LE DONNE POSSONO INSEGNARE LA BIBBIA?

Le donne possono parlare in chiesa?
Le donne possono insegnare la Bibbia?

1. Come con qualsiasi studio di qualsiasi versetto nella Bibbia, dobbiamo iniziare con il contesto. Tutto nella Bibbia è stato scritto da qualcuno a qualcuno su qualcosa.
un. Prima di poter applicare completamente qualsiasi verso, devi prima determinare il significato storico nel tempo del versetto. In altre parole, cosa significava per le persone per le quali era stato scritto per la prima volta?
b. Devi anche determinare come un versetto si adatta a tutti gli altri versetti nell'epistola o nel libro in cui si trova, così come come il versetto si adatta a tutta la Bibbia.
c. Non puoi prendere un verso e applicarlo separatamente dal suo contesto senza trarre conclusioni errate.
2. Mentre studiamo il contesto di questo versetto scopriremo che I Tim 2:12 non è un divieto universale, per tutto il tempo contro le donne che insegnano la Bibbia. Si occupa di una situazione particolare in un determinato momento e luogo.

1. I e II Timoteo e Tito sono talvolta chiamati epistole o lettere pastorali. Furono scritti da Paolo a due giovani uomini, Timoteo e Tito.
un. Sono stati scritti per incoraggiarli e aiutarli a gestire le responsabilità della gestione di una chiesa.
b. Timoteo aveva a che fare con la chiesa nella città di Efeso e in altre città dell'Asia Minore. Tito supervisionava le chiese sull'isola di Creta.
2. Paolo lasciò Timoteo ad Efeso per impedire alle persone di insegnare altre dottrine. I Tim 1: 3
un. "Altra dottrina" ha l'idea di qualcosa di diverso dalla giusta dottrina. I semi del falso insegnamento stavano già iniziando a crescere quando le lettere pastorali furono scritte.
b. Un tema che si trova in tutte le lettere pastorali è: impedire ai falsi insegnanti di insegnare. Tito 1: 13,14
c. Il problema che Timoteo affrontò ad Efeso e il problema che Paolo stava affrontando nella sua lettera erano i falsi maestri. Alcuni di quegli insegnanti erano donne.
3. I Tim 1: 3 dice a Timoteo di accusare alcuni di non insegnare la dottrina sbagliata. La parola alcuni deriva da un pronome neutro in greco che significa maschio o femmina.
un. Secondo WE Vine, l'autore del classico dizionario greco del NT, la parola è meglio tradotta alcune persone. Se Paul avesse intenzione di dire che solo gli uomini stavano insegnando (perché solo gli uomini possono insegnare), avrebbe potuto usare la parola per uomini, ANER.
b. L'uso di questa particolare parola indica la possibilità che le donne insegnassero ad Efeso. c. Il problema non era il sesso degli insegnanti (chiunque fossero), ma piuttosto con ciò che insegnavano (la loro dottrina).

1. Molti gnostici affermavano di essere cristiani, ma ciò in cui credevano e insegnavano era contrario alla sana, vera, dottrina. Lo gnosticismo impiegò diversi secoli per svilupparsi pienamente, ma gli inizi di questa eresia erano già presenti ai giorni di Paolo.
un. Non possiamo dire molto sullo gnosticismo studiando le Scritture. La maggior parte di ciò che sappiamo sullo gnosticismo proviene dagli scritti dei Padri della Chiesa nel 2 ° e 3 ° secolo dopo che lo gnosticismo si era sviluppato in un'eresia in piena regola.
b. I Padri della Chiesa Clemente di Alessandria (2 ° secolo), Ireneo (fine del 2 ° secolo) e Ippolito (3 ° secolo) hanno scritto tutti sugli gnostici.
c. I Padri della Chiesa scrissero per confutare le dottrine degli gnostici. In tal modo hanno dato i nomi dei leader gnostici (comprese le donne leader) e hanno spiegato le dottrine gnostiche.
2. La base dello gnosticismo era una conoscenza segreta speciale o nascosta. Gli gnostici hanno insegnato che la salvezza è arrivata a pochi elite attraverso la conoscenza.
un. La parola gnosticismo deriva dalla parola greca per conoscenza, GNOSIS. La parola scienza dentro
I Tim 6:20 è GNOSIS.
b. Questi pochi con conoscenze speciali erano considerati mediatori. Gli gnostici credevano che se avessi seguito la conoscenza segreta dei mediatori, potresti essere salvato. Gli gnostici non insegnavano nulla sul peccato, sulla colpa o sulla fede. Esaltarono la mente e insegnarono che la materia era malvagia.
3. Gli gnostici avevano elaborato genealogie e miti sui loro inizi.
un. Credevano che Eva fosse stata creata per prima e che fosse stata la "portatrice di vita" per Adamo. Gen 3:20
b. Credevano che quando Eva mangiasse dall'albero della conoscenza del bene e del male ricevette una conoscenza nascosta e speciale. Il suo atto non era peccaminoso, ma buono, perché illuminava l'umanità.
Da questo mito nasce l'idea delle donne come mediatori.
c. Ippolito scrisse degli gnostici: "Magnificano queste donne disgraziate al di sopra degli apostoli ... così che alcuni di loro presumono di affermare che c'è in loro qualcosa di superiore a Cristo".
4. Efeso stesso era una città molto sensuale e malvagia. La maggior parte dei convertiti alla chiesa di Efeso erano gentili o ex pagani. Portarono con sé molte false idee quando vennero a Cristo.
un. Efeso fu sede del grande santuario della dea Diana. C'erano migliaia di prostitute del tempio in città. Credevano che la fornicazione mettesse le persone in contatto con la divinità.
b. Le pratiche sessuali volgari facevano parte di molte religioni antiche e gli gnostici usavano anche il sesso per unire carne e divinità.
c. I semi di questa immoralità cercarono di insinuarsi nella chiesa. Nel libro dell'Apocalisse, quando Gesù diede a Giovanni messaggi per le sette chiese in Asia Minore (che era dove si trovava Efeso), il suo messaggio a Tiatira riguardava una donna che insegnava falsa dottrina. Apoc 2: 20,21
1. Notate, questa chiesa stava lasciando insegnare a una donna. Se le donne non dovrebbero insegnare, perché insegnava? Gesù non ha avuto problemi con il fatto che fosse una donna. Piuttosto, prese
problema con la sua dottrina.
2. Jezebel insegnò eresie combinate con l'immoralità sessuale. Era possibile uno gnostico.

1. I Timoteo 2: 8,9 – Paolo doveva dare istruzioni sull'abbigliamento modesto per le donne quando pregavano in pubblico.
un. v8 – Ha detto agli uomini come pregare, con le mani alzate, senza ira, senza dubbio.
b. v9 – Quindi Paolo dice alle donne come pregare. Allo stesso modo (allo stesso modo) si riferisce alla dichiarazione precedente. Le donne dovevano pregare con le mani alzate, ecc. Molti commentatori dicono che, per chiarezza grammaticale, la parola preghiera dovrebbe essere sia in v9 che in v8. (Conybeare)
c. Paul continua dicendo alle donne che devono vestirsi modestamente. In questa cultura le donne benestanti hanno usato “l'eccessivo ornamento”, specialmente nei loro capelli (l'hanno intrecciato con l'oro) sia per sfoggiare il loro
ricchezza e per attirare l'attenzione sul loro aspetto fisico.
1. Paul non sta dicendo che le donne non possono truccarsi o indossare gioielli. C'è un contesto culturale in questo verso: ornamenti eccessivi. Questo è ciò che avrebbe significato per gli ascoltatori originali.
2. Paolo dice loro che hanno bisogno della vergogna o di un senso di modestia e sobrietà o di solidità mentale e di autocontrollo nel modo in cui si vestono.
2. I Timoteo 2:10 – Queste donne che si vestivano in modo immodesto, improprio, promettevano anche la devozione.
un. La parola professare in greco è EPAGGELLOMAI, non la parola comune, OMOLOGIA,
b. Questa parola significa promettere qualcosa a qualcuno. È anche usato in I Tim 6:21.
3. I Timoteo 5: 11-15 – C'erano giovani donne che andavano in giro a parlare di cose che non avrebbero dovuto essere.
4. II Timoteo 3: 1-7 – Le donne di Efeso erano influenzate da falsi insegnamenti. Il contesto non ci dice chi insegnò a queste donne strane dottrine, ma i costumi sociali del giorno rendono altamente improbabile che gli uomini si intrufolassero nelle case per insegnare alle donne. Probabilmente erano altre donne.
E. Con tutte queste informazioni di base (contesto storico e culturale) in mente, con le informazioni dell'epistola sui problemi con le donne ad Efeso, diamo un'occhiata al contesto di I Timoteo 2:12 nell'epistola.
1. Paolo ha detto a Timoteo di impedire alle persone di insegnare la falsa dottrina (1: 3), e ha detto a Timoteo di istruire alcune donne su come pregare e vestirsi in pubblico (2: 8,9). Queste donne promettevano la devozione per le persone (2:10).
2. Queste donne che promettevano la pietà erano alcune delle maestre gnostiche che Paolo disse a Timoteo di non insegnare. Come possiamo essere sicuri?
un. I documenti storici ci dicono che gli gnostici erano un problema in questo momento in questo posto.
b. Le donne gnostiche promettevano la pietà a coloro che seguivano i loro insegnamenti, la loro conoscenza segreta, la loro saggezza nascosta.
c. Le donne gnostiche si consideravano mediatori che portavano agli uomini conoscenze speciali e segrete per illuminarle come fece Eva ad Adamo. Paul ha affrontato il tema dei mediatori proprio qui.
1. I Timoteo 2: 1-7 – Paolo chiarisce che c'è un solo mediatore tra Dio e l'uomo, Gesù.
2. Quindi, esorta uomini e donne a pregare (v8,9). Non devono passare attraverso un mediatore. Possono andare direttamente a Dio grazie a Gesù.
3. I Timoteo 2:11 - Paolo dice: "Lascia che queste donne imparino". In altre parole, hanno bisogno di imparare la dottrina corretta prima di insegnare. Quali donne? Le donne nella v10, quelle che promettono pietà.
un. Devono imparare in silenzio con soggezione. Paul non sta parlando di donne che si sottomettono agli uomini.
b. La parola silenzio (usata anche in v12) è la stessa parola tradotta quiete in I Tim 2: 2 e ha l'idea di "tranquillità dall'interno che non disturba gli altri". (WE Vine)
1. Lo stile di apprendimento del giorno era di domande e risposte. Ma potrebbe portare a infinite discussioni e domande senza rispetto per l'insegnante. I Tim 1: 4; 6:20
2. Paul non stava chiedendo donne tranquille, stava chiedendo studenti sottomessi - studenti sottomessi alla parola che avrebbero imparato senza interrompere l'insegnante.
4. I Timoteo 2:12 – Paolo non sta dicendo che le donne non possono insegnare. Suffer è tradotto in modo più accurato, "Non sto permettendo". (NIV, Rotherham, Weymouth, Concordant Literal, Conybeare, ecc.)
un. Paul non sta dicendo che non lascia mai insegnare alle donne. Sta dicendo: Non sto permettendo alle donne di insegnare ad Efeso, non perché sono donne, ma perché insegnano false dottrine.
b. Paul non poteva dire che non lasciava mai insegnare alle donne perché lasciava insegnare a Priscilla. In realtà ha lavorato con lei e l'ha elogiata per il suo lavoro.
c. Paul conobbe Priscilla e suo marito Aquila nella città di Corinto. Atti 18: 1,2; I Cor 16:19
1. Atti 18: 18,19; 24-26 – Andarono con Paolo a Efeso dove insegnarono a un uomo, Apollo.
2. In Rom 16: 3 e II Tim 4:19 Paolo menziona Priscilla prima dell'Aquila. Ciò era contrario all'usanza del giorno, a meno che la moglie non avesse superato il marito in modo significativo.
3. Molti studiosi della Bibbia credono che Priscilla, non suo marito, avesse il dono dell'insegnamento e che lui le fosse di supporto.
5. I Timoteo 2:12 – Autorità usurpata in greco non è la parola usuale per autorità, ESOUSIA, che è usata trentadue volte nel NT (Luca 19:10). Se Paolo intendeva dire che le donne assumono autorità sugli uomini insegnando, avrebbe potuto usare EXOUSIA.
un. La parola qui usata è AUTENTENTE. Si trova solo qui. È un raro verbo greco. Non era una parola secolare comune. Era considerato rozzo e volgare.
b. Ai giorni di Paolo, i drammaturghi greci lo usavano per suicidio o per omicidio familiare. Aveva anche una connotazione sessuale. Solo nel III o IV secolo la parola venne a significare regola o usurpare autorità.
6. Molti gnostici hanno combinato il sesso con il loro insegnamento. Queste donne insegnanti di Efeso combinavano allettamenti sessuali con il loro insegnamento.
un. Questo non era raro nella cultura. Le insegnanti di sesso femminile nelle scuole greche erano cortigiane o prostitute con una ricca clientela di classe superiore. Hanno reso molto chiaro ai loro studenti maschi durante le loro lezioni quale fosse il loro secondo lavoro.
b. I lettori di questa lettera avrebbero capito che AUTHENTEIN significava causare la morte erotica o simbolica. Proverbi molti avvertimenti sulla donna sensuale che conduce gli uomini alla morte.
Prov 2:16-19; 5:3-5; 9:13-18
c. In altre parole, Paolo sta dicendo a Timoteo: non lasciare che queste donne insegnino false dottrine e attirino sessualmente i loro studenti maschi.
7. I Tim 2: 13,14 ci dà ulteriori prove del fatto che Paolo stava combattendo le donne insegnanti di Efeso che erano gnostici. Attacca ora due dei loro falsi insegnamenti.
un. Paolo dichiarò chiaramente che Eva non era stata creata per prima, Adamo lo era. E Eva non ha ricevuto conoscenza nascosta quando ha mangiato dall'albero. Fu ingannata e commise peccato.
b. v13,14 sono collegati a v12 dalla parola "per". v12 si basa sui fatti elencati nei versetti 13 e 14. Le donne non possono insegnare questo tipo di dottrina.
8. I Timoteo 2: 15– Paolo affrontò un dilemma a questo punto nelle sue istruzioni a Timoteo.
un. La teologia ebraica (che era un'altra fonte di problemi nella chiesa primitiva) considerava le donne inferiori e le considerava proprietà.
1. Basarono queste idee sull'ordine della creazione (l'uomo fu creato per primo) e sulla caduta (Eva prese per prima il frutto e lo diede ad Adamo).
2. Paolo sapeva che queste idee erano usate per tenere le donne in schiavitù nella chiesa. Non voleva contribuire a queste false idee con ciò che ha appena detto.
b. Quindi Paul ha ricordato a Timoteo che il fatto che l'uomo sia stato creato per primo è bilanciato dal fatto che le donne danno alla luce uomini. 11 Cor 8: 12-XNUMX
1. v15 – Le conseguenze della parte di Eva (lei) nella caduta furono cancellate dalla gravidanza che alla fine portò a Gesù. Gen 3:15
2. v15 – Ma loro, le donne gnostiche, tutte le donne, devono camminare nella fede, nell'amore, nella sanità di mente e nella padronanza di sé, per beneficiare del sacrificio di Cristo.

1. Paolo è contrario alle donne gnostiche che insegnano perché non sanno di cosa stanno parlando e perché AUTENTE o che offrono favori sessuali agli uomini.
2. Ma, poiché Paolo serve il Dio della speranza, offre a queste donne la speranza. Se diventeranno studentesse sottomesse, sottomesse alla parola della sana dottrina, anche loro potranno imparare, correggere le loro idee difettose e continuare ad adempiere i loro destini come vere donne cristiane.