ESSERE MENTALE DI DIO

Scarica PDF
FAI IL MIO YOKE SU DI TE
IMPARA DA ME
PACE NELLA TEMPESTA
PACE DELLA MENTE
NON FARE CHE IL TUO CUORE SIA PROBLEMI
PACE NELLA SELEZIONE
IL RINGRAZIAMENTO PORTA LA PACE
ESSERE MENTALE DI DIO
LA STORIA DI JOSEPH DÀ PACE

1. In questa parte della nostra serie, stiamo osservando il fatto che le persone si commuovono per la loro incapacità di rispondere ad alcune domande che sorgono di fronte alle difficoltà e alle sofferenze della vita. Lottiamo tutti con loro: perché c'è così tanta sofferenza in questo mondo e perché un Dio amorevole non fa qualcosa al riguardo?
un. Per rispondere a queste domande dobbiamo iniziare con il quadro generale o il piano generale di Dio. Dio onnipotente ha creato gli esseri umani per diventare i Suoi figli e figlie attraverso la fede in Cristo. E, ha fatto la terra per essere a casa per se stesso e la sua famiglia. Ef 1: 4,5; Isa 45:18
1. Il piano del Signore fin dall'inizio era che la sua famiglia sarebbe fiorita con gioia contenta nella casa che ha creato per noi (un altro modo di dire: sii benedetto). Gen 1:28
2. Il piano ultimo di Dio non è stato ancora pienamente realizzato perché l'umanità - a cominciare da Adamo nel Giardino - si è ribellata al nostro Creatore attraverso il peccato.
R. Di conseguenza, né l'umanità né questo mondo sono come Dio voleva che fossero. La creazione di Dio è stata danneggiata dal peccato. A causa del peccato dell'uomo, questo mondo è infuso da una maledizione di corruzione e morte, rendendo la vita su questo pianeta molto difficile. Gen 2:17; Gen 3: 17-19; Rom 5: 12-19; Rom 8:20; eccetera.
B. Tuttavia, la vita sulla terra non sarà sempre così. In connessione con la Seconda Venuta di Gesù, il Signore metterà fine a tutte le sofferenze, i dolori, le perdite e la morte in questo mondo e la vita sulla terra sarà finalmente come intendeva. (Molte lezioni per un altro giorno.)
b. Per rispondere a queste domande, dobbiamo capire che sta succedendo qualcosa di più grande di questo momento presente. Dio sta sviluppando il suo piano di redenzione: il suo piano per consegnare la sua creazione (tutti coloro che piegano il ginocchio a Gesù come Salvatore e Signore, insieme alla terra) dalla schiavitù al peccato, alla corruzione e alla morte.
1. Il suo piano comprende tutti coloro che, da Adamo ed Eva, hanno riposto fede nella rivelazione di Gesù Cristo data alla loro generazione. Tutti noi stiamo solo attraversando questo mondo così com'è. Tutto il dolore, le difficoltà e la perdita sono temporanei e soggetti a cambiamenti, se non in questa vita, nella vita a venire.
2. Dobbiamo sviluppare una prospettiva eterna perché questa vita presente è solo una piccola parte della nostra esistenza. La parte più grande e migliore della nostra vita è avanti, prima nell'attuale Cielo invisibile, e poi su questa terra dopo che è stata restaurata. Le sofferenze di questa vita non iniziano a confrontarsi con ciò che è avanti nella vita a venire. Rom 8:18; II Cor 4:17; eccetera.
3. Lo scopo principale del Signore in questo momento non è quello di porre fine ai problemi della vita. Il suo obiettivo è portare le persone a salvare la propria conoscenza in modo che possano avere una parte nella vita a venire. Matteo 16:26
2. C'è aiuto e provvidenza da parte di Dio in questa vita, ma la sua più grande promessa al suo popolo è la pace in mezzo alle difficoltà e alla sofferenza della vita.
un. Gesù disse ai Suoi seguaci che ci avrebbe dato la pace. In questo mondo avremo tribolazione (pressione, afflizione, sofferenza e difficoltà), ma in Lui abbiamo la pace. Giovanni 14:27; 16:33
1. La parola pace tradotta è eirene. Significa uno stato di pace o tranquillità (Strong's Concordance). La nostra parola inglese sereno deriva da questa parola. Sereno significa calmo, pacifico, tranquillo (Webster's Dictionary).
2. La pace è libertà da pensieri ed emozioni inquietanti o oppressivi (Webster's Dictionary). La pace non significa che non hai mai pensieri inquietanti o non provi emozioni oppressive. Pace significa che non sei commosso da loro.
b. Nota due cose che Gesù disse riguardo alla pace che Egli fornisce. Collegò questa pace alla sua Parola e ordinò ai Suoi seguaci di non lasciare che i nostri cuori fossero turbati (agitati o disturbati).
1. La Parola di Dio ci dà la pace perché ci mostra com'è e come tratta le persone. Ci mostra come lavora e cosa fa in mezzo a un mondo caduto.
2. Dobbiamo quindi utilizzare queste informazioni per contrastare le emozioni inquietanti e i pensieri inquietanti che si generano quando incontriamo problemi.
c. Questa Bibbia è piena di resoconti di persone reali che hanno ricevuto un vero aiuto da Dio nel mezzo di guai reali mentre ha promosso il suo piano di redenzione. Questi esempi illustrano come Dio usa le dure realtà della vita in una terra maledetta dal peccato e li induce a servire il Suo scopo ultimo mentre si prende cura del suo popolo in mezzo alle loro difficoltà.
1. Questi resoconti ci aiutano a stare tranquilli nel mezzo delle difficoltà della vita perché ci mostrano come Dio ha lavorato dietro le quinte nelle situazioni della vita reale e ha causato circostanze e scelte per servire i Suoi scopi finali mentre si prendeva cura del Suo popolo.
2. Poiché l'intera storia e il risultato finale sono registrati, possiamo vedere chiaramente come quella che sembrava una perdita o una battuta d'arresto fosse in realtà un trampolino di lancio verso la vittoria. Possiamo vedere come Dio ha portato il vero bene dal vero cattivo, a volte usando il problema per risolverlo.
3. Nelle ultime due lezioni abbiamo esaminato il resoconto della generazione di Israele che Dio ha liberato dalla schiavitù in Egitto. Abbiamo visto come Dio ha usato le sfide che quelle persone hanno affrontato sia per il loro bene che per la promozione dei Suoi scopi eterni.
un. Abbiamo notato come ha portato il massimo della gloria a se stesso e il massimo del bene a una moltitudine di persone mentre ha portato il vero bene dal vero male. Abbiamo visto il Signore proteggere e provvedere al Suo popolo in un ambiente difficile e portarlo attraverso la terra che gli aveva promesso.
b. Abbiamo anche notato che questo particolare gruppo è citato come esempio di ciò che non dovremmo fare di fronte alle prove della vita se vogliamo camminare in pace. Mentre leggiamo il racconto, scopriamo che non solo questo gruppo non ha avuto la pace della mente nel suo viaggio attraverso il deserto che non è mai entrato in Canaan, la terra che Dio ha dato loro. Hanno rifiutato il piano di Dio per loro. 10 Cor 6: 11-XNUMX
1. Sebbene vengano citate quattro questioni, ci siamo concentrati in particolare sul loro mormorio o lamentele. Mormorare significa borbottare o mormorare di scontento. Lamentarsi parla solo di ciò che è sbagliato e di ciò che vede e sente, senza tener conto della Parola di Dio.
2. Quando leggiamo il racconto biblico del loro viaggio dall'Egitto a Canaan, scopriamo che invece di usare la Parola di Dio per calmare i pensieri agitanti e le emozioni inquietanti, alimentarono i pensieri e le emozioni lamentandosi.
4. In questa lezione vedremo cos'altro possiamo imparare da questo particolare account. Non ascoltarlo come una storia della scuola domenicale. Questi sono resoconti storici di persone reali.
un. Abbiamo sentito tutti questa storia così tante volte che è facile perdere l'impatto di essa. Ma renditi conto che lo Spirito Santo ha ispirato Mosè (l'autore umano del Libro dei Numeri) a registrare queste informazioni. b. Ricorda, questi resoconti sono stati scritti per incoraggiare le generazioni future e per aiutarci a non ripetere alcuni errori. Quando Paolo esortò i cristiani del suo tempo a non essere toccati dalle difficoltà che affrontarono, si riferì a questo gruppo come un esempio di cosa non fare. Eb 3: 1-19; Eb 4: 1-2

1. Le spie hanno trascorso quaranta giorni a Canaan. Viaggiarono insieme, quindi tutte le spie videro le stesse cose. Quando il partito di ricognizione tornò nel resto di Israele con il loro rapporto, tutti concordarono sul fatto che Canaan era una terra bella e generosa, una terra che scorreva con latte e miele. E tutti concordarono anche sul fatto che c'erano città murate, tribù bellicose e giganti. Num 13: 26-29
un. Ma differivano su cosa fare. Dieci delle spie determinate: non possiamo andare contro queste persone perché sono più forti di noi. Sembriamo cavallette rispetto a loro. Moriremo se entriamo nella terra. Due delle spie dissero: siamo in grado di conquistare la terra perché Dio è con noi. Mosè si schierò con Giosuè e Caleb. (Ci arriveremo per un momento.) Num 13:30; Num 14: 6-9
b. Entrambi i rapporti furono dati alla presenza di tutto il popolo di Israele. Mosè si schierò con Giosuè e Caleb (Deut 1: 29-31). Ma la gente credeva alle dieci spie e reagiva al loro rapporto mormorando e lamentandosi.
1. Num 14: 1-2 — Poi tutto il popolo cominciò a piangere ad alta voce e pianse tutta la notte. Le loro voci si levarono in un grande coro di compiacimenti contro Mosè e Aaronne. "Vorremmo essere morti in Egitto, o anche qui nel deserto" (NLT).
2. Ricorda, avevano l'abitudine ben sviluppata di mormorare e lamentarsi, accumulata negli ultimi due anni di viaggio. Lasciano che ciò che hanno visto e sentito dominino i loro pensieri e le loro parole. Ciò li ha resi irrazionali nelle conclusioni sulla loro situazione e le intenzioni di Dio.
2. In che modo le persone che hanno visto la potenza e la provvidenza di Dio negli ultimi due anni sono arrivate a questo punto? Comprendiamo la risposta a questa domanda nel Libro di Neemia.
un. Quasi mille anni dopo l'incidente ai margini di Canaan, un uomo di nome Neemia, sotto l'ispirazione dello Spirito Santo, stava raccontando la storia di Israele e fece questo commento sulla generazione che Dio ha liberato dall'Egitto e condotto a Canaan. Ha sottolineato che cosa avevano visto quelle persone quando hanno raggiunto Canaan:
1. Neh 9: 10-15: videro i segni contro il faraone e l'Egitto, la divisione del Mar Rosso, dove Israele fu salvato e l'Egitto distrusse l'Egitto; Dio si manifesta come un pilastro di nuvola di giorno e fuoco di notte; il Signore apparve sul Monte Sinai, parlò con loro attraverso Mosè e diede loro la Sua Legge; Dio ha dato loro manna e acqua.
2. Neemia concluse questo elenco affermando che Israele non era consapevole delle meraviglie di Dio. v17: nessuno dei due ha tenuto a mente le tue meraviglie (Rotherham); le tue opere meravigliose con loro hanno dimenticato (Moffatt); non ero consapevole delle tue meraviglie (Amp); nomemoria della meravigliosa protezione (Knox); non ricordava i miracoli (NEB).
b. Come hanno potuto dimenticare quello che hanno visto? Mindful deriva da un verbo che significa ricordare, menzionare, ricordare o pensare. Il significato di base indica un processo di menzione o richiamo (Strong's Concordance). Webster's Dictionary afferma che essere consapevoli significa tenere a mente, essere consapevoli, attenti.
1. Ci sono momenti in cui dobbiamo scegliere di ricordare o ricordare. Siamo fatti in modo tale che ciò che vediamo e sentiamo nel momento sembra più reale di ogni altra cosa, più reale di qualcosa che non puoi vedere perché è successo in un altro momento.
2. Non c'era nulla di sbagliato nel sentire Israele paura (l'emozione stimolata dalle informazioni fornite dalle dieci spie). Ma non hanno scelto di ricordare ciò che Dio aveva già fatto per loro. Non hanno ricordato la sua promessa di portarli nella terra di Cannan. Es 6: 8
c. Giosuè e Caleb, d'altra parte, scelsero di essere attenti alle meraviglie di Dio. Hanno riconosciuto che Dio con loro era più grande di tutte le difese e il potere della gente nella terra. Ricordavano la promessa di Dio di stabilirli a Canaan. Pertanto, il loro rapporto era: possiamo farlo!
3. Di nuovo in Num 14: 22-24 Mosè registrò qualcosa che Dio disse riguardo l'intera situazione. Israele (ad eccezione di Giosuè e Caleb) non entrerebbe nella terra.
un. Israele ha mancato la terra perché non ha ascoltato la Parola di Dio e lo hanno tentato dieci volte. Ex 17: 7 definisce Allettante Dio come il dubitare della sua presenza tra di loro: (hanno) "messo alla prova il Signore dicendo: 'Vediamo se il Signore si prenderà cura di noi o no?'” (Lamsa)
b. Caleb (e anche Giosuè) avevano un altro spirito e seguiva pienamente Dio. Num 14: 24 — Il mio servitore Caleb aveva un'altra mente; ha preso la mia parte. (Knox).
1. Tutto Israele seguì il Signore in quanto quando la nuvola si muoveva, si muovevano. Ma Caleb lo prese alla sua Parola. Tutti in Israele avevano a disposizione le stesse informazioni. Caleb e Joshua hanno scelto di esserne consapevoli.
2. Caleb era di un'altra mente. Le sue azioni e attitudini sono nate dalla sua visione della realtà. Sapeva e credeva che Dio fosse con loro e li avrebbe aiutati.
A. Josh 14: 7 — Oltre quaranta anni dopo, quando la generazione successiva era pronta per entrare in Canaan, Caleb disse del suo rapporto tanti anni prima: ho portato Mosè parola com'era nel mio cuore — ha riportato un rapporto secondo il mio condanne (Berkeley.
B. La convinzione è definita come lo stato d'animo di una persona che è convinta che ciò che crede o dice sia vero. (Dizionario Webster)
4. Ricorderai che dopo che Israele ha attraversato il Mar Rosso, hanno celebrato la vittoria e hanno cantato una canzone meravigliosa su quanto è grande Dio e cosa aveva fatto e stava per fare per loro. Eso 15: 1-21 a. Es 15: 22-24 – Tre giorni dopo, quando finirono l'acqua, Israele iniziò a mormorare (brontolare di scontento). È perfettamente normale avere una reazione emotiva alle circostanze che hanno incontrato. Questo sarebbe stato il momento perfetto per ricordare (ricordare) ciò che Dio aveva già fatto per loro.
b. Se avessero cantato la loro canzone della vittoria fino a Canaan, la loro visione della realtà sarebbe stata alterata e loro, come Giosuè e Caleb, avrebbero riconosciuto che, nonostante il modo in cui le cose sembravano, nella situazione c'era più di quello che potevano vedere e sentire nel momento - Dio con loro e per loro.
1. Dobbiamo scegliere di lasciare che la pace regni nei nostri cuori ricordando ciò che Dio ha detto e fatto (Col 3:15). Non dobbiamo lasciare che i nostri cuori siano turbati affrontando pensieri preoccupanti con la verità della Parola di Dio (Giovanni 14:27). La promessa di Dio per noi è che ci manterrà in pace mentre manteniamo la nostra mente su di Lui (Isa 26: 3). Manteniamo la nostra mente su di lui ricordando le sue parole e le sue opere.
2. Sviluppare l'abitudine alla gratitudine espressa attraverso il ringraziamento a Dio è uno dei modi più sicuri per evitare di essere mossi da pensieri ed emozioni preoccupanti. Ti aiuta a essere consapevole di ciò che ha fatto per te.

1. Num 20: 1-13 — Non era il primo mese del quarantesimo anno dopo che Israele aveva lasciato l'Egitto e, come era accaduto prima, non avevano acqua. Dio disse a Mosè di prendere la verga e parlare alla roccia. Lo colpì due volte e uscì dell'acqua (Es 17: 1). Per questo, a Mosè fu permesso di vedere ma non entrare in Canaan (Deut 34: 4).
un. Mosè era chiaramente turbato dal popolo ed era provocato dal loro atteggiamento. Gridò loro prima di colpire la roccia. Dobbiamo portarti dell'acqua (NLT). Era commosso dalle sue emozioni, non dalla sua fede in Dio.
b. Mosè arrivò nel paese quando uscì dal regno invisibile per parlare con Gesù sul Monte della Trasfigurazione (Matteo 17: 1-4). E vivrà a Canaan quando tornerà su questa terra in connessione con la Seconda Venuta di Gesù.
c. Dio stava costruendo nella coscienza del Suo popolo (sia non permettendo loro di entrare in Canaan attraverso il loro rifiuto iniziale sia non permettendo a Mosè di entrare) che la disobbedienza è costosa.
Devi fare la via di Dio perché c'è solo una via per l'eterna salvezza: la via di Dio attraverso Gesù.
2. Giosuè e Caleb, sebbene ancora forti, non erano più giovani quando finalmente entrarono in Canaan. Ma anche loro vivranno di nuovo a Canaan al ritorno di Gesù. E quando i loro corpi saranno risuscitati dai morti, saranno di nuovo giovani.
un. Riconoscere che c'è di più nella vita oltre a questa vita, rendendosi conto che ci sono cose più importanti che vengono elaborate rispetto ai tuoi desideri personali in questo momento, insieme ad imparare ad essere grato per ciò che Dio ha fatto, sta facendo e farà farà pace nel deserto.
b. Sii come Caleb e Joshua. Sii come Mosè. Sii consapevole delle meraviglie di Dio. Molto di più la prossima settimana!