AMI IL TUO VICINO: PARTE VIIANGER E HURT

Ama il modo in cui Dio ama
Io sono egoista
Pensa di non reagire
Pazienza con le persone
Trasforma l'altra guancia
Trattare con rabbia
Rabbia E Ferita
Raca, Tu Matto
A giudicare
Maggiori informazioni sul giudizio

1. Dio vuole che amiamo gli altri con lo stesso amore con cui ci ama e allo stesso modo in cui ci ha amati. Giovanni 13: 34,35; Ef 5: 2
2. Abbiamo affermato questi punti principali sull'amore con cui dobbiamo amare gli altri.
un. Questo amore non è un sentimento (un amore emotivo), ma piuttosto un'azione che prendiamo sulla base di una decisione che prendiamo per trattare le persone come Dio ci dice.
b. Dio ci dà due istruzioni di base su come trattare gli altri.
1. Uno positivo = Tratta le persone nel modo in cui desideri essere trattata. Matt 7:12
2. Uno negativo = Non restituire male per male. I Tess 5:15
c. Questo amore rinuncia al diritto di essere pari o vendicarsi. Perdona tutto per tutto. Tratta le persone che ci feriscono, non come meritano, ma come vogliamo essere trattati e come Dio ci ha trattati.
d. Questo amore pensa piuttosto che sentire o reagire. 13 Cor 1: XNUMX - Se [posso] parlare nelle lingue degli uomini e [anche] degli angeli, ma non ho amore [quella devozione razionale, intenzionale e spirituale come è ispirata dall'amore di Dio per noi e in noi], Sono solo un suono rumoroso o un simbolo tintinnante. (Amp)
e. Possiamo amare così perché, come nuove creature, abbiamo l'amore di Dio in noi e l'esempio del suo amore. Rom 5: 5; Ef 5: 2; Giovanni 15: 5; Gal 5:22
3. Amare così sarebbe facile se vivessimo su un'isola deserta.
un. Ma dobbiamo interagire con persone che dicono e fanno cose che non ci piacciono.
b. E, ci è comandato da Dio di amare l'inamabile e di amare l'amorevole quando non sono amabili.
4. L'interazione con le persone produce in noi due principali reazioni negative quando le cose non vanno come vorremmo = dolore e rabbia.
un. Quando siamo feriti o arrabbiati, la nostra natura umana vuole vendicarsi e vendicarsi - entrambe cose che Dio ci dice di non fare. Matteo 5: 39-44
b. Vendetta, ritorsione = qualsiasi cosa facciamo (dal minore al maggiore) per ferire qualcuno o ripagarlo perché siamo feriti o infastiditi.
5. Dio ci dice di non restituire il male per il male (ritorsione) per due motivi.
un. Dobbiamo imitare (dimostrare) Dio, e Lui non restituisce il male per il male.
b. La vendetta porta distruzione nelle nostre vite. Se seminiamo alla carne (egoista), raccoglieremo la corruzione. Gal 6: 7,8
6. Dobbiamo vivere e camminare per fede. La fede funziona per amore. Gal 5: 6
un. Quanto è forte ed efficace la nostra fede, è direttamente correlata all'amore.
b. Quanto sappiamo dell'amore di Dio per noi e quanto amiamo gli altri.
7. In questa lezione, vogliamo approfondire come camminare nell'amore quando le persone ci fanno del male e ci fanno arrabbiare.

1. Ma puoi esercitare l'autocontrollo e impedire alle emozioni di portarti al peccato.
2. Pecchi quando esci dall'amore. Esci dall'amore quando fai a qualcuno ciò che non vorresti fosse fatto a te. (Di solito coinvolge la nostra bocca.)
3. La chiave dell'autocontrollo è ottenere il controllo della tua bocca. Giacomo 1:19; Giacomo 3: 2
4. Controlliamo le nostre bocche con lode. Ringraziamo e lodiamo Dio per le persone per obbedienza a Dio. Sal 34: 1; I Tim 2: 1; 5 Tess 18:5; Ef 20:8; Rom 28:XNUMX
5. Una volta che hai controllato la rabbia o il dolore in modo da non scatenarti, puoi iniziare a cambiare ciò che senti cambiando ciò che stai pensando.
un. Le emozioni sono prodotte da ciò che pensiamo di ciò che ci sta accadendo. b. Cambia ciò che stai pensando cambiando ciò che stai dicendo.
6. Nella storia di David e Nabal, Abigail lo ha fatto per David. 25 Sam 1: 39-XNUMX
un. Ha portato la pace nella situazione con ciò che ha detto a David.
b. Mio marito è uno stupido. Non ho visto i tuoi messaggeri. Non vuoi sangue innocente sulle tue mani quando diventi re, ecc.
c. David avrebbe potuto farlo da solo, e avrebbe dovuto !! Anche noi!!

1. Una delle chiavi principali è il modo in cui guardi le cose: la tua prospettiva.
un. La visione naturale di situazioni difficili e dolorose è: la cosa più importante in questa situazione è come mi sento, i miei diritti, ciò che è meglio per me.
b. Per un cristiano, la cosa più importante nella situazione è: ciò che onora Dio e ciò che gli porterà gloria in questa situazione. 6 Cor 19,20: XNUMX
2. Un cristiano non vive più per se stesso, ma per Dio. Isa 53: 6; II Cor 5:15; Matteo 16:24
un. Il nostro obiettivo principale in tutto dovrebbe essere: come posso onorare Dio?
b. Il più grande onore che possiamo portargli è quello di riflettere la sua gloria agendo come lui attraverso il suo potere in noi. Matt 5:16
c. È così che vedi ogni situazione? Altrimenti, hai bisogno di rinnovare la tua mente.
3. Dio vuole che siamo ansiosi di amare come Lui ama. I Cor 14: 1 - Persegui e cerca ardentemente di acquisire [questo] amore - fallo diventare il tuo scopo, la tua grande ricerca. (Amp)
un. Considera la tua vita, inclusa questa area, in termini di desiderio di piacere a Dio perché lo ami e gli sei grato per tutto ciò che ha fatto?
b. Esprimiamo il nostro amore per Dio mediante l'obbedienza ai Suoi comandi. Giovanni 14:21
4. Come vedi le persone che ti fanno arrabbiare? Come stupidi idioti che dovrebbero conoscere meglio? Come le persone mettono su questa terra per rendere la tua vita miserabile? O come persone tanto bisognose di grazia come te?
un. Matteo 23: 37,38; Luca 19: 41-44 – Quando Gesù guardò Gerusalemme, la città che lo rifiutava e Lo mandava alla Croce, pianse per quello che sarebbe successo loro come risultato delle loro azioni.
b. Luca 23:34 – Mentre era appeso alla croce, Gesù si rese conto che non sapevano cosa stavano facendo.
5. La promessa di Dio per noi è di lavorare ogni cosa per il bene, comprese le persone che ci fanno del male, che ci feriscono. Questa deve essere la nostra prospettiva. Rom 8:28; 31
un. Ricorda Giacobbe quando suo suocero lo ingannò. Gen 31: 4-10; 41,42 b. I fratelli di Giuseppe gli fecero del male, ma Dio lo operò per il bene. Gen 50:20
6. La seconda chiave che ti aiuterà ad amare gli altri anche quando ti fanno arrabbiare o ti fanno del male è ciò che dici a te stesso. Quello che ti stai dicendo sta portando pace a te e alla situazione o alimentando il tuo dolore e la tua rabbia?
un. Non possono farmi questo! Come osano! Sono sempre quello che dà! Nessuno si preoccupa di me! Dovrebbe saperlo meglio! ecc ecc.
b. Se quello che dici a te stesso non ti permette di amare le persone come Dio comanda, devi cambiare quello che dici a te stesso.
c. David e Nabal = non può farmi questo; il mio cibo; le mie provviste, ecc. Gesù = non sanno cosa stanno facendo.
d. L'amore crede al meglio e poi lo parla. 13 Cor 7: XNUMX

1. Perdonare significa rinunciare. Significa rinunciare al diritto di pareggiare, ripagarli o insegnare loro una lezione.
2. Quando perdoni le persone, decidi di trattarle in un certo modo, non per quello che hanno fatto, ma nonostante ciò che hanno fatto.
3. Il perdono non è una questione emotiva, è una questione di obbedienza.
un. Dio dice di perdonare o rinunciare al tuo diritto di ottenere pari o vendicarsi.
b. È un'azione che fai sulla base di una decisione che prendi per trattare qualcuno non come merita, ma come Dio ha detto.
4. Dio ci ha perdonato quando non lo meritavamo.
un. Non abbiamo il diritto di negare il perdono a coloro che non lo meritano. b. Dobbiamo obbedire al nostro Padre celeste. Dobbiamo agire come nostro Padre.
5. Come perdoni? Quali sono i meccanismi del perdono?
un. Lo dici dalla tua bocca - Padre, perdono questa persona per avermi ferito. Scelgo di non vendicarmi. Scelgo di non ripagarli.
b. Nota, questa è una decisione che porta a un'azione. Questo non è un sentimento.
c. Nota che non devi necessariamente parlare faccia a faccia con loro.
6. Questo è il lato negativo del perdono, il lato "non restituire il male per il male", ma c'è un lato positivo in questo: restituisci una benedizione per il loro male.
7. I Pet 3: 9 – Non restituire mai il male per il male o l'insulto per l'insulto - rimproveri, frustate; rimprovero; ma al contrario benedizione - Pregare per il loro benessere, felicità e protezione, e compatirli e amarli veramente. Sappiate infatti che a questo siete stati chiamati, affinché possiate ereditare una benedizione [da Dio]: ottenete una benedizione come eredi, portando benessere, felicità e protezione. (Amp)
un. Dopo aver scelto di non vendicarti, preghi per loro, per il loro benessere, felicità e protezione.
b. Non posso !! No, non lo farai. Stai permettendo ai tuoi sentimenti di dominarti e determinare il tuo comportamento piuttosto che il tuo spirito e la parola di Dio.
8. Dovremmo lasciare andare i torti fatti a noi.
un. I Cor 6: 6,7 – Avere cause legali è una vera sconfitta per voi cristiani. Perché non accettare semplicemente i maltrattamenti e lasciar perdere. Sarebbe molto più onorato per il Signore lasciarsi ingannare. (Vita)
b. II Timoteo 4:16 - Tutti gli amici di Paolo lo abbandonarono durante la sua prova, ma lui pregò per ottenere misericordia per loro.
c. Luca 23:34 - Quando Gesù era appeso alla croce, pregò per le stesse persone che Lo misero lì.
d. Atti 7:60 – Quando Stefano veniva lapidato, pregava per quelli che lo facevano.

1. Un grande male fu fatto a Giuseppe dai suoi fratelli. Tuttavia, sappiamo che Joseph ha perdonato i suoi fratelli. Gen 27: 18-28
un. I nomi dei suoi figli ci dicono che ha perdonato. Gen 41: 50-52
1. Non puoi avere la pace della mente, né puoi dimenticare, a meno che non perdoni. 2. Perdona = lascialo andare, dimenticalo; spietatezza = tienilo in vita, tienilo in vita.
b. Il suo comportamento in casa di Potifar ci dice che ha perdonato. Gen 39
1. Non ha usato la sua esperienza come scusa per disobbedire a Dio. v9
2. La spensieratezza mantiene il focus della nostra vita su di noi e su ciò che ci è stato fatto piuttosto che su Dio.
c. Quando Joseph ebbe la possibilità, non si vendicò dei suoi fratelli. Gen 42,43,44; 50: 15-21
2. Quando Joseph si riunì ai suoi fratelli, li sottopose a una serie di prove per vedere se erano cambiati. Notare diverse cose da questo. Gen 42,43,44
un. Joseph doveva perdonare, dimenticare (lasciarlo andare), non vendicarsi ed essere gentile.
b. Ma non doveva automaticamente mettersi in una posizione in cui i suoi fratelli potessero ferirlo di nuovo.
c. Ciò che fu fatto a Giuseppe era malvagio, non minore; non immaginario.
d. Se qualcuno non è degno di fiducia, puoi mantenere le distanze, ma prega per lui, sii gentile con lui se si presenta l'occasione. Non dirlo a tutti.
3. II Timoteo 4: 14,15 – Paolo avvertì Timoteo di Alessandro il ramaio.
un. Nessun accenno di vendetta nelle parole di Paul. Questo è l'unico posto in cui viene menzionato. b. Lo affidò a Dio, sapendo che Dio se ne sarebbe preso cura.
4. In II Sam 16: 5-13 quando David era in fuga da Absalom, Shimei lo maledì e gli lanciò pietre e terra.
un. David non avrebbe permesso ad Abishai di uccidere Shimei. v12– (disse Davide) e forse il Signore vedrà che sto subendo un torto e mi benedirà a causa di queste maledizioni. (Vita)
b. David è cresciuto dai tempi di Nabal.
c. Quando Absalom fu ucciso e la ribellione finì, Shimei implorò pietà e David glielo diede. II Sam 19: 16-23
d. David non si fidava di Shimei e avvertì Salomone di lui. I Re 2: 8,9
e. Salomone lo confinò a Gerusalemme, pena la morte. I Re 2: 36-46

1. Camminando innamorati, non intendiamo che tu debba avere una calda peluria verso quella persona, né significa che devi fingere di non essere ferito o arrabbiato.
2. Camminare nell'amore significa che hai il controllo delle tue emozioni in modo da non reagire, e poi tratti quella persona nel modo in cui vorresti essere trattato.
un. Quando ferisco qualcuno o lo faccio arrabbiare, non voglio che si scaglia contro di me, si vendichi, mi ripaghi, mi insegni una lezione. Voglio che mi perdonino, lo dimentichino e mi diano un'altra possibilità.
b. Voglio che preghino per me piuttosto che maledirmi.
3. Se obbediremo a Dio in questa zona e cammineremo nell'amore, scopriremo che il dolore e il dolore che abbiamo provato se ne andranno - prima o poi - e potremo dire con Giuseppe: Dio mi ha fatto dimenticare e Dio mi ha reso fecondo.