UN REGNO INCREDIBILE

Scarica PDF
QUEL GIORNO
UNA GIORNATA DI RICONOSCIMENTO
IL GIUDICE DI TUTTA LA TERRA
GESÙ VIENE IN IRA
IL GIORNO DELLA SUA IRA
IL GIORNO DELLA SUA SENTENZA
L'INFERNO, IL LAGO DI FUOCO E LA SECONDA MORTE
RICONOSCERE I TEMPI
GUARDA LA FOTO GRANDE
INCORAGGIATO DALLA GRANDE IMMAGINE
SALVEZZA COMPLETA
INCORAGGIATO DALLA RIVELAZIONE
SPERANZA DALLA RIVELAZIONE
ECCITATO PER IL RITORNO DEL SIGNORE
CONSEGNATO DALL'IRA
L'ORA DEL SUO GIUDIZIO
PERCHÉ E COSA
L'IRA DEL VECCHIO TESTAMENTO
LE AZIONI DI DIO NEL VECCHIO TESTAMENTO
IL DIO DEL VECCHIO E DEI NUOVI TESTAMENTI
SCOPI RISPETTIVI NEL VECCHIO TESTAMENTO
L'INONDAZIONE E LA CONQUISTA
L'ira feroce di Dio
CRUDELE, FERIA, IRA
STA ARRIVANDO UNA SCOSSA
UN REGNO INCREDIBILE
IL FUOCO DI DIO RIMUOVE LA MALEDIZIONE
Le previsioni di Dio avverranno
È QUESTO IL TEMPO?
VIENI SIGNORE GESÙ
1. La Bibbia parla di un'ultima scossa prima che il Signore ritorni. La scorsa settimana abbiamo iniziato a parlare della finale
tremante, in parte perché molti stanno attribuendo a Dio l'agitazione nel nostro paese e nel mondo
mondo. È questo lo scuotimento finale? Dio è responsabile del caos e della violenza crescenti? Affatto!
Dio è buono e buono significa buono.
un. Le condizioni di deterioramento nel mondo sono il risultato della scelta umana come umanità sempre più
abbandona Dio Onnipotente e la morale e l'etica giudaico-cristiana (molte lezioni per un'altra notte).
b. Se vogliamo avere pace e speranza nei mesi e negli anni, dobbiamo capire che Dio non lo è
la causa del tumulto. Piuttosto, è il nostro aiuto e protezione in mezzo a tutto ciò.
2. Per apprezzare cos'è e cosa non è lo scuotimento finale, dobbiamo capire il quadro generale: perché Dio ha creato
gli esseri umani, i cieli e la terra in primo luogo.
un. Gli esseri umani sono stati creati per diventare figli e figlie di Dio santi e giusti che vivono nell'amore
rapporto con lui. La Terra è stata creata per essere la casa di Dio e della Sua famiglia. Sia la famiglia che
la casa di famiglia è stata danneggiata dal peccato. Ef 1: 4-5; Isa 45:18; Rom 5:12
b. Gesù è venuto sulla terra la prima volta per pagare il peccato sulla Croce e aprire la strada a uomini e donne
diventate figli e figlie di Dio mediante la fede in Lui. Verrà di nuovo per purificare la famiglia
patria di ogni corruzione e morte. Dio Onnipotente verrà a vivere con la Sua famiglia nella casa di Lui
fatto per noi. Giovanni 1: 12-13; Isa 65:17; Apocalisse 21: 1-7; eccetera.
1. Il termine scuotimento finale si riferisce principalmente ai cambiamenti che avranno luogo sulla terra quando lo sarà
trasformato, rinnovato e riportato a una dimora per sempre adatta a Dio e alla sua famiglia.
2. Per avere la pace della mente negli anni difficili a venire dobbiamo imparare a vivere con la consapevolezza che
c'è di più nella vita oltre a questa vita. Dobbiamo vivere con la consapevolezza che il piano di Dio per
l'umanità e la terra stanno per essere completate e il nostro futuro è luminoso.
1. Quando Gesù venne sulla terra per la prima volta, nacque ebreo ei suoi primi seguaci erano ebrei. Loro
la visione del mondo è stata plasmata dall'Antico Testamento. L'Antico Testamento è principalmente la storia degli ebrei,
ma prediceva anche la venuta del Redentore (Gesù) e dava molte informazioni su ciò che avrebbe fatto.
un. Sulla base degli scritti dei profeti dell'Antico Testamento, i primi seguaci di Gesù lo aspettavano (come il
Redentore) per riportare il mondo a ciò che Dio ha sempre inteso e stabilire il suo regno sulla terra.
Dan 2:44; Dan 7:27; Isa 65:17; eccetera.
b. Matteo 19: 27-29 — A un certo punto durante il ministero di Gesù, Pietro (uno dei Suoi discepoli originali) glielo chiese
quale ricompensa riceverà lui e gli altri discepoli per aver lasciato tutto per seguire Gesù.
1. Il Signore ha detto loro che la loro ricompensa arriverà con la rigenerazione - “la nuova era - il
Rinascita messianica del mondo ”(v28, Amp). La parola greca traduce letteralmente rigenerazione
significa nuova nascita (Tito 3: 5). Gesù non doveva spiegare loro cosa intendeva con
rigenerazione perché sapevano dall'Antico Testamento che il mondo sarebbe stato rinnovato.
2. Gesù disse loro che sarebbero stati ricompensati con posizioni di autorità nel Suo regno sulla terra.
E tutto ciò a cui hanno rinunciato, recupereranno più e più volte (cento volte) ciò che è stato perso.
2. Matteo 24: 1-3 — Verso la fine del Suo ministero sulla terra, Gesù disse ai Suoi seguaci che se ne sarebbe andato presto. UN
pochi giorni prima che andasse alla Croce, gli chiesero quali segni indicheranno che il suo ritorno è vicino.
un. Matteo 24: 3 — Dicci quando avverrà questo, e quale sarà il segno della Tua venuta e del

TCC - 1104
2
fine - questo è il completamento, la consumazione - dell'età (Amp). I discepoli di Gesù capirono
che il suo ritorno porterà grandi cambiamenti nel mondo.
1. Gesù aveva appena detto loro che il tempio sarebbe stato distrutto. Sapevano dai profeti
che la venuta del Signore sarà preceduta da guerre, in gran parte incentrate su Israele. Essi
senza dubbio collegava la distruzione del Tempio a quel tumulto. Nota, le parole di Gesù non spaventarono
loro perché sapevano anche che Dio libererà il suo popolo. Zacc 14: 1-4; Dan 12: 1-3
2. Matteo 24:29 — Gesù diede ai Suoi discepoli molte informazioni sul caos che portò al Suo
ritorno. Ha affermato che appena prima della Sua seconda venuta il sole sarà oscurato, la luna lo farà
non darle luce, le stelle cadranno dal cielo e le potenze dei cieli saranno scosse.
b. Questa non era una nuova informazione. Sapevano dai profeti che la Sua venuta sarebbe stata preceduta da
segni nei cieli e che sia i cieli che la terra saranno scossi. Ma lo sapevano anche
il risultato finale sarà buono per coloro che conoscono il Signore. Gioele 2: 31-32; Gioele 3: 15-16; Aggeo 2: 6-7
3. Questi uomini del primo secolo capirono che questo mondo sarà trasformato e restaurato quando il Signore
ritorna. Prima di andare avanti, dobbiamo chiarire un comune malinteso di una dichiarazione fatta da Gesù
come ha risposto alle domande dei suoi discepoli quel giorno.
un. Matteo 24:35 — Gesù disse che il cielo e la terra passeranno. Alcuni hanno sbagliato la sua affermazione
a significare che il mondo sarà distrutto quando tornerà. Considera il contesto delle parole di Gesù.
b. Gesù non stava dicendo loro che un giorno il mondo cesserà di esistere. Ha appena fatto un numero
di dichiarazioni predittive a loro in risposta alla loro domanda su quando tornerà.
1. Il Signore ha concluso la Sua risposta assicurando loro che la Sua Parola è così affidabile che i cieli
e la terra passerà prima che la Sua Parola rimanga insoddisfatta.
2. Questi uomini del primo secolo non potevano immaginare nulla che spazzasse via la terra (come una guerra nucleare)
così hanno capito il punto di Gesù: niente può fermare la Parola di Dio (quello che ha appena predetto)
dal venire a passare.
c. Sl 102: 25-27 - I primi cristiani capirono che la terra sarebbe stata cambiata e restaurata, no
distrutto, anche se questo passaggio è talvolta usato per dire che Dio distruggerà la terra.
1. Il tema del salmo è il fatto che il Signore non cambia mai, anche se tutto il resto
fa. Questo mondo materiale svanirà, ma Lui è sempre lo stesso.
2. Eb 1: 10-12 — Questo particolare passaggio del salmo è citato nel Nuovo Testamento e mostra
come i primi cristiani hanno inteso queste parole. L'idea è il cambiamento, non l'annientamento.
3. Molti anni dopo, in II Piet 3: 10-12, Pietro diede una descrizione più dettagliata di ciò che sapevano
sulla trasformazione che sta arrivando in questo mondo.
R. Alcuni dicono erroneamente che questo passaggio significhi che la terra sarà distrutta dal fuoco. L'originale
Il greco chiarisce che Pietro stava descrivendo la trasformazione della terra, non la sua distruzione.
B. Passare, in greco, porta l'idea di passare da una condizione all'altra. Sciogliere
(v10) e dissolvere (v11-12) sono la stessa parola greca e significano sciogliere. Melt (v12) è
teko in greco. Otteniamo la nostra parola inglese disgelo dalla parola.
4. Pietro e gli altri discepoli sapevano che la corruzione e la morte che hanno infuso la creazione quando
Adamo peccati un giorno rilascerà la loro presa su questo mondo e la terra sarà liberata
schiavitù per entrambi. La Terra verrà ripristinata.

1. Paolo è nato ebreo, cresciuto come fariseo e accuratamente istruito nell'Antico Testamento (il che significa che
aveva la stessa visione del mondo dei dodici apostoli originali). Dopo che Paolo divenne un seguace di Gesù, il
Il Signore gli apparve diverse volte e gli insegnò il vangelo che predicava. Gal 1: 11-12
un. Paolo si è riferito allo scuotimento finale del mondo nell'Epistola agli Ebrei. Questa lettera è stata scritta
ai credenti ebrei in Gesù che subivano pressioni da connazionali non credenti a

TCC - 1104
3
abbandonare Gesù, rifiutare il Suo sacrificio sulla Croce e tornare ai sacrifici e all'adorazione del Tempio.
b. L'intero scopo di Ebrei era incoraggiare queste persone a rimanere fedeli al Signore. Paolo
ha usato molti argomenti, compreso l'avvertimento delle gravi conseguenze del rigetto del Signore.
Ha ricordato loro come i loro antenati persero il proposito di Dio per loro rifiutandosi di entrare
il paese di Canaan dopo che li aveva liberati dalla schiavitù in Egitto. Eb 2: 2-3; Eb 3: 15-17
2. Come argomento conclusivo, Paolo fece riferimento a un altro evento nella loro storia: quando Dio discese
visibilmente sul Monte Sinai e diede loro la Sua Legge (nota come Legge di Mosè). Eso 19:18
un. Videro Dio scendere sotto forma di fuoco e udirono la voce del Signore tuonare. Quando Dio
ha parlato, la terra ha tremato (Es 19:18). Le immagini ei suoni erano così formidabili (spaventoso, stupore
stimolante) che la gente implorò Dio di smettere di parlare. Anche Mosè ebbe paura (Eb 12:21).
1. Eb 12: 22-24 - Paolo scrisse che per quanto fosse terribile e formidabile quell'evento, loro (i suoi lettori)
Era arrivato a qualcosa di meglio di una montagna fisica con suoni fragorosi e spaventosi
attrazioni. Sei arrivato al monte Sion, la città del Dio vivente, la Gerusalemme celeste.
2. La città di Gerusalemme era situata sul monte Sion ed è talvolta chiamata Sion. Paolo
non stavo parlando di quella città. Si riferiva a una città celeste, l'attuale capitale di
Paradiso che verrà sulla terra una volta che sarà rinnovato (ne parleremo tra poco).
b. Gli uomini e le donne dell'Antico Testamento vivevano con la consapevolezza che esiste un regno o una dimensione invisibile
che normalmente non è percepibile ai nostri sensi fisici. È la casa di Dio e dei suoi angeli. Il
invisibile è stato creato prima del regno visibile e sopravviverà e alla fine trasformerà tutto ciò che vediamo
(II Cor 4:18; Col 1:16; ecc.). Paolo ha fatto numerosi riferimenti a questa realtà nella sua epistola.
1. Ha ricordato ai suoi lettori che il Tabernacolo a Mosè era stato incaricato di costruire secondo il
modello di uno in Cielo e che i sacerdoti “servono in un luogo di culto che è solo una copia, a
ombra di quello reale in cielo (Eb 8: 5, NLT). Paolo scrisse che quella “tenda terrena
(Tabernacolo) e tutto ciò che contiene… (sono) copie di cose in cielo (Eb 9:23, NLT).
2. Paolo scrisse inoltre che i loro antenati desideravano "un paese migliore, che è celeste"
(Eb 11:16, NASB) e che “non vedevano l'ora che arrivasse la nostra città in cielo, che deve ancora farlo
vieni (Eb 13:14; NLT).
3. Ritornando all'appello di Paolo ai cristiani ebrei in Eb 12: 25-26. La generazione di Israele che ha visto e
sentito Dio sul monte Sinai ha rifiutato la sua voce e ha perso Canaan. Paul ha esortato i suoi lettori: non fare
lo stesso errore. Ascolta la sua voce perché non solo la terra tremerà di nuovo, i cieli
tremerà anche (Aggeo 2: 6).
un. Il termine scuotimento è usato nella Bibbia in diversi modi per descrivere l'effetto sul mondo materiale
quando Dio entra in scena.
1. Si riferisce a uno scuotimento letterale della terra (Eso 19:18) e allo scuotere il dominio di questo
mondo quando il Signore alla fine prende il controllo del mondo (Aggeo 2: 7-9).
2. I primi cristiani hanno capito che la scossa finale sarebbero stati i cambiamenti che avrebbero avuto luogo nel
terra stessa quando Gesù ritorna. Ciò che è temporaneo verrà sostituito con ciò che è eterno.
b. Eb 12:27 - Ora questa espressione, ancora una volta, indica la rimozione e la trasformazione finale di
tutto [ciò che può essere] scosso, cioè di ciò che è stato creato, affinché ciò che non può essere scosso
può rimanere e continuare (AMP); Ciò significa che le cose sulla terra saranno scosse, quindi solo
le cose eterne saranno lasciate (NLT).
1. Paolo ha ricordato ai suoi lettori che ora appartengono a un regno che non può essere spostato, sì
rimani irremovibile perché “sei venuto (ora fai parte) dell'assemblea del primogenito di Dio
bambini i cui nomi sono scritti in cielo ”(Eb 12: 22-23, NLT).
R. A causa del sacrificio di Gesù sulla Croce, tutti coloro che credono in Lui sono stati liberati
il regno delle tenebre e trasferito nel suo regno. Col 1:13
B. Phil 3:20 — Siamo cittadini del cielo, dove vive il Signore Gesù Cristo. E noi siamo
aspettando con impazienza che lui ritorni come nostro Salvatore (NLT).
2. Gesù Stesso fece questa dichiarazione riguardo a coloro che Gli rimangono fedeli: perché tu l'hai fatto

TCC - 1104
4
ha obbedito al mio comando di perseverare (voi) sarete cittadini nella città del mio Dio (Ap 3:12, NLT).
c. In altre parole, Paolo ha esortato queste persone a vivere con la consapevolezza di ciò che ci aspetta. Tu appartieni
a un regno incrollabile. Quando questo regno verrà sulla terra, il mondo sarà trasformato.
Questa consapevolezza ti sosterrà nelle sfide che stai affrontando e continuerà ad affrontare.
4. A Giovanni l'apostolo fu mostrato ciò che è avanti. Il libro dell'Apocalisse è il racconto di una visione che era
dati degli anni che hanno preceduto il ritorno di Gesù e la conseguente trasformazione sulla terra - lo scuotimento finale.
un. Nella visione, data intorno al 95 d.C., Giovanni vide eventi in cielo e sulla terra negli ultimi anni
prima della seconda venuta di Gesù. Sebbene Giovanni fosse stato testimone di una grande distruzione, la sua visione non finì
con il mondo distrutto, ma con esso trasformato. Apocalisse 21: 1
1. Giovanni ha usato una parola greca specifica per la nuova terra (kainos). Significa nuovo in qualità o forma come
opposto al nuovo nel tempo. È la stessa parola che ha usato Pietro quando si riferiva al nuovo cielo
e nuova terra (II Piet 3:13). Si noti che in Ap 21: 5 Dio stesso ha detto: Io faccio nuove tutte le cose
(kainos), non faccio tutte le cose nuove.
2. Giovanni si riferì a questo mondo attuale come al primo cielo e terra. Il primo, in greco, è protos
che significa prima in tempo o luogo. Vediamo la radice del nostro prototipo di termine inglese in protos.
Un prototipo è un modello originale su cui è modellato qualcos'altro (Webster's Dictionary).
3. Giovanni ha detto che il primo cielo e la prima terra sono morti. Pietro ha usato la stessa parola greca quando
ha descritto la trasformazione della terra (II Piet 3:10). Ha l'idea di passare da una condizione
ad un altro. Non significa mai cessare di esistere.
b. Giovanni vide la città invisibile di Gerusalemme scendere sulla terra, il regno invisibile di Dio venire sulla terra
visibilmente. Ha assistito a questa Gerusalemme celeste uscire dal regno invisibile quando Dio è arrivato
la terra per vivere con la sua famiglia per sempre. Apocalisse 21: 2-3; Apocalisse 21:10

1. Paolo ha scritto che "questo mondo nella sua forma attuale sta passando" (I Cor 7:31, NIV). Gesù è morto per “liberare
dall'attuale epoca malvagia e dall'ordine mondiale ”(Gal 1: 4, Amp). Paolo ha affrontato la morte di un martire con il
fiducia che Dio “mi preserverà e [mi] salverà nel suo regno celeste (II Timoteo 4:18, Amp).
2. Nel contesto di una vita santa, Pietro ha scritto che noi (cristiani) "siamo forestieri, stranieri ed esiliati
nel mondo ”(I Piet 2:11. Amp) e“ dovreste comportarvi con vero rispetto per tutto il
tempo della tua residenza temporanea [sulla terra, lunga o breve che sia] ”(I Piet 1:17, Amp). È morto a
la morte del martire anticipando, aspettando nella speranza (cercando) i nuovi cieli e la nuova terra (II Pt 3:13).
un. Ricorda in Matteo 19 quando Gesù disse a Pietro e agli altri che avrebbero recuperato tutto ciò che avevano perso
al suo servizio, insieme alla vita eterna. Gesù non era religioso. Li stava assicurando
che nella vita a venire non ci saranno più perdite.
b. Pietro, Paolo e gli altri capirono di appartenere a un regno incrollabile senza più
morte, niente più dolore e lutto, niente più dolore o dolore, per le vecchie condizioni e per le prime
l'ordine delle cose è passato (Ap 21: 4, Amp). Molto altro la prossima settimana!