesta in Atti 27. Mentre si avvicinavano all'isola dove sarebbero stati naufragati
Paul ha esortato gli uomini a mangiare un pasto. Non mangiavano da giorni a causa della tempesta. v33-36
TCC – 897
4
1. Nota che Paolo rese grazie a Dio. Questo non era un rito religioso. Paul non aveva un
osso religioso nel suo corpo.
2. Paolo ringraziava Dio per la Sua Parola per proteggerli e preservarli attraverso ciò che era davanti
perché credeva che ciò che Dio avrebbe detto sarebbe accaduto. v25

1. Non è sbagliato sentirsi male quando ci si trova di fronte a qualcosa di brutto. Tali sentimenti sono emotivi appropriati
risposte allo stimolo presentato. Ma devi sempre ricordare che ci sono più fatti da fare
la situazione rispetto a ciò che puoi vedere.
un. Non puoi lasciare che ciò che vedi e ciò che provi per ciò che vedi dipingono la tua foto della realtà né
puoi lasciare che determini cosa fai o come rispondi alla tua situazione.
b. Porta ulteriori informazioni dalla Parola di Dio. Rallegrati con la Parola di Dio. Modificare
la tua prospettiva, la tua visione della realtà e comincia a gioire della speranza o vantarti di Dio.
c. Gioire nella speranza non è un trucco. Viene fuori dalla tua percezione della realtà: questo problema non lo è
da Dio, né è più grande di Lui. Dio non ha sorpreso Dio. Vede un modo per usarlo e
fa sì che serva ai Suoi propositi mentre ne trae il vero bene. Mi sosterrà attraverso questo.
2. Potresti pensare: Sì, ma sto affrontando una situazione che potrebbe causare danni o perdite permanenti.
Devi capire che anche se si verifica lo scenario peggiore, per un cristiano, ogni perdita, dolore,
la sofferenza, l'ingiustizia, ecc. sono temporanee. Tutto sarà reso giusto nella vita a venire.
un. Potresti chiedere: non è un modo molto fatalistico di guardare la vita, specialmente i maggiori problemi della vita?
No, sta accettando e comprendendo come stanno le cose in questa terra maledetta dal peccato. (Fa freddo
Siberia.)
b. Ciò non significa che non ci sia aiuto, provvigione o liberazione in questa vita. C'è. Ma per accedere
quella disposizione devi venire da un luogo di fede e fiducia, non paura e preoccupazione. Quello
succede mentre impari a vedere la realtà così com'è veramente secondo Dio e rispondi basandoti piuttosto su quella
che reagire in base a ciò che vedi e senti.
1. La fede non è vista (II Cor 5: 7). La fede è credere a ciò che Dio dice al di sopra di ciò che vedi e senti.
Cosa ha visto Paolo? Una tempesta mortale senza via di fuga.
2. Ma la sua posizione che era basata su una visione della realtà modellata dalla Parola di Dio era: io ci credo
sarà come mi era stato detto. Atti 27:25
c. È facile respingere le istruzioni fornite dalla Bibbia per rallegrarsi perché non sembra giusto.
1. Gioire nella speranza non è un'emozione o un sentimento nel momento. Non è un trucco o un
tecnica che usi per risolvere il tuo problema immediato.
2. È un'azione che nasce da una percezione della realtà che è stata sviluppata dalla Parola di
Dio. Più la prossima settimana!